Download

L’Odio: dalle origini alla Shoa






Advertisement
/ 80 []
Download Presentation
Comments
hua
From:
|  
(1248) |   (0) |   (0)
Views: 84 | Added:
Rate Presentation: 0 0
Description:
L’Odio: dalle origini alla Shoa. RICORDATEVI DI NON DIMENTICARE. Materie. Italiano Storia Geografia Storia dell’arte Francese Matematica Fine. Italiano. Anna Frank Amen Le origini dell’odio L’olocausto o Shoa Il razzismo L’antisemitismo di Hitler I campi di concentramento
L’Odio: dalle origini alla Shoa

An Image/Link below is provided (as is) to

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use only and may not be sold or licensed nor shared on other sites. SlideServe reserves the right to change this policy at anytime. While downloading, If for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.











- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -




L odio dalle origini alla shoa l.jpgSlide 1

L’Odio: dalle origini alla Shoa

RICORDATEVI DI NON DIMENTICARE

Materie l.jpgSlide 2

Materie

  • Italiano

  • Storia

  • Geografia

  • Storia dell’arte

  • Francese

  • Matematica

  • Fine

Italiano l.jpgSlide 3

Italiano

  • Anna Frank

  • Amen

  • Le origini dell’odio

  • L’olocausto o Shoa

  • Il razzismo

  • L’antisemitismo di Hitler

  • I campi di concentramento

  • Dai decreti contro gli ebrei

Anna frank l.jpgSlide 4

Anna Frank

  • Biografia

  • Analisi del testo

  • Dal diario di Anna

Biografia anna frank l.jpgSlide 5

Biografia Anna Frank

Annelies Marie Frank o più semplicemente Anne nasce il 12 giugno 1929 a Francoforte sul Meno in Germania. La sua famiglia è composta dal padre Otto Frank, dalla madre Edith Hollander e dalla sorella maggiore Margot.

Slide6 l.jpgSlide 6

Analisi del testo

La vicenda inizia il 12 giugno 1942, quando ad Anne per il suo compleanno le viene regalato un diario. Lo chiamerà Kitty e le diverrà molto caro. Su di esso Anne scriverà le gioie e le paure di un adolescente costretta a vivere in clandestinità rinchiusa in un alloggio segreto durante la seconda guerra mondiale.

Slide7 l.jpgSlide 7

Era il primo agosto 1944 quando Anna scrive per l’ultima volta sul suo adorato diario. Il 4 agosto le SS, aiutate da una spia trovarono il nascondiglio e deportarono i clandestini nei campi di lavoro. Anna morì di tifo nel campo di Bergen Belsen i primi di marzo del 1945, pochi giorni dopo sua sorella. Solo il padre si salvò e fu lui che fece pubblicare il diario.

Slide8 l.jpgSlide 8

“In tutta la terra non esiste inimicizia più grande di quella tra tedeschi ed ebrei”

Anne Frank, Venerdi 9 ottobre 1942

Le origini dell odio l.jpgSlide 9

Le origini dell’odio

  • Dall’ostilità religiosa all’odio razziale

  • Un po’ di storia

Dall ostilit religiosa all odio razziale l.jpgSlide 10

Dall’ostilità’ religiosa all’odio razziale

Storicamente l’antisemitismo viene espresso come il prodotto dell’ostilità religiosa, alimentata dai cristiani contro gli ebrei perché accusati i responsabili dell’uccisione di Gesù (deicidio), di essere inviati dal diavolo e di praticare arti magiche. Ciò però non significa che le autorità ecclesiastiche abbiano volontariamente ispirato il razzismo antisemita che, spesso invece hanno condannato duramente. E’ appunto l’accusa di deicidio il marchio di infamia che nel mondo cristiano accompagnerà gli ebrei per quasi due mila anni.

Un po di storia l.jpgSlide 11

Un po’ di storia

Fin dal tempo di Cesare e Augusto, quando Roma aveva dominio di tutto il Mediterraneo, gli ebrei pur conservando la Palestina come loro centro territoriale e spirituale erano disseminati in tutti l’Impero Romano e oltre, dove professavano la credenza di un unico Dio. Fu dopo l’occupazione Romana della Palestina che gli ebrei diedero vita a frequenti ribellioni, sedate spesso militarmente dalle autorità imperiali. Il punto culminante della repressione fu la distruzione del tempio e della città di Gerusalemme, tutti nutrivano nei loro confronti sentimenti di ostilità. Di questo atteggiamento furono vittime anche Gesù assieme ai suoi seguaci che, per molto tempo furono considerati a Roma come setta ebraica. Ma per i cristiani, quando i discepoli originari di Gesù erano scomparsi con la distruzione di Gerusalemme, bisognava segnare la separazione tra la propria religione e quella da cui essa derivava. Nacquero cosi le prime accuse contro i Giudei, di cui Giuda, traditore di Cristo, diventa l’emblema stesso. Erano accusati non solo di non aver voluto riconoscere la divinità ma anche di averlo messo a morte. In ragione a questa accusa essi vennero emarginati dalla società e guardati con diffidenza. Le masse cercavano di far ricadere le responsabilità delle proprie disgrazie su un “capro espiatorio” gli ebrei. Nel 1300 si accusarono gli ebrei di inquinare i pozzi e di diffondere il morbo della peste. Nel 1500 in Spagna i re cattolici cacciarono dal regno tutti gli ebrei che ci abitavano. Soltanto nel 1781 l’imperatore d’Austria emanò una patente di tolleranza, mentre dopo la rivoluzione francese, nel 1791 tutti i cittadini erano uguali. Assai duro fu l’800 per gli ebrei in Russia dove l’assassinio di Alessandro II portò molti massacri di ebrei (pogrom). Il razzismo antisemita riprese poi vigore dopo la sconfitta della guerra, nella Germania di Hitler. Gli ebrei ancora una volta sembravano essere i responsabili delle disgrazie del paese e assunsero nuovamente il “ruolo” di capro espiatorio.

L olocausto o shoa l.jpgSlide 12

L’olocausto o Shoa

  • Dall’ olocausto alla Shoa

  • Le 5 fasi della Shoa

Dall olocausto alla shoa l.jpgSlide 13

Dall’Olocausto alla Shoa

La parola 'Olocausto', dal greco holokauston che significa "rogo sacrificale offerto a Dio", si riferiva originariamente ai sacrifici che venivano richiesti agli ebrei dalla Torah. Solo in tempi recenti è stato attribuito a massacri o su larga scala. Questa parola viene utilizzata per riferirsi allo sterminio di circa 6 dei 9,5 milioni di ebrei che vivevano in Europa prima della seconda guerra mondialeIn alcuni paesi il termine olocausto viene usato per descrivere l'omicidio sistematico di altre minoranze che vennero colpiti nelle stesse circostanze dai Nazisti, compresi i gruppi etnici Rom e Sinti, comunisti, omosessuali, malati di mente, Testimoni di Geova.A causa del significato che la parola olocausto porta, molti ebrei trovano problematico l'uso di tale termine. Così, nel 1938 in Palestina,fu associata la parola Shoa, scritto anche Shoah o Sho'ah, voce biblica che in lingua ebraica significa "Distruzione, catastrofe” che, è appunto il termine ebraico per Olocausto. Con questo termine viene ufficialmente indicato lo sterminio degli ebrei operato dai nazisti. Nella parola Shoa è implicato che quanto è accaduto non ha alcun significato religioso, contrariamente da ciò che richiama il termine olocausto, considerato offensivo, implicare che gli ebrei d’Europa fossero un sacrificio a Dio. La Shoa è piuttosto un genocidio, ovvero un’azione criminale finalizzata alla distruzione di un gruppo etnico, nazionale, razziale o religioso. Molti Rom usano la parola Porajmos, che significa "Divoramento", per descrivere il tentativo nazista di sterminarli.

Le 5 fasi della shoa l.jpgSlide 14

Le 5 fasi della Shoa

La Shoa si sviluppa in cinque fasi:

I.      1 privazione dei diritti civili dei cittadini

II.     2 espulsione dai territori della Germania

III.    3 creazione di ghetti, circondati da filo spinato, muri e guardie armate, vere prigioni in condizioni sanitarie ed economiche precarie.

IV.    4 I massacri effettuati da squadre incaricate di eliminare ogni oppositore del nazismo.

V.     5 Deportazione nei campi di sterminio in Polonia dove attraverso una selezione gli ebrei venivano o uccisi subito con il gas oppure mandati nei campi di lavoro e sfruttati fino all’esaurimento delle forze per essere poi comunque eliminati.

 Queste tappe possono essere divise in due periodi storici:

I.       1 dal 1933 al 1940, quando il nazismo vide la soluzione della questione ebraica nell’immigrazione

II.      2 dal 1941 al 1945, quando venne attuato lo sterminio.

L antisemitismo fanatici di hitler l.jpgSlide 15

L’antisemitismo fanatici di Hitler

L’origine dell’antisemitismo di Hitler è ancora per molti versi

misteriosa. Svariate sono le ipotesi di psicologi e storici in merito,

alcune piuttosto fantasiose.Il fanatico antisemitismo di Hitler

venne esposto nel suo libro il Mein Kampf, (mia battaglia) che

divenne popolare in Germania dopo l’acquisizione del suo

potere politico. Nel suo libro Hitler afferma che, fino all’epoca

del suo trasferimento a Vienna nel 1907, all’età di diciotto anni, non aveva avuto quasi nessun contatto con gli ebrei e considerava l’antisemitismo come qualcosa di volgare, un pregiudizio delle classi inferiori. Ma a Vienna avrebbe avuto una visione, un’esperienza rivelatrice che l’avrebbe profondamente cambiato. Il 1° aprile 1933 organizzò una giornata di boicottaggio di tutte le attività tedesche gestite da ebrei. Questa politica introdusse una serie di atti antisemiti che sarebbero poi culminati nell’olocausto ebraico. In molte città Europee durante la II Guerra Mondiale, gli ebrei vennero confinati in zone bel delineate. I così detti ghetti; vere e proprie prigioni dove molti ebrei morirono di fame e malattie. Nel dicembre 1941 Hitler, durante la conferenza di Wannsee decise infine di sterminare tutti gli ebrei. Molti leader nazisti parlarono di “soluzione finale”. Si iniziò allora a deportare sistematicamente la popolazione ebraica nei campi di sterminio.

