slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
FONDAZIONE FRANCOLINI FRANCESCHI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 62

FONDAZIONE FRANCOLINI FRANCESCHI - PowerPoint PPT Presentation


  • 129 Views
  • Uploaded on

FONDAZIONE FRANCOLINI FRANCESCHI. FONDAZIONE FRANCOLINI FRANCESCHI. … buon pomeriggio e … buon lavoro …. … ringraziamenti non formali …. ai ragazzi e alle ragazze di Santarcangelo e Verucchio …. ai docenti . ai genitori. ai relatori.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' FONDAZIONE FRANCOLINI FRANCESCHI' - gloria


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

FONDAZIONE FRANCOLINI FRANCESCHI

FONDAZIONE FRANCOLINI FRANCESCHI

… buon pomeriggio e … buon lavoro …

ringraziamenti non formali
… ringraziamenti non formali …

ai ragazzi e alle ragazze di Santarcangelo e Verucchio…

ai docenti

ai genitori

ai relatori

ringraziamenti non formali1

› L’ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE “R. MOLARI” DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA,

› L’ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI VERUCCHIO

› IL DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA DELL’UNIVERSITA DI CESENA

… ringraziamenti non formali …
origine del termine bullying
Origine del termine bullying
  • Negli anni 60 in Svezia il termine bullying usato nella ricerca dell’aggressività : era analogo a mobbing (pratica persecutoria)
  • Negli anni 80 Heinz Leymann propone di utilizzare il termine bulling per notare fenomeni di aggressività in ambito scolastico
sempre esistito dal tribale al globale
Sempre esistito dal tribale al globale...
  • comportamenti antisociali: fare male, farsi male (influenza dei pari, modelli emotivo-relazianali)
  • Il termine bullismo non fa giustizia: va oltre il rifiuto delle regole, del vandalismo, del teppismo (attacco alle cose)
slide7

nonnismo

è attacco alla persona

Mobbing sul lavoro

Bullismo a scuola

i soliti bullismi

Vittima designata esterna al gruppo

I soliti bullismi

Bullismo diretto

Fisico, colpire, picchiare, colpire

Bullismo indiretto

Pettegolezzi, calunnie,

Più usato dalle femmine

Bullismo di inclusione

Le vittime soni i più piccoli

Rituali: nonnismo

Bullismo persecutorio

Ostracismo, vittima interna al

gruppo

perchè estranea

al modello identitario.

Cannibalismo gruppale

Bullismo di esclusione

ipotesi sull origine domande cruciali
Ipotesi sull’origine, domande cruciali
  • È deviazione patologica di gruppi relativamente sani (?)
  • Sono dinamiche interpersonali viziate dalle logiche del consumo e del potere (?)
  • È “frutto malato” della degenerazione della società violenta (?)
  • Il bullismo è sempre esistito (?) o è ora enfatizzato dalla società violenta per proiettare fuori di sé i propri problemi (?)
  • È “tappa inconclusa dell’eterno disordine dell’inquietudine che muta in adolescenza (?) - Galimberti
la storia del bullismo

paradosso dell’invidia nei confronti delle vittime

  • Tipologia del “bullo”
  • Tipologia della vittima
  • Trattare l’Altro come oggetto parziale (speculare non accettazione di sé come oggetto parziale ) cioè “non riconoscerlo” come persona e renderlo con l’aggressione “de-individualizzato”
La storia del bullismo:
slide12

È la nostalgia delle relazioni sufficientemente buone, perdute, mancate o deteriorate (?)

È il paradigma del desiderio della presenza, il sentirsi in con-tatto, dell’Esser-ci (dentro la relazione) (?) è ricerca di nuova fisicità (?)

Il bullismo racconta il disagio o lo urla (?)

È il fallimento del Sé ausiliario” che non si piega alla condivisione, al nutrimento, al sostegno e all’incapsulamento della paura nell’identificazione con il gruppo (?)

l aggressivit per camuffare la vergogna della tenerezza per l altro e per s
È l’aggressività per camuffare la “vergogna della tenerezza” per l’altro e per sé (?):
  • È disordine della qualità della pulsione (socialmente accettata) (?)
  • È uscire allo scoperto alla ricerca della propria identità per autoconcepire il senso del Sé (?)
  • È fatica a stare dentro le emozioni: mentre l’aggressività è “andare verso” il bullismo è “andare contro” e non saper con-dividere l’emozione profonda
bullismo questione di gruppo

Il fenomeno è contraddistinto da una marcata dimensione di gruppo

Nel gruppo nessuno si percepisce nei fatti realmente responsabile dell’accaduto (disimpegno morale che coinvolge anche i fiancheggiatori).

