slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
GREEN CHEMISTRY Principi - Metriche

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 52

GREEN CHEMISTRY Principi - Metriche - PowerPoint PPT Presentation


  • 380 Views
  • Uploaded on

Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Bioscienze e Biotecnologie. GREEN CHEMISTRY Principi - Metriche. Dr. Luca Forti Laboratorio di Biocatalisi Dipartimento di Chimica. Sviluppo sostenibile La sostenibilit à à una parte cruciale della presente e futura tecnologia:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'GREEN CHEMISTRY Principi - Metriche' - idana


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Università degli studi di Modena e Reggio Emilia

Facoltà di Bioscienze e Biotecnologie

GREEN CHEMISTRY

Principi - Metriche

Dr. Luca Forti

Laboratorio di Biocatalisi

Dipartimento di Chimica

slide2

Sviluppo sostenibile

  • La sostenibilitàà una parte cruciale della presente e futura tecnologia:
  • “…soddisfare le necessità del presente senza compromettere le possibilita’ delle future generazioni di soddisfare le loro necessita’ ”
  • Commissione delle Nazioni Unite sull’Ambiente e lo Sviluppo (1987)
  • Non si deve sistematicamente alterare la distribuzione naturale dei componenti della crosta terrestre (es. Metalli pesanti)
  • Non si devono sistematicamente incrementare le sostanze persistenti prodotte dalla società (DDT, CO2, CFC, ecc.)
  • Non si devono sistematicamente deteriorare le basi fisiche dei cicli naturali produttivi della terra
  • Bisogna realizzare un uso oculato ed efficiente delle risorse rispettando il soddisfacimento delle necessita’ umane
slide3

Sviluppo sostenibile = bilancio tra 3 requisiti primari

  • I bisogni della società (obiettivo sociale)
  • L’impiego efficiente delle scarse risorse (obiettivo economico)
  • La necessità di ridurre la pressione sull’eco-sistema al fine di mantenere le basi naturali per la vita (obiettivo ambientale)
slide4

Principali problemi da affrontare

  • Sostenibilità delle risorse chimiche (inorganiche ed organiche)
  • Sostenibilità delle risorse energetiche
  • Eliminazione degli scarti e dei rifiuti
  • Riduzione dell’impatto ambientale
  • Produzioni integrate ed eco-compatibili
  • Progettazione di prodotti, processi e servizi per la sostenibilità e per l’ambiente
slide5

Risorsa = materia ottenuta dall’ambiente (vivente o non) per soddisfare i bisogni umani

risorse

Non rinnovabili

Rinnovabili

Comb. Fossili

Petrolio

Carbone

Gas naturale

Energia solare

Minerali metallici

Ferro

Rame

Alluminio

Aria, vento

Acqua, maree, correnti

Minerali non metallici

Sale

Fosfati

Suolo, piante

slide6

Risorse non rinnovabili e rinnovabili

  • Quelle che sono estratte dalla terra
  • E’ necessaria energia per:
    • Estrarre e lavorare le risorse in una forma utilizzabile
    • Acquisire le risorse lavorate e convertirle in una forma utilizzabile

Rinnovabili: le risorse che vengono rigenerate nei cicli naturali

slide7

GREEN CHEMISTRY (Chimica sostenibile)

  • DEFINIZIONE (USA)
    • La chimicasostenibile e’ l’utilizzodi un insiemediprincipiatti a ridurre o eliminarel’uso o la generazionedisostanzepericolosenellaprogettazione, manifatturaedapplicazionedeiprodottichimici*
    • LA CHIMICA SOSTENIBILE SI INTERESSA DI
    • MinimizzazionedegliScartiallaFonte
    • UsodiCatalizzatorianziche’ diReagenti
    • UsodiReagenti e Intermedi Non Tossici
    • UsodiRisorseRinnovabili
    • Miglioramentodell’EfficienzaAtomica e del parametro E
    • UsodiSistemisenzaSolvente o con SolventiRiciclabiliAmbientalmentebenigni, … ecc.
    • * Green Chemistry Theory & Practice, P T Anastas & J C Warner, Oxford University Press 1998
slide8

