slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
LE PROFESSIONI SANITARIE CON MINOR OFFERTA FORMATIVA: CRITICITA’ ED OPPORTUNITA ’

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

LE PROFESSIONI SANITARIE CON MINOR OFFERTA FORMATIVA: CRITICITA’ ED OPPORTUNITA ’ - PowerPoint PPT Presentation


  • 94 Views
  • Uploaded on

LE PROFESSIONI SANITARIE CON MINOR OFFERTA FORMATIVA: CRITICITA’ ED OPPORTUNITA ’. Marialice Boldi Presidente Nazionale AIDI. Distinguere tra: Professione che opera nel SSN

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' LE PROFESSIONI SANITARIE CON MINOR OFFERTA FORMATIVA: CRITICITA’ ED OPPORTUNITA ’' - hung


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

LE PROFESSIONI SANITARIE CON MINOR

OFFERTA FORMATIVA:

CRITICITA’ ED OPPORTUNITA’

Marialice Boldi

Presidente Nazionale AIDI

slide2

Distinguere tra:

  • Professione che opera nel SSN
  • Professione che opera prevalentemente nel privato: la formazione è pressochè a totale carico delle associazioni
criticit
Criticità

Minori per chi lavora nel SSN

MA……

  • se è vero che in ospedale è più facile trovare sponsor, tuttavia anche le aziende sanitarie e ospedaliere non aiutano,
  • anzi a volte non autorizzano la partecipazione.
  • la scarsa qualità formativa - la non rispondenza ai reali bisogni formativi.
slide4

I dipendenti frequentano spesso corsi interni organizzati dagli Uffici formazione infermieristici, perciò non hanno problemi di crediti,

  • ma questi eventi non riguardano temi inerenti la professione e quindi non sono aggiornamenti professionalizzanti.
criticit1
Criticità

Per i liberi professionisti

Costi :

  • Per chi organizza
  • Per l’utente
per chi organizza necessit di rivolgersi ad un provider
Per chi organizza:necessità di rivolgersi ad un provider
  • Lavoro di segreteria per adempiere agli obblighi legati all’accreditamento (ricerca sponsor, promozione evento, gestione e fatturazione delle singole iscrizioni dei partecipanti, gestione fornitori – relatori - predisposizione stampati etc
  • Per contenere i costi, nel nostro caso, l’Associazione si fa carico della gestione dell’evento a 360°, delegando i vari presidenti regionali e consiglieri.
slide7

Questi portano avanti direttamente tutti gli aspetti logistici/organizzativi del caso, incluso il contatto con i relatori, la raccolta dei documenti ECM da inviare poi al Provider, incasso e fatturazione delle singole iscrizioni, trasmissione di tutti i documenti fiscali e fatture alla Commercialista

  • Coordinatore a livello nazionale che monitora tutto l’operato dei regionali
per l utente
Per l’utente
  • Costi iscrizione
  • Spostamento
  • Costi alloggio/ristorazione
  • Mancato guadagno
  • Se collaboratore spesso non ha il “permesso”
conseguenza
Conseguenza

Le suddette difficoltà fanno sì che

il più delle volte si dia la caccia a

iniziative formative di scarso interesse

o addirittura di basso livello,

purchè a basso costo o gratuite

e soprattutto con molti crediti.

E QUESTA E’ UN’ IMPORTANTE CRITICITA’

opportunit
Opportunità
  • Formazione specifica che soddisfa i reali bisogni
  • Autonomia
  • Controllo della qualità
  • Controllo della frequenza e possibilità dell’immediata certificazione
slide11

Difficoltà a motivare alla formazione e a far accettare e rispettare l’obbligatorietà

Come fare?

  • Sanzioni?
  • Incentivi?
slide12

Valorizzare la professionalità

  • Maggiori opportunità di lavoro
  • Maggiore retribuzione

Ma questo spesso contrasta con le esigenze del “mercato” che spesso non guarda alla qualità ma, specie in ambito privato, mira al maggior guadagno e quindi

risparmia sulle retribuzioni

quanti crediti per i d nel 2013
Quanti crediti per I.D. NEL 2013?
  • AIDI : 196,80 + 120 FAD

Costo accreditamento: 22.280 €

1 credito: 113,21 €

  • UNID: 163,8+ 15 FAD
slide14

Grazie per l’ascolto

Marialice Boldi

[email protected]

www.aiditalia.it

ad