Il carrello emergenze
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 16

IL CARRELLO EMERGENZE PowerPoint PPT Presentation


  • 587 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

IL CARRELLO EMERGENZE. IL CARRELLO EMERGENZE. Simeup Lazio. Gruppo di studio infermieri “ ROMA 2008 ”. Amici Lucia (Infermiera Ospedale Grassi di Ostia) Mattei Roberta (Infermiera Ospedale Bambino Gesù Palidoro ) Salerno Viviana (Infermiera Ospedale Pertini Roma).

Download Presentation

IL CARRELLO EMERGENZE

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Il carrello emergenze

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Simeup Lazio

Gruppo di studio infermieri

“ROMA 2008”

Amici Lucia

(Infermiera Ospedale Grassi di Ostia)

Mattei Roberta

(Infermiera Ospedale Bambino Gesù Palidoro )

Salerno Viviana

(Infermiera Ospedale Pertini Roma)


Il carrello emergenze1

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

EMERGENZA: situazione critica che vede compromessa una o più funzioni vitali in maniera acuta e ingravescente e che, se non tempestivamente affrontate, possono avere un esito infausto.

La percentuale di successo delle manovre rianimatorie è inversamente proporzionale al trascorrere del tempo.

Il carrello emergenze è un mezzo che permette agli operatori sanitari di disporre di tutti gli strumenti idonei per fronteggiare istantaneamente una situazione di criticità, deve perciò essere ubicato secondo i criteri di accessibilità veloce, in posizione centrale rispetto alle unità operative indicandone la posizione con apposita cartellonistica.

Deve prevedere :

equipaggiamento standard per l’assistenza cardiorespiratoria,

attrezzatura specifica per la rianimazione

la presenza di materiale generico

Tutti gli operatori devono essere in grado di utilizzarlo.


Il carrello emergenze2

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Tutto il personale deve conoscere l’ubicazione del carrello, come è organizzato e strutturato. Deve altresì essere addestrato alla manutenzione dello stesso.

TRACCIABILITA’ DELL’UTILIZZO.

E’ responsabilità degli infermieri delle unità operative il controllo periodico della funzionalità e della presenza del materiale documentando quanto eseguito attraverso l’utilizzo e la compilazione di una cheek list con la data di quando il controllo è stato effettuato e la firma di chi ha svolto l’accertamento (lista check control). E’ responsabilità del coordinatore del settore verificare che i controlli vengano eseguiti.

Il controllo del materiale presente sul carrello consiste nel verificare la presenza dei farmaci e dei presidi elencati nella cheek list ed accertarne il buon funzionamento. Va inoltre controllata la scadenza dei farmaci e della sterilità dei presidi.


Il carrello emergenze3

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

PRATICITA’ E UNIFORMITA’

Il carrello deve essere “leggibile” da tutti gli operatori sanitari e di facile utilizzo, per cui ogni spazio del carrello deve avere una legenda che specifichi il contenuto, per una immediata individuazione del materiale.

Sul carrello emergenze inoltre deve essere posta un’etichetta che indichi dove è posta l’adrenalina, (frigorifero).

CONTROLLO SIGILLO

I cassetti dei carrelli devono avere un sigillo la cui integrità è garanzia che tutto è pronto per l’uso, secondo i protocolli seguiti. Sui sigilli è impresso un numero che lo identifica e che dovrà venire registrato sempre sulla cheek list.

OBIETTIVO DELLE PROCEDURE ASSISTENZIALI

Ridurre il rischio di ritardi assistenziali associati a malpractice (mancato o mal funzionamento delle apparecchiature elettromedicali).

Utilizzo delle evidenze disponibili per la migliore gestione e manutenzione del carrello per l’emergenza.


Il carrello emergenze4

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Una delle maggiori difficoltà, nella gestione dell’ urgenza cardiovascolare in pediatria, è data dalla problematica legata alla stima del peso e dell’altezza di un bambino in condizioni critiche e della relativa gestione personalizzata.

Per poter disporre di una veloce e corretta interpretazione della stima del bambino e permettere all’operatore sanitario di organizzare in breve tempo un piano assistenziale personalizzato, con l’individuazione e la preparazione dei presidi e dei farmaci già codificati, si rende necessario la condivisione di tabelle di riferimento colorate che classifichino i bambini, in grado di mettere in relazione il peso e l’altezza del bambino e che indichino le informazioni utili per l’ approccio rianimatorio. Una volta inserito il piccolo paziente in una “categoria colorimetrica”, si può procedere all’assistenza più idonea, seguendo quelle che sono le indicazioni della tabella. Tale procedura prevede l’addestramento del personale e la periodica simulazione di uno scenario, con valutazione delle performance degli operatori.

