Ecm 2006 2007 l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 36

ECM 2006/2007 PowerPoint PPT Presentation


  • 78 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

ECM 2006/2007. DEA Formia . Non vi è turno nel quale non si affronti il dilemma di cosa fare con il paziente che ha subito un trauma cranico lieve.

Download Presentation

ECM 2006/2007

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Ecm 2006 2007 l.jpg

ECM 2006/2007

DEA Formia


Slide2 l.jpg

Non vi è turno nel quale non si affronti il dilemma di cosa fare con il paziente che ha subito un trauma cranico lieve


Slide4 l.jpg

L’O.B.I. ha quindi la funzione di aiutare il medico nel suo percorso decisionale.Pronto soccorso-OBIda doveutilizzo delle risorse disponibilimacercare di minimizzare i costi e gli accertamenti diagnostici e velocizzare i tempi di dimissione

DEA Formia


Slide5 l.jpg

…..riferimento allelinee guida aziendali“organizzazione,gestione,criteri di ammissione in Osservazione Breve Intensiva”compito dell’OBI

revisione del 31-05-2006


E per trauma cranico minore solo per gcs 15 l.jpg

E pertrauma cranico minoresolo per GCS = 15


Non sono quindi riscontrabili deficit neurologici di alcun tipo l.jpg

non sono quindi riscontrabili deficit neurologici di alcun tipo.


Linee guida per la gestione di pazienti adulti con trauma cranico minore gruppo 0 l.jpg

Linee guida per la gestione di pazienti adulti con trauma cranico minoreGruppo 0


Slide9 l.jpg

No Tac encefaloAlmeno 6 ore di osservazioneDimissione con foglio di avvertenze“Quindi il paziente che riferisce trauma cranico (gruppo 0)avvenuto già oltre le 6ore e che rispetta il prospetto precedente …”


Linee guida per la gestione di pazienti adulti con trauma cranico minore gruppo 1 l.jpg

Linee guida per la gestione di pazienti adulti con trauma cranico minoreGruppo 1


Slide11 l.jpg

Osservazione clinica => 6 orecon Tac encefalo entro 6 ore (in urgenza)con dimissione se Tac negativaNegli ospedali sprovvisti di Tac la radiografia del cranio, negativa, impone un’osservazione =>a 24 ore


Quindi abbiamo visto l.jpg

Quindi abbiamo visto


La presenza di fattori di rischio nei gruppi 0 e 1 l.jpg

La presenza di fattori di rischionei gruppi 0 e 1


Slide14 l.jpg

ImponeTC cranio (con finestra ossea) in emergenzaeosservazione =>di 24 ore con ripetizione della Tac alla dimissione


Slide15 l.jpg

Abbiamo parlato della scala di valutazione scala di Glasgow ,uno strumento in grado di descrivere lo stato del paziente mediante l’analisi di tre risposte :


Slide16 l.jpg

Le risposte verbali sono funzioni psichiche superiori e ci permettono,di valutare le funzioni della corteccia cerebrale nel suo insieme.


Slide17 l.jpg

Con la valutazione sull’ apertura degli occhiotteniamo informazioni circa la funzionalità del tronco encefalico, in particolar modo della sostanza reticolare attivatrice ascendente.

La SRAA decorre lungo il tronco encefalico ed è implicata nella regolazione del ciclo veglia-sonno attraverso una fitta rete di interconnessioni con la corteccia cerebrale


Slide18 l.jpg

Le risposte motorie ci permettono di valutare i centri motori (corteccia, vie discendenti motorie, sistema extrapiramidale, alcune aree del tronco encefalico)

Finalistiche

Afinalistiche


Slide19 l.jpg

finalistiche


Semplici variazioni del tono muscolare ci significa che la corteccia cerebrale fuori gioco con l.jpg

afinalistiche

semplici variazioni del tono muscolare; ciò significa che la corteccia cerebrale è fuori giococon


Scala di glasgow l.jpg

Scala di Glasgow:


Lo scopo del ricovero in obi l.jpg

Lo scopo del ricovero in OBI


Slide23 l.jpg

Il personale medico e infermieristico del PS dovrebbe fornire dettagli circa il meccanismo ed il tipo di trauma e registrare l’evoluzione neurologica del paziente durante la permanenza in PS

Il paziente è arrivato in OBI

“per ogni paziente … deve essere chiaramente identificato dal medico di pronto soccorso-accettazione l’obiettivo degli accertamenti e delle cure ….)

È arrivato in OBI


E chi trova l.jpg

E chi trova…..