Alcuni aspetti della chimica sostenibile

Catalisi

Reazioni e reagenti più sicuri

Sostituzione solventi

Processi di separazione

Green

Chemistry

Uso di

materie prime rinnovabili

Efficienza energetica

Minimizzazione degli scarti

Intensificazione di processo

slide9

I principi della green chemistry (esempio: sintesi ideale)

Efficienza atomica

Sicura

Semplice

Sintesi ideale di un composto

Mono stadio

Resa 100%

Materiali disponibili

Nessun reagente smaltito

Ambientalmente accettabile

slide10

I 12 principi della Green Chemistry (1-6)

  • Prevenzione
    • E’ meglio prevenire gli scarti che trattarli o bonificarli una volta creati
  • Economia atomica
    • I metodi sintetici devono essere progettati in modo da massimizzare l’incorporazione di tutti I materiali usati nel prodotto finale
  • Sintesi chimica meno pericolosa
    • Quando possibile, imetodi sintetici devono essere progettati per usare e generare sostanze poco o per nulla tossiche verso l’uomo e l’ambiente
  • Progettazione di composti chimici salubri
    • Si devono progettare prodotti chimici per assolvere la funzione attesa minimizzandone nel contempo la tossicità
  • Solventi e ausiliari più salubri
    • Quando possibile, l’uso di sostanze ausiliarie (solventi e agenti di separazione) deve essere evitato; se usati, devono essere innocui
  • Progettazione per l’efficienza energetica
    • I requisiti energetici dei processi chimici devono essere valutati per il loro impatto ambientale ed economico e minimizzati. Se possibile, I metodi sintetici devono essere realizzati a temperatura e pressione ambiente
slide11

I 12 principi della Green Chemistry (7-12)

  • Uso di materie prime rinnovabili
    • Una materia prima o precursore deve essere rinnovabile per quanto tecnicamente ed economicamente fattibile
  • Limitare i derivati
    • Si devono eliminare o minimizzare le derivatizzazioni non necessarie (gruppi bloccanti, protezioni/de-protezioni…), in quanto questi stadi necessitano di ulteriori reagenti e possono produrre scarti
  • Catalisi
    • I reagenti catalitici (il più selettivi possibile) sono superiori ai reagenti stechiometrici
  • Progettazione per la degradazione
    • Si devono progettare prodotti chimici in modo che alla fine del loro ciclo di vita possano decomporsi in prodotti innocui e non persistano nell’ambiente
  • Analisi in tempo reale della prevenzione dell’inquinamento
    • Si devono sviluppare metodologie analitiche che consentano il monitoraggio e controllo in tempo reale e all’interno del processo prima della formazione di sostanze pericolose
  • Chimica intrinsecamente piu sicura per prevenire incidenti
    • Si devono scegliere le sostanze e le formulazioni usate in un processo in modo tale da minimizzare il rischio di incidente chimico (rilasci, esplosioni, incendi)
slide12

Obiettivi della chimica sostenibile

Scarichi

Materiali

Pericolo

Riduzione

Rischio

Energia

Impatto ambientale

Costi

slide13

RIFIUTI E INDUSTRIA CHIMICA

Da dove provengono gli scarti?

  • le aree tradizionalmente ritenute essere sporche (raffinazione del petrolio e produzione chimica di base) sono relativamente pulite.
  • Le industrie più nuove con margini di profitto più alti e che usano una chimica più complessa producono relativamente molti più scarti.

R A Sheldon J Chem Tech Biotechnol 1997 68 381

slide14

Da dove provengono gli scarti?

