Automazione della logistica di magazzino
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 24

AUTOMAZIONE DELLA LOGISTICA DI MAGAZZINO PowerPoint PPT Presentation


  • 295 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

AUTOMAZIONE DELLA LOGISTICA DI MAGAZZINO. LA NOSTRA SOLUZIONE. A chi si rivolge: Realtà commerciali o di produzione dotate di magazzini molto ampi, che desiderano conseguire i seguenti risultati: Ridurre i tempi e razionalizzare le attività di movimentazione delle merci;

Download Presentation

AUTOMAZIONE DELLA LOGISTICA DI MAGAZZINO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Automazione della logistica di magazzino

AUTOMAZIONE DELLA LOGISTICA DI MAGAZZINO


La nostra soluzione

LA NOSTRA SOLUZIONE

A chi si rivolge:

Realtà commerciali o di produzione dotate di magazzini molto ampi, che desiderano conseguire i seguenti risultati:

Ridurre i tempi e razionalizzare le attività di movimentazione delle merci;

Ottimizzare e monitorare in tempo reale la saturazione degli spazi;

Rintracciare rapidamente le scorte di un prodotto;

Rispettare le date di scadenza e di anzianità delle scorte;

Migliorare la produttività del personale di magazzino;

Consultare i dati storici per tracciare la movimentazione delle unità logistiche.

Un caso di successo:

Settore di appartenenza: Grande Distribuzione Organizzata

Prodotti gestiti: circa 15.000

Ampi magazzini con diverse tipologie di stoccaggio: 15.000 mq circa

Posizione in scaffale: 25.000 di cui 15.000 di scorta e 10.000 di prelievo

Bancali in giacenza disponibili alla movimentazione: 12.000

Distinte di ricevimento: 30.000/anno per un totale di 300.000 bancali

Distinte di preparazione: 140.000/anno con in media 80 righe ognuna


Magazzini gestiti in modo tradizionale

La realtà e le situazioni critiche riscontrabili :

Magazzini già attrezzati con scaffali, mezzi di movimentazione meccanici e ubicazioni codificate.

Lo stoccaggio dei bancali viene fatto principalmente con l’intento di mantenere sempre sgombra l’area del ricevimento merci, perciò l’occupazione dei punti scorta non segue un principio di utilità gestionale ma di comodità e urgenza del momento.

L’abbassamento dei bancali viene richiesto dagli operatori in base alle necessità contingenti e non viene coordinato con le loro attività.

La gestione manuale della “catena dei bancali”, la sua costruzione e movimentazione risultano attività laboriose e di scarsa affidabilità.

La ricerca dei bancali di scorta si basa su tracce gestite manualmente o sulle conoscenze individuali degli operatori, perciò su metodi scarsamente affidabili che non garantiscono il rispetto delle date di scadenza e di anzianità dei prodotti, e a volte lo stesso ritrovamento della merce.

Il controllo delle spedizioni si affida unicamente all’esperienza e alla scrupolosità del verificatore.

Le risorse di base:

Magazzino organizzato per punti di prelievo e aree di stoccaggio codificate, normalmente su scaffali o in zone di ammassamento

Movimentazione e stoccaggio su pallets di dimensioni omogenee (base 80 x 120, altezza da 90 a 250 cm.)

I pallets contengono un unico prodotto in confezioni uguali

Movimentazione interna con mezzi meccanici

I prodotti, le confezioni e le unità logistiche sono codificati con EAN o GS1-128

MAGAZZINI GESTITI IN MODO TRADIZIONALE


La logistica del magazzino

La nostra procedura gestisce tutto il ciclo di movimentazione in magazzino:

Permette rapidità nei controlli al ricevimento delle merci

Ottimizza gli spazi mantenendo sempre aggiornata la “catena dei bancali”

Rintraccia rapidamente le scorte di un prodotto

Assegna priorità nella movimentazione rispettando le date di scadenza e di anzianità

Ottimizza la preparazione delle spedizioni frazionando il carico e organizzando i percorsi di prelievo