BAMBINOMETRO O SCALA DI BROSELOW

Il riferimento per la stesura di tali tabelle è stato l’utilizzo del “bambinometro”. Esso è costituito da un nastro a visualizzazione colorimetrica, con i riferimenti in rapporto al peso/altezza del bambino. Il suo scopo è quello di essere utilizzato come guida per la determinazione rapida e universale dei dosaggi farmacologici e dei relativi presidi necessari in una condizione di emergenza.


Il carrello emergenze5

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

L’organizzazione del carrello viene codificata in base al riferimento colorimetrico. Ogni cassetto corrisponde ad un determinato colore, in rapporto al peso del bambino. Ad ogni cassetto corrispondono determinati presidi della misura idonea. Di seguito vengono esposte delle tabelle esplicative con riferimento colorimetrico per facilitare il corretto reperimento ed utilizzo del materiale nella gestione dell’urgenza.

( foto tratte da:

http://dukehealth1.org/deps/Instructor_Slides_New_Broselow_Tape_2006.pdf.)


Il carrello emergenze6

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Una valida alternativa al carrello con cassetti dedicati a specifici colori, può essere data da una serie di borse o scatole colorate , sempre riferite al nastro colorimetrico

( foto tratte da:

http://dukehealth1.org/deps/Instructor_Slides_New_Broselow_Tape_2006.pdf.)


Il carrello emergenze7

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Bambini 4 /7 Kg ( cassetto rosso)

Maschera facciale n° 0/1

Lama Laringoscopio n°1

Cannula di Majo n° 00

Maschera Laringea n°1-1.5

Tubo Endo Tracheale n° 3.5 non cuffiato

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 8 F

Accesso Vascolare 22-24 G

Sondino Nasogastrico 8-10 F

Catetere Vescicale 6-8 F

Drenaggio toracico 10-12 F o 24 G

Neonato < 4 KG (cassetto rosa)

Maschera facciale n° 00

Lama laringoscopio n°0 retta

Cannula di Majo 000

Tubo Endo Tracheale n° 2.5 non cuffiato

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 4/6 F

Accessi Vascolari 24 G

Sondini Nasogastrico 6 F

Catetere Vescicale 6 F

Drenaggio toracico 10 F o 24 G


Il carrello emergenze8

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Bambini 8 / 11 Kg ( cassetto viola)

Maschera facciale n° 1-2

Lama laringoscopio n°1

Cannula di Majo 0-1

Maschera Laringea n°1.5

Tubo Endo Tracheale n° 4 non cuffiato

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 8 F

Accessi vascolari 21-24 G

Sondino Nasogastrico 8-10 F

Catetere Vescicale 8-10 F

Drenaggio toracico 16-20 F

Bambini 11 / 14 Kg (cassetto giallo)

Maschera facciale n° 2

Lama laringoscopio n°2

Cannula di Majo n° 2

Maschera Laringea n°1.5

Tubo Endo Tracheale n° 4.5-5

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 10 F

Accessi vascolari 18-21 G

Sondino Nasogastrico 10 F

Catetere Vescicale 10 F

Drenaggio toracico 20-24 F


Il carrello emergenze9

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Bambini 18 / 22 Kg (cassetto azzurro)

Maschera facciale n° 2-3

Lama laringoscopio n°2

Cannula di Majo n° 2-3

Maschera Laringea n°2-2.5

Tubo Endo Tracheale n° 5

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 10 F

Accessi Vascolari 18-21 G

Sondino Nasogastrico 12-14 F

Catetere Vescicale 12-14 F

Drenaggio toracico 24-32 F

Bambini 14/17 Kg ( cassetto bianco)

Maschera facciale n° 2

Lama laringoscopio n°2

Cannula di Majo n° 2-3

Maschera Laringea n°2

Tubo Endo Tracheale n° 5

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 10 F

Accessi vascolari 18-21 G

Sondino Nasogastrico 10-12 F

Catetere Vescicale 10-12 F

Drenaggio toracico 20-24 F


Il carrello emergenze10

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Bambini oltre i 34 Kg (cassetto verde)

Maschera facciale n° 4 (ADULTI)

