Slide1 l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 83

Distretto del legno e della meccanica di Bjelovar. Cooperazione per l’internazionalizzazione delle PMI croate e italiane. Legge 84/2001, ICE 061954 PowerPoint PPT Presentation


  • 116 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Distretto del legno e della meccanica di Bjelovar. Cooperazione per l’internazionalizzazione delle PMI croate e italiane. Legge 84/2001, ICE 061954 Opportunità di mercato per l’industria toscana del mobile in Corea, Giappone, Cina Fabio Maroncelli (Corea, Giappone) Giuseppe Bianchi (Cina).

Download Presentation

Distretto del legno e della meccanica di Bjelovar. Cooperazione per l’internazionalizzazione delle PMI croate e italiane. Legge 84/2001, ICE 061954

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Slide1 l.jpg

Distretto del legno e della meccanica di Bjelovar. Cooperazione per l’internazionalizzazione delle PMI croate e italiane.

Legge 84/2001, ICE 061954

Opportunità di mercato per l’industria toscana del mobile in Corea, Giappone, Cina

Fabio Maroncelli (Corea, Giappone)

Giuseppe Bianchi (Cina)

Seoul, Tokyo, Osaka, Beijing, Shanghai


Slide2 l.jpg

Contenuti

  • le missioni_strumenti utilizzati

  • le missioni_risultati generali

  • le missioni_i paesi analizzati:

    • Corea

    • Giappone

    • Cina

note generali del paese

quadro economico

caratteristiche del mercato

settore casa / arredo: il trend

settore casa / arredo: la distribuzione

settore casa / arredo: opportunità

schede incontri


Le missioni strumenti utilizzati l.jpg

  • Strumenti di ricerca:

  • intervistaagli interlocutori

  • - analisi delle informazioni reperibili attraverso canali della comunicazione quali carta stampata, internet ecc.

  • le missioni_strumenti utilizzati


    Slide4 l.jpg

    le missioni_risultati generali

    58 incontri nelle 5 città

    di cui:

    Seoul: 11 tra punti vendita e studi

    Tokyo:15 tra punti vendita e studi

    Osaka: 14 punti vendita e studi

    Beijing: 9 tra punti vendita e studi

    Shanghai: 9 punti vendita e studi


    Corea del sud l.jpg

    le missioni_i paesi analizzati

    Corea del Sud


    Un grande mercato molto concentrato l.jpg

    Un grande mercato, molto concentrato

    • La Corea del Sud ha una superficie di 99.000 kmq: Un terzo dell’Italia (301.000 kmq)

    • 48 milioni gli abitanti, con un alto tasso di giovani ed una età media di soli 33 anni

    • Il 78% della popolazione vive nelle aree urbane

    • Seoul ha 10.8 milioni di abitanti, l’area metropolitana ben 23 milioni.

    • E’ un paese ad elevata urbanizzazione: Seoul con le città satelliti copre il 45% di tutti i beni di consumo venduti in Corea

    • Il reddito pro-capite di 17.000 $ fa della Corea uno dei primi paesi al mondo per livello di benessere (undicesima posizione)


    La corea punta sulla ricerca e l innovazione l.jpg

    La Corea punta sulla ricerca e l’innovazione

    • Dall’imitazione alla creazione: il paese ha raggiunto livelli di eccellenza mondiale in settori ad alto valore aggiunto (telefonini, elettronica) ma anche in settori a media intensità tecnologica come gli autoveicoli

    • Dalla creazione all’innovazione: è il futuro dichiarato con una presenza forte nei nuovi mercati globali, biotecnologie, robotica, industria culturale con massicci investimenti pubblici e privati.

    • Continuano i forti investimenti dall’estero anche per gli incentivi nelle Free Economic Zones vicino a porti ed aeroporti fra i quali Busan (quinto porto al mondo per merci) con l’ambizioso progetto di fare del Paese lo snodo logistico dell’estremo oriente


    Un grande laboratorio di design e di architettura moderna l.jpg

    Un grande laboratorio di design e di architettura moderna


    Economia l.jpg

    Economia

    • Secondo i dati della Banca Mondiale (World Development Report 2005), con 606 miliardi di dollari di Prodotto Interno Lordo, la Corea del Sud rappresenta la undicesima economia mondiale, la terza in Asia dopo Cina e Giappone, una delle realtà più solide tra i paesi emergenti.

    • Il progressivo riavvicinamento tra le due Coree, fortemente voluto e favorito dall’attuale governo sud coreano e sul quale giungono segnali positivi anche dalla Repubblica Popolare Democratica di Corea (Corea del Nord), lascia intravedere possibili e positive prospettive economico/commerciali, nel medio periodo, legate a una futura riunificazione.


