slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Carissima mamma

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 19

Carissima mamma - PowerPoint PPT Presentation


  • 112 Views
  • Uploaded on

Carissima mamma. Scrivo quest’ultima parte della mia lettera mentre il Vangelo mi ha appena ricordato del giorno doloroso della morte di Gesù sulla croce. Una mamma sotto la croce .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Carissima mamma' - hampton


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Scrivo quest’ultima parte della mia lettera mentre il Vangelo mi ha appena ricordato del giorno doloroso della morte di Gesù sulla croce.

slide4

Non potevi non esserci. Oggi che sono figlio, so che una madre non può lasciare solo un figlio appeso alla sua croce. Una madre c’è sempre… dall’attimo dell’annuncio: “Tu darai alla luce…”

all’ora della sofferenza: “Madre, ecco tuo figlio”.

slide5

Chissà cosa hai pensato in quegli attimi in cui il cielo si oscurava sulla terra e i monti tremavano di paura… perché l’uomo aveva osato uccidere il suo Dio, nato per lui, nato per amore.

slide6

Forse hai ripensato a Gesù bambino, quando pianse per la prima volta nella stalla di Betlemme o quando aveva fame nella notte lunga della fuga in Egitto.

slide7

O hai ricordato il ritorno felice nella casa di Nazareth, tra i volti cari della famiglia tua e di Giuseppe. L’odore del legno che Gesù portava sulla pelle quando aiutava il padre nel suo lavoro.

slide8

Sono sicuro che hai rivisto come in un film il giorno della partenza di Gesù verso Cafarnao: ti aveva fatto sedere vicino a Lui e, tenendoti per mano, ti disse che non sarebbe tornato a casa quella sera… da quella sera non sarebbe più tornato a casa.

slide9

La sua vita era altrove, sulle rive del lago, tra gli storpi e gli infelici, gli assetati di giustizia e i peccatori.

slide10

La sua vita apparteneva a Pietro, il pescatore, che un giorno lo avrebbe rinnegato e l’altro, lo avrebbe amato fino a pascere le sue pecore.

Apparteneva a Giuda che lo avrebbe tradito, a Tommaso che credeva con gli occhi ma non con il cuore e, a tutti gli altri, alle folle senza nome che lo seguivano dalla montagna al mare.

slide12

Te l’aspettavi da quel figlio strano che avrebbe allargato le braccia per accarezzare il mondo anche dall’alto di una croce!

slide13

Non avevi dubbi che prima di morire le sue ultime parole sarebbero state di amicizia e di perdono per il ladrone e i crocifissori.

slide14

Quante volte ti sei chiesta perché lo hanno crocifisso?

Perché hanno inchiodato le mani che guarivano i malati e ridavano la vista ai ciechi?

slide15

Perché hanno inchiodato i piedi che non smettevano di camminare per raggiungere l’amico da strappare alla morte?

slide16

kaire, Maria!

Sii felice, Maria!

slide17

Da quando gli hanno inchiodato le mani, Gesù non ha più smesso di darmi la mano.

Da quando gli hanno inchiodato i piedi, Gesù non ha più smesso di camminare sulla mia strada.

slide18

Il Cielo è sulla Terra… fino alla fine del mondo!

E Tu sei mia madre, nostra madre, per sempre!

slide19

“ Rallegratevi. Siate nella gioia. Gesù viene”.

Lo stesso annuncio, ogni anno,

da oltre duemila anni.

E guardo attorno a me

e vedo l’amore e la pace,

l’onestà e la felicità

sul volto dell’uomo… e dico:

Grazie, Maria, perché ci hai dato Gesù!!

E guardo attorno a me

e vedo ancora sofferenza,

ancora ingiustizia e povertà,

ancora egoismo e invidia… e dico:

Perdonaci, Maria, non abbiamo capito.

E guardo attorno a me

e vedo ancora odio,

ancora guerra e violenza,

ancora fame e indifferenza… e dico:

Maria, mandaci di nuovo il Signore della vita!

Ascolta il mio grido e apri le tue braccia:

ho bisogno di scaldare il cuore nella semplicità

della tua stalla.

Accanto a Te, madre. Per sempre!

Amen

ad