Processi di apprendimento insegnamento e td
Download
1 / 57

Processi di apprendimento - PowerPoint PPT Presentation


  • 154 Views
  • Uploaded on

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione. Processi di apprendimento/insegnamento e TD. Modulo 10. Ins. Landi Elisabetta. Scopo del modulo. Far comprendere:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Processi di apprendimento' - gillian


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Processi di apprendimento insegnamento e td

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

Processi di apprendimento/insegnamento e TD

Modulo 10

Ins. Landi Elisabetta


Scopo del modulo
Scopo del modulo Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

Far comprendere:

  • Quale ruolo giocano le TIC nei processi di apprendimento/insegnamento e in particolare quali sono le strategie di uso delle TIC per realizzare apprendimenti individualizzati e apprendimenti collaborativi

  • I principi della didattica basata su progetti

  • L’utilità di preparare comunicazioni didattiche basate su TIC


Modulo 10 – Processi di Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

apprendimento/insegnamento e TD

10.1. Ruolo delle TIC nei processi di apprendimento

10.1.1.TIC per la ricerca e la condivisione dell’informazione

10.1.2.TIC come amplificatore delle capacità di comunicazione

10.1.3. TIC come supporto ai processi di apprendimento collaborativo

10.1.4. TIC come strumento di produttività individuale

10.1.5. TIC come amplificatore delle capacità espressive

9.2. Apprendimento individualizzato

10.2.1.Sistemi adattivi

10.2.2.Sistemi reattivi

10.2.3.Condizioni di uso a scuola

9.3. Apprendimento collaborativo

10.3.1. Definizione di apprendimento collaborativo

10.3.2. Strategie di apprendimento collaborativo

10.3.3. Apprendimento collaborativo in rete

10.3.4. Condizioni di uso a scuola


Modulo 10 – Processi di Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

apprendimento/insegnamento e TD

10.4. Didattica basata su progetti interdisciplinari

10.4.1.Che cosa è un progetto interdisciplinare

10.4.2.Progettazione di un progetto

10.4.3.Realizzazione di un progetto

10.5. Progettazione e realizzazione di presentazioni basate su TIC

10.5.1.Preparazione di una comunicazione didattica

10.5.2.Strumenti di presentazioni basate su TIC


10 1 1 tic per la ricerca e la condivisione dell informazione
10.1.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC per la ricerca e la condivisione dell’informazione

T.I.C.

TECNOLOGIE DELL’INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

Le TIC consentono di:

  • Accedere all’informazione

  • Comunicare con altri

  • Condividere materiali (produrre conoscenza insieme ad altri)

    di conseguenza:

    le TIC hanno un ruolo importante nei processi di apprendimento/insegnamento

indice


10 1 1 tic per la ricerca e la condivisione dell informazione1
10.1.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC per la ricerca e la condivisione dell’informazione

Accesso all’informazione:

attraverso CD-Rom tematici ed enciclopedie multimediali

(uso del computer non connesso in rete)

attraverso la ricerca in Internet

(modalità on-line: computer connesso in rete)

Comunicazione con altri:

attraverso sistemi di comunicazione sincrona e asincrona:

posta elettronica, chat, forum, ecc.

(Internet non ha limiti spaziali e temporali)

Condivisione delle conoscenze

(apprendimento collaborativo)


10 1 1 tic per la ricerca e la condivisione dell informazione2
10.1.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC per la ricerca e la condivisione dell’informazione

Condivisione

tra studenti

apprendimento

collaborativo

tra docenti

scambio di informazioni

condivisione di materiali

condivisione di esperienze

elaborazione di progetti comuni

forme varie di cooperazione

In questo modo si supera l’isolamento del docente

indice


10 1 2 tic come amplificatore delle capacit di comunicazione
10.1.2. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come amplificatore delle capacità di comunicazione

Internet non è solo una superstrada dell’informazione per arrivare velocemente a ogni libro e a ogni biblioteca del mondo

Internet è comunicazione e socializzazione tramite modi e forme del tutto nuovi.

La comunicazione tramite Internet elimina spazi e distanze,

ci rende tutti abitanti di un unico villaggio globale,

supera i riferimenti convenzionali legati allo spazio e al tempo.