    Una crescita economica trainata dalle esportazioni l.jpg

    Una crescita economica trainata dalle esportazioni


    Una forte crescita per mobili di fascia alta l.jpg

    Una forte crescita per mobili di fascia alta

    • Continuano a crescere le importazioni di mobili dall’estero, in un mercato in espansione

    • I dati relativi all'interscambio commerciale tra Italia e Corea del Sud relativi all’anno 2007 fanno emergere un andamento fortemente positivo delle esportazioni italiane che sono aumentate del 13,72% su base annua

    • I nostri prodotti beneficiano in particolare dello sviluppo in Corea del consumo di prodotti di fascia alta.


    Import 2007 i principali paesi l.jpg

    Import 2007: i principali paesi

    • La Cina con una quota di quasi il 73% sul totale delle importazioni è il primo paese: si tratta prevalentemente di prodotti commerciali ma non mancano sporadici (per ora!) tentativi di operare nel segmento “lusso”

    • Fra i paesi che competono sulle fasce più alte del mercato l’Italia resta la leader con una crescita importante ma il fatto nuovo è che gli Stati Uniti, approfittando del dollaro debole, si riaffacciano sul mercato anche se con risultati altalenanti.

    • In evidenza la Germania con ottimi risultati ed incrementi sostanziosi a confermare la crescita del mercato più alto


    Consumatori l.jpg

    Consumatori

    • Uno dei più importanti sviluppi della società e del costume coreano che si riflette positivamente nelle importazioni dall’estero è un progressivo spostamento di gusti ed abitudini di consumo verso modelli e prodotti occidentali

    • Il paese sta vivendo una fase positiva di sviluppo economico e culturale e si stanno consolidando nuovi gusti e preferenze dei sempre più ricchi consumatori.

    • Dai dati si evince che la propensione all'acquisto di prodotti italiani da parte della Corea (con soli 48 milioni di abitanti rispetto ai 127 milioni del Giappone e ai 1300 milioni della Cina) è di gran lunga la più rilevante fra tutti i Paesi dell'Asia.

    • Il prodotto italiano piace, da prestigio, fa status, anche se il mercato non è facile per la situazione dell’Euro e la forte competizione locale


    Drivers dello sviluppo del mercato l.jpg

    Drivers dello sviluppo del mercato

    • Il mercato dell’arredo è guidato dalle nuove coppie che si sposano o dalle famiglie che si spostano in nuovi appartamenti più grandi. Si tratta di due gruppi di acquirenti stabili e certi

    • In più si aggiungono progressivi interventi di manutenzione negli edifici per appartamenti, il 70% dei quali è stato costruito negli anni ’70 (si tratta di circa 3.5 milioni di unità residenziali) che generano una forte crescita della domanda di arredo.

    • Le società immobiliari sono un altro volano del mercato, con circa 200.000 nuove abitazioni ogni anno e 15 miliardi di $ dedicati all’edilizia non residenziale con una crescita complessiva annua del settore di circa il 3.6%


    La distribuzione l.jpg

    La distribuzione

    • Il sistema distributivo in Corea è molto avanzato

    • I produttori coreani e gli importatori distributori offrono i propri prodotti attraverso negozi specializzati, Department Stores, Discount Stores e negozi monomarca, Direct Mail e Tele Marketing

    • Alcuni piccoli e medi produttori coreani agiscono in qualità di importatori-distributori per ampliare la gamma della propria offerta

    • Gran parte dei punti vendita di Seoul che importano direttamente oltre a vendere nei propri negozi o con shop in shop nei Department Stores svolgono un’attività di progettazione di abitazioni di alto livello, collaborano con costruttori, progettisti di interni e studi di architettura ed inoltre operano come grossisti rifornendo altri rivenditori nel resto del paese.


    Slide18 l.jpg

    Esempi di canali distributivi dell’arredo

    Azienda estera

    Azienda estera

    Azienda estera

    Trading Company

    Agente

    Negozi

    Department Store

    Negozio/distributore

    Consumatore finale


    Department stores qualificati punti di riferimento l.jpg

    Department Stores,qualificati punti di riferimento

    • E’ un settore ancora dominato dalle insegne locali.

    • Il Department Store, puntando su qualità ed immagine e concentrandosi sulla fascia più alta del mercato continua ad essere uno dei principali canali di distribuzione dei beni importati e di molti importanti marchi internazionali.

    • Dopo la crisi, i magazzini hanno preferito chiudere la propria struttura acquisti esteri ed affidarsi ad agenti importatori ma oggi sembra sia in atto un ripensamento con l’importazione diretta di marchi in esclusiva nelle tipologie ad alta rotazione per evitare la competizione ed il confronto con i negozi specializzati.