1. ACIDI E BASI DI BRONSTED STECHIOMETRICI

- Nitrazioni aromatiche con H2SO4/HNO3

- Riarrangiamenti promossi da acidi, es. Beckmann (H2SO4)

- Condensazioni promosse da basi, es. cond. aldolica (NaOH, NaOMe)

2. ACIDI DI LEWIS STECHIOMETRICI

- Acilazione di Friedel-Crafts (AlCl3, ZnCl2, BF3)

3. OSSIDANTI E RIDUCENTI STECHIOMETRICI

- Na2Cr2O7, KMnO4, MnO2

- LiAlH4, NaBH4, Zn, Fe/HCl

4. ALOGENAZIONE E SOSTITUZIONE DI ALOGENO

- Sostituzioni nucleofile

5. PERDITE DI SOLVENTE

- Emissioni in aria ed effluenti acquosi

slide15

Gerarchia nella prevenzione dell’inquinamento

Prevenzione e Riduzione

Riciclo e Riuso

Aumento sostenibilita

Trattamento

  • Prevenzione
  • E’ meglio prevenire gli scarti che trattarli o bonificarli una volta creati

Smaltimento

slide16

Economia atomica

    • I metodi sintetici devono essere progettati in modo da massimizzare l’incorporazione di tutti I materiali usati nel prodotto finale
  • 8.Limitare i derivati
    • Si devono eliminare o minimizzare le derivatizzazioni non necessarie (gruppi bloccanti, protezioni/de-protezioni…), in quanto questi stadi necessitano di ulteriori reagenti e possono produrre scarti
  • 9.Catalisi
    • I reagenti catalitici (il più selettivi possibile) sono superiori ai reagenti stechiometrici
slide17

ESEMPI DI COMUNI “METRICHE CHIMICHE”

  • Fattore E
  • Economia atomica
  • Efficienza atomica
  • Resa massiva effettiva
  • Efficienza del carbonio
  • Efficienza massiva di reazione
  • Altre problematiche non coperte da queste metriche:
    • Problematiche energetiche
    • Materie prime rinnovabili
    • Tipi di reazioni
    • Reagenti catalitici vs stechiometrici
    • Sicurezza
    • Analisi del ciclo di vita
    • Quoziente ambientale
slide18

Fattore E

Scarti totali (Kg)

Fattore E =

Prodotto (Kg)

  • Dipende da cosa si definisce per scarto
    • Include:
      • Solo usato nel processo
      • Anche composti necessari per l’abbattimento/trattamento
  • Metrica molto utile per l’industria
  • Il fattore E è spesso suddiviso in sottocategorie
    • Scarti organici
    • Scarti acquosi
  • Più il numero è piccolo più ci si avvicina all’obiettivo di scarto zero
slide19

Misure di Sostenibilità Chimica:

Resa e Selettività

  • Resa di Reazione
    • resa % =

quantità reale di prodotti ottenuti

x 100

quantità teorica di prodotti ottenibili

  • Selettività di Reazioni
    • selettività % =

resa del prodotto desiderato

x 100

quantità di substrato convertito

slide20

Economia Atomica in Reazioni Chimiche

A + B C + co-prodotti

PM del prodotto C

Economia atomica (AE) =

PM A + PM B

  • definita: “un calcolo di quanti reagenti rimangono nel prodotto finale”
  • semplice calcolo
  • non tiene conto di solventi, resa di reazione, eccesso molare dei reagenti
  • più il numero è grande, maggiore è la percentuale di tutti i reagenti che compare nel prodotto
    • (0 < AE < 1)
slide21

Efficienza Atomica

Efficienza Atomica = %Resa x Economia Atomica

  • Importanza:
    • Si può usare per sostituire la Resa e L’Economia Atomica
    • Esempio: l’economia atomica può essere 100% e la resa di solo il 5%, per cui la reazione non può essere un buon processo sostenibile!
  • Piùè vicino al 100%, più il processo è verde
    • (0 – 100%)
slide22

Efficienza del Carbonio

Massa di Carbonio nel prodotto

% Efficienza Carbonio =

x 100

Massa di Carbonio nei reagenti

A + B C

(n. moli del prodotto) x (n. carboni nel prodotto)