Slide25 l.jpg

Si esegue una prima valutazione neurologica all’arrivo del paziente confrontandola con quella comunicata dal PS


Slide26 l.jpg

Si conferma il valore di 15/15 della GCSSi esegue un ECG,un prelievo ematico(importanza della glicemia) con richiesta anche dei valori della coagulazione, se presente tale fattore di rischio.


Slide27 l.jpg

Valutare la possibilità di richiedere l’alcolemia (maggiore probabilità di lesione cerebrale se il livello alcolico è inferiore a 200 mg/dl) e il dosaggio delle droghe d’abusoStiamo parlando dei pazienti con fattori di rischio


Slide28 l.jpg

Lo stato si coscienza deve essere valutato utilizzando la GCS con registrazione separata dei punteggi delle varie subscale (apertura degli occhi,miglior risposta motoria e miglior risposta verbale)Altri parametri dei quali è raccomandata la valutazione ed il successivo monitoraggio sono:diametro e reattività pupillare,movimenti degli arti,frequenza respiratoria,frequenza cardiaca,pressione arteriosa e temperatura


Tutto deve essere registrato cartella clinica o altro successivamente l.jpg

Tutto deve essere registratoCartella clinica o altro successivamente


Slide30 l.jpg

La rivalutazione del paziente durante il periodo di osservazione è compito dell’infermiere che attiverà il medico in caso di modifica dei parametri di valutazione(e non possono che essere negativi essendo il nostro paziente un GCS di 15/15) Compito del medico è sempre la valutazione finale e l’intervento in presenza di modifica dei parametri


In ogni caso la rivalutazione da parte del medico dovrebbe essere richiesta in presenza di l.jpg

In ogni caso la rivalutazione da parte del medico dovrebbe essere richiesta in presenza di:


Slide32 l.jpg

quindi


Slide33 l.jpg

Prima della dimissione il paziente dovrebbe essere rivalutato e accertata la realizzazione dei seguenti criteri


Slide34 l.jpg

ISTRUZIONI PER I PAZIENTI AFFETTI DATRAUMA CRANICO MINORE INVIATI AL PROPRIODOMICILIO DOPO UN BREVE PERIODO DI OSSERVAZIONECognome e nome ______________________________________________________________Dopo lavalutazione in PS e dopo la breve osservazione in OBI non è stata rilevata alcuna lesione, raccomandiamo tuttavia un controllo dal suo medico curante e una valutazione da parte del neurologo (nei pazienti a rischio) tra un mese.il paziente dovrà essere ricondotto immediatamente presso questo ospedale in caso si verificassero una o più delle seguenti condizioni:• CEFALEA INGRAVESCENTE (mal di testa che diventa più forte)• CONFUSIONE MENTALE (senso di stordimento)• VOMITO• TENDENZA AD ADDORMENTARSI 0 DIFFICOLTA A RISVEGLIARSI• DIFFICOLTÀ A MUOVERE BRACCIA E GAMBE


E solo una definizione definizione di trauma cranico minore per pazienti di et inferiore ai 2 anni l.jpg

E solo una definizioneDefinizione di trauma cranico minore per pazienti di età inferiore ai 2 anni

  • Tutti i pazienti di età inferiore a due anni devono essere valutati con criteri diversi per il maggior rischio di dannocerebrale e la maggiore difficoltà nella valutazione clinica. Pertanto, anche senza alcuna sintomatologia devono essere considerati a rischio medio. Per tali pazienti deve messa in atto una valutazione più prudente per i seguenti motivi:

  • 1. Maggiore difficoltà di valutazione clinica

  • 2. Più danni cerebrali asintomatici

  • 3. Maggior rischio di traumi non accidentali (abusi)

  • 4. Maggior frequenza di fratture.

    Nel decidere se effettuare o meno una TAC cerebrale, bisogna valutare caso per caso l'utilità dell'esame diagnostico, rapportandolo al rischio di una sedazione (ipossia, apnea, depressione prolungata dello stato di coscienza).


Sono considerati a basso rischio l.jpg

Sono considerati a basso rischio

  • Paziente asintomatico

  • Cefalea lieve od assente

  • Vomito (inferiore a 3 episodi) solo se immediatamente post-traumatico e/o avvenuto nel corso del trasporto presso il Pronto Soccorso (in questo caso anche a distanza di poche ore dal trauma);

  • PGCS 15

  • Transitoria perdita di coscienza (secondi)

  • Ferite cutanee dello scalpo (solo di modeste dimensioni ed in regioni non “critiche”)

  • Vengono considerate critiche le seguenti regioni: parietale, occipitale, temporale e mastoidea, orbitaria –periorbitaria.


  • Login