Lezione 16
Download
1 / 23

Disoccupazione Il Tasso Naturale di Disoccupazione La Disoccupazione in Europa: - PowerPoint PPT Presentation


  • 157 Views
  • Uploaded on

Lezione 16. Disoccupazione Il Tasso Naturale di Disoccupazione La Disoccupazione in Europa: Eurosclerosi o Isteresi? La Grande Depressione. Il Tasso Naturale di Disoccupazione.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Disoccupazione Il Tasso Naturale di Disoccupazione La Disoccupazione in Europa: ' - halden


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Lezione 16

Disoccupazione

Il Tasso Naturale di Disoccupazione

La Disoccupazione in Europa:

Eurosclerosi o Isteresi?

La Grande Depressione


Il Tasso Naturale di Disoccupazione

  • Analizziamo come dalla determinazione dei prezzi e dei salari si ottengano il tasso di disoccupazione e il salario reale di equilibrio

  • Equazione dei salari: W/P=F(u,z)

    • nota P anziché Pe

    • equazione del wage setter (chi fissa i salari?)

  • Equazione dei prezzi: P/W=1+m

    • Le imprese impongono un mark-up sui salari

    • Il salario reale dipende dal mark-up: W/P=1/(1+m)

  • Condizione di equilibrio sul mercato dei beni:

    • F(u,z)= 1/(1+m)


A

PS

Salario Reale W/P

WS

Tasso di Disoccupazione e Salari di Equilibrio

Equazione dei salari: W/P=F(u,z)

Equazione dei prezzi: P/W=1+m

Condizione di equilibrio sul mercato dei beni: F(u,z)= 1/(1+m)

Eq. dei salari, F(u, Z)

Eq. dei prezzi,

un – Tasso Naturale di disoccupazione

o Tasso Strutturale di disoccupazione


A

B

PS

WS´ = F(u, Z´)

WS = F(u, Z)

un´

un

Variazioni del Tasso Naturale di Disoccupazione

Effetto di una variazione di caratteristiche istituzionali (z aumenta) come un aumento di sussidi alla disoccupazione o un aumento di potere dei sindacati

W/P

u

Aumento di z aumenta un


PS

PS´

WS = F(u, Z)

un´

un

Una legislazione più stringente contro i poteri di monopolio riduce il mark-up (µ diminuisce)

W/P

u

Riduzione di m riduce un


Dalla Disoccupazione alla Produzione

  • Al tasso naturale di disoccupazione corrisponde un livello naturale del reddito:u=U/L=(L-N)/L=1-N/LU = disoccupazione, N = occupazione, L = Forza Lavoro

  • Se unè il tasso naturale di disoccupazione, allora Nn=L(1-un) è il livello naturale del occupazione e

  • Yn = Nn = L(1-un) è il livello naturale del reddito

  • Quindi il livello naturale del reddito è definito implicitamente da:


Patologie: La Disoccupazione Elevata in Europa

Tassi di disoccupazione nella unione Europea e in USA 1970-1998


Differenza nei Tassi di Disoccupazione, 2000

Unione Europea

Austria 5,0Belgio 8,3Danimarca 5,4Finlandia 9,2Francia 9,8Germania 8,5Grecia 10,3Irlanda 3,6Italia 11,0Lussemburgo 2,8Paesi Bassi 2,5

Unione Europea

Portogallo 4,1Spagna 14,1Svezia 4,8Regno Unito 5,7

Altri paesi industrializzati

Australia 6,7Canada 6,8Nuova Zelanda 6,1Stati Uniti 4,0

Fonte: OECD Economic Outlook, Luglio 2000.