La comunicazione attraverso Internet può essere

sincrona o asincrona

indice


10.1.2. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come amplificatore delle

capacità di comunicazione

Comunicazione sincrona (in tempo reale)

CHAT

Il termine (chiacchierata) indica una comunicazione in tempo reale. Poiché è una scrittura veloce, i testi che appaiono sullo schermo, si presentano con tutti gli errori di battitura. Si usano, inoltre, per velocizzare la comunicazione, abbreviazioni di vario genere.

esempio di chat

Si tratta di un collegamento a distanza sincrono in modalità audio-video. La caratteristica è quella di riprodurre le tecniche della comunicazione in presenza.

VIDEO-CONFERENZA


10.1.2. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come amplificatore delle

capacità di comunicazione

Comunicazione asincrona (in tempo differito)

E-MAIL

Sono i messaggi spediti tramite posta elettronica. Il dialogo è un po’ più formalizzato di quello delle chat, perché si ha più tempo per rivedere il messaggio. Al messaggio possono essere allegati anche file.

MAILING-LIST

(lista di discussione) Utilizza la posta elettronica. Basta iscriversi a una mailing-list e i messaggi inviati arriveranno a tutte le caselle postali degli iscritti.

FORUM

E’ una sorta di comunicazione di gruppo in tempo differito sui più svariati argomenti

NEWSGROUP

Un newsgroup è molto simile a una bacheca pubblica dove le persone leggono, inseriscono e rispondono ai vari messaggi. Sono divisi per argomenti.


10.1.2. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come amplificatore delle

capacità di comunicazione

Grazie alle TIC (in particolare alla rete)

è possibile formare

comunità virtuali

di apprendimento

tra alunni appartenenti a scuole e paesi diversi che condividono progetti e collaborano per un obiettivo comune

In queste comunità:

  • l’apprendimento è inserito in un’esperienza sociale

  • si annulla l’isolamento del singolo (o della classe)

  • si valorizzano i rapporti di gruppo

  • viene favorito il processo di costruzione della conoscenza

    Si parla di ambienti di apprendimento costruttivisti nei qualigli alunni costruiscono la propria conoscenza lavorando insieme ed usando una molteplicità di strumenti comunicativi ed informativi


10.1.2. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come amplificatore delle

capacità di comunicazione

Le TIC facilitano la comunicazione anche in progetti di

didattica collaborativa

  • tra classi dello stesso istituto

  • nell’ambito della stessa classe

    perché davanti a un computer gli alunni sono portati a:

  • confrontarsi

  • aiutarsi

  • cercare insieme soluzioni

  • dare opinioni, ecc.

Inoltre attraverso le TIC il docente stesso può rendere efficace la propria comunicazione realizzando ad esempio delle presentazioni (PowerPoint) a supporto della lezione frontale

indice


10 1 3 tic come supporto ai processi di apprendimento collaborativo
10.1.3. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come supporto ai processi di apprendimento collaborativo

Apprendimento collaborativo

Kaye, ricercatore della Open University, spiega ciò che non è “apprendimento collaborativo”

Non è“apprendimento collaborativo” un modello educativo tradizionale

  • che si basa sulla trasmissione del sapere

  • dove la principale attività di apprendimento è lo studio individuale

  • in cui le fonti di informazione sono i libri e il docente

  • dove l’autorità e la conoscenza si identificano con il docente

E’ un processo che enfatizza, all’interno del gruppo, l’impegno di alunni e docenti, finalizzato al raggiungimento di nuove abilità e competenze attraverso la condivisione di informazioni e conoscenze.

indice


10.1.3. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come supporto ai processi di

apprendimento collaborativo

L’apprendimento collaborativo affonda le sue radici nel costruttivismo sociale

Elementi costitutivi degli ambienti di apprendimento secondo il costruttivismo sociale

  • Eterogeneità tra i componenti della comunità di apprendimento (alunni, docenti, esperti)

  • Condivisione degli obiettivi e ripartizione dei compiti

  • Valorizzazione di ogni membro e dei talenti di ognuno

  • Presenza di una forte base dialogica

  • Insegnamento incentrato su chi apprende

  • Considerazione degli alunni come costruttori attivi di conoscenza

  • Costruzione di qualcosa di nuovo: il risultato ottenuto supera spesso i singoli contributi (il tutto non è la somma delle parti)

I nuovi strumenti tecnologici possono diventare preziosi strumenti per la progettazione di ambienti nei quali si costruisce il sapere (costruttivismo) collaborando e cooperando


10.1.3. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come supporto ai processi di

apprendimento collaborativo

  • Due esempi di apprendimento collaborativo in rete

  • (in rete si possono trovare numerose opportunità di progetti collaborativi a distanza)

  • Un Atlante per gli alunni

    Uno spazio di comunicazione e di didattica in rete a disposizione dei docenti e

  • degli studenti offerto dalla GARAMOND. Ogni insegnante abbonato a E-Prof

  • può registrare gratuitamente fino a 30 suoi alunni alla comunità di Atlante

  • Ragazzi e realizzare con loro attività educative on-line.

