Popoli e civilt del continente americano l.jpg
Advertisement
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 8

Presentazione di prova PowerPoint PPT Presentation

Presentazione di prova

Download Presentation

Presentazione di prova

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Popoli e civilt del continente americano l.jpg

Popoli e Civiltà del continente americano

MAYA

AZTECHI

INCA


Slide2 l.jpg

Da dove provengono queste popolazioni?

Ci sono varie ipotesi sull’insediamento delle prime popolazioni in America.


Slide3 l.jpg

MAYA

ORIGINI

La storia dei Maya ha inizio intorno al 1500 a.C. nell'area meridionale del Messico (attuali stati federali del Chiapas, del Quintana Roo, del Campeche, dello Yucatan), nel Guatemala e nel Belize (ex Honduras britannico).

Collocazione geografica dei Maya

SOCIETÀ

Il sistema di governo dei Maya, durante il periodo della nascita e dell’apogeo delle città maya, può senza dubbio essere definito teocratico. Al vertice stava un’élite sacerdotale in possesso del dono divino di conoscere l’alternarsi delle stagioni, il corso degli astri, le profezie sovrumane; la base era costituita dalla massa dei contadini.


Slide4 l.jpg

I Maya sono l’unica civiltà precolombiana che ci ha lasciato un grande patrimonio culturale.Essi erano un popolo di notevole inventiva e particolarmente raffinato.

SCRITTURA

La scrittura Maya era una scrittura logosillabica,nella quale cioè ciascun simbolo, o grafema,poteva sia rappresentare una parola o comunque avere un significato a sé stante, sia indicare foneticamente una sillaba.

CALENDARIO MAYA

Il giorno era il K'in; 20 kin costituivano un uinal; 18 uinal l'haab, cioè l'anno di 360 giorni, un 19° brevissimo, di soli 5 giorni uayeb, ed erano 5 giorni che portavano male e durante i quali la gente se ne stava tappata in casa facendo i debiti scongiuri.

MATEMATICA

I Maya utilizzavano un sistema di numerazione a base vigesimale (tipo di numerazione avente per base il numero 20).

Per la civiltà maya la matematica faceva parte della sfera religiosa e rappresentava forme di conoscenza e di controllo delle energie sacre emanate principalmente dagli astri, considerate divinità o epifanie dell'essenza divina.

DIVINITÀ

Le credenze religiose dei Maya sono complesse e includono una grande varietà di divinità legate alla natura, al cielo e al mondo sotterraneo. L’Universo maya è rappresentato dalla ceiba, l’Albero Cosmico. Sopra l’albero vi è simboleggiato un uccello – serpente.


Aztechi l.jpg

AZTECHI

Gli Aztechi furono una delle grandi civiltà precolombiane, la più viva al momento del contatto con gli ispanici. Si svilupparono nella regione mesoamericana dal secolo XIV al XVI .

ETIMOLOGIA

Nel linguaggio nativo degli Aztechi, "Azteco" significa "colui che viene da Aztlàn", una regione mitica nel nord del Messico.

ORIGINI

Nella mitologia azteca, la leggenda vuole che i mexicas fossero partiti da Azecti per giungere dopo una lunga peregrinazione nel lago Texcoco.

Fu l'ultima tribù arrivata lì di sette nahuatlacas (di lingua nahuatl). Il loro dio aveva predetto che un giorno essi avrebbero visto un’aquila sopra un cactus con un serpente nel becco e in quel punto avrebbero fondato la loro città.

Così avvenne e, dopo molti anni, i mexicas gettarono le fondamenta della loro capitale, Tenochtitlàn, su un isolotto nel lago Texcoco.

Statua messicana che ricorda la leggenda della fondazione di Tenochtitlan

Collocazione geografica dell’impero azteco


Slide6 l.jpg

DIVINITÀ

Gli Aztechi praticavano una forma di politeismo, comprendente molte divinità. Importante era il Dio Quetzalcoatl, leggendario re Tolteco considerato padre della civiltà e colui che aveva introdotto numerose innovazioni sociali. Secondo la leggenda Quetzalcoatl sarebbe migrato dalla Mesoamerica a bordo di una nave con la promessa di tornare a guidare i popoli della zona dopo un certo lasso di tempo.

ESERCITO

AZTECO

ARCHITETTURA

Le città erano ricche di grandi templi e palazzi ognuno con uno scopo differente. I templi erano consacrati a specifici dei, e usati per attività quali cerimonie religiose, purificazioni e uccisioni di prigionieri. Molti templi erano dedicati ai sacrifici umani, alcuni per numeri ridotti di vittime, altri per sacrifici in massa.

I templi aztechi somigliano alle piramidi egizie solo in apparenza.

Anche le case della gente comune erano abbastanza avanzate da un punto di vista architettonico.

Tutti gli abitanti , sia nobili sia membri del popolo, avevano un abitazione costituita da due edifici.

COMMERCIO

Gli Aztechi ammiravano l'abilità manuale dei Mixtechi tanto da importare a Tenochtitlan artigiani e chiedevano che venissero realizzati oggetti in stile Mixteco. Gli Aztechi ammiravano anche i codici dei Mixtechi, così che alcuni vennero realizzati su commissione degli Aztechi da questi.


Slide7 l.jpg

INCA

Titicaca il lago navigabile più "alto" del mondo: 3.800 metri. E` lungo 150 km e profondo 300 metri


  • Login