Kant
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 10

Kant PowerPoint PPT Presentation


  • 148 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Kant. 1724-1804. Le domande fondamentali. Dalle L ezioni di logica : che cosa posso sapere , cosa devo fare , che cosa mi è dato sperare , che cos'è l'uomo . . Antropologia e fenomenismo.

Download Presentation

Kant

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Kant

Kant

1724-1804


Le domande fondamentali

Le domande fondamentali

  • Dalle Lezioni di logica:

  • che cosa posso sapere,

  • cosa devo fare,

  • che cosa mi è dato sperare,

  • che cos'è l'uomo.


Antropologia e fenomenismo

Antropologia e fenomenismo

  • La nostra conoscenza riguarda i fenomeni, ossia ciò che dell'oggetto conosciuto appare al soggetto conoscente.

  • L'insé dei fenomeni, chiamato da Kant noumeno, rimane invece oscuro.

  • Trascendentale: condizioni pre-empiriche

    della conoscenza.

Rivoluzione copernicana: non inseguiamo più l’oggetto, ma accettiamo di conoscere solo ciò che è adatto alla struttura del nostro intelletto.

L’ontologia è resa dipendente da una teoria del soggetto.


Critica della ragion pura

Critica della Ragion Pura

Probabile radice comune


Io penso

Io penso

  • Soggetto trascendentale che opera una sintesiconcettuale sul materiale delle sensazioni.

  • Accompagna tutte le mierappresentazioni.

  • Senza l’atto dell’Io penso le intuizioni resterebbero cieche, non avremmo coscienza delle nostre esperienze.

  • Detto anche appercezione trascendentale: non è un Io personale.

  • È il soggetto della coscienza in generale.

  • È l'unica e medesima cosa in ogni coscienza e autocoscienza.


Sempre sull io penso

…sempre sull’Io penso

  • Nella prima edizione della CRP l’io penso è presentato come una realtà psicologica.

  • Nella seconda edizione, Kant applica anche ad esso il fenomenismo: l'uomo non conosce se stesso per come è, ma soltanto per come appare a se stesso. L'io sa di essere, cioè sa che è, ma non ciò che è.

  • È un soggetto postulato a partire dalla sintesi dei dati empirici, ma non è esso stesso oggetto di intuizione.

  • La coscienza di sé non è una conoscenza di sé.


Critica al concetto di anima

Critica al concetto di anima

  • Dialetticatrascendentale.

  • Paralogismi: limiti della ragione.

  • La ragione confonde l’Io penso con una sostanza, ma si tratta di una funzione logica.

  • L’anima non è conoscibile come un sé: la critica parte dai limiti della ragione.


Antropologia e morale

Antropologia e morale

  • Obiettivo: fondare la morale sulla ragione.

  • Ricerca un criterio sicuro su cui fondare l’agire della volontà.

Imperativo categorico

Espressione della ragione.

Non mina la libertà.

La libertà sceglie ciò che è ragionevole.


Imperativo categorico

Imperativo categorico

  • Cosa accadrebbe se la mia volontà personale fosse elevata a massima universale?

  • La morale kantiana si fonda sull’antropologia: l’uomo è un fine in sé in quanto essere razionale.

  • La morale kantiana è autonoma(non eteronoma): è essa stessa a stabilire i criteri del proprio agire. Non agisco in vista di un fine (per es. il paradiso).

  • La normamorale si impone per se stessa: è il beneindicato dalla ragione.


Recupero dell anima

Recupero dell’anima

  • Immortalità dell’anima ed esistenza di Dio vengono recuperate in sede pratica.

  • 1. l’uomo tende alla felicità.

  • 2. l’agire morale non garantisce la felicità.

  • 3. l’uomo tende a realizzare il sommo bene, ma in questa vita è impraticabile.

  • 4. questa tendenza continua dopo la morte (postulato dell’immortalità dell’anima).

  • 5. Dio è garante del fatto che questo processo giungerà a buon fine.


  • Login