    Furniture stores a seul l.jpg

    Furniture Stores a Seul

    Chungdam


    Furniture stores a seul21 l.jpg

    Furniture Stores a Seul

    Nonhyun


    Contract l.jpg

    Contract

    • Il mercato del contract è saldamente in mano ai produttori coreani che superate le difficoltà della crisi economica degli anni ’90 oggi operano in situazione di maggiore flessibilità e con una maggiore competitività quale risultato degli sforzi organizzativi ma anche sovente per una delocalizzazione degli impianti in Cina

    • I grandi produttori coreani vendono direttamente ai contractors attraverso la loro rete di agenti in tutto il paese ed operano con propri showroom

    • Alcuni importanti importatori con negozio offrono soluzioni ed oggetti di arredo esclusivi per un contract di fascia alta e collaborano con gli architetti per le piccole forniture: si tratta di un segmento in crescita


    Luxury l.jpg

    Luxury

    • Nel 2007 i nuovi marchi importati dai Department Stores (fra i quali Formenti) hanno guidato le vendite ed il fortissimo interesse per Fendi Casa ha fatto percepire uno spazio di mercato importante per prodotti di lusso.

    • Resta da chiarire cosa si intenda per lusso: vi sono interpretazioni molto difformi. Alcuni definiscono “lusso” i miracolati (dal dollaro debole) e decorativi prodotti Usa “firmati” di realizzazione artigianale, altri parlano di brand rari ed “autentici” ricchi di storia e tradizione. In ogni caso una certa propensione all’ostentazione è evidente soprattutto nelle fasce di consumatori meno giovani e con ampie disponibilità economiche.


    Opportunit l.jpg

    Opportunità

    • Il trend attuale del gusto si orienta verso il moderno design: il mobile classico era molto più diffuso fino a qualche anno fa,ma oggi nella fascia alta del mercato è in calo ed i ricchi amanti della tradizione ricercano un classico importante autentico e di valore

    • Il cambiamento in atto vede un passaggio dell’ interesse dal prodotto in sé al racconto di uno stile di vita: di qui la richiesta di proposte ricche ed articolate che suggeriscano modi nuovi di abitare.


    Opportunit25 l.jpg

    Opportunità

    • Per quanto riguarda le tipologie di prodotto, in primo piano il living con divani complementi e mobili, zona pranzo con credenze, tavoli e sedie, home-office , letti e complementi notte.

    • Per le cucine un discorso a parte: molti punti vendita importanti non le trattano perché considerate cose da specialisti (sono presenti i più importanti marchi europei con centri-cucina), in ogni caso la concorrenza locale è molto agguerrita


    Opportunit26 l.jpg

    Opportunità

    • Raccolta l’ esigenze della distribuzione organizzata (importatori, grossisti, Grandi Magazzini) di mobili classici e moderni di buona qualità, fatti in Italia da aziende Italiane e con un prezzo molto competitivo.

    • Un canale importante per la vendita di mobili anche di livello alto sembra essere rappresentato dai TV Home Shopping Networks: una formula nata nel 1995 e che ha ottenuto un successo vertiginoso. In questo caso viene indicata la necessità di individuare prodotti italiani originali,con un buon rapporto qualità prezzo.


    Conclusioni l.jpg

    Conclusioni

    • In Corea il rapporto con gli operatori economici è improntato su di un rapporto di fiducia anche personale

    • Occorre avviare progetti di lungo periodo: non è più il paese del “mordi e fuggi”

    • E’ fondamentale investire insieme al distributore in capillari campagne pubblicitarie o promozionali che raggiungano il pubblico potenziale per creare conoscenza del prodotto e valore del brand

    • Puntare su contratti esclusivi, ma selezionare attentamente un partner coerente con il posizionamento del prodotto: non si innescano deleteri confronti di prezzo e nel medio periodo dopo la fase di introduzione i risultati diventano molto soddisfacenti.

    • Tutti i prodotti importati devono avere una marcatura indelebile, permanente e visibile che indica il paese nel quale l’arredo è stato prodotto


    Seoul l.jpg

    Seoul


    Slide29 l.jpg

    Schede Incontri SEOUL

    • DUOMO&CO FURNITURE

    • ATO ART

    • THE HOME Corporation

    • DISAMOBILI

    • S&K GALLERY

    • PARNELL Home Interiors

    • LIFESTYLE

    • YDF YOUNG DONG FURNITURE

    • THE GALLERY Co.Ltd

    • LOTTE DEPARTMENT STORE

    • HYUNDAY DEPARTMENT STORES

    PUNTI VENDITA DISTRIBUTORI

    STUDI DI PROGETTAZIONE

    • Lee Chang Ha Home


    Giappone l.jpg

    Giappone


    Un mercato enorme in un area molto ridotta l.jpg

    Un mercato enorme in un’area molto ridotta

    • Il Giappone ha una superficie di 378.000 kmq

    • Il Giappone è un paese essenzialmente montagnoso e solo il 20% è abitabile

    • 127 milioni gli abitanti con 47 milioni di famiglie.

