Studio dei software esistenti per aiutare le persona con disturbi dell apprendimento esempio dislessia, disgrafia,
Download

Studio dei software esistenti per aiutare le persona con disturbi dell app...

Advertisement
Download Presentation
Comments
jacob
From:
|  
(4298) |   (0) |   (0)
Views: 178 | Added: 19-01-2012
Rate Presentation: 1 1
Description:
Dati statistici sulla diffusione negli Stati Uniti. Per capire l\' impatto che i problemi di dislessia hanno sui bambini e sugli adolescenti pu
Studio dei software esistenti per aiutare le persona con dis...

An Image/Link below is provided (as is) to

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use only and may not be sold or licensed nor shared on other sites. SlideServe reserves the right to change this policy at anytime. While downloading, If for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.











- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -




1. Studio dei software esistenti per aiutare le persona con disturbi dell? apprendimento ( esempio dislessia, disgrafia, disturbi specifici di apprendimento )

2. Dati statistici sulla diffusione negli Stati Uniti Per capire l? impatto che i problemi di dislessia hanno sui bambini e sugli adolescenti pu? essere utile dare un?occhiata alle statistiche di diffusione: Circa 1.5 milioni di ragazzi ricevono aiuti educativi a causa di disabilit? di apprendimento, di questi la maggioranza presenta difficolt? di lettura.( Fonte 24th rapporto annuale al Congresso sul miglioramento dell? insegnamento in caso di disabilit? del 2002 ) Il 44 % dei genitori che ha notato segnali di disabilit? ha lasciato passare un anno prima di rendersi conto appieno del problema. L? abbandono scolastico alle scuole superiori e? del 27 % in soggetti con disabilit? contro una media nazionale dell? 11%.

3. Cos? e? una disabilit?, una breve panoramica Una disabilita? di apprendimento coinvolge il modo in cui un bambino di intelligenza media o superiore alla media riceve, elabora o esprime le informazioni,e dura per tutta la vita. Ha effetti sulle capacita base di lettura, scrittura o matematiche. Il Coordinated Campaign for Learning Disabilities ( CCLD ), una cooperativa di organizzazioni nazionali che si occupano di questo problema, le definisce come ? un disordine neurobiologico per il quale il cervello di una persona lavora o ? strutturato in modo differente? Possono essere ereditarie Sono frequenti tra le femmine come tra i maschi Non si ?guarisce? ma con gli opportuni supporti ed interventi i ragazzi con difficolt? di apprendimento possono avere successo nella vita e nell? apprendimento come gli altri.

4. Come accorgersene La maggior parte dei bambini pu? avere problemi a scuola in una materia specifica o relativi a specifiche modalit? di insegnamento. A volte le disabilit? di apprendimento sono confuse con mancanza di motivazione, immaturit? o problemi comportamentali. A cosa prestare attenzione Prima infanzia fino all? inizio della scuola: inizia a parlare pi? lentamente rispetto agli altri bambini ha difficolt? a trovare la parola giusta durante i discorsi ha difficolta? di categorizzazione delle parole ha difficolt? con le rime ha difficolt? ad imparare l? alfabeto, i giorni della settimana, i colori, le forme e i numeri si distrae facilmente Scuola primaria ha difficolt? ad imparare i collegamenti tra lettere e suoni fa frequenti errori nellla sillabazione ?lento nell? acquiusireabilit? nuove

5. Cosa ?non ? ? una disabilit? di apprendimento Non ? il disordine dell? attenzione, come il ADHD Non sono ritardi mentali, autismo, problemi visivi ed uditivi Non sono cauusati da carenze di opportunint? educative, come frequenti cambi di scuola o carenze di istruzioni nelle capacit? di base.

6. .

7. Possibile creazione nuovo sito web con riepilogo risultati ed indicazioni utili per ragazzi, genitori ed insegnanti

8. Definizione del problema La disgrafia ? una difficolt? specifica di apprendimento che riguarda la capacit? di scrivere in modo corretto, chiaro e scorrevole. Attualmente, in Italia, circa il 5 % della popolazione scolastica ? colpito da questo disturbo, anche se mancano ancora ricerche statistiche abbastanza ampie da fornire stime certe. In buona parte, del resto, il fenomeno resta sommerso, infatti, mentre un bambino che legge male ? ben presto affidato all?ortofonista, ben poche persone si preoccupano delle difficolt? di scrittura, per cui talvolta gli insegnanti stessi, in presenza di scritture maldestre e poco leggibili, si limitano a commentare a fondo pagina: ?scrivi meglio?, ?sii pi? ordinato?, come se si trattasse soltanto di negligenza da parte dell?alunno.