Bergen belsen l.jpgSlide 16

Bergen Belsen

Originariamente si trattava di una serie di baraccamenti per un campo di lavoro che fu poi abbandonato e trasformato in casermaggio. In seguito, nel 1941, un anno dopo l’apertura del campo vennero alloggiati dei prigionieri di guerra russi, che furono decimati da una terribile epidemia di tifo. Nel 1943 Bergen Belsen divenne un vero Lager. Le condizioni igieniche e di convivenza erano insostenibili, soprattutto quando scoppiò ancora una volta un'epidemia di tifo, incontrollabile. Piccolo all'inizio, fu più tardi ampliato. Non vi erano camere a gas a Belsen, ma tuttavia migliaia di persone vi morirono di malattia e di fame. Negli ultimi mesi di vita del campo la mancanza di cibo era così acuta che i prigionieri arrivarono fino al cannibalismo. Mucchi di corpi giacevano in tutto il campo, fuori e dentro le baracche, alcuni nei pancacci insieme ai vivi. Presso il crematorio vi erano fosse comuni che erano state coperte, e una era aperta piena di cadaveri. Le baracche erano stracolme di prigionieri malati e denutriti. Non c'era servizio sanitario e le condizioni all'interno delle baracche erano spaventose. Poco dopo l'arrivo dell'esercito britannico, al campo fu girato un film, da mostrare al processo di Belsen ed ai cittadini tedeschi che lo giudicarono pura propaganda contro la Germania. La liberazione del campo fu attuata dalle truppe inglesi che trovarono montagne di corpi senza vita e migliaia di prigionieri ammalati e affamati.

Dal febbraio 1945 al marzo dello stesso anno morirono 25.000 delle 63.500 deportate; altre 19.000 non erano più in condizioni d'essere salvate neppure dopo la liberazione del campo, avvenuta il 15 aprile 1945. A Bergen Belsen fu deportata e morì pochi giorni prima della liberazione anche Anna Frank, autrice del famoso Diario.

Il razzismo l.jpgSlide 17

Il razzismo

  • Le origini del razzismo

  • Dalla teoria razziale al razzismo

  • Dal razzismo al genocidio

Dalla teoria razziale al razzismo l.jpgSlide 18

Dalla teoria razziale al razzismo

Nel XIX secolo si consumò il passaggio dalla teoria razziale al razzismo, soprattutto con l'opera di Joseph Arthur Gobineau Saggio sull'ineguaglianza delle razze (1853-1855). Gobineau affermò che la razza è alla base della civiltà e che quindi la degenerazione della razza comporta un decadimento della civiltà. Egli sostenne che per arrestare il decadimento della razza "ariana", iniziato agli inizi dell'era cristiana, non si potesse che perseguire un disegno di discriminazione delle razze "inferiori".

La pubblicazione del libro di Charles Darwin L'origine della specie (1859) ispirò in seguito una nuova forma di razzismo, il cosiddetto "razzismo scientifico", basato sull'idea che il pregiudizio razziale svolgesse addirittura una funzione evolutiva.

Dal razzismo al genocidio l.jpgSlide 19

Dal razzismo al genocidio

Durante tutto il XIX secolo il razzismo ebbe un'ampia diffusione in Europa alimentato anche dall'insorgere del nazionalismo e, negli Stati Uniti, dove era alla base del sistema schiavistico. Ma fu dopo la prima guerra mondiale, nel quadro di crisi economica e sociale ereditato dal conflitto, che le teorie basate sulla discriminazione razziale presero corpo in un disegno politico; infatti, la Germania nazionalsocialista, a partire proprio dalla diffusione del mito della superiorità della razza ariana, riuscì a mobilitare grandi masse e a raccoglierle attorno al progetto che aspirava a imporre la supremazia germanica nel mondo. Il mito della razza e lo stigma nazista nei confronti degli ebrei, che furono considerati sottouomini, legittimò e rese possibile il genocidio di sei milioni di ebrei e di altri cinque milioni di persone considerate marginali, inferiori; non è un caso che il progetto di sterminio sia stato chiamato "soluzione finale".

La Germania nazista non fu l'unico paese a essere segnato dal razzismo; in Italia, nel 1938 vennero emanate le "leggi per la difesa della razza", che determinarono la discriminazione degli ebrei e ne favorirono successivamente la deportazione nei campi di sterminio.

Le origini del razzismo l.jpgSlide 20

Le origini del razzismo

Il Razzismo è un insieme di teorie e comportamenti basati su una supposta divisione dell'umanità in razze "superiori" e razze "inferiori". Secondo le teorie razziste il patrimonio biologico determinerebbe, oltre ai comportamenti individuali, gli sviluppi (culturali, politici, economici ecc.) dei gruppi e delle società.Un atteggiamento di tipo razzistico è costantemente presente nella storia dell'umanità, come testimonia la pratica antica della schiavitù. Gli antichi greci, e in seguito i romani.Tuttavia, il razzismo per come noi lo intendiamo si sviluppò a partire dal XVII secolo, in seguito alle scoperte geografiche e al colonialismo. In questo periodo si affermò la convinzione che il progresso intellettuale, scientifico, economico, politico fosse un'esclusiva prerogativa dei bianchi e che gli altri popoli non potessero conseguire gli stessi risultati proprio a causa di una differenza biologica. Dal XVIII secolo si affermò la teoria "poligenetica", che fa risalire le popolazioni del mondo a progenitori diversi.

L'affermarsi di questa convinzione portò a ritenere inalterabili le differenze tra individui e popoli e a stabilire un principio di gerarchia secondo il quale la razza bianca era una razza superiore, predominante sulle altre; in questo modo veniva giustificato il dominio sugli altri popoli da parte dei bianchi

I lager dello sterminio l.jpgSlide 21

I lager dello sterminio

I campi di concentramento e sterminio nazisti, furono utilizzati dal regime nazista dal 1933 per confinarvi dapprima gli oppositori politici, poi anche e soprattutto il popolo ebraico, la razza inferiore. Nel primo periodo (1933) con l’avvento del potere di Hitler, i lager servivano a “rieducare” i tedeschi antinazisti come i comunisti, i socialdemocratici di obbiettori di coscienza. Fu la Germania nazoinal-socialista della II Guerra Mondiale a dare la sinistra fama che da allora conservano. Affidati al controllo delle SS divennero sede della “soluzione finale” contro gli ebrei ed altre minoranze. Oltre che di sperimentazioni scientifiche sugli umani. I lager più famigerati furono quello di Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, Mauthausen. Mentre in Italia quello di Fossoli come concentramento e la Risiera di S.Sabba sterminio.

La soluzione finale l.jpgSlide 22

La soluzione finale

Con il termine “soluzione finale” si intende il piano di sterminio degli ebrei messo in atto dai nazisti a partire dal 1941.E’ del 31 luglio dello stesso anno, la direttiva che Hermann Goring spedì al capo dei servizi di sicurezza del Reich, Reinhard Heydrich, in cui per la prima volta si attestava questa espressione:“A completamento del compito che le è stato assegnato il 24 gennaio 1939, riguardante la soluzione del problema ebraico mediante l’emigrazione e l’evacuazione condotte nel modo più opportuno,.la incarico di provvedere a tutti i preparativi necessari relativi alle questioni organizzative, tecniche e materiali per giungere a una completa soluzione entro la sfera dell’influenza germanica in Europa.La invito inoltre a sottopormi, nel prossimo futuro, un piano complessivo comprendente le misure necessarie per la realizzazione della soluzione finale del problema ebraico da noi desiderata.” Due settimane dopo aver dato a Heydrich carta bianca, Goring dichiarò pubblicamente che “gli ebrei non hanno più ragione di esistere nei territori dominanti dalla Germania”.

Descrizione delle eliminazioni di massa l.jpgSlide 23

Descrizione delle eliminazioni di massa

Nel settembre del 1941 nel campo di Auschwitz furono eseguite le prime uccisioni in massa con il gas. Il sistema funzionò e da allora l’eliminazione poté procedere con ritmi molto veloci. Un altro metodo, ritenuto “più umano” dai nazisti, impiegava cristalli azzurri di acido cianidrico, che venivano introdotti dall’alto con l’ordine: “Dategli da mangiare”, in stanze dall’apparente aspetto di bagni per docce. Le eliminazioni di massa venivano condotte in modo sistematico: venivano fatte liste dettagliate di vittime presenti, future e potenziali, così come sono state trovate le meticolose registrazioni delle esecuzioni. Oltre a ciò, uno sforzo considerevole fu speso durante il corso dell'olocausto per trovare metodi sempre più efficienti per uccidere persone in massa, ad esempio passando dall'avvelenamento con monossido di carbonio dei campi di sterminio, all'uso dello Zyklon-B. I nazisti condussero anche molti esperimenti sui deportati. Uno dei nazisti più noti, il Dottor Josef Mengele, era conosciuto per i suoi esperimenti come l'"angelo della morte" tra gli internati di Auschwitz.

I campi di concentramento l.jpgSlide 24

I campi di concentramento

  • I lager dello sterminio

  • La soluzione finale

  • Descrizione dell’eliminazione di massa

  • Bergen-Belsen

Gli altri distintivi e il progetto aktion t4 l.jpgSlide 25

Gli altri distintivi e il progetto Aktion T4

Stella di David: ebrei

Triangolo rosso: deportati politici

Triangolo verde: criminali comuni

Triangolo blu: apolidi, , repubblicani Spagnoli

Triangolo viola: testimoni di Geova

Triangolo rosa: omosessuali

Triangolo nero: lesbiche, prostitute

Triangolo marrone: zingari

Durante i 12 anni di regime nazista milioni di persone furono imprigionate nei campi di concentramento, non solo gli ebrei ma anche altre minoranze come i politici, i delinquenti, gli omosessuali, gli anti-sociali e le lesbiche, gli zingari, i testimoni di Geova e gli immigrati. L’intolleranza nazista si scagliò anche verso i più deboli. Per esse venne varato il “Progetto T4” o meglio noto come il “Progetto Eutanasia” che condusse alla morte circa 70.000 cittadini tedeschi portatori di handicap.