    • Il 78% della popolazione vive nelle aree urbane

    • Central Tokyo ha 11.8 milioni di abitanti, la Greater Tokyo ben 30 milioni

    • Dal punto di vista demografico: nascite in calo, una popolazione che sta invecchiando, crescita dei single e pochi matrimoni


    Il giappone un paese molto ricco l.jpg

    Il Giappone è un paese molto ricco


    Il potere di acquisto alto l.jpg

    Il potere di acquisto è alto

    • Il reddito medio per famiglia è intorno ai 3.700 € al mese

    • In più i lavoratori giapponesi percepiscono diverse mensilità come bonus ogni anno

    • Le spese per i consumi assommano a circa 2.600 € per famiglia al mese

    • L’ammontare dei risparmi e di circa 115.000€ per famiglia

    • Tradizionalmente è la donna che decide gli acquisti


    Una forte passione per brand qualit lifestyle l.jpg

    Una forte passione per brand,qualità,lifestyle

    • Tiffany, Hermes, Gucci, Louis Vuitton, Prada and Cartier generano il 20% del totale delle loro vendite in Giappone: un dato che incrementa notevolmente se consideriamo gli importanti acquisti fatti dai giapponesi in Europa.


    I drivers delle vendite di arredo l.jpg

    I drivers delle vendite di arredo

    • Circa 1.2 milioni di nuove case all’anno

    • Un mercato del rinnovo in crescita con una stima di 73milioni di € per il 2015


    Forte tendenza verso case di tipo occidentale l.jpg

    Forte tendenza verso case di tipo occidentale

    • Circa 15 milioni di giapponesi vanno all’estero ogni anno e cresce la familiarità con prodotti e concetti occidentali.

    • Oggi i giapponesi passano più tempo in casa e a differenza del passato i giovani incontrano gli amici a casa invece di uscire e frequentare luoghi pubblici e ciò ha stimolato un interesse per la sistemazione degli interni

    • I giovani preferiscono vivere in case costruite in stile occidentale; cosi sono costruiti gran parte degli appartamenti più piccoli, ma anche le case più importanti.

    • Gli spazi abitativi sono comunque limitati e popolati da un numero ridotto di oggetti


    Slide38 l.jpg

    Western style

    Japanese Style


    Economia39 l.jpg

    Economia

    • E’ tornato l’ottimismo dopo l’eliminazione dei pesanti fardelli ereditati dalla Bubble Economy (fase di crescita economica speculativa 1986-1991)

    • Il 2007 rappresenta il sesto anno consecutivo di espansione economica con una crescita media del PIL reale del 2% e l’economia nel suo complesso mostra chiari segni di recupero

    • Continua la lenta ripresa dei redditi delle famiglie, dell’occupazione e dei consumi.


    Trasformazioni del mercato del mobile dopo lo scoppio della bolla speculativa l.jpg

    Trasformazioni del mercato del mobile dopo lo scoppio della bolla speculativa

    • Contrazioni delle dimensioni del mercato

    • Cambiamenti importanti nei modelli di comportamento di acquisto nei confronti dell’arredo: - Acquisti controllati - Un’ attenzione particolare nel valutare prezzo, qualità e stile - Nascita di nuovi trend di vendita legati una ricerca di personalizzazione e diversificazione degli stili di vita.


    Drivers demografici l.jpg

    Drivers demografici

    • La 1° baby-boom Generation; la generazione del dopoguerra (50-64 anni), gia in pensione o in attesa di andarci, la classe più numerosa e ricca (40% della popolazione). Negli acquisti danno importanza a valori quali la qualità, i materiali, il prestigio del brand

    • La 2° Baby-boom Generation detta anche “parasite single” (25-40 anni) è la generazione che ha rivitalizzato e cambiato il mercato dell’arredo: in questo caso la selezione dei prodotti avviene per sensibilità, in particolare evidenza design e colore. Questi consumatori acquistano prodotti per i loro valore estetico, il prezzo non è fattore vincolante.


    Crescono le importazioni in un mercato che ristagna l.jpg

    Crescono le importazioni in un mercato che ristagna

    • Il mercato del mobile in Giappone è in calo da alcuni anni e continuerà a diminuire mentre le importazioni continueranno a crescere.