Bullismo: questione di gruppo ?
salmivalli e coll le sei diverse forme di bullismo
Salmivalli e coll.: le sei diverse forme di bullismo
  • Bullo
  • vittima
  • Aiutante del bullo
  • Sostenitore del prevaricatore (supporters)
  • Difensore della vittima
  • L’esterno che è a conoscenza della prepotenza e cerca di non farsi coinvolgere
dinamiche gruppali
Dinamiche gruppali
  • Mentre con i “ragazzi violenti” si formano reti amicali con membri tutti violenti (arancia meccanica, baby gang ), con il bullo si formano reti miste con membri violenti e non
la scuola teatro di azioni criminose
La scuola: teatro di azioni criminose ?
  • Danneggiamento di materiale didattico
  • Aggressione fisica e verbale (ingiurie, minacce, percosse, lesioni, violenza sessuale,estorsione e rapina)
  • Furto e ricettazione
  • Detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti
  • Sono tutti reati soggetti a denuncia di incaricati di pubblico servizio
qualche quasi certezza obiettivi operativi

Educare alla convivenza e alla cultura dell’accoglienza

Sostenere valori di dialogo,comprensione e solidarietà

Sperimentare stili di vita per il ben – essere

Sostenere la cultura della legalità

Qualche quasi certezza : obiettivi operativi
suggerimenti per la famiglia

• Essere attenti ad eventuali cambiamenti nel comportamento quotidiano dei figli;

• essere disponibili ad ascoltare i racconti dei figli relativi alla vita scolastica e nel gruppo;

• non sottovalutare o banalizzare episodi di disagio relazionale tra coetanei;

• costruire un clima familiare basato sulla comprensione reciproca;

• evitare di incoraggiare nei figli comportamenti competitivi ed aggressivi;

• comunicare con le istituzioni scolastiche nel momento in cui i figli dovessero raccontare di essere vittime, testimoni o autori di atti di bullismo;

• non sovrastimare episodi di conflitti relazionali tra i coetanei;

• il bullismo ha caratteristiche riconoscibili (vedere le descrizioni sopra riportate);

• promuovere nei figli comportamenti empatici, prosociali e solidali.

SUGGERIMENTI PER LA FAMIGLIA
suggerimenti per la scuola
SUGGERIMENTI PER LA SCUOLA

• “ Non sottovalutare e non tollerare le quotidiane sopraffazioni e umiliazioni di alcuni ragazzi a danno dei più deboli, come se fossero comportamenti “normali”

slide23

BULLISMO / INTERAZIONI

BULLI, GREGARI, VITTIME E SPETTATORI,

QUESTI ULTIMI RINFORZANO IL BULLISMO,

IL LEGAME BULLO-VITTIMA

IL LEGAME BULLO-GREGARIO

LE VITTIME SONO FRUSTRATI COME I BULLI, ETEROAGGRESSIVITÀ CONTRO AUTOAGGRESSIVITÀ,

MA SEMPRE IN RISPOSTA AD UNA FRUSTRAZIONE.

il ruolo di bullo

VITTIMA DEL PROPRIO RUOLO

UN RUOLO CHE NON SEMPRE PIACE

SPESSO VOGLIONO CAMBIARE VITA MA NON POSSONO

CI CHIEDONO DI FERMARLI NEL CORSO DI INTERVENTI

IL RUOLO DI BULLO
slide25

ORA VOGLIO DIRE CIO’ CHE PENSO

Ma se un adolescente

fosse qui,

questa sera cosa direbbe ?

slide26
È per controllare la vostra paura che mi avete comprato il cellulare ... ?

Utensilizzate il telefonino come un ansiolitico ...?