La germania l.jpgSlide 26

La Germania

Denominazione ufficiale: Repubblica Federale Tedesca

La Germania è situata nella parte occidentale dell’ Europa ed è uno dei membri fondatori dell’ Unione Europea.

Confina, a nord con la Danimarca ed è bagnata dal Mare del Nord e dal Mar Baltico, ad est con la Polonia e la Repubblica Ceca, a sud con Austria e Svizzera, e ad ovest con Francia, Lussemburgo, Belgio e Paesi Bassi.

La Germania si estende dalle alte montagne delle Alpi a sud fino alle coste del Mare del Nord e del Mar Baltico a nord. La capitale è Berlino ed è la città più grande della Germania, sorge sulle rive della Sprea nel nordest.

Un po di informazioni l.jpgSlide 27

Un po’ di informazioni…

Scorrono anche molti laghi e il maggiore è il Lago di Costanza. TERRITORIO:ha una morfologia molto varia che deriva dalle diverse strutture geologiche come massicci antichi, paleozoici, con i congiunti bassopiani, al centro e a nord, e quella dei rilievi d’origine alpina,a sud. FLORA: quercia, il frassino, il tiglio, il faggio, sia da conifere come l’abete e, a quote elevate, il larice. FAUNA: il cervo, il cinghiale, la lepre, la donnola, il tasso, il lupo e la volpe, cicogna bianca, l’aringa il merluzzo, la carpa, la trota e il pesce gatto.

CLIMA:moderatamente continentale, con inverni freddi ed estati abbastanza calde. IDROGRAFIA: due grandi fiumi scorrono in direzioni opposte: il Reno e il Danubio. Altri fiumi importanti sono: l’Elba, l’Oder, il Weser, l’Ems e il Sudeti.

Slide28 l.jpgSlide 28

POPOLAZIONE: 82.431.390 abitanti, densità media di 235 unità per km². Il gruppo più numeroso sono i turchi, seguito da slavi dell’ex Iugoslavia, italiani, greci e polacchi, oltre che da minoranze austriache e spagnole. Quattro minoranze nazionali: sorabi, frisoni, danesi e zigani e rom tedeschi.Moltissimi sono gli immigrati LINGUA E RELIGIONE: Il tedesco è la lingua ufficiale ma esistono numerosi dialetti. La religione è la protestante, in particolare luterana, seguita da quella cattolica e una minoranza di musulmani; in Germania risiedono inoltre circa 30.000 ebrei. DIVISIONI AMMINISTRATIVE E CITTA’ PRINCIPALI: La Germania è divisa in sedici stati confederati. Le maggiori città sono Amburgo, Monaco Colonia, Francoforte, Essen, Dortmund, Stoccarda, Düsseldorf e Lipsia.

AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO:L’agricoltura riveste un ruolo di secondaria importanza nell’economia tedesca. Le colture principali sono barbabietole da zucchero, patate, orzo, frumento, segale e luppolo. La Germania produce anche notevoli quantità di uva, destinata alla vinificazione.Fiorente è l’allevamento, soprattutto di bovini e mucche da latte oltre che di suini RISORSE FORESTALI: La maggior parte del legname proviene dalle grandi foreste del sud-ovest. I maggiori porti pescherecci del paese sono quelli di Brema e di Kiel. RISORSE ENERGETICHE E MINERARIE:ricchi giacimenti minerari. Molto carbone e cospicua lignite,petrolio, gas naturale e potassio. Abbondanti riserve di sale.INDUSTRIA: manifatturiera, soprattutto nel settore meccanico, delle lavorazioni del ferro e dell’acciaio. Forte è anche l’industria chimica, a cui si affianca quella farmaceutica

TRASPORTI E COMUNICAZIONI: La Germania possiede strade e autostrade molto sviluppate e una buona rete ferroviaria, sono presenti anche numerosi porti.

ORDINAMENTO POLITICO:alla fine della seconda guerra mondiale, il territorio tedesco fu diviso in due parti nel 1949:la Repubblica federale tedesca e la Repubblica democratica tedescala RDT si è fusa poi nel sistema federale della RFT, basato sulla Costituzione del 1949. La Costituzione stabilisce che il capo di stato è il presidente federale.

L arte durante il nazismo l.jpgSlide 29

L’arte durante il nazismo

  • L’arte “degenerata”

  • La mostra d’arte “degenerata”

  • Alcune opere considerate “degenerate”

  • Pablo Picasso

L arte degenerata l.jpgSlide 30

L’arte degenerata

Era 15 novembre 1933 quando il ministro della Propaganda nazista Joseph Goebbels formò la Camera della Cultura del Reich che di fatto stabiliva quali artisti potevano lavorare e cosa si potesse mostrare al pubblico. Una ferrea censura costrinse i pochi artisti non allineati rimasti in Germania al silenzio. Nell'ottobre 1936, con l'avvento del nuovo regime nazionalsocialista in Germania, i nazistiiniziarono un programma di pulizia etnica anche nell'ambito dell'arte, "epurando" i musei tedeschi da tutte le opere moderne: cubiste, espressioniste, dadaiste, astrattiste eprimitiviste. La sezione d'arte moderna della Nationalgalerie di Berlino fu chiusa: fu istituito un tribunale che purgasse le gallerie e i musei di tutto il paese

Si calcola in circa 16.000 il numero di tele, disegni, sculture che finirono nella categoria dell‘ "arte degenerata", la maggior parte di espressionisti e di pittori moderni tedeschi, anche se vi furono comprese opere di grandi stranieri come Picasso, Van Gogh e Cézanne. Nell'estate del 1937, a Monaco furono allestite due mostre contemporaneamente. Una esibiva le opere di artisti ben accetti al regime, dove soprattutto facevano mostra di sé innumerevoli ritratti del Führer. Quattrocentomila persone visitarono la mostra. L'altra si svolgeva nella nuovissima Casa dell'Arte Tedesca. All'interno c'era una mostra grottesca, intitolata "Arte degenerata". Le migliori opere furono messe all'asta a Lucerna, mentre diverse migliaia furono bruciate nel cortile della sede del Corpo dei Pompieri di Berlino nel marzo 1939.

ARTE DI REGIME

Ritratto del FührerUbicazione sconosciuta

La mostra d arte degenerata l.jpgSlide 31

La mostra d’arte degenerata

Nel 1937 a Monaco i nazisti organizzano un’esibizione di quella che loro chiamavano Entartete Kunst, cioè arte degenerata. Lo scopo della mostra era quello di far sapere ai tedeschi che certe forme e generi artistici non sono accettati dalla razza superiore, quest'arte è degenerata in quanto ebraica, bolscevicao comunque di razza inferiore. Qualsiasi cosa che non rientri nel modo di pensare di Hitler è considerato "degenerato", perché l’arte deve esaltare lo stile di vita ariano. Gli autori delle opere proibite, dichiarati malati, sono per la maggior parte espressionisti, proprio quegli artisti che oggi tutti riconoscono come personalità di spicco"il più degenerato degli artisti", Pablo Picasso. Inaugurata da Hitler e Göbbels, l'esposizione è accompagnata da un catalogo illustrato che, in un capitolo introduttivo spiega i fini di della manifestazione e presenta l'insieme delle opere raggruppandole sotto vari temi, ad esempio: "Manifestazioni dell'arte razzista giudaica", "Invasione del bolscevismo in arte", "La donna tedesca messa in ridicolo", "Oltraggio agli eroi"," I contadini tedeschi visti dagli ebrei", "La follia eretta a metodo" o "La natura vista da menti malate". Le 650 opere esposte erano circondate da slogan che puntano a metterle in ridicolo e accompagnate, a titolo di confronto, dai disegni di malati mentali internati. l discorso d’apertura alla mostra fu pronunciato da Adolf Ziegler e disse che i lavori esposti erano “prodotti della follia, della spudoratezza, dell'incapacità e della degenerazione”. Due milioni di visitatori si riversarono nella Casa dell'Arte a vedere la mostra.

Manifesto ufficiale della mostra d'Arte degenerata, Monaco, 1937

Alcune opere appartenenti all arte degenerata l.jpgSlide 32

Alcune opere appartenenti all’arte “degenerata”

Otto Mueller, Due zingarein una stanza, 1927

Marc Chagall, Autoritratto con sette dita,1912-13,

George Grosz, i Ladri della società, 1920,

Edvard Munch, Il Grido, 1893

Ernst kirchner, Autoritratto in divisa, 1915

Emil Nolde, natura morta con maschere, 1911

Pablo Picasso, La Guernica

Pablo picasso l.jpgSlide 33

Pablo Picasso

Picasso nasce nel 1881 a Malaga, in Andalusia. Suo padre, insegnava nella locale scuola d’arte e lo avvia precocemente all’apprendistato artistico. Il giovane Picasso dimostra subito uno straordinario talento. Picasso frequenta la Scuola d’Arti e Mestieri la La Curuna, in Galizia, poi viene ammesso all’Accademia delle Belle Arti di Barcellona fino ad arrivare alla prestigiosa accademia Reale San Ferdinando a Madrid.

A Madrid frequenta il Prado e si applica in modo particolare nello studio dei grandi pittori spagnoli come Velàzquez e Goya

Il periodi di picasso l.jpgSlide 34

Il “periodi” di Picasso

Poveri in riva al mare, 1903.

Olio su tela

Nell’autunno del 1901 la pittura di Picasso, che fin ad allora non aveva ancora maturato uno stile personale, oscillando tra l’ammirazione per Cézanne e le tematiche post-impressioniste, ha una prima decisiva svolta. Si inaugura infatti il cosi detto “periodo blu”, giocato tutto su colori freddi, che si protrarrà fino al 1904.

A partire dal 1905 la tavolozza dell’artista cambia improvvisamente tono e subentra la calda gradazione del rosa. Ha cosi inizio la seconda fase picassiana, il cosi detto “periodo rosa”. Questo periodo di breve durata, costituisce la logica prosecuzione di quello precedente. Al mondo degli sfruttati e degli emarginati del periodo blu si sostituiscono soggetti ripresi dall’ambiente del circo.

Gli ultimi mesi del 1906 segnano la cosi detta “epoca negra”, nel corso della quale l’artista si interessa in modo particolare alla scultura africana e polinesiana.