Lama laringoscopio n°3

Cannula di Majo n° 3

Maschera Laringea n°3

Tubo Endo Tracheale n° 6.5

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 12 F

Accessi Vascolari 16-18 G

Sondino Nasogastrico 18 F

Catetere Vescicale 12-14 F

Drenaggio toracico 32-40 F

Bambini 24 / 30 Kg (cassetto arancione)

Maschera facciale n° 3

Lama laringoscopio n°2

Cannula di Majo n° 3

Maschera Laringea n°2.5

Tubo Endo Tracheale n° 5.5

Pinza di Magill

Sondini Aspirazione 12 F

Accessi Vascolari 18-21 G

Sondino Nasogastrico 14-18 F

Catetere Vescicale 12-14 F

Drenaggio toracico 28-32 F


Il carrello emergenze11

IL CARRELLO EMERGENZE

IL CARRELLO EMERGENZE

Durante l’urgenza/emergenza il personale sanitario si attiene scrupolosamente ad un protocollo operativo. Dopo aver evidenziato il peso, l’operatore individua il colore di riferimento al quale corrisponde un approccio farmacologico specifico ed un assetto strumentale predefinito.


Attrezzatura

IL CARRELLO EMERGENZE

ATTREZZATURA

IN OGNI CARRELLO DELLE EMERGENZE DEVE ESSERE PRESENTE LA SEGUENTE ATTREZZATURA:

  • MONITOR CARDIACO CON DEFRIBRILLATORE

  • ASPIRATORE ELETTRICO/BATTERIA

  • POMPA INFUSIONALE

  • FONTE PER EROGAZIONE DI OSSIGENO CON FLUSSOMETRO E RELATIVA PROLUNGA

  • SUPPORTO RIGIDO PER COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE


Dispositivi per assistenza respiratoria

IL CARRELLO EMERGENZE

DISPOSITIVI PER ASSISTENZA RESPIRATORIA

  • KIT OSSIGENO TERAPIA, GORGOGLIATORI

  • PALLONE AMBU (PEDIATRICO E ADULTO)

  • MASCHERA PER AMBU(MISURE VARIE)

  • MASCHERA LERINGEA

  • VAI E VIENI

  • CANNULE DI GUEDEL (MISURE VARIE)

  • LARINGOSCOPIO COMPLETO

  • RACCORDO AMBU-TUBO

  • MANDRINO PER TUBO ENDOTRACHEALE

  • SIRINGA ML10

  • TUBI ENDOTRACHEALI CUFFIATI E NON CUFFIATI

  • LUBRIFICANTE


Materiale generico

IL CARRELLO EMERGENZE

MATERIALE GENERICO

  • CEROTTO DI SETA

  • BENDA ADESIVA ELASTICA

  • GUANTI MONOUSO DI VARIE MISURE

  • SONDINI PER ASPIRAZIONE

  • SONDINI NASO-GASTRICI

  • SACCA DI RACCOLTA DEL CONTENUTO GASTRICO

  • AGO CANNULA

  • AGO BUTTERFLAY

  • AGHI INTRA OSSEI

  • RACCOGLITORE MATERIALE TAGLIENTE

  • RUBINETTI A PIU VIE

  • SIRINGHE MONOUSO

  • DEFLUSSORI

  • SIRINGHE PER EGA

  • LACCIO EMOSTATICO

  • PALMARINI PER BLOCCAGGIO ARTO

  • COTONE

  • DISINFETTANTE

  • SET VACUTAINER PER PRELIEVO EMATICO

  • PROVETTE


Farmaci primari utilizzati nella rianimazione

IL CARRELLO EMERGENZE

FARMACI PRIMARI UTILIZZATI NELLA RIANIMAZIONE

  • ADENOSINA

  • ADRENALINA

  • AMIODARONE

  • ANEXATE

  • ATROPINA

  • BETAMETASONE

  • BICARBONATO DI SODIO

  • CALCIO CLORURO

  • CARBONE ATTIVO

  • DIAZEPAN DOBUTAMINA

  • DOPAMINA

  • FENOBARBITALE

  • FUROSEMIDE

  • IDROCORTISONE

  • LIDOCAINA

  • LORAZEPAM

  • MANNITOLO

  • METILPREDNISOLONE

  • MIDAZOLAM

  • NALOXONE

  • NITROPRUSSIATO

  • SOL.NE FISIOLOGICA

  • SOL.NE GLUCOSATA

  • TRIMETON


  • Login