    • Spostamento della produzione di prodotti di basso prezzo nel sud est dell’Asia

    • Apertura del mercato: diminuzione dei costi di importazione e sviluppo dell’importazione dall’Europa e dagli Usa


    Crescono le importazioni in un mercato che ristagna43 l.jpg

    Crescono le importazioni in un mercato che ristagna


    Alto potenziale per prodotti unici di qualit l.jpg

    Alto potenziale per prodotti unici di qualità

    • Le importazioni dall’Europa hanno riguardato per anni prodotti di marca di fascia molto alta (Luxury). Ma oggi molti prodotti europei di fascia medio alta ed alta (Upscale) sono venduti con successo perché intercettano i nuovi gusti del consumatori in rapida trasformazione.

    • Aumenta la varietà dell’offerta, supportata dalle importazioni.


    La crescita delle importazioni l.jpg

    La crescita delle importazioni


    La situazione dell import 2005 i principali paesi l.jpg

    La situazione dell’import (2005): i principali paesi

    • La Cina con il 44% è il primo paese con forti incrementi, le ragioni del successo i bassi costi di produzione, i bassi tempi di consegna, i miglioramenti nei processi produttivi con aumento della qualità

    • In calo o con volumi stabili gli altri paesi asiatici, fra i paesi europei, penalizzati dall’euro forte, Germania in leggera crescita, Italia in difficoltà, Stati uniti in calo ma forte crescita del Messico.


    L offerta nelle diverse realt distributive l.jpg

    L’offerta nelle diverse realtà distributive

    Da notare la posizione “anomala” di IDC con grandi superfici ed un’offerta che va dal prodotto popolare ai brand del lusso.


    Slide48 l.jpg

    Esempi di canali distributivi dell’arredo

    Azienda estera

    Azienda estera

    Azienda estera

    Trading Company

    Specializzata in

    importazioni di mobili

    General Trading Co

    grossista

    Negozio/distributore

    Department Store

    Negozio_ Dep.S

    Homecenter

    Consumatore finale


    Cresce la struttura degli home centers l.jpg

    Cresce la struttura degli Home Centers

    • Il settore dell’arredo ha visto una forte crescita negli ultimi anni, degli Home Center che superano il tradizionale concetto di vendita di soli mobili per offrire un ampio ventaglio di soluzioni integrate di decoro per interni con tessile, lampade, complementi ed accessori per la casa.

    • L’abrogazione di una legge nel 2000 ha “aperto” il mercato delle grandi superfici

    • In questo trend si colloca il positivo ritorno di Ikea in Giappone (2006) dopo le delusioni che avevano portato all’abbandono nel 1986.


    Slide50 l.jpg

    • I negozi indipendenti hanno dominato il mercato ma oggi devono fare i conti con le grandi Insegne di specialisti che entrano sul mercato e soprattutto i più piccoli stentano a mantenere livelli di profitto adeguati.

    • Nuovi negozi di design aprono di continuo a Tokyo, in aree che si possono ormai definire Design District


    Continua il trend negativo delle vendite e non solo di mobili nei department stores l.jpg

    Continua il trend negativo delle vendite (e non solo di mobili) nei Department Stores

    • Per combattere la concorrenza di altre tipologie commerciali sono in atto importanti fusioni

    • Daimaru e Matsusakaya

    • Hankyu e Hanshin

    • Isetan e Mitsukoshi


    Nuove formule di retail business l.jpg

    Nuove formule di retail business

    • Alcuni operatori operano attraverso una accurata selezione di prodotti, importati direttamente e distribuiti attraverso quattro canali

    • Vendita on-line e distribuzione catalogo

    • Negozi gestiti direttamente

    • Grossista per altri punti vendita

    • Progettazione, forniture, contract


    Contract53 l.jpg

    Contract

    • E’ finito a Tokyo il tempo dei grandi progetti: i grandi operatori guardano alla Cina anche se una parte del mercato chiede ancora qualità e design di prestigio.

    • Famosi architetti Usa ed europei sono coinvolti in importanti progetti e naturalmente influenzano la selezione degli arredi indicando brand e prodotti

    • I principali operatori per arredi su misura e per alcuni prodotti su disegno si rivolgono in Cina, per il classico utilizzano prodotti Usa o Italiani, per gli oggetti di arredo di design fanno riferimento a Cassina IXC e B&B ed attingono ad un vasto repertorio internazionale.


    Piccole forniture l.jpg

    Piccole forniture

    • Cassina rimane per il mercato giapponese il prodotto di riferimento degli addetti ai lavori: è il marchio che insieme ad Arflex ha introdotto il design in questo paese e quindi ha creato un forte imprinting.

    • Gli architetti utilizzano nei loro progetti le buone opportunità e disponibilità a magazzino offerte dai cataloghi ad esempio di Yamagiwa, Arflex, Cassina, Endo e Sanwa:si rivolgono anche ad IDC ed ad altri punti vendita locali.


    Luxury57 l.jpg

    Luxury

    • Per lusso in Giappone si intende design e qualità assoluta, meglio se con valori artigianali e lavorazioni sofisticate.