Incidenza della Disoccupazione di Lungo Periodo

Piu' di 6 mesi \1

Piu' di 12 Mesi \2

1990

1995

2000

1990

1995

2000

Italia

totale

85,2

80,2

75,3

77,2

63,6

60,8

maschile

84,1

78,9

74,8

68,6

62,7

60,7

femminile

86

81,5

75,8

70,7

64,4

60,9

Stati Uniti

totale

10

17,3

11,4

12,3

9,7

6

maschile

12,1

18,7

12,2

7

11

6,7

femminile

7,3

15,6

10,5

3,7

8,1

5,3

Giappone

totale

39

37,7

46,9

44,5

18,1

25,5

maschile

47,6

43,7

52,8

26,2

23,5

30,7

femminile

26,3

28,8

37,4

36,9

10

17,1

Unione Europea

totale

65,3

68,3

63,1

63,7

50,2

46,6

maschile

63,5

66,9

61,4

47

49,2

45,3

femminile

66,9

69,7

64,8

50,1

51,2

47,9


Differenze tra Paesi

  • La disoccupazione è elevata in molti paesi europei (Italia, Francia, Germania, Spagna)

  • Altri paesi europei hanno tassi più bassi (Regno Unito, Austria, Lussemburgo, e Portogallo).

  • Anche in paesi extraeuropei industrializzati vi è elevata disoccupazione: Australia, Canada

  • La disoccupazione è più persistente nella EU, ci sono più disoccupati di lungo periodo


Europa: Elevata e Persistente Disoccupazione

Quali sono le Cause?

  • Eurosclerosi: Le rigidità del mercato del lavoro causano la disoccupazione e la sua persistenza

  • Isteresi: A seguito di uno shock tecnologico che ha spostato la domanda di lavoro dai meno istruiti ai più istruiti si è creata un aumento della disoccupazione. Isteresi implica persistenza e non consente al tasso di disoccupazione di diminuire


Euroslerosi e Rigidità del mercato del lavoro

  • Eurosclerosi: le rigidità nelle forme contrattuali del mercato del lavoro europeo potrebbero spiegare i maggiori tassi di disoccupazione naturale.

  • Quali sono tali rigidità?

    • Potere dei sindacati

    • Alti costi non-salariali del lavoro (oneri sociali, trattamento pensionistico)

    • Alti costi di licenziamento

    • Elevati benefici della disoccupazione

    • Salari minimi elevati rispetto alla media


Densita' \1

Copertura \2

Centralizzazione \3

Contrattuale

Francia

9,1

95,0

2,0

Germania

29,0

92,0

2,0

Spagna

21,1

78,0

2,0

Italia

23,7

82,0

2,0

Stati Uniti

14,3

18,0

1,0

Giappone

24,0

21,0

1,0

Unione Europea

43,1

82,3

1,9

\1 Percentuale di lavoratori iscritti al sindacato

\2 Percentuale di lavoratori il cui salario e' stato contrattato dal sindacato

\3 Grado di centralizzazione della contrattazione. 1 a livello di impresa, 3 centrale

Fonte: OCSE, 1999

Sindacalizzazione e Contrattazione Salariale


Occupazione Regolare

Occupazione Temporanea

Indice Complessivo

Anni '80

Anni '90

Anni '80

Anni '90

Anni '80

Anni '90

Francia

2,3

2,3

3,1

3,6

2,7

3

Germania

2,7

2,8

3,8

2,3

3,2

2,5

Spagna

3,9

2,6

3,5

3,5

3,7

3,1

Italia

2,8

2,8

5,4

3,8

4,1

3,3

Giappone

2,7

2,7

2,1

2,4

Stati Uniti

0,2

0,2

0,3

0,3

0,2

0,2

Unione Europea

2,5

2,3

2,9

2,2

2,7

2,3

\1 Misure quantitiative che aumentano all'umentare del grado di rigidita' . Variano tra 0 e 6.

OECD, 1999

Indici di Rigidita' dei Regimi di Protezione dell'Impiego


Oneri Sociali \1

Cuneo Fiscale \2

Francia

39

63,8

Germania

23

53

Spagna

33

54,2

Italia

40,2

62,9

Stati Uniti

20,9

43,8

Giappone

16,5

36,3

Unione Europea \3

34

58

\1 include contributi previdenziali, contributi sanitari

e contributi assicurativi contro il rischio di disoccupazione.

\2 include gli oneri sociali, le tasse sul reddito e le tasse sui consumi.

\3 media di Francia, Germania, Spagna e Italia.