Permette rapidità e precisione nei controlli e nella preparazione dei documenti per la spedizione

Permette di risalire all’operatore che ha svolto l’attività di movimentazione

Fornisce analisi grafiche sulla saturazione degli spazi e allarmi per la presenza di articoli prossimi alla scadenza

Fornisce statistiche sulla produttività degli operatori

LA LOGISTICA DEL MAGAZZINO


Risorse tecnologiche

Le nuove tecnologie adottate:

Infrastruttura Wi-Fi

Terminali palmari con o senza impugnatura

Terminali mobili per uso a bordo dei carrelli

Display touch screen e terminali indossabili

Voice picking

Lettori di codici a barre

RISORSE TECNOLOGICHE


Mappa del magazzino

MAPPA DEL MAGAZZINO

Con gli attributi caratteristici è

possibile identificare con precisione

una posizione fisica:

Depositi, suddivisi per tipologie di prodotto (grocery, freschi, infiammabili, …)

Corsie

Campate

Colonne

Piani

Dimensioni

Con gli attributi di contesto è

possibile calcolare percorsi

ottimizzati:

Attraversamenti di corsia

Collegamenti tra magazzini

Porte di uscita

32

02

B

01

31

C

32

02

D

01

31

E

A

30

04

03

29

30

04

03

29

28

06

05

27

28

06

05

27

26

08

07

25

26

08

07

25

24

10

09

23

24

10

09

23

03

22

12

11

21

22

12

11

21

20

14

13

19

20

14

13

19

18

16

15

17

18

16

15

17

16

18

17

15

16

18

17

15

14

20

19

13

14

20

19

13

12

22

21

11

12

22

21

11

02

10

24

23

09

10

24

23

09

RICEVIMENTO MERCI

08

26

25

07

08

26

25

07

06

28

27

05

06

28

27

05

04

30

29

03

04

30

29

03

B

C

D

E

A

01

02

32

31

01

02

32

31

01

ARTICOLI AMMASSATI

1

2

3

4

PORTE D’USCITA

PLANIMETRIA DI MAGAZZINO


Architettura della soluzione

ARCHITETTURA DELLA SOLUZIONE

ANAGRAFICA DEL BANCALE

contiene dati quantitativi e qualitativi del prodotto (lotto e data di scadenza)

definisce lo stato di avanzamento nei processi di immagazzinamento e movimentazione

contiene dati storici di movimentazione

POSIZIONE DI MAGAZZINO

codice strutturato che definisce con precisione un punto del magazzino

le posizioni di scorta sono collegate all’anagrafica del bancale che le occupa

le posizioni di prelievo sono direttamente collegate all’articolo gestito

ad ogni posizione viene associato un codice della tabella delle morfologie

MORFOLOGIA DELLA POSIZIONE DI MAGAZZINO

proprietà che definisce le dimensioni delle posizioni esistenti in magazzino raggruppandole per classi

CATENA DI BANCALI

mantiene un articolo collegato a tutti i suoi bancali che occupano posizioni in magazzino

dalla posizione si risale all’anagrafica del singolo bancale con la quale è possibile conoscere i dati quantitativi e qualitativi della merce contenuta

DISTINTA DI RICEVIMENTO DELLE MERCI

riassume gli ordini d’acquisto da saldare, gli articoli, i codici a barre, il numero di bancali ricevuti e le loro dimensioni

ORDINE DI MOVIMENTAZIONE DEI BANCALI

definisce la movimentazione di uno specifico bancale da un punto all’altro della mappa di magazzino

l’attività specifica (stoccaggio o abbassamento) viene associata ad un operatore e da questi completata seguendo un elenco prestabilito di fasi controllato dal programma

DISTINTA DI PREPARAZIONE DELLE SPEDIZIONI

definisce i dati anagrafici della spedizione

riassume gli ordini di vendita da saldare, gli articoli, i lotti di magazzino

ogni distinta è suddivisa in una o più terzine in base alle capacità di carico dei mezzi meccanici utilizzati per il prelievo della merce dal magazzino