    • Per quanto riguarda il lusso è importante sia il Brand, che guida le vendite ma anche l’estetica: Armani Casa semplice, minimale, con materiali ricercati e una qualità molto alta viene additato quale esempio di prodotto di lusso abbinato ad un marchio trainante che ne giustifica gli alti prezzi.


    Opportunit58 l.jpg

    Opportunità

    • Polarizzazione in più segmenti (alto e basso in crescita) con un indebolimento del segmento medio.

    • Un crescente interesse per il design e per i brand occidentali con mantenimento di alti margini per i prodotti di marca

    • All’interno del settore contract in crescita una interessante nicchia creata da imprese che costruiscono appartamenti di lusso e li forniscono arredate ed attrezzati di tutto.


    Opportunit vincoli l.jpg

    Opportunità_vincoli

    • Il mercato alto è orientato verso il moderno di design essenziale ma con una qualità esecutiva e nei materiali molto alta

    • Divani e poltrone, letti, tavoli e sedie, piccoli mobili per il soggiorno: queste le tipologie di mobili di qualità più importati

    • Regolamenti per le emissioni di formaldeide e prove di resistenza per alcuni prodotti più restrittive che in altri paesi

    • Il “Made in…” riconosciuto è uno dei valori fondamentali ma non è sufficiente:

      i giapponesi, molto consapevoli, sanno valutare con competenza design e consistenza del brand.

    • Branding e Marketing sono molto importanti


    Slide60 l.jpg

    Conclusioni

    • Il Giappone è un mercato difficile e costoso da affrontare, le trattative sono lente, non si fanno esperimenti: qualità, servizio ed un buon design di prodotto sono considerati requisiti di base.

    • Non cominciare neanche, se non si è certi di poter costruire un affidabile e certo meccanismo di export: è condizione vincolante mantenere fede ai contratti, in termini di specifiche di prodotto e tempi di consegna

    • I negozi giapponesi non ordinano grandi quantità: questo è in parte dovuto al fatto che non hanno grandi possibilità di immagazzinare, ma anche perché intendono presentare nuovi prodotti più spesso possibile


    Tokyo l.jpg

    Tokyo


    Osaka l.jpg

    Osaka


    Slide64 l.jpg

    Schede Incontri TOKYO

    • H&H STYLE

    • TIME&STYLE

    • LUMINABELLA

    • ODAKYU DEPARTMENT STORE

    • KREIS & CO (produttori / distributori)

    • ARCHITECT CAFE’ SHIODOME

    • IDCInternational Design Center (produttori / distributori)

    • SCHIAVELLO

    • BBS Better Business Service Corporation

    PUNTI VENDITA DISTRIBUTORI

    • SII SUMISHO INTERIOR INTERNATIONAL

    • FIELD FOUR DESIGN OFFICE

    • TAKASHIMAYA SPACE CREATE (progettisti / costruttori)

    • DINACITY CORPORATION (progettisti / costruttori)

    • OBAYASHI CORPORATION (progettisti / costruttori)

    • ILA Il libro arredamento

    STUDI DI PROGETTAZIONE


    Slide65 l.jpg

    Schede Incontri OSAKA

    • MAISON DU MARCHE’

    • CASSINA IXC

    • ARFLEX SHOP OSAKA

    • YAMAGYWA OSAKA(produttore / distributore)

    • The DAIMARU DEPARTMENT STORE

    • EURO FURNITURE

    • ENDO LIGHTING CO

    • SANWA COMPANY

    PUNTI VENDITA DISTRIBUTORI

    • TANIGUCHI NOZOMU

    • VIA BARTOLO 34

    • DODICI12

    • NO STYLE

    • SEKISUI HOUSE (progettisti / costruttori)

    • CONFORT Q

    • TAKENAKA CORPORATION (progettisti / costruttori)

    STUDI DI PROGETTAZIONE


    Slide66 l.jpg

    Alcune riviste di settore


    Slide67 l.jpg

    Cina


    Un paese dalle potenzialit enormi l.jpg

    Un paese dalle potenzialità enormi

    • La Cina è il terzo paese del mondo per estensione (9.596.960 km²), il primo per popolazione con 1.313.973.700 (2006) abitanti

    • Nel 2006 Il Prodotto Interno Lordo è stato di 1.143 niliardi si USD con una crescita del 10,9% rispetto all’anno precedente

    • Al 30 giugno 2006 l’inflazione è stata dell’1,3% e il reddito pro-capite è continuato ad aumentare (750 USD nelle aree urbane e 225 USD nelle zone rurali)

    • Il commercio estero costituisce uno dei fattori determinanti dell'espansione economica della Cina: le esportazioni al 30/06/2006 sono ammontate a 428,6 miliardi di USD, in aumento del 25,2% su base annua

    • Anche le importazioni tendono a crescere: sono state pari a 367,1 miliardi di USD e risultano in crescita annua del 21,3%


    Rapporti italia cina l.jpg

    Rapporti Italia - Cina

    • Nel settore dei beni di consumo l’andamento delle vendite fa emergere un nuovo comportamento del consumatore cinese che sta sempre di più “occidentalizzando” il suo stile di vita.