CE =

x 100

(n. moli di A x n. carboni in A) + (n. moli di B x n. carboni in B)

  • definizione: “la percentuale di carbonio nei reagenti che rimane nel prodotto finale”
  • prende in esame: resa e stechiometria
  • importanza: direttamente collegata ai gas serra
  • è meglio che il numero sia grande
    • (0 – 100%)
slide29

Le reazioni possono fornire rese del 100% ma basse AE – via classica all’idrochinone

Calcolare l’AE

slide30

Calcolo dell’AE dell’idrochinone

% AE = 100 x (PM prodotto desiderato / PM di tutti i prodotti)

= 110 / [110 + 72 + 0.5(132) + 2(151) + 2(18)] (stechiometria reaz.)

= 110 / 586

= 18.8%

Cioe’ – si possono avere rese del 100% ma si ottiene meno del 20% di prodotto utile!

via upjohn all idrochinone
Via Upjohn all’idrochinone

Riciclo sottoprodotti

slide32

Via ENI all’idrochinone

Idrochinone (10-70%)

Catecolo (70-90%)

(separati per distillazione frazionata)

Catalizzatore: anni ’80 (omogeneo, Fe2+ poi Fe(cp)2, cp = ciclopentadienile)

anni ’90 (eterogeneo, titanio-silicalite)

anidride maleica una lezione di economia atomica
Anidride Maleica una lezione di economia atomica

O

V

O

2

5

2

C

O

+

4

.

5

O

2

O

+

+

2

H

O

2

2

O

m

a

l

e

i

c

a

n

h

y

d

r

i

d

e

O

V

O

2

5

+

3

O

+

3

H

O

O

2

2

O

O

V

O

2

5

+

3

.

5

O

2

O

+

4

H

O

2

O

storia della produzione di anidride maleica
Storia della produzione di anidride maleica
  • Pre 1960 – specialità di valore molto alto, scarsa competizione
      • Ossidazione del benzene
  • 1962 – piu ampiamente usata, maggiore competizione
      • La Denka introduce il processo diossidazione del butene
  • Fine anni ’60 – il prezzo del butene aumenta
      • L’impianto della Denka si converte a benzene
  • Anni ’7O – crisi petrolifera: il prezzo del benzene sale
      • La Monsanto costruisce l’impianto diossidazione del butano- La Denka si converte a butano
  • Inizi ’80 – non restano impianti di ox. del benzene in USA
  • Anni ’90 – pericolo ambientale - UCB & BASF isolano la MA co-prodotta nel processo PA
economia atomica per le diverse vie all anidride maleica
Economia Atomica per le diverse vie all’Anidride Maleica

Ossidazione del benzene

Peso Molecolare

78 4.5 x 32 = 144 98

Economia Atomica % = 100 x 98/(78 + 144) = 44.1%

Ossidazione del butene

Peso Molecolare

56 3 x 32 = 96 98

Economia Atomica % = 100 x 98/(56 + 96) = 64.5%

slide36

Efficienze Atomiche – Analisi dei singoli atomi

  • Talvolta è utile analizzare le singole economie atomiche, per esempio i soli atomi di C o S
  • Può essere utile nel caso in cui la produzione di materiali non tossici come l’acqua distorce l’A.E. complessiva
  • Si calcola come semplice % del numero di atomi del prodotto diviso per il numero di atomi nel materiale di partenza

Efficienze atomiche per la produzione di anidride maleica

slide37

AE = 40 %

Ibuprofene

AE = 77 %

slide39

Trasposizioni – cautela!