Ambienti operativi gestionale

AMBIENTI OPERATIVI - GESTIONALE

La nostra soluzione è integrata nel gestionale Sistemi eSolver di cui utilizza i seguenti moduli standard:

flusso passivo

flusso attivo

acquisizione automatica documenti

condizioni commerciali d’acquisto e vendita

contabilità di magazzino

pianificazioni e approvvigionamenti

statistiche d’acquisto e vendita (anche con QlikView)

contabilità e finanza

Il modulo della LOGISTICA DI MAGAZZINO si avvale di procedure su piattaforma mobile o in ambito gestionale: tutte le funzioni sono perfettamente integrate tra loro ed utilizzano il database di eSolver.


Ambienti operativi gestionale1

AMBIENTI OPERATIVI - GESTIONALE

Le implementazioni più significative dello prodotto standard sono le seguenti:

gestione distinta ricevimento merci, generazione ddt di acquisto per eSolver e gestione dell’anagrafica del bancale

più di un codice esterno dello stesso fornitore collegato ad uno stesso articolo

ricerca e prenotazione della posizione di scorta ottimale

aggiornamento della “catena dei bancali”

generazione ordini di movimentazione dei bancali

distinta di preparazione con frazionamento delle spedizioni, gestione percorsi di preparazione

controllo produttività degli operatori

generazione veloce dei documenti di consegna per eSolver

stampa immediata dei documenti acquisiti in eSolver

ricalcolo scorte minime e lotti di riordino sulle base delle statistiche di vendita

lotti di riordino definiti per singolo magazzino

stampa registro movimentazione dello zucchero

dati estensi aggiunti all’anagrafica articolo (catena dei bancali, ordini di movimentazione in corso, dati storici bancali movimentati, classificazioni Nielsen – ECR)


Ambienti operativi piattaforma mobile

AMBIENTI OPERATIVI - PIATTAFORMA MOBILE

per ambiente client server o terminal server

per terminali con Windows Mobile e CE

utilizza il medesimo database di eSolver, non si appoggia a repliche

l’aggiornamento dei dati è sempre in tempo reale

CARATTERISTICHE DEGLI APPLICATIVI REALIZZATI PER LA PIATTAFORMA MOBILE:


Le attivit principali

LE ATTIVITÀ PRINCIPALI


Le attivit principali1

LE ATTIVITÀ PRINCIPALI

IL MODULO DELLA LOGISTICA GESTISCE E COORDINA LE SEGUENTI ATTIVITA’

ricevimento merci;

movimentazioni di stoccaggio bancali;

preparazione delle spedizioni;

movimentazioni di abbassamento bancali;

controllo delle spedizioni;

emissione veloce dei documenti di consegna.


Ricevimento merci i due ambienti di lavoro

RICEVIMENTO MERCI - I due ambienti di lavoro

PIATTAFORMA MOBILE

si collega al portafoglio degli ordini fornitori per controllare la conformità della data di consegna e della quantità ricevuta;

con il laser può essere letto il codice GS1-128 presente sull’unità logistica da cui derivare i dati della merce ricevuta;

vengono controllate le date di scadenza in base ai giorni di vita minimi e massimi impostati in anagrafica;

se l’articolo è di nuovo inserimento, vengono rilevati il codice a barre, il contenuto e le dimensioni della confezione;

viene rilevato il lotto di produzione che potrà essere utilizzato per successivi rintracciamenti;

viene controllato e confermato il numero di bancali ricevuti e la loro dimensione, predisponendo la fase di stoccaggio;

se durante la fase di controllo vengono riscontrate anomalie viene generato un elenco per gli addetti dell’Ufficio Acquisti;

sul database viene memorizzato un documento provvisorio per la successiva procedura in ambiente del gestionale.