    • L’eccellenza del Made in Italy, nel suo contenuto culturale, di qualità e design ha avuto nel corso del 2006 numerose occasioni per essere comunicata al mercato.

    • I tempi sono maturi per veicolare le eccellenze di intere filiere di prodotti e conquistare una posizione di rilevanza tra i consumatori cinesi.


    Slide71 l.jpg

    Il mercato del mobile in Cina


    Caratteristiche del settore l.jpg

    Caratteristiche del settore

    • Il settore dell’arredamento in Cina è cresciuto rapidamente negli ultimi anni e i dati di produzione del 2006 confermano questo trend (+ 27% rispetto al 2005)

    • La produzione cinese copre un’ampia gamma di prodotti, inclusi mobili per la casa, ufficio e cucina, così come biancheria e componenti d’arredo.

    • Alla fine del 2006 il numero totale di produttori ha raggiunto la quota di 50.000 unità, con oltre 5 milioni di addetti.


    Caratteristiche del settore73 l.jpg

    Caratteristiche del settore

    • La Cina ha sostituito l’Italia come primo esportatore mondiale di mobili. Nel 2006 ha venduto merci per 17,132 miliardi di USD, pari al 20% del commercio mondiale)

    • Per volumi prodotti, le prime cinque province sono nell’ordine: Guangdong, Zhejiang, Fujian, Shandong e Liaoning. Tutte localizzate nella fascia costiera, rappresentano l’84,8% della produzione nazionale.

    • La Cina continua a rappresentare una delle localizzazioni privilegiate per il trasferimento della produzione di molte aziende

    • Alcune società cinesi hanno iniziato a sviluppare dei propri marchi, con nuova attenzione nei confronti del marketing e del rispetto di standard qualitativi.


    Il potenziale del mercato locale l.jpg

    Il potenziale del mercato locale

    • La Cina offre un mercato con un forte trend di crescita per il settore dell’arredamento: aumenta il potere di acquisto, migliorano gli standard abitativi e si sviluppa l’esigenza di vivere in ambienti accoglienti e ben arredati.

    • In particolare il settore del contract (alberghi, uffici, spazi pubblici…) si sta sviluppando molto velocemente.

    • Secondo le statistiche ufficiali, ogni anno in Cina vengono completati 1.2 miliardi di metri quadri di costruzioni, con conseguente crescita della domanda di prodotti di arredo da parte di privati, strutture pubbliche e uffici.

    • L’importazione dei prodotti italiani si scontra con gli elevati prezzi finali e con l’insufficenza di canali distributivi. Un’alternativa per le imprese italiane è l’insediamento produttivo in Cina che richiede però investimenti importanti e capacità di realizzare prodotti di buona qualità con prezzi concorrenziali.


    Tendenze del mercato cinese l.jpg

    Tendenze del mercato cinese

    • Per il mercato delle abitazioni residenziali i clienti sono molto più attenti ed esigenti alle tipologie di arredo.

    • I fattori che caratterizzano maggiormente le domanda sono:

      • Materiali

      • Funzionalità

      • Prezzo

      • Origine

      • Stile

    • Le principali tendenze di consumo sono:

      • Ambiente cucina: questo mercato mostra un trend di crescita molto positivo, l’arredamento completo per la cucina è sempre più richiesto nonostante molti giovani consumino la maggior parte dei pasti fuori casa.


    Tendenze del mercato cinese76 l.jpg

    Tendenze del mercato cinese

    • Consapevolezza ecologica: i produttori cinesi sono sempre più attenti alla scelta dei materiali. Il legno viene sostituito anche da materiali riciclati (legno recuperato, plastica riciclata, pietre e “tri-wall”, un tipo di cartone particolarmente resistente). Associati ad un design innovativo, alimentano una domanda crescente di arredamento “sostenibile” anche nel mercato domestico.

    • Multifunzionalità: l’arredamento flessibile, multifunzionale e di piccole dimensioni è molto richiesto perché offre soluzioni utili ad uno stile di vita informale in spazi contenuti.

    • Semplicità e colori naturali: linee semplici, colori neutri, essenzialità del design rappresentano i principali trend per i nuovi stili di arredamento.

    • Ufficio domestico e fai-da-te: aumenta il numero di persone che lavorano in casa e cresce la domanda di mobili resistenti, flessibili e poco ingombranti. Molto richiesti i prodotti ready-to-assemble (RTA) e do-it-yourself (DIY).