Ma cosa pensate che mi possa accadere nel futuro ...

slide27

vivere la legalità vuol dire condividerla, riconoscendo che dimensione costitutiva della persona è la relazione con l\'altro, con la comunità più vasta che ognuno contribuisce a realizzare con la propria libertà e responsabilità

i ragazzi digitali e connessi rapporti asimmetrici tra le generazioni
I ragazzi digitali e connessi: rapporti asimmetrici tra le generazioni
  • La miniaturizzazione
  • La semplicità
  • La diffusione dei punti di accesso alla rete
  • Il cellulare per esigenze di sorveglianza dei figli
  • Il computer per le ricerche scolastiche

Rendono eludibile il controllo dei genitori

Era più facile controllare l’uso della televisione: … dopo Carosello tutti a letto …

socializzare in rete sns social network sites

Si entra a far parte di gruppi

  • Si condividono interessi
  • Si condividono passioni
  • Si supera l’eventuale esclusione sociale
  • Si promuove il senso di appartenenza

Sonia Livingstone: è un nuovo arcipelago simbolico dove si innerva l’identità e nel web si sedimentano pensieri,emozioni ed interessi

Socializzare in reteSNS social network sites
la metafora dell abitare della net generation
È la metafora dell’abitaredella net generation
  • È il luogo delle reti digitali e globali
  • È spazio dei flussi
  • È spazio di nuovi network comunicativi che diventano net-influenza che orienta scelte e consumo
corpo e sessualit digitale con ict information and comunication technology

Online

Social

media

Corpo e sessualità digitale con ICT: information and comunicationtechnology

Facebook

Myspace

blogs

networking

Status updatingsites

Twitter

Chat room

possono coinvolgere anche la sfera sessuale

slide37
Le preoccupazioni pedagogiche in relazione ai comportamenti sessuali e alle forme dell’affettività sono sempre esistite tra generazioni e tra i generi
  • PLATONE bandiva la letteratura fantastica perché corrompeva i giovani
  • ROUSSEAU vedeva nella finzione letteraria e nel teatro sentimenti immaginari che si allontanavano dalla realtà
  • NELL’ OTTOCENTO E NEL NOVECENTO i nuovi media erano corruttori dei giovani
  • Tra gli anni 20 e 50 il CINEMA accostava prematuramente i giovani al sesso
  • Tra le 2 GUERRE prima i fumetti poi la televisione furono accusati della stessa cosa
internet nuovo spauracchio sociale
Internet: nuovo spauracchio sociale
  • Tra le accuse
  • I giovani tendono a isolarsi
  • Possono coltivare amicizie pericolose
  • Si instaurano sentimenti vuoti
  • Si diventa schiavi della pornografia
il timore adulto
Il timore adulto
  • È legato alla perdita dell’innocenza connessa alla precoce esplorazione di contenuti riferibili alla sessualità
  • Immagina i giovani senza strumenti idonei ad accogliere contenuti sessuali
  • È di perdere la gestione dei network sessuali
le connessioni amorose e sessuali nei social network sites
Le connessioni amorose e sessualinei social network sites
  • Mezzo importante per mantenere relazioni esistenti
  • Mezzo per creare nuove relazioni anche romantiche

facebook

Accesso per nuovi incontri anche reali

Chat rooms

le connessioni amorose e sessuali nei social network sites1
Le connessioni amorose e sessualinei social network sites
  • Si richiedono informazioni
  • Durata del rapporto sessuale
  • Lunghezza media del pene
  • Come procurare piacere al partner
  • Come evitare grossolani errori

I maschi

Forum, blog,

lurker

Per la ricerca di rassicurazione

le connessioni amorose e sessuali nei social network sites2

Forum, blog,

lurker

Le connessioni amorose e sessuali nei social network sites
  • Chiedono informazioni
  • Sulla propria salute
  • Come prevenire malattie sessuali trasmissibili
  • Come evitare gravidanze

Le ragazze

Per la sessualità preferiscono parlare con amiche

le connessioni amorose e sessuali nei social network sites3
Le connessioni amorose e sessuali nei social network sites
  • Sexting
  • Cybersex

Tali pratiche sono considerate rischiose

e lesive della propria intimità e

reputazione …

Scambio di immagini ritraenti il corpo nudo o sue parti

i t c

Emergenza educativa e nuove tecnologie

Sono accessori indispensabili ?