AMBIENTE GESTIONALE

l’operatore può consultare i documenti provvisori predisposti dai terminali mobili, confermarli, modificarli o annullarli;

ogni bancale viene codificato dando origine ad una scheda anagrafica sulla quale vengono memorizzate tutte le informazioni quantitative e qualitative utili al suo rintracciamento, movimentazione e consultazione statistica;

viene generato il documento definitivo (ddt d’acquisto) e trasferito al gestionale con il modulo di acquisizione automatica;

vengono aggiornati i flussi attesi degli ordini fornitori.


Ricevimento merci

RICEVIMENTO MERCI

Ddt del

fornitore

Ambiente gestionale

Consultazione

e modifica

Controlli

Ordini

fornitori

Documento

transitorio

Rilevamento

dati

Lista

anomalie

Conferma

avanzamento

Acquisizione automatica

Anagrafica

bancale

Flussi attesi

ordini fornitori

Ddt d’acquisto


Stoccaggio bancali

STOCCAGGIO BANCALI

Nell’attività di stoccaggio si possono verificare i seguenti casi:

Bancali ammassati a terra

metodo adottato per gli articoli voluminosi a veloce rotazione;

il bancale viene subito indirizzato nella posizione di prelievo che svolge anche funzione di scorta.

Bancali gestiti a scaffale

la procedura controlla se è necessario rifornire subito il punto di prelievo e in tal caso invia il bancale in quella posizione;

altrimenti ricerca la posizione di scorta più vicina al punto presa ottimizzando anche l’occupazione dei volumi in base alle dimensioni del bancale.

Bancali gestiti in depositi semiautomatici (es: celle frigorifere)

la posizione di scorta viene determinata “a vista” dall’operatore;

la destinazione verrà memorizzata sulla catena dei bancali alla fine della movimentazione di stoccaggio.

… per tutti i bancali:

viene stampata un’etichetta da apporre al bancale con il codice a barre assegnato che sarà utilizzato per la movimentazione, e i dati descrittivi per il riconoscimento della merce (quantità lotto, data di scadenza, ecc..);

viene generato un ordine di movimentazione di stoccaggio.


Etichetta del bancale

ETICHETTA DEL BANCALE

FAC-SIMILE


Stoccaggio bancali1

STOCCAGGIO BANCALI

Bancali

ricevuti

Deposito

semiautom.

Tipo di

gestione

bancali

ammassati

Terminali mobili

gest.semiautom.

bancali

in scaffale

Catena bancali

dell’articolo

Presa da

rifornire

Destinazione

punto presa

si

Piattaforma mobile

no

Pos.scorta

disponibili

Ordini di

movimentazione

Ricerca e aggiorna

la pos.di scorta

Destinazione

pos.scorta

Catena bancali

dell’articolo

Terminali mobili

Piattaforma mobile


Preparazione delle spedizioni

PREPARAZIONE DELLE SPEDIZIONI

gli ordini di vendita vengono raggruppati per indirizzo di spedizione sulle distinte di preparazione;

la distinta di preparazione viene frazionata in unità individuali di preparazione (terzine) in base alle capacità di carico dei mezzi meccanici utilizzati dagli operatori;

le terzine di una stessa distinta di preparazione possono essere prese in carico da più operatori, anche contemporaneamente, per accelerare il completamento delle spedizioni destinate ad una medesima zona di consegna;

ogni terzina viene associata all’operatore che l’ha elaborata in modo da facilitare la ricostruzione di eventuali errori, dalla fase di controllo interno fino alla consegna al cliente;

le quantità da prelevare vengono immediatamente prenotate;

durante la fase di prelievo dei prodotti l’operatore viene guidato da percorsi che ottimizzano gli spostamenti con risparmio sui tempi di percorrenza;

il prelievo della merce viene fatto rispettando la data di scadenza e l’anzianità delle partite;

la procedura opera in completo accordo con la funzione di abbassamento bancali facendo in modo che il rifornimento dei punti di prelievo sia sempre anticipato rispetto al passaggio dell’operatore;

vengono rilevati i tempi di preparazione per elaborare statistiche di efficienza e produttività, sia a livello individuale che aziendale.