Famiglia di acrobati con scimmia, 1905.

Inchiostro di china, acquarello e pastello su cartone

Les demoiselles d avignon l.jpgSlide 35

Les demoiselles d’Avignon

Nel 1907, infine l’artista espone “Les demoiselles d’Avignon”, l’opera considerata come la capostipite del movimento cubista. Il periodo migliore del cubismo picassiano è facilmente riconoscibile dai colori che si sono fatti più brillanti e dalle superfici perfettamente piatte.

L’uso del collage, cioè l’incollare alla tela oggetti e materiali come legno, carta, paglia, dà a ogni composizione un significato nuovo e provocatorio.

Guernica l.jpgSlide 36

Guernica

Nel 1937, nel pieno della guerra civile spagnola, Picasso è sconvolto dalle notizie sui bombardamenti della cittadina di Guernica. Alla ottusa furia sterminatrice di quell’azione terroristica, l’artista risponde realizzando in appena due mesi l’enorme tela intitolate appunto Guernica, vero e proprio atto d’accusa contro la guerra e la dittatura. L’opera, simbolicamente esposta nel Padiglione Spagnolo dell’Esposizione Universale di Parigi del 1937, destò nel mondo libero uno scalpore ed una commozione pari all’indifferenza e all’ironia con la quale venne invece giudicata nella Germania di Hitler e l’Italia di Mussolini.

Picasso era un eccellente disegnatore, il suo segno sempre di una nitidezza inconfondibile, sia che tratti soggetti cubisti sia che prediliga il ritratto figurativo.

La posizione politica di Picasso è sempre stata democratica e antifascista. Nella seconda guerra mondiale, nella Germania di Hitler, alcune sue opere insieme a moltissime altre di grandi artisti, furono pubblicamente bruciate sulle piazze come esempio di arte degenerata.

Slide37 l.jpgSlide 37

Da vecchio, quando ormai la sua fama era divenuta universale amava ripetere: “a tredici anni dipingevo come Raffaello. Ci ho messo tutta la vita per imparare a dipingere come un bambino.”

Pablo Picasso muore a Mougins l’8 aprile 1973 e la notizia fece in un baleno il giro di tutto il mondo. Con lui moriva il più grande artista del novecento.

Massacro in corea l.jpgSlide 38

Massacro in Corea

Massacro in Corea venne realizzato nel 1951, pochi mesi dopo lo scoppio del conflitto, avvenuto nell’estate del 1950. L’artista si ispira nella composizione di questa tela all’opera di Goya, la fucilazione del tre maggio 1808 sulla montagna del Principe Pio. Questo quadro conservato al Musée National Picasso di Parigi, è una conferma dell'impegno pacifista del pittore. L'opera raffigura alcuni soldati americani che fucilano un gruppo di donne e bambini, la cui nudità ne sottolinea l'innocenza. La posizione dei soldati, con un braccio e una gamba protesi in avanti, ricorda il capolavoro del Louvre “il giuramento degli Orazi” di David. Il quadro venne esposto al Salon de Mai dove non trovò una calda accoglienza. Picasso disse: “Questo dipinto ha sconcertato e non è piaciuto. Ma io stesso ho incominciato a vederlo tale qual è e so perché è stato accolto con stupore: non avevo rifatto Guernica”. Per l’aspetto monumentale e narrativo insieme, Massacro in Corea costituisce un manifesto e un monito contro le guerre.

La fucilazione del tre maggio l.jpgSlide 39

La fucilazione del tre maggio

La fucilazione del tre maggio sulla montagna del Principe Pio è un grandioso dipinto storico di Francisco Goya. L’autore porta sulla tela il dramma della rivolta antinapoleonica vissuta in prima persona, quando assistette all’eroica resistenza del popolo madrileno contro le truppe francesi.

I soldati sono schierati in modo compatto, deciso e minaccioso. Gli alti colbacchi neri e le scure divise li caratterizzano negandogli ogni parvenza umana. Dai loro volti infatti, non solo non è possibile percepire l’espressione ma, anche i lineamenti paiono inghiottiti dalla notte.

I partigiani ammassati gli uni contro gli altri sono rappresentati con un realismo cario di pietà e i loro sentimenti sono ben visibili. La cupezza dei toni ha il duplice significato di rispecchiare sia i valori naturali che quelli sentimentali.

Grazie ad una lanterna posta ai piedi dei soldati l’artista riesce a gettare tutt’intorno incerte ma violente lame di luce capace di proiettare delle ombre.

In basso, come stracci sudici si accalcano i cadaveri di coloro che sono già stati fucilati.

In lontananza è possibile vedere la martoriata città di Madrid, addormentata nella notte della vendetta.

Il giramento degli orazi l.jpgSlide 40

Il giramento degli Orazi

Realizzato da Jacques-Louis David, su commissione del re di Francia.

Il soggetto è scelto dalla storia della Roma monarchica quando, durante il regno di Tullio Ostilio i tre fratelli Orazi, romani, affrontarono i tre fratelli Curazi, Albani; per risolvere in duello una contesa sorte tra Roma e Albalonga. I tre Curazi morirono e uno solo degli Orazi si salvò decretando la vittoria della propria città.

La scena, non priva di una certa teatralità, si svolge nell’atrio di una casa romana inondata dalla luce solare.

I personaggi sono distinti in due gruppi mentre il padre degli Orazi si erge nel mezzo, consapevole di mettere a repentaglio la vita dei figli chiedendo loro il giuramento. Il rosso del mantello richiama l’attenzione su di lui individuandolo come personaggio chiave mentre leva in alto le spade lucenti che, successivamente consegnerà ai figli. E’ proprio su quella mano tenuta stretta che sta il punto di fuga.

A destra le donne mute sono abbandonate al dolore nella rassegnazione. In posizione più arretrata la madre degli Orazi copre con il suo velo scuro, in segno di lutto, i suoi due figli più piccoli. La figlia Sabina, affranta si volge verso la cognata Camilla (moglie del maggiore dei fratelli).

La seconda guerra mondiale l.jpgSlide 41

La Seconda Guerra mondiale

  • L’invasione della Polonia

  • I Tedeschi a Parigi

  • L’Italia entra in guerra

  • La battaglia d’Inghilterra

  • L’attacco Tedesco all’Unione Sovietica

  • Il Giappone attacca gli Stati Uniti

  • Vivere sotto i nazisti

  • La svolta della guerra

  • La caduta del fascismo in Italia

  • La Resistenza Italiana

  • La caduta del nazismo

  • Fine della guerra

L invasione della polonia l.jpgSlide 42

L’invasione della Polonia

Il 1° settembre 1939 le truppe naziste invasero la Polonia, stroncando rapidamente la resistenza di un esercito debole e impreparato. Il comando tedesco sperimentò per la prima volta in questa occasione la guerra lampo, basata sull’attacco rapido di divisioni blindate e di corpi di fanteria motorizzata protetti da un efficacie copertura aerea. Varsavia, la capitale Polacca, resistette appena 10 giorni. L’Unione Sovietica, a sua volta in virtù del “Patto di non aggressione” con la Germania, attacco la Polonia, il 17 settembre dalla parte orientale del paese. La Polonia in questo modo veniva letteralmente cancellata dalla carta geografica.

Il 3 settembre Francia e Inghilterra dichiararono guerra alla Germania, mentre gli Stati Uniti e il Giappone proclamavano la loro neutralità. Cominciò così la Seconda guerra mondiale. I mesi successivi passarono con tranquillità, consapevoli della loro inferiorità gli Alleati prendevano tempo per potenziare i loro armamenti. Tutte e tre le potenze sapevano che prima o poi si sarebbe combattuto sul serio.

Parata di truppe tedesche nella Varsavia occupata il 5 ottobre 1939.

I tedeschi a parigi l.jpgSlide 43

I Tedeschi a Parigi

Gli eserciti di Hitler, nell’aprile del 1940 occuparono la Danimarca e la Norvegia, per assicurarsi l’approvvigionamento del ferro svedese e per garantirgli basi più adatte ad attaccare l’Inghilterra. Nel mese di maggio infatti scatenò la grande offensiva contro la Francia e le truppe inglesi che erano venute li in suo aiuto. Lungo il confine con la Germania i Francesi avevano costruito un imponente sistema di fortificazioni, la linea Maginot (dal nome del suo ideatore) che essi ritenevano invalicabile. Questa linea però si dimostrò del tutto inefficace. I tedeschi finsero di voler sfondare attraverso l’Olanda e il Belgio, paesi che furono invasi malgrado la loro neutralità, per attirarvi il grosso delle forze anglo-francesi. Così poterono lanciare un potente attacco attraverso il Lussemburgo e la Ardenne e penetrarono di slancio in territorio francese. Il 14 giugno i Tedeschi entrarono a Parigi. La Francia era ormai sconfitta e pochi giorni dopo il maresciallo Petain, nuovo capo del Governo accettò di firmare l’armistizio.

La Francia fu divisa i due: la parte atlantica passo sotto il diretto controllo germanico mentre la parte meridionale fu affidata a un’amministrazione francese collaboratrice dei tedeschi, cioè il governo di Vichy. Nel frattempo il maresciallo Charles De Gaulle rifugiatosi in Inghilterra si proclamava capo della “Francia Libera”. L’appello fu raccolto da una parte dell’esercito francese che continuò a combattere in Africa a fianco degli Inglesi e diede inizio al movimento di Resistenza nella Francia occupata contro l’invasione nazista.