Fonte: Nickell e Layard, 1999

Tassazione sul Lavoro


  • A: Equilibrium at un

effetto z

  • aumento di Z sposta WS in WS´

  • aumento di  spostaPS to PS´

B

A

salari reali, (W/P)

PS

effetto

PS´

C

WS´ ( = F(u, Z´), (Z´ > Z))

WS ( = F(u, Z)

un

un´´

un´

tasso di disocc., u

Analizziamo gli Effetti con il Modello Teorico

Tali fattori influenzano m e z

D


Valutazioni della teoria dell’Eurosclerosi

  • Molte di queste rigidità esistevano, in Europa, sin dagli anni ‘60 e anzi è proprio negli anni recenti che stanno perdendo di importanza (come il potere sindacale). Perché hanno influito sul tasso naturale solo negli anni 60 ?

  • E’ stato con l’aumento del progresso tecnologico e con gli shocks che le rigidità hanno avuto effetti sul tasso di disoccupazione.

  • In particolare un importante cambiamento strutturale è lo spostamento della domanda da lavoratori con basso capitale umano a lavoratori con alto capitale umano (non-qualificati/qualificati)


Analizziamo uno spostamento della domanda

  • Cosa accade se la domanda relativa di lavoro si sposta dai non qualificati ai qualificati?

  • Se il salario relativo varia, allora esso diminuirà per i lavoratori non qualificati, relativamente ai lavoratori qualificati.

  • Se il salario relativo, a causa di rigidità non varia, allora sarà la disoccupazione ad aumenterà per i meno qualificati rispetto ai qualificati

  • In USA si verifica il primo caso (amento della diseguaglianza)

  • In Europa il secondo


Dati su Salari e Disoccupazione

Come si adatta questa teoria ai fatti?

Bene per USA e Europa continentale, male per RU

Variazione dei salari relativi tassi relativi di disoccupazione, dei non-qualificati non-qualificati/qualificatiPaese (1980-1995, %) (1970s) (1990s)

Stati Uniti -13 3.5 3.5

Francia 3 1.5 2.9

Germania 8 2.1 2.6

Italia 1 0.4 1.1

Regno Unito -14 3.1 5.3


Teoria della Isteresi

  • Il tasso naturale di disoccupazione non dipende solo dai parametri strutturali della economia ma, in parte, anche dai passati livelli della disoccupazione stessa. (Isteresi).

  • Una economia in cui vi sono disoccupati di lungo periodo mette sempre meno pressione sui salari al ribasso

  • Disoccupazione persistente genera un elevato numero di disoccupati di lungo periodo (30% di disoccupati in UE, 1998, sono disoccupati per un anno o più, 9% negli USA).

  • Più disoccupati di lungo periodo generano un maggiore livello di disoccupazione naturale perché essi non hanno alcun ruolo nel mettere pressione al ribasso sui salari.


A

PS

Analizziamo gli Effetti con il Modello Teorico

  • inizialmente in A, un

  • un aumento dei disoccupati di l.p. genera spstamento, WS in WS´

  • cio’ aumenta il tasso naturale a B, un´

salario reale, (W/P)

B

WS´

WS

un

un´

disoccupazione, u


Quali sono le Implicazioni?

  • Vi può essere un’asimmetria in cui nelle fasi di espansione non si torna al tasso naturale di disoccupazione precedente bensì ad un tasso maggiore. (Isteresi)

  • La possibilità di ridurre il tasso di disoccupazione in Europa dipende da quanto rapidamente è possibile riassorbire i disoccupati di lungo periodo tra gli occupati.

  • La protezione dei disoccupati può aggravare questo problema allungando la loro permanenza nella disoccupazione.


Confronto con la Grande Depressione USA

  • Cosa accadde durante la Grande Depressione?

    • Crollo della Spesa (ovvero della Domanda) accentuato dal crollo della Borsa del 1929. (IS a sinistra)

    • Cade la Produzione e aumenta la Disoccupazione. Quindi diminuiscono i salari ed i prezzi. Deflazione.

    • La Fed aumenta l’offerta di moneta, per spostare la LM a destra. Però l’aumento del livello dei prezzi e la riduzione del moltiplicatore monetario lasciano la LM invariata.

    • La ripresa nasce dal drastico aumento dell’offerta di moneta e dal “New Deal”

  • Disoccupazione in Europa

    • Elementi strutturali che implicano una lenta uscita dalla situazione.

    • Non c’è consenso su cause e ripresa.


ad