Preparazione delle spedizioni1

PREPARAZIONE DELLE SPEDIZIONI

Estrazione

Ordini di

vendita

Prenotazione

quantità da

prelevare

Distinta di

preparazione

Terzine di

preparazione

Associazione

all’operatore

Liste di

prelievo

Piattaforma mobile

Ordini di

abbassamento

Terminali mobili

Terminali mobili

Voice

picking

Controllo

spedizione


Abbassamento bancali

ABBASSAMENTO BANCALI

Nell’attività di abbassamento si possono verificare i seguenti casi:

Rifornimento di un punto presa

durante l’avvio della preparazione di una spedizione la procedura verifica e anticipa il rifornimento della merce sul punto presa;

leggendo la catena dei bancali dell’articolo è in grado di stabilire quale bancale prelevare, tenendo conto della data di scadenza e dell’anzianità del prodotto;

considera anche la distanza della posizione di scorta dal punto presa per ottimizzare i tempi di spostamento dei carrelli;

terminato lo spostamento del bancale la posizione di scorta è immediatamente disponibile per una nuova movimentazione di stoccaggio.

Destinazione alla porta d’uscita

per quantità da spedire equivalenti o superiori a quella di un bancale il prelievo in magazzino non viene fatto manualmente dall’operatore sul punto presa, ma viene comandato lo spostamento di un bancale dalla posizione di scorta alla porta d’uscita;

leggendo la catena dei bancali dell’articolo la procedura è in grado di stabilire quale bancale prelevare, tenendo conto della data di scadenza e dell’anzianità del prodotto;

terminato lo spostamento del bancale la posizione di scorta è immediatamente disponibile per una nuova movimentazione di stoccaggio;

per gli articoli ammassati a terra è l’operatore a scegliere quale bancale spostare: la procedura controlla la quantità prelevata e mantiene aggiornato lo stato d’avanzamento della fase.


Abbassamento bancali1

ABBASSAMENTO BANCALI

Preparazione

della spediz.

Richiesta

bancale

Catena bancali

dell’articolo

Articolo

ammassato

Ordini di mov.

a quantità

Ricerca bancale

da movim.

no

si

Pos.scorta

libere

Ordini di mov.

a bancale

Ricevimento

merci

Terminali mobili

Piattaforma mobile


Chiusura delle spedizioni

CHIUSURA DELLE SPEDIZIONI

CONTROLLO DELLE SPEDIZIONI

con il lettore laser del terminale portatile è possibile acquisire in modo veloce e sicuro i codici a barre dei prodotti presenti nella spedizione, affidando al programma il compito di confrontare le quantità prelevate con quelle realmente ordinate dal cliente;

la procedura fornisce all’operatore un riepilogo delle differenze riscontrate, con tutte le informazioni necessarie per approfondire le verifiche e provvedere alla sistemazione degli errori di preparazione;

le differenze riscontrate vengono immediatamente sistemate sulla riga della distinta di preparazione per permettere una corretta esposizione delle quantità spedite;

la fase di controllo non è obbligatoria, infatti se il metodo di prelievo garantisce già l’affidabilità delle operazioni svolte questa fase può essere saltata.

STAMPA VELOCE DOCUMENTI DI CONSEGNA

le distinte di preparazione confermate dalla fase di controllo danno origine al documento di consegna (ddt o fattura accompagnatoria);

il documento viene trasferito sul database del gestionale con la procedura di acquisizione automatica, e viene immediatamente emesso senza richiedere ulteriori elaborazioni;

la procedura aggiorna la situazione di magazzino e i flussi attesi degli ordini di vendita.


Chiusura delle spedizioni1

CHIUSURA DELLE SPEDIZIONI

Preparazione

della spediz.

Ambiente gestionale

Consultazione

e conferma

Distinta di

preparazione

Controllo con

codice a barre

Errori

Distinte

controllate

Emissione doc.

per eSolver

Aggiorna

la riga

si

no

Doc.di consegna

Doc.di

consegna

Acquisizione

documenti


Grazie per l attenzione

GRAZIE PER L’ATTENZIONE


  • Login