L italia entra in guerra l.jpgSlide 44

L’Italia entra in guerra

L’Italia entrò n guerra affianco alla Germania pochi giorni prima della caduta di Parigi. Mussolini credeva che la guerra stesse per concludersi con il trionfo germanico e temeva di arrivare troppo tardi. Giunse così, come la chiamo il Duce “l’ora fatale”. Il 10 giugno l’Italia dichiarò guerra a Francia e Inghilterra.mentre i tedeschi attaccavano Parigi, l’esercito italiano attacco la Francia sulle Alpi occidentali, con molte perdite umane e scarsi successi. La Francia ormai piegata dai tedeschi in due settimane dovette firmate l’armistizio anche con l’Italia. Le difficoltà che aveva avuto l’Italia contro la Francia ormai già distrutta dall’esercito di Hitler dimostravano l’impreparazione del nostro paese nei confronti della guerra. E’ cosi che iniziano le prime sconfitte. Nel novembre del 1940 gli aerei inglesi silurarono le navi Italiane ancorate nel golfo di Taranto e pochi mesi più tardi la flotta inglese inflisse gravissime perdite a quella italiana nelle acque di capo Matapan. Altrettanto disastrose furono le prime operazioni militari italiane in Africa invasero l’Egitto ma, altrettanto disastrose furono le prime operazioni militari italiane in Africa. Hitler, in soccorso di Mussolini mandò un corpo di spedizione che riportò all’offensiva le truppe dell’Asse con una tecnica basata sulla rapidità e l’astuzia. Desideroso di ottenere un’altra vittoria Mussolini attacco la Grecia nell’ottobre 1940 ma l’offensiva finì subito in un disastro, subendo pesanti perdite. Anche questa volta l’esercito tedesco andò in loro soccorso. Occuparono la Bulgaria, la Jugoslavia, la Grecia e l’isola di Creta.

La battaglia d inghilterra l.jpgSlide 45

La battaglia d’Inghilterra

Caduta la Francia rimaneva in armi contro la Germania solo l’Inghilterra. Hitler pensava che gli inglesi avrebbero accettato le sue offerte di pace, ma rimase deluso.

Winston Churchill, conservatore, avversario del nazismo, in un suo discorso chiamò il paese tutto alla lotta contro i nazisti.

L’8 agosto Hitler scatenò l’aviazione militare tedesca in una serie di massicci bombardamenti aerei sulla città e le basi militari britanniche. La città di Coventry venne rasa al suolo e Londra gravemente colpita. Gli inglesi non si demoralizzarono e l’aviazione inglese riuscì a contrastare l’aviazione tedesca grazia all’uso del radar, una recente invenzione che consentiva di conoscere con anticipo le dimensioni e la direzione dell’attacco nemico. Le perdite sempre più gravi costrinsero Hitler in ottobre a sospendere l’offensiva aerea e a rinviare lo sbarco sull’isola.

La battaglia d’Inghilterra dimostrava che era possibile resistere alla terribile macchina da guerra hitleriana.

battaglia d’Inghilterra

L attacco tedesco all unione sovietica l.jpgSlide 46

L’attacco tedesco all’Unione Sovietica

Nonostante l’insuccesso dell’offensiva contro l’Inghilterra, Hitler era ormai padrone di tutta l’Europa continentale, avendo nella primavera del 1941, occupato anche la penisola balcanica.

Hitler spostò così il suo fulcro della sua strategia verso Oriente e decise di attaccare l’Unione Sovietica. Sebbene il patto di non aggressione nazi-sovietico impegnasse i due paesi a non combattersi, Stalin si dimostrava sempre più preoccupato della presenza di Hitler nei Balcani, a ridosso dei confini dell’Unione Sovietica, mentre la strategia hitleriana prevedeva l’eliminazione del comunismo. L’Urss, centro del comunismo mondiale restava l’ultimo ostacolo da superare per completare la costruzione del nuovo ordine tedesco in Europa. Nel giugno 1941 Hitler, senza dichiarazioni di guerra diede il via all’operazione Berbarossa. Le truppe tedesche ricevettero l’ordine di considerare la lotta conto il “bolscevismo” in termini di sterminio. La “guerra lampo” tedesca ebbe all’inizio un grande successo appropriandosi dell’Ucraina e la Crimea ma poi, Stalin fece appello a tutte le forze, compresa la Chiesa ortodossa, per combattere la “grande guerra patriottica”. Nacque un vigoroso ed efficace movimento di resistenza ma i tedeschi intanto continuavano le loro vittorie e giunsero fino a 20 km da Mosca, alla metà d’ottobre quando iniziò il rigido inverno russo. Il comunismo sembrava ormai sul punto di crollare e pochi al mondo avrebbero creduto alla sua salvezza ma, i soldati sovietici resistettero accanitamente e passavano al contrattacco in più punti finché l’offensiva tedesca dovette arrestarsi. Anche sul fronte orientale la “guerra lampo” era dunque fallita, bloccati dalla neve, dal fango e da gelo che arrivava a toccare i 30 gradi sotto lo zero, i soldati tedeschi si apprestavano ad affrontare un durissimo inverno.

Il giappone attacca gli usa l.jpgSlide 47

Il Giappone attacca gli Usa

Fin dal 1937 il Giappone aveva attaccato la Cina e coltivava il progetto di estendere il suo dominio su tutta l’area del Pacifico. Le vittorie della Germania e dell’Italia convinsero l’esercito nipponico a passare all’attacco, una scelta pericolosa, poiché comportava la guerra inevitabile con gli Stati uniti.

Nel dicembre del 1941 gli aerei giapponesi attaccarono di sorpresa la base americana di Pearl Harbor, nelle isole Hawaii e distrussero buona parte della flotta statunitense nel Pacifico.

Eliminate le flotte nemiche il Giappone ebbe via libera in tutta l’area del Pacifico e occuparono in pochi mesi l’Indocina francese, le Filippine, Hong Kong, la Birmania, Singapore, l’Indonesia e la Nuova Guinea. L’aggressione Giapponese provocò l’entrata in guerra degli Stati Uniti, i quali già da tempo sostenevano con ingenti mezzi la lotta dell’Inghilterra contro il nazismo. Nell’agosto del 1941 Roosevelt e Churchill, inoltre, avevano firmato la Carta Atlantica, un documento che indicava nei principi della democrazia i cardinali della futura ricostruzione dell’ordine mondiale e fissava la parola d’ordine come guerra antifascista come guerra di democrazia e contro il nazismo. All’inizio del 1942 le forze dell’Asse apparivano vittoriose su tutti i fronti ma non avevano ancora ottenuto nessun successo definitivo tranne quello sulla Francia. Sarà l’immenso potenziale bellico degli Stati Uniti che doveva ancora entrate in scena a determinare le sorti finali della guerra

attacco a Pearl Harbor

Vivere sotto i nazisti l.jpgSlide 48

Vivere sotto i nazisti

Nel frattempo più di mezza Europa imparò tragicamente cosa voleva dire vivere sotto i nazisti. Il dominio germanico impose dunque il “nuovo ordine” ovvero il sistematico sfruttamento economico dei territori occupati e la spietata persecuzione poliziesca contro le popolazioni assoggettate. Particolarmente atroce fu la sorte dell’Est Europeo, lo “spazio vitale” che doveva alimentare la macchina bellica germanica e garantire un soddisfacente tenore di vita ai tedeschi, che fu sottoposto ad uno spietato sfruttamento di tipo coloniale. I prigionieri di guerra russi e polacchi furono sfruttati nei campi di lavoro fino alla morte o sterminati nei campi di concentramento. Nel 1942 Hitler ordinò di procedere alla “soluzione finale del problema ebraico”, il nuovo ordine esigeva l’eliminazione delle “razza nocive” e in primo luogo lo sterminio totale della razza ebraica.

Gli ebrei venivano rastrellati in tutta l’Europa e deportati in massa nei campi di concentramento. Qui, le SS e la Gestapo li sterminavano nelle camere a gas e nei forni crematori.

Ebrei, zingari, prigionieri Polacchi, Russi, Italiani, Francesi e Tedeschi furono le vittime dell’orribile carneficina.

La svolta della guerra l.jpgSlide 49

La svolta della guerra

Tre il 1942 e 1943 la guerra ebbe una svolta decisiva. Nella seconda metà del 1942 le offensive germaniche verso il Caucaso, del Giappone nel Pacifico, degli italo-tedeschi nell’Africa nord-orientale vennero arrestate e, con l’inizio del 1943 gli eserciti alleati passarono al contrattacco su tutti i fronti.Sul fronte russo le truppe naziste lanciarono un’offensiva in direzione del Don e del Volga meridionale, del Caucaso e del Mar Caspio, e attaccarono la città di Stalingrado, dove si combatté una tra le più grandi battaglie della storia. Entrati nella città dopo aspri combattimenti, i Tedeschi vi incontrarono una resistenza imprevista. Quando i tedeschi credevano ormai in pugno la situazione, si trovarono improvvisamente accerchiati in una morsa di ferro. La resistenza di Stalingrado aveva dato tempo all’Armata Rossa di intrappolare nella città l’intera armata tedesca, a cui non restò altro che arrendersi. La Battaglia di Stalingrado durò dal luglio 1942 al febbraio 1943 e fu la prima grande sconfitta dell’esercito germanico in Russia, una sconfitta che segnò l’inizio della fine. Subito dopo infatti cominciò la controffensiva dell’esercito sovietico che prese le mosse proprio nella zona del Don. Qui si consuma la tragedia del corpo di spedizione italiano da 20.000 uomini ne rimasero la metà. Intanto, nel Pacifico, gli Americani affrontavano i Giapponesi : dapprima ne arrestarono l’avanzata con le due grandi battaglie navali del Mare dei Coralli e delle Isole Midway, quindi la conquista dell’isola di Guadalcanal spalancò agli Americani le porte per la riconquista del Pacifico.

Infine nel Nord Afica, le truppe britanniche sconfissero Tedeschi e Italiani nella battaglia di El Alamein in Egitto stroncando l’offensiva italo-tedesca verso Suez.

Gli inglesi procedettero poi alla conquista di tutto il Nord Africa, che fu portata a termine nel 1943 con l’aiuto di truppe Americane. Diventa così possibile, grazie al controllo del Mediterraneo, organizzare l’invasione dell’Italia. Nell’estate del 1943 gli eserciti dell’Asse sui ritrovarono in ritirata su tutti i fronti.

Determinante fu, in questa svolta, il contributo degli Stati Uniti, il cui potentissimo apparato industriale cominciò a sfornare armi, aerei e navi che andavano a rifornire tutti i fronti.

Altrettanto determinante fu l’attività della resistenza che in Cina, Jugoslavia, Russia, Francia e molti altri paesi europei impegnava le truppe occupanti, distogliendone una parte dal fronte, pendeva gli approvvigionamenti del nemico sabotando i collegamenti con le retrovie e forniva preziose informazioni agli Alleati.