    Importazioni in cina l.jpg

    Importazioni in Cina

    • In Cina il volume totale dell’import di arredamento è notevolmente inferiore a quello dell’export.. L’import è comunque aumentato registrando una crescita del 15% tra il 2005 e il 2006.

    • Negli ultimi tre anni Germania, Giappone, Corea del Sud e USA sono sempre stati ai primi posti per il valore di vendite. Nel 2006 la quota di mercato di questi quattro fornitori ha superato il 63% del valore totale.

    • La maggior parte dei mobili importati sono prodotti di fascia medio-alta, con un prezzo medio almeno doppio rispetto a quello della analoga produzione locale.

    • Le principali categorie di mobili importate sono:

      • Sedie

      • Mobili in metallo e legno per uffici, camere da letto e cucine

      • Lampade, illuminazioni ed accessori


    Importazioni in cina78 l.jpg

    Importazioni in Cina

    Millions USD

    Source: China Customs


    Canali di vendita l.jpg

    Canali di vendita

    • I mobili di importazione sono venduti principalmente in negozi specializzati e centri commerciali per prodotti di alta gamma. Pechino e Shanghai restano le città più ricettive, anche se altre città stanno mostrando interessanti segnali di crescita: Hangzhou, Suzhou, Shenzhen, Dalian, Tianjin, Qingdao, ecc.

    • Inoltre sono diffusi in Cina i distretti specializzati nel mobile con presenza congiunta di punti vendita al dettaglio, magazzini all’ingrosso ed anche strutture produttive.

    • Molti mobilifici producono per marchi stranieri. Alcuni di questi sono presenti con una struttura articolata in Cina che comprende filiali, uffici, showroom, punti vendita, ecc.

    • I prodotti di fascia medio-bassa sono spesso venduti negli ipermercati di mobili.


    Conclusioni80 l.jpg

    Conclusioni

    • In Cina, nonostante le privatizzazioni e lo sviluppo degli ultimi anni, l’industria del mobile è ancora arretrata rispetto a quella occidentale, in termini di dimensioni delle unità produttive, specializzazione della manodopera e livello tecnologico.

    • Sul fronte delle importazioni dall’estero il mercato resta molto difficile e di dimensioni limitate, ancora troppo influenzato dal prezzo.

    • I prodotti italiani hanno tuttavia fattori di vantaggio quali design, qualità della manifattura e uso di materiali all’avanguardia. La sfida per le imprese italiane è quindi di riuscire a fare leva su questi vantaggi comparati per superare altri limiti, bilanciando la promozione della loro nicchia di mercato con una strategia efficiente dal punto di vista dei costi.


    Conclusioni81 l.jpg

    Conclusioni

    • Le strategie da scegliere, anche sul fronte della promozione collettiva, sono diverse anche in base al livello di investimenti desiderato. In sintesi le opzioni possibili:

      • Localizzazione della produzione in Cina;

      • Apertura di filiali commerciali;

      • Programma di collaborazione con gli architetti locali;

      • Azioni congiunte nel settore del contract;

      • Azioni congiunte nella distribuzione (showroom plurimarca);

      • Formazione personale di vendita, architetti, progettisti, ecc.;

      • Acquisto e/o produzione in Cina di componentistica.


    Slide82 l.jpg

    Schede Incontri PECHINO

    • DOMUS TIANDI

    • OPIN Furniture Showroom

    • Hanya Business Resources Center

    • URBAN HYMN CO, LTD.

    • CLASSIC FURNITURE

    • Beijing De Yi Jia Furniture Selling Co., Ltd

    • VITA FURNITURE

    PUNTI VENDITA DISTRIBUTORI

    • BEIJING PANGU INVESTMENT INC. (costruttore)

    • CO+E – Architects & designers

    STUDI DI PROGETTAZIONE


    Slide83 l.jpg

    Schede Incontri SHANGHAI

    • SHANGHAI ZHUOCE TRADING CO., LTD

    • SHANGAI HOUSE & GARDEN SUPERMARKET CO., LTD

    • SHANGHAI EXPOCASA FURNITURE CO., LTD

    • JSWB GLOBAL HOME FURNISHINGS CENTER

    • SHANGHAI INTERIOR SPACE CO., LTD

    • SHANGHAI SHAKS FURNITURE CO., LTD.

    PUNTI VENDITA DISTRIBUTORI

    • MOOMA DESIGN AGENCY

    • Shanghai Urban Construction (Group) Corporation Real Estate Business Department

    • Shanghai Construction Property Development Co., Ltd

    • SHANGHAI SHAKS FURNITURE CO., LTD.

    STUDI DI PROGETTAZIONE


  • Login