9. Purtroppo ? frequente che le difficolt? specifiche di apprendimento non vengano individuate precocemente e il bambino ? costretto cos? a vivere una serie di insuccessi a catena senza che se ne riesca a comprendere il motivo. Quasi sempre i risultati insoddisfacenti in ambito scolastico vengono attribuiti allo scarso impegno, al disinteresse verso le varie attivit?, alla distrazione e cos? questi alunni, oltre a sostenere il peso della propria incapacit?, se ne sentono anche responsabili e colpevoli. ?L?insuccesso prolungato genera scarsa autostima; dalla mancanza di fiducia nelle proprie possibilit? scaturisce un disagio psicologico che, nel tempo, pu? strutturarsi e dare origine ad una elevata demotivazione all?apprendimento e a manifestazioni emotivo - affettive particolari quali la forte inibizione, l?aggressivit?, gli atteggiamenti istrionici di disturbo alla classe e, in alcuni casi, la depressione. ?Il soggetto con disturbo di apprendimento vive quindi il proprio problema a tutto tondo e ne rimane imprigionato fino a che non si fa chiarezza, fino a che non viene elaborata una diagnosi accurata che permette finalmente di scoprire le carte. Purtroppo ? frequente che le difficolt? specifiche di apprendimento non vengano individuate precocemente e il bambino ? costretto cos? a vivere una serie di insuccessi a catena senza che se ne riesca a comprendere il motivo. Quasi sempre i risultati insoddisfacenti in ambito scolastico vengono attribuiti allo scarso impegno, al disinteresse verso le varie attivit?, alla distrazione e cos? questi alunni, oltre a sostenere il peso della propria incapacit?, se ne sentono anche responsabili e colpevoli.

20. Elenco siti con indicazioni software freeware www.psicopedagogika.it www.ivana.it www.qualisoft.org

21. Studio dei software e relativo commento Contatti con CNR Genova Sig.ra Lucia Ferlina per poter visionare la loro softwareteca

22. Confronto percezione del problema con altre nazioni e varie modalita? di affrontarlo .

23. Controllo software altri paesi, eventuale partecipazione a Fiera a Genova, Ted on line, cioe? tecnologie online. Specifica. In novembre . Altra fiera specifica a Duesseldorf in Ottobre .

24. Acquisto libro in inglese specifico online, cioe? solo scaricabile previo prepagamento Lettura, traduzione ed approfondimento della modalita? di download ed eventuale possibilita? di traduzione e diffusione in Italia.