La caduta del fascismo in italia l.jpgSlide 50

La caduta del fascismo in Italia

I primi di luglio del 1943 le truppe anglo-americane sbarcarono in Sicilia e la conquistarono facilmente, poi cominciarono a salire verso la penisola. Bombardamenti massicci colpivano Genova, Torino, Milano, Palermo. Mussolini era sempre più isolato e il 25 luglio il Gran Consiglio del Fascismo, per la prima volta dopo vent’anni votò una mozione di sfiducia nei suoi confronti. Il re lo fece arrestare e lo esiliò sul Gran Sasso e in tutta l’Italia esplose l’entusiasmo popolare.

Il nuovo governo, presieduto dal maresciallo Badoglio, negoziò segretamente con gli Alleati l’armistizio, che fu reso noto l’8 settembre. A questa notizia i tedeschi occuparono immediatamente la penisola. Il re, il governo e gran parte dei generali si misero subito in salvo a Brindisi, territorio occupato dagli Alleati, lasciando l’esercito senza ordini e istruzioni.

La situazione si fece presto drammatica, l’esercito fu esposto alle rappresaglie tedesche, venivano catturati e spediti nei campi di concentramento nazisti, oppure fucilati sul posto. Intanto Mussolini liberato da un reparto di paracadutisti tedeschi, ricostituiva un governo fascista la Repubblica Sociale Italiana con sede a Salò, sul lago di Garda.

L’Italia era dunque spaccata in due: il sud, occupato dagli Alleati Anglo-Americani, sotto la monarchia e il governo di Badoglio e il centro-nord, occupato dai tedeschi, sotto il governo collaborazionista della Repubblica di Salò guidato da Mussolini.

La resistenza italiana l.jpgSlide 51

La resistenza Italiana

L’avanzata degli alleati nella penisola fu molto lenta, i tedeschi infatti opponevano uno sbarramento accanito. Napoli, una città che aveva subito pesantemente le conseguenze della guerra insorse contro i Tedeschi tre il 27 e il 30 settembre del 1943, dopo accaniti combattimenti, gli occupati furono costretti a ritirasi. Fu questo il primo grande episodio della resistenza Italiana. Intanto, i partiti politica ricostituitisi dopo la caduta del fascismo avevano dato vita il 9 settembre a Roma al Comitato de Liberazione Nazionale, che si proponeva di promuovere la lotta degli Italiani contro l’occupazione tedesca e contro il fascismo.

Il 13 ottobre il governo Badoglio dichiarò guerra alla Germania combatterono a fianco degli Alleati.

Nell’Italia occupata dai tedeschi si costituirono, subito dopo l’8 settembre, i primi nuclei partigiani Già nel 1944 l’azione delle forze partigiane fu posta sotto il comando unificato del Corpo Volontari della Libertà diretto dal generale Cadorna. i partigiani scatenarono operazioni di guerriglia, sabotaggi, attentati, e anche battaglie in campo aperto. La loro lotta che durò quasi due anni e assunse subito un duplice carattere: di guerra contro il nemico tedesco e di guerra civile, contro il nemico fascista.

I nazi-fascisti furono tenuti costantemente sulla difensiva e si sentirono presto isolati, mentre il popolo italiano, che era stato coinvolto in una guerra odiosa, complice di un alleato feroce, poteva ora riscattarsi dagli occhi del mondo. Alle azioni dei partigiani, i nazisti e i fascisti risposero con crudeli rappresaglie sulla popolazione civile.superato il durissimo inverno 1944-1945 senza deporre le armi, la Resistenza italiana diede un contributo determinante alla liberazione del Nord Italia nella primavera del1945. l’insurrezione nazionale dilagò il 25 e il 26 aprile del 1945 , mentre gli alleati invadevano la valle Po, i partigiani lanciarono un attacco contro le forze nemiche. I tedeschi fuggirono e la repubblica di Salò si sfasciò. Mussolini fu catturato da partigiani , mentre travestito da soldato tedesco cercava di scappare. Venne fucilato al 28 aprile

La caduta del nazismo l.jpgSlide 52

La caduta del nazismo

La grande offensiva contro la Germania venne sferrata dove il nemico meno l’aspettava, in Normandia. Tra il 5 e il 6 giugno del 1944, il generale americano Eisenhower diede il via all’“operazione Overlord” dove navi da guerra , tre milioni di soldati, aerei scatenarono l’inferno sui fortini tedeschi della costa francese.Lo sbarco si concluse con un pieno successo e la Francia fu liberata e affidata e a un governo guidato dal generale De Gaulle. Intanto, negli stessi mesi l’Armata Rossa raggiunse Varsavia e procedette all’occupazione della Romania e della Bulgaria, mentre la Jugoslavia riacquistava la propria libertà grazie al proprio esercito partigiano guidato dal maresciallo Tito.

In previsione della vittoria finale, ormai certai capi delle potenze alleate: Roosevelt per gli Usa, Churchill per l’Inghilterra r Stalin per l’Urss, si riunirono nel febbraio del 1945 a Yalta, in Russia, per decidere le linee principali del sistemazione dopo la guerra. Gli accordi di Yalta ebbero un’importanza storica e venne infine coordinata l’offensiva finale contro i Tedeschi: ormai il nazismo aveva le ore contate. Mentre i bombardamenti radevano al suolo l’intera Germania le truppe alleate avanzavano dalla Francia, dalla Russia e dall’Italia.

Intanto a Berlino , dal bunker sotterraneo dove si era rifugiato, Hitler continuava a trasmettere ordini folli: rifiutava di ammettere la sconfitta e in una delirante alternanza incitava il popolo alla vittoria o al sacrificio collettivo. Ma i tedeschi ormai avevano smesso di credere di obbedire al loro Fuhrer. Quando i primi soldati Russi entrarono nella capitale tedesca, ormai completamente distrutta, il Fuhrer si tolse la vita, il 30 aprile 1945.

Il 7 maggio 1945 la Germania accettava di firmare la resa.

Fine della guerra l.jpgSlide 53

Fine della guerra

Nonostante i progressi dell’avanzata americana nel Pacifico, il Giappone, ormai solo, resisteva tenacemente. Ai tremendi bombardamenti americani che ormai colpivano il paese stesso, i Giapponesi rispondevano con le micidiali missioni dei piloti suicidi chiamati KamiKaze (vento divini), i quali si lanciavano con i loro aerei carichi i esplosivo contro le navi americane infliggendo gravi perdite al nemico. Il nuovo presidente americano Truman, succeduto a Roosevelt morto poco tempo prima, decise allora di usare la nuova terribile arma, la bomba atomica, appena messa a punto da un equipe di scienziati.

Il 6 agosto 1945 la prima bomba atomica cadde sulla città di Hiroshima uccidendo 90.000 persone in pochi minuti e altre130.000 morirono in seguito, per le ferite riportate e in conseguenza alle radiazioni. Tre giorno dopo toccò alla città di Nagasaki dove si ripeté l’ecatombe. Il1° settembre del 1945 il Gippone firmò la Resa. La seconda Guerra mondiale era finita con la vittoria degli Stati Uniti.

Slide54 l.jpgSlide 54

Amen

  • Trama

  • Recensione

Francese l.jpgSlide 55

Francese

  • L’affaire Dreyfus

  • Le procès Dreyfus

  • Les consequences politiques

L affaire dreyfus l.jpgSlide 56

L’affaire Dreyfus

Une des plus grandes crises politiques et morales de la IIIèmeRépublique, qui déchaîna l'opinion publique de 1896 à 1899 sur la culpabilité du capitaine d'origine juive Alfred Dreyfus, condamné à tort pour espionnage. Au delà du scandale judiciaire, "l'Affaire" révéla les profonds clivages politiques et idéologiques de la France d'avant 1914.

Le proc s dreyfus l.jpgSlide 57

Le procès Dreyfus

En septembre 1894, en pleine période de révision des plans de guerre après la conclusion de l'accord secret franco-russe, fut découvert au service de renseignements français un bordereau anonyme contenant une liste de documents militaires français confidentiels destinée à l'ambassade d'Allemagne.

Un officier du 2e bureau de l'état-major général, juif d'origine alsacienne, le capitaine Dreyfus, fut inculpé sur une simple ressemblance d'écriture et traduit devant le Conseil de guerre qui le condamna le 22 décembre suivant à la dégradation et à la déportation à vie sur l'île du Diable. Sa famille, en particulier son frère Mathieu, fit le possible pour faire triompher son innocence. Plus tard, l’Eclair puis le Matin attirèrent l'attention du public sur la nature suspecte des preuves qui avaient entraîné la condamnation de l'officier. Bernard Lazare, un critique et publiciste juif, publia une brochure favorable à Dreyfus. Le colonel Piquart, nouveau chef du service des renseignements, découvrit un document accablant un officier d'infanterie, le commandant Esterházy. Un an plus tard le Figaro, sous la plume de Mathieu, le révéla au public. Pour éviter une révision du procès de Dreyfus, les autorités militaires traduisirent Esterházy devant le Conseil de guerre qui l'acquitta, le 10 janvier 1898. Le gouvernement progressiste qui n'entendait remettre en cause ni l'autorité de la chose jugée ni l'autorité de l'armée approuva. Piquart fut envoyé en Tunisie. Le surlendemain, l'écrivain Émile Zola publia dans le journal de Georges Clemenceau, l'Aurore, une lettre ouverte au président de la République, sous le titre "J'accuse", dans laquelle il dénonçait le déni de justice commis par l'armée et ses complices, hommes politiques et magistrats. Zola fut condamné pour diffamation à un an de prison ferme et à une amende, mais l'affaire Dreyfus était devenue "l'Affaire".

Les cons quences politiques l.jpgSlide 58

Les conséquences politiques

L'Affaire Dreyfus, dans l'immédiat, suscita un reclassement des forces politiques et la formation d'un bloc des gauches décidé à appliquer un programme anticlérical (séparation de l'Église et de l'État, 1905).