Molte trasposizioni (es. Beckmann), richiedono acidi per “catalizzare” le reazioni – in alcuni casi questi acidi si usano in volumi molto alti – reagenti ancillari piuttosto che catalizzatori

slide40

Vie al caprolattame (intermedio del nylon)

  • Tradizionale
  • Elevate quantità di (NH4)2SO4
  • E = 8 (Kg rifiuti per Kg di prodotto)
  • Miglioramenti (uso di catalizzatori eterogenei - zeoliti
  • Scarichi minimi (acque) e senza sali
  • E = 0.32 (Kg rifiuti per Kg di prodotto)
slide41

Altra via al caprolattame

  • Da butadiene (materia prima alternativa) ed acido cianidrico
  • Rifiuti minimi
  • Evita l’uso del benzene (via cicloesano/cicloesanone)
  • Senza Sali
  • E = 0.13
  • HCN molto tossico
slide42

prendere in esame solo reazioni di “buona” A.E. in tutti gli stadi del disegno sperimentale

  • molto importante è la (resa x AE)
    • 100 x 35 <<< 90 x 85
slide43

Ossido di propilene:

ricerca del catalizzatore ideale

CH3CH=CH2 + HOCl CH3CH(OH)CH2Cl

Ca(OH)2

PO + CaCl2 + H2O

  • Via cloridrina
    • Quantità stechiometriche di rifiuti salini
  • Via ARCO
    • Buona se si può utilizzare MTBE
  • Via POSM
    • Sempre piu popolare, coprodotto: stirene
  • Ossidazione diretta
    • Ancora non realizzabile ma varie aziende la stanno studiando

CH3CH(CH3)CH3 + O2 (CH3)3COOH

(CH3)3COOH + CH3CH=CH2 PO + TBA

C2H5C6H5 + O2 idroperossido

idroperossido + CH3CH=CH2 PO + stirene

CH3CH=CH2 + H2O2 PO + H2O (costo?)

slide44

Ossido di propilene: alcune future possibilità

BP Amoco: cat. Cr/Ag, sel. 50% a conv. 15%

Olin: cat. Mo, sel. 60% a conv. 12%

D-glucosio + propene + O2 D-fruttosio + PO + H2O

Cetis: processo in 4 stadi usando catalisi enzimatica

processo a bassa concentrazione – costi?

slide45

Economia Atomica - soluzioni

  • Ove possibile prendere in esame l’uso di reazioni ad economia atomica (progettazione della via sintetica).
  • Considerare anche gli altri normali parametri di reazione, quali resa, condizioni di reazione, numero di stadi, facilità di separazioni, natura dei sottoprodotti, solventi, ecc.
  • Se si devono usare reazioni con scarsa AE cercare di minimizzare gli effeti con, per esempio, attenta scelta del catalizzatore, riuso nel processo o riciclo, assicurandosi che i sottoprodotti siano benigni.
slide46

Catalisi

I catalizzatori sono composti o materiali che accelerano una reazione ma non sono consumati dalla reazione – non sono ne reagenti ne prodotti. Tipicamente sono substrati

In alcuni casi sono intermedi che sono trasformati da una reazione ma rigenerati da una reazione successiva e rilasciati

Lenta

decomposizione H2

Veloce

Superficie di Pt

accelera la decomposizione di H2

slide47

Vie al caprolattame (intermedio del nylon)

  • Tradizionale
  • Elevate quantità di (NH4)2SO4
  • E = 8 (Kg rifiuti per Kg di prodotto)
  • Miglioramenti (uso di catalizzatori eterogenei - zeoliti
  • Scarichi minimi (acque)
  • e senza sali
  • E = 0.32 (Kg rifiuti per Kg di prodotto)
slide48

Biocatalisi

Le conversioni biocatalitiche sono generalmente condotte a temperatura e pressione ambiente

Spesso richiedono un numero di step inferiore a quello delle sintesi convenzionali

Protezione e deprotezione dei gruppi convenzionali non è necessaria grazie alla selettività del biocatalizzatore.

slide49

Sweet’n green: sugar-based surfactants

Sucrose fatty acid esters: from canned coffee to cosmetics

  • 3 x Green (renewable raw material, biocatalytic process, biodegradable product)
  • Current chemical process (Mitsubishi Kagaku) yields complex mixture, mono-, di-, etc
  • How to increase the rate? Use an ionic liquid medium?
ad