Non sono una agenzia educativa … ma un ambiente significativo

Esercitano influssi positivi e negativi

La rapidità e l’invasività della tecnologia provocano la riflessione degli adulti

Come rispondono ai disturbi : pedofilia, violenze e disturbi di personalità

Come utilizzarli al meglio per allargare le reti amicali

I.T.C.
gli adulti sono poco informate sui fatti
Gli adulti sono … poco informate sui fatti …
  • Un adolescente scrive in un tema: … mia madre non se ne è mai accorta … sono quattro mesi che ciatto … sono innamorato di lei ed anche lei lo è di me … ogni volta che la incontro nei corridoi durante la ricreazione avvampo tutto, il cuore mi salta in gola, ma domani se trovo il coraggio mi faccio riconoscere e la invito a mangiare un gelato insieme
gli adulti sono poco informate sui fatti1
Gli adulti sono … poco informate sui fatti …
  • Il professore di storia interroga lo studente che risponde: è stato il generale Biperio a conquistare la Sicilia insieme a Garibaldi … l’ho trovato su internet … (Bixio …)
slide49

Un professore di liceo chiede quali oggetti avere per sopravvivere in una isola deserta … tutti rispondono: i pood, cellulare ed intenet …

slide50

I nemici dei giovani sono la noia e la solitudine

L’adolescente è un moderno naufrago ma Telemaco ha lasciato il passo a Narciso …

Ma gli adolescenti sono “i nativi “ dell’ambiente tecnologico [ media nuovi: interattività, protagonismo, amicalità ]noi adulti [ media vecchi: televisione, radio ] siamo come immigrati …

i t c e libert
I.T.C. e libertà
  • La libertà non è fare ciò che piace
  • La libertà non è scegliere tra tante cose ma è sapere perché si fa una determinata cosa
  • Libertà è aver avuto una educazione che sa ben orientare
libert saper scegliere
Libertà è saper scegliere
  • In rete ci sono “falsi amici “ …
  • Il virtuale può essere vissuto come reale
  • In patologia si va nel virtuale perché non si sopporta il reale …
il fenomeno hikikomori
Il fenomeno “HIKIKOMORI”
  •    La parola indica un fenomeno sociale emergente per il quale un considerevole numero di giovani, per problemi di carattere psicologico, non riesce più a vivere nella società: si rinchiudono nella propria stanza rimanendo isolati e rifiutando qualsiasi contatto diretto con il mondo esterno, per anni. Oggi si dice che ce ne siano almeno mezzo milione in tutto il paese.   Vittime di questo triste fenomeno sono principalmente gli adolescenti. Di solito si comincia così: prese in giro e maltrattamenti insistenti e duraturi da parte dei compagni di scuola fanno sì che sia sempre più difficile andare a scuola, ed i genitori, non capendo la gravità della situazione, considerano le assenza da scuola dei loro figli come segno di pigrizia e conseguentemente tendono a rimproverarli; in questo modo lo stress si accumula sempre di più ed unica difesa è smettere di comunicare con tutti (incluso i familiari), chiudersi a chiave nella propria stanza per essere lasciati da soli e sentirsi \'protetti‘ E SI COMUNICA SOLO CON COMPUTER
la rete e virtuale
LA RETE E’ VIRTUALE
  • È AMBIENTE:
  • DA CONVIVERE
  • AMBIVALENTE
  • OFFRE OPPORTUNITA’
  • HA RISCHI

Ma i rischi possono essere opportunità educative ?

l ambiente tecnologico
L’ambiente tecnologico …
  • Inquieta e affascina
  • Parisi: … se un uomo dell’ottocento tornasse ora non saprebbe cosa fare … si troverebbe bene solo a scuola …
slide56

Nei videogiochi non c’è … la teoria del pensiero dell’altro

Con gli SMS c’è l’illusione di controllare gli altri,

È possibile inventare infinite identità senza esporre la propria faccia …

Regola PSICOLOGICA: quando l’amicizia è meno intensa la comunicazione diventa più veloce …

bullismo e cyberbulling
Bullismo e cyberbulling

Bullismo: oppressione psicologica o fisica, ripetuta e continuata nel tempo, perpetrata da una persona o gruppo di persone più potente nei confronti di un’altra percepita più debole

l educazione la cybereducazione
L’educazione, la cybereducazione è …

Speranza di futuro: … né bulli né citrulli …

slide60

Il sogno del mio domani non può essere un desiderio malato,

ma la speranza alla quale mi avete educato.

… IO SOGNO POSITIVO …

slide62

Dott. Maurizio Bartolucci

psicoterapeuta

Consigliere on. Corte d’Appelllo

Rif:

Cell. 3484163445

e.Mail [email protected]

ad