À plus long terme, les républicains furent ceux qui avaient choisi le camp dreyfusard en plaçant au premier rang de leurs valeurs politiques la défense des Droits de l'Homme, la justice, la laïcité et le respect des droits de la nation. L'affaire Dreyfus dura plus de dix ans, de septembre 1894, date de la découverte des fuites à l'état-major, au 12 juillet 1906. En substance, le capitaine Alfred Dreyfus fut condamné pour espionnage en décembre 1894. La révision du procès eut lieu à Rennes en juin 1899 et Dreyfus fut condamné de nouveau, avec circonstances atténuantes puis grâcié par le président Loubet. Il fallut attendre encore six ans avant que la pleine réhabilitation de Dreyfus ne soit établie.Le 23 février 1899, les antidreyfusard, avait même tenté un coup d'État. L'Affaire qui révélait la profondeur de l'antisémitisme français mit aussi à mal le prestige de l'armée, le milieu parlementaire qui ne sut pas, à quelques individualités près, prendre nettement position dans l'Affaire. L'affaire Dreyfus s'incrivit aussi dans le cadre diplomatique et stratégique nouveau lié à la reconstitution d'alliances par la IIIe République; d'abord avec la Russie (1892), puis, avec le Royaume-Uni (1904).

Trama del film amen l.jpgSlide 59

Trama del film Amen

Questa è la storia di Kurt Gerstein, un sotto-ufficiale delle SS tedesche durante la 2° guerra mondiale, incaricato dai superiori di procedere materialmente alla “soluzione finale”, ovvero l’eliminazione fisica degli ebrei concentrati nei ghetti del Governatorato Generale. Gerstein, vede con i propri occhi gli effetti del Zyklon B su migliaia di ebrei rinchiusi nelle camere a gas. Queste scene segnano irrimediabilmente la coscienza e la sua morale cattolica che rivela a un giovane prete italiano, Riccardo Fontana, ciò che sta accadendo. Fontana e Gerstein, animati da una forte morale cristiana, cercano aiuto presso la Santa Sede, affinché il papa riveli al mondo la politica di sterminio che si sta facendo più intensa. Purtroppo però gli alti vertici del Vaticano non sembrano prendere in considerazione le testimonianze dei due. Così, dopo che nel messaggio di Natale 1941-1942 il papa non ha parlato del genocidio, Fontana e Gerstein decidono di agire da soli per cercare di fermare lo sterminio. Gerstein, approfittando della sua posizione, cerca di rallentare e sabotare la “macchina di morte”, falsificando documenti, bloccando spedizioni e consegne di Zyklon B e corrompendo ufficiali e addetti, fino a quando non se ne accorge un superiore.Il prete invece come atto di solidarietà verso le vittime decide di prendere un convoglio di deportati verso la morte. Alla fine della guerra Gerstein è ancora vivo e è pronto a rivelare agli Alleati le atrocità a cui ha assistito. Sfortunatamente però tutti i documenti relativi alle ordinazioni di Zyklon B portano la sua firma e, ormai certo che gli Alleati non gli crederebbero si uccide prima di essere processato. Il film si conclude con il diretto superiore di Gerstein che si reca da un vescovo in Vaticano per sfuggire alla giustizia degli Alleati.

Produzione: Francia

Regia: Costantin Costa-Gravas

Slide60 l.jpgSlide 60

Recensione

Questo film, anche se è a tratti molto crudi mi è piaciuto e mi ha colpito parecchio. Amen presenta la tragicità della “soluzione finale” in modo estremamente realisticoEntrambi i protagonisti sono mossi da una forte morale cristiana che durante il film viene ben messa alla luce. Sono rimasta molto colpita dal comportamento della gerarchia vaticana e dalla passività della Chiesa di fronte all’olocausto. A queste due cose, si oppone l’eroismo di Fontana e Gerstein, motivati da una forte fede cristiana che li accompagnerà entrambi fino alla morte. I due protagonisti pieni di amore verso il signore e di speranza combatteranno fino alla fine.Il film purtroppo però non ha una conclusione positiva, infatti finisce senza arrivare alla verità tanto combattuta.

Dai decreti contro gli ebrei l.jpgSlide 61

Dai decreti contro gli ebrei

Decreto del 18 settembre 1942 - Razionamento del cibo agli ebrei

Decreto del 18 ottobre 1936 - Ordinanza di eliminazione degli ebrei dalla vita economica

Legge del 7 aprile 1933 - Rinnovo dell'amministrazione pubblica

Legge del 15 settembre 1935 - Protezione del sangue e dell'onore tedesco

Primo regolamento alla legge di cittadinanza tedesca

Legge di Norimberga del 1935 - La cittadinanza tedesca

Manifesto degli scienziati razzisti del 5 agosto 1938

Decreto del 17 novembre 1938 - Provvedimenti per la difesa della razza italiana

Decreto del 5 settembre 1938 - Provvedimenti razzisti nella scuola fascista

Matematica l.jpgSlide 62

Matematica

  • L’infinito

  • Il simbolo dell’infinito

  • L’Albergo infinito

  • I limiti

Il concetto d infinto l.jpgSlide 63

Il concetto d’infinto

L'infinito, dal latino "finitus", cioè limitato con prefisso negativo “in”, è la qualità di ciò che non ha limiti. Il concetto matematico di infinito ha la sua naturale collocazione nella teoria degli insiemi. Un insieme A si dice infinito se ogni suo sottoinsieme finito è un sottoinsieme proprio. In altre parole, A è infinito se e solo se è equivalente a un suo sottoinsieme proprio.

Normalmente si tende a pensare all’ infinito come a qualcosa che non ha mai fine uno spazio che si estende all' infinito o un tempo infinito, eterno.

Spesso ci si chiede se si può raggiungere l’infinto. La risposta è no perché possiamo aumentare ANCORA il nostro nuovo immaginario numero, fosse anche di una sola unità o qualsiasi altro valore

TOT+X oppure TOT*X

Quindi, continuando a ragionare in termini di QUANTITA', cioè di un qualcosa che esiste SOLO in funzione del limiti/confini che la rendono tale, l'infinito "quantitativo" non è e non sarà MAI raggiungibile, semplicemente perché un tale infinito NON PUO' ESISTERE.

Una distanza "TOT" esiste come tale, e diversa dalla distanza "TOT-X", solo se esistono i due estremi (a, b) che la delimitano nello spazio.

.

Infinito = ILLIMITATO Illimitato = senza limiti

Il simbolo dell infinito l.jpgSlide 64

Il simbolo dell’infinito

L'uroburos, il serpente che si morde la coda, è il simbolo dell'infinito spaziale e temporale. L'uroburos, è anche il simbolo del paradosso logico l'uroburos, il serpente con la coda in bocca, è il prototipo del circolo vizioso. Cos'è più "vizioso" del mordere sé stessi, con l'idea presumibile di mangiar sé stessi. Il che è in fondo impossibile. La mascella non può divorar la mascella, lo stomaco non può digerire sé stesso una buona definizione del paradosso. Il "serpente infinito" rappresenta un uroburos che si è riunito con sé stesso. È caduto nel segno matematico dell'infinito. L’assenza dell’infinito è espressa in k.

L albergo infinito l.jpgSlide 65

L’albergo infinito

  • David Hilbert

  • Il paradosso dell’Albergo infinito

David hilbert l.jpgSlide 66

David Hilbert

Hilbert nacque in Prussia nel 1862, svolse tutti i suoi studi nella sua città natale. Insegnò nell’ Università locale per degli anni fino a quando ottenne la cattedra di Matematica nella prestigiosa Università di Göttingen in Russia che era il centro di riferimento per lo studio della matematica di quel tempo. A Göttingen, dove appena arrivato iniziò uno studio critico dei fondamenti della geometria che doveva influenzare tutta la sua opera successiva, restò fino alla fine della sua carriera. Morì in Russia nel 1943. Hilbert è universalmente considerato uno dei più grandi matematici di tutti i tempi. A lui si devono importanti contributi in vari campi della matematica. Per mostrare alcune caratteristiche del concetto di infinito, e le differenze fra operazioni con insiemi finiti ed infiniti Hilbert immagina un hotel con infinite stanze, tutte occupate, ed afferma che qualsiasi sia il numero di altri ospiti che sopraggiungano, sarà sempre possibile ospitarli tutti, anche se il loro numero è infinito.

Il paradosso dell albergo infinito l.jpgSlide 67

Il paradosso dell’Albergo infinito

In un normale albergo il numero delle stanze è finito e se sono tutte occupate non c’è alcun modo di fare atre prenotazioni e di poter quindi ospitare nuovi ospiti.

All’albergo infinito di Hilbert le cose vanno diversamente infatti, se le stanze sono tutte occupate e un nuovo cliente vuole passare una notte al hotel, non ci sono problemi; basta spostare l’ospite della stanza 1 nella stanza due, l’ospite della stanza 2 nella stanza 3 e così via, all’infinito. Così facendo la stanza 1 si libera per il nuovo cliente senza togliere la stanza a nessun altro ospite.

Slide68 l.jpgSlide 68

Dopo di questo cliente, al hotel infinito che era ancora al completo arrivano un numero infinito di persone. Cosi come avvenne con il cliente precedente, per accogliere tutte le persone bastava spostare il cliente della stanza 1 nella stanza 2 il cliente della stanza 2 nella stanza 4, quello della stanza 3 nella 6 e così via, all’infinito. In questo modo si liberano tutte le stanze dispari e ce ne sono infinite per sistemare le infinite persone.

Il giorno seguente all’arrivo delle infinite persone, gli ospiti mal contenti delle stanze di numero pari chiedono di partire tutti. Sono stanchi di esser continuamente spostarsi all’arrivo di ogni ospite. Il direttore è molto arrabbiato perché ora tutte le stanze di numero pari ovvero, il 50% delle camere dell’albergo sono libere e quindi il livello di occupazione è piuttosto basso.

Slide69 l.jpgSlide 69

Un cliente, vedendo la situazione del hotel non volendo veder chiudere un’azienda così flessibile, suggerì al direttore di spostare gli ospiti riavvicinandoli tra loro eliminando le stanze libere. Così. Il cliente della stanza uno rimarrà li, il cliente della stanza 3andrà alla 2 il cliente della stanza 5 alla 3, quello della 7 nella 4 e così via. Alla fine tutte le camere sono nuovamente piene e il direttore è entusiasta.

Il giorno dopo il direttore seppe che l’attività degli altri alberghi, visto che il suo faceva parte di una catena che ha un numero infinito di alberghi gemelli, uno in ogni galassia dell’universo infinito, andava male e si prevedevano massicce chiusure.