25. 02/05/2005 L'INFORMATICA E GLI STRUMENTI DI AIUTO PER LA LETTURA E LA SCRITTURA di Dott.ssa Vittoria Stucci - mailto:v.stucci@leonardoausili.com ? ? Vogliamo dedicare quest'articolo alla descrizione di alcuni strumenti informatici che possono semplificare lo svolgimento dei compiti di lettura e scrittura. Tipicamente difficolt? specifiche in queste aree si riscontrano nella ?sindrome dislessica?. Non ci dilungheremo sulle premesse teoriche relative a questa sindrome perch? abbiamo gi? dedicato alcuni articoli a quest'argomento. Chi desidera visionarli pu? trovare tutti i titoli nell'area DSA (Disturbi Specifici dell'Apprendimento) della sezione articoli del nostro sito alla pagina http://www.leonardoausili.com/art_disappr.htm. In particolare, per una definizione della sindrome ed alcune premesse teoriche ? possibile leggere ?Dislessia: una panoramica ? alcune strategie? ( http://www.leonardoausili.com/archivio7.htm). ? Prima di cominciare la descrizione di questi strumenti, riteniamo utile fare due precisazioni generali. Anche se quest'articolo ? stato realizzato pensando in particolare ad utenti dislessici, non riteniamo corretto focalizzare l'attenzione solo su questa sindrome perch? di fatto gli strumenti che descriveremo di seguito possono agevolare anche coloro che hanno gli stessi problemi determinati da altre patologie (sensoriali o motorie). Spesso si commette l'errore di associare un particolare tipo di strumento ad una patologia: ne sono un esempio le telefonate e le e-mail che spesso riceviamo in cui ci viene richiesto un ausilio per un generico utente dislessico senza specificare quale tipo di problema si vuole affrontare (lettura, scrittura, calcolo, etc). Abbiamo pi? volte sottolineato anche nei precedenti articoli che quando si pensa ad un ausilio, cio? uno strumento di aiuto, ? fondamentale identificare il problema specifico dell'utente in relazione ad un'attivit? che viene realizzata con difficolt? a causa di questo problema. Questi due aspetti sono entrambi fondamentali per la scelta dello strumento. Ad esempio diverso sar? l'ausilio utile a due persone, entrambe con problemi visivi, se uno vuole leggere i suoi messaggi di posta elettronica e l'altro invece desidera leggere dei classici della letteratura. Se due utenti hanno entrambi problemi nella scrittura, diverso sar? lo strumento proposto a colui che vuole scrivere lunghi testi rispetto a quello consigliato ad un individuo che vuole scrivere brevi comunicazioni. I problemi di lettura o di scrittura possono essere determinati dalla sindrome dislessica, cos? come da un deficit sensoriale o motorio. Un secondo aspetto che riteniamo piuttosto importante riguarda la filosofia che in genere guida la scelta dell'ausilio: l'obiettivo ? quello di agevolare il pi? possibile l'utente nell'esecuzione di un compito. Ad esempio per un soggetto che commette molti errori ortografici ? possibile impostare il correttore automatico di Microsoft Word ed eventualmente personalizzarlo se si conoscono gli errori pi? frequenti (dal comando di menu Strumenti, Opzioni Correzione Automatica). Lo scopo ? quello di evitare che la persona debba concentrarsi sull'ortografia a discapito dei contenuti. Qualcuno potrebbe obiettare che in questo modo l'individuo non viene aiutato a riconoscere i suoi errori per poi correggersi, dimenticando che la finalit? dello strumento non ? quella di riabilitare una specifica funzione, bens? di agevolare l'utente a portare a termine una determinata attivit? aggirando il problema. E' quindi fondamentale avere sempre ben chiaro il motivo per cui si decide l'adozione di uno strumento.

28. . Pensando in particolare ai Disturbi Specifici dell'Apprendimento, non tratteremo in quest'articolo strumenti informatici finalizzati al recupero; abbiamo gi? descritto alcune attivit? realizzabili con l'ausilio del PC (in particolare nella scuola primaria) in alcuni precedenti articoli ( http://www.leonardoausili.com/archivio30.htm, http://www.leonardoausili.com/archivio31.htm, http://www.leonardoausili.com/archivio11.htm). In particolare nell'articolo intitolato ?L'utilizzo del computer nei Disturbi Specifici dell'Apprendimento? vengono citati alcuni strumenti utili per il recupero ed altri maggiormente finalizzati ad aggirare uno specifico problema. Quest'ultimo aspetto verr? ampliato nel presente articolo. Ci concentreremo ? dunque sugli strumenti di aiuto che, in particolare nei DSA, facilitano le operazioni di lettura e scrittura. Questi strumenti possono risultare utili per studenti che hanno necessit? di procedere nei loro apprendimenti scolastici e per adulti che intendono utilizzarli per effettuare attivit? lavorative ed extralavorative. Ausili informatici per la scrittura In generale ? possibile dire che l'utilizzo di una tastiera anche senza particolari adattamenti pu? essere di aiuto ad un utenti che hanno difficolt? nella composizione delle parole: in questo caso ? infatti necessario riconoscere come corretta una lettera che si ha davanti agli occhi invece che rievocarla dalla memoria a lungo termine. Diversi studi sperimentali sulla memoria hanno infatti evidenziato che i compiti di riconoscimento implicano un minor dispendio di risorse attentive rispetto a quelli di rievocazione. Eventualmente esistono anche delle tastiere semplificate che, avendo un numero di tasti minore rispetto alla periferica standard, risultano meno confusive. In commercio ne esistono diversi modelli. Ad esempio la tastiera Big Keys (versione LX) si presenta simile ad una tastiera standard, ma con i tasti di dimensioni maggiori ed in numero ridotto. Simile ? la tastiera Jumbo Board.


Other Related Presentations

Copyright © 2014 SlideServe. All rights reserved | Powered By DigitalOfficePro