Ciò comportava una notizia buona e una cattiva, quella buona e che i capi degli alberghi erano rimasti così impressionati da alcuni dei suoi recenti sforzi per sistemare i vari infiniti clienti nelle infinite camere che hanno deciso di licenziare tutti gli altri direttori e di chiudere tutti gli altri alberghi della catena infinita a parte il suo.

La cattiva notizia era che tutti gli infinti clienti presenti in ciascuno degli altri alberghi della catena infinita devono essere trasferiti nel suo albergo. Così improvvisamente il direttore deve cercare sistemazioni per un flusso infinito di ospito provenienti dagli altri infinitamente numerosi alberghi, mentre il suo albergo è già pieno.

Slide70 l.jpgSlide 70

Aveva cominciato trovando una stanza i più per un cliente quando l’albergo era già pieno, poi aveva trovato posto per un numero infinito di persone inattese sempre nel suo albergo pieno e adesso, gli si chiede di trovare sistemazione a un numero infinito di comitive, ciascuno delle quali è formata da un numero infinito di clienti.

Tutto il personale dell’albergo viene messo a lavorare sul problema fino a che non si arriva a una idea promettente.

Si lascia dov’è il cliente della stanza 1, si sposta quello della stanza 2 alla stanza 1001, quello della stanza 3 alla stanza 2001, quello della stanza 4 alla 3001 e cosi via.

Ora si mettono i clienti dell’albergo 2 nelle camere 1002, 2002, 3002, gli ospiti dell’ albergo 3 nelle camere 1003, 2003, 3003 e così via. All’inizio pare che questa idea sia buona ma, che ne sarà dei clienti del 1001esimo albergo? Non avranno posto letto in quanto i primi 1000 clienti in arrivo avranno occupato tutte le stanze.

Slide71 l.jpgSlide 71

Poi arrivarono ad un’altra idea, si pensò di mettere gli ospiti dell’albergo 1 nelle camere 2, 4,8, 16, e così via, moltiplicando sempre per 2; i clienti dell’albergo 2 nelle stanze, 3, 6, 9 ,27, 81, moltiplicando per 3, cosi fino all’infinito.

Il direttore però si rese conto che questo modo di assegnazione delle camere creava dei problemi in quanto alcune camere finirebbero per avere più di un ospite, per esempio, nella stanza 16 si ritroverebbero il quarto cliente dell’albergo 1 e il secondo cliente dell’albergo 3. Bisognava quindi esser sicuri che lo schema di assegnazione mandi una persona sola in ciascuna stanza.

Slide72 l.jpgSlide 72

Cosi arrivarono ad una terza soluzione, usare i numeri primi (2, 3, 5, 7, 11, 13, 17, 19, 23.ce ne sono infiniti) perché qualche numero intero può essere espresso come prodotto di fattori primi in un unico modo. Il direttore è molto interessato e scolta con pazienza, riflette attentamente e poi annuncia al personale come verranno effettate le sistemazioni.

Si sistemeranno gli infiniti clienti dell’Albergo 1 nelle stanze 2, 4, 8, 16, 32,…; quelli dell’Albergo 2 nelle camere 3, 6, 9, 27, 81,…; quelli dell’Albergo 3 nelle stanza 5, 25, 125, 625,…; quelli in arrivo dall’Albergo 4 nelle stanze 7, 49, 343,…: e così via. Nessuna stanza potrà mai essere assegnata a più di un ospite perché, se P e Q sono numero primi diversi mente M e N sono numeri interi, allora P elevato alla M non potrà mai essere uguale a QN.

Facendo alcune prove, il personale si resero conto che le cose possono essere un po’ semplificate e il procedimento per l’assegnazione delle camere può essere messo in atto con l’uso di una semplice calcolatrice.

Basta mettere l’ospite nella M-esima stanza dell’N-esimo albergo nella stanza numero 2 alla M x 3 alla N; per esempio il sesto ospite del quarto albergo andrà nella camera 2 alla 6 x 3 alla 4 = 64 x 81 = 5184.

Nessuna stanza quindi potrà avere due occupanti.

Alcune stanze per con questo sistema rimarranno sempre vuote infatti, le camere con numeri come, 6, 10, 12, che non sono potenze di numeri primi rimarranno vuote.

Slide73 l.jpgSlide 73

(1,1)

(1,2)

(1,3)

(1,4)

(1,5)

(1, n)

(2,1)

(2,2)

(2,3)

(2,4)

(2,5)

(2,n)

(3,1)

(3,2)

(3,3)

(3,4)

(3,5)

(3,n)

(4,1)

(4,2)

(4,3)

(4,4)

(4,5)

(4,n)

(5,1)

(5,2)

(5,3)

(5,4)

(5,5)

(5,n)

...

...

...

...

...

...

(m,1)

(m,2)

(m,3)

(m,4)

(m,5)

(m,n)

Così , il direttore si rivolge a un suo ex compagno di scuola che lo aiuta arrivando ad un’altra soluzione molto più efficiente.

Si costruisce una tabella nella quale le coppie di numeri tra parentesi denotano il numero delle stanze di provenienza dell’ospite in arrivo e il numero dell’albergo da cui arriva. Così, per esempio, l’elemento della quinta riga della quarta colonna indica l’ospite della quinta stanza del quarto Albergo.

Slide74 l.jpgSlide 74

(1,1) nella stanza 1

(1,2) nella stanza 2

(1,3)

(1,4)

(1,5)

(1, n)

(2,1) nella stanza 4

(2,2) nella stanza 3

(2,3)

(2,4)

(2,5)

(2,n)

(3,1)

(3,2)

(3,3)

(3,4)

(3,5)

(3,n)

(4,1)

(4,2)

(4,3)

(4,4)

(4,5)

(4,n)

(5,1)

(5,2)

(5,3)

(5,4)

(5,5)

(5,n)

...

...

...

...

...

...

(m,1)

(m,2)

(m,3)

(m,4)

(m,5)

(m,n)

Ora c’è una semplice regola per smistare tutti i nuovi arrivati servendosi della nuova tabella. Quando gli ospiti arrivano, si dice al personale addetto al ricevimento di mettere il cliente della (1, 1) nella stanza 1; il cliente della (1, 2) nella stanza 2; il cliente della (2, 2) nella stanza 3; il cliente della (2, 1) nella stanza 4.

Con ciò sono sistemati tutti i clienti del quadrato 2x2 in alto a sinistra nella tabella.

Slide75 l.jpgSlide 75

(1,1) nella stanza 1

(1,2) nella stanza 2

(1,3) nella stanza 5

(1,4)

(1,5)

(1, n)

(2,1) nella stanza 4

(2,2) nella stanza 3

(2,3) nella stanza 6

(2,4)

(2,5)

(2,n)

(3,1) nella stanza 9

(3,2) nella stanza 8

(3,3) nella stanza 7

(3,4)

(3,5)

(3,n)

(4,1)

(4,2)

(4,3)

(4,4)

(4,5)

(4,n)

(5,1)

(5,2)

(5,3)

(5,4)

(5,5)

(5,n)

Ora si passa al quadrato 3 x 3. si mette il cliente della (1, 3) nella stanza 5, quello della (2, 3) nella stanza 6, quello della (3, 3) nella stanza 7, quello della(3, 1) nella 9. così è sistemato il quadrato 3 x 3 in alto a sinistra.

Cosi facendo, non solo ogni ospite sarà assegnata una camera , ma non ne rimarrà vuota nemmeno una.

Il livello di occupazione è di nuovo al 100 per cento.

Slide76 l.jpgSlide 76

Gli affari dell’Albergo infinito non sono mai andati così bene. Le entrate sono infinite, i costi infiniti, ma anche i profitti sono infiniti. Va tutto bene fino a quando però il direttore riceve una cartella delle tasse. Il contabile dell’albergo si è dato da fare per assicurarsi l’aliquota più bassa possibile, ma qualsiasi sia l’aliquota, quando la si applica all’entrata infinita il risultato è infinito. Il direttore arrabbiato chiede come possa esser accaduto e il contabile calmandolo gli spiega che, pur pagando la sua aliquota infinita i profitti rimarranno assolutamente invariati , sempre infiniti.

La storia non finisce bene. I proprietari dell’Albergo infinito sono sempre più logorati dalle complicazioni che sorgono dalla gestione di infiniti clienti provenienti da infiniti alberghi in un numero infinito di galassie. Così decidono di compiere un radicale cambiamento al di strategia commerciale, cambiando il nome della catena, il marchio dei loro prodotti e vanno a occupare una nuova nicchia di mercato

Slide77 l.jpgSlide 77

Decidono di diventare l’Albergo più minimalista che ci sia: l’Albergo Zero. La vita così è più semplice. Niente più stanze, clienti, personale, niente più costi d’esercizio, la temperatura ambientale viene tenuta sotto lo zero, niente più perdite,niente più problemi. Nella hall, sono esposte opere d’arte moderne che hanno tutto l’aspetto di tele non dipinte, e una copia gratuita del libro da Zero a Infinito, la grande storia del nulla offerta a titolo di consolazione a ognuno degli speranzosi clienti, che sono numerosi , infinitamente numerosi. Sulla parete, il pensiero del giorno:

“Se la gente no crede che la matematica sia semplice,

è solo perché non si rende conto di quanto sia complicata la vita.”

I limiti l.jpgSlide 78

I limiti

y 3x2-7x+2 = = forma indeterminata

4x2-5x+1 

Svolgo il limite con: X∞

limx2 (3- 7+2)

X∞ x x2= 3

x2 (4-5+1) 4

x x2

Svolgo i limiti con x l.jpgSlide 79

Svolgo i limiti con:X-∞

limx2 (3- 7+2)

X-∞ x x2= 3

x2 (4-5+1) 4

x x2

Slide80 l.jpgSlide 80

Milioni di vittime sacrificate ingiustamente, uomini ridotti a pelle ed ossa, bambini allontanati dalle loro madri, famiglie distrutte, uomini e donne tolti alla loro vita, ai loro cari, condotti ad un unico crudele destino a cui solo pochi riuscivano a sfuggire…

Fine

Pala Raffaella classe 5ª B Tur anno 2005/2006


Copyright © 2014 SlideServe. All rights reserved | Powered By DigitalOfficePro