  • Kidlink è un'organizzazione senza scopo di lucro il cui intento è quello di raggruppare il maggior numero possibile di giovani fino al termine della scuola secondaria  per coinvolgerli in un dialogo globale attraverso una Rete personale.

    Leggi cosa è KIDLINK.

    Visita la pagina di presentazionedegli alunni della scuola “Marconi ” di Martina Franca che partecipano al progetto

indice


10 1 4 tic come strumento di produttivit individuale
10.1.4. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come strumento di produttività individuale

Attraverso le TIC è possibile realizzare un clima educativo e didattico che valorizza l’autonomia, le differenze individuali, le scelte personali e che mira:

  • allo sviluppo di processi di autoapprendimento (l’imparare ad imparare)

  • alla crescita di autostima negli alunni con difficoltà di apprendimento

  • all’uso dell’errore come stimolo positivo

  • a garantire tempi e modalità di apprendimento adatte a ciascuno

  • alla valorizzazione delle doti di ogni alunno

  • a un ruolo di docente che diventa tutor, facilitatore del processo di apprendimento dell’allievo

Le TIC diventano un mezzo attraverso cui il docente può migliorare la produttività individuale degli studenti facendo leva anche sulla motivazione e sull’interesse che mostrano gli alunni nelle attività al computer

indice


10.1.4. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come strumento di

produttività individuale

L’alunno può svolgere con il computer attività di vario tipo usando:

  • software tutoriale ed esercitativo in cui vengono presentati dei contenuti e poi delle esercitazioni di verifica

  • software di consultazione multimediale e di navigazione ipermediale che abitua l’alunno ad attività esplorative e di ricerca

  • software applicativo (word processor, editor grafici e musicali…) che permette l’uso del computer nella normale attività didattica come strumento per esprimersi e comunicare

  • sistemi-autore per la creazione di prodotti ipermediali

  • Internet

Queste attività vanno svolte rispettando il ritmo di apprendimento di ciascuno

indice


10 1 5 tic come amplificatore delle capacit espressive
10.1.5. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come amplificatore delle capacità espressive

computer come

amplificatore delle

capacità espressive

L’introduzione del computer nella pratica didattica suscita sempre negli alunni interesse e motivazione

Il computer è un facilitatore relazionale prima ancora che un facilitatore cognitivo e può amplificare le potenzialità espressive e comunicative dell’alunno

Obiettivo fondamentale della scuola

far conseguire la capacità di usare il codice verbale

sapercomunicare e sapersi esprimere correttamente

computer come

facilitatore

relazionale

Le TIC amplificano, nella scuola, la possibilità di comunicare realmente con altri individui. Questo facilita la motivazione dello “scrivere correttamente”: scrivere e dunque comunicare diventa molto più significativo rispetto all’esercizio svolto (senza un fine reale se non quello della correzione) sul quaderno. Si scrive per uno scopo ben preciso e questo dà un senso alla comunicazione. Come diceva il prof. Alfio Zoi “Lo scolastichese non esiste”.

indice


10.1.5. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneTIC come amplificatore

delle capacità espressive

Alcuni esempi:

Lo scambio di e-mail tra alunni di scuole diverse. Gli studenti scrivono le loro lettere che poi vengono inviate attraverso la posta elettronica alla scuola destinataria.

La condivisione di materiale o di esperienze di studio realizzate in classe attraverso la rete e dunque la produzione di pagine web. Anche in questo caso gli alunni sono “costretti” ad essere molto attenti alla correttezza della comunicazione

Esempio di comunicazione in rete

indice


10 2 1 sistemi adattivi
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi adattivi

Negli Stati Uniti vennero chiamati

CAI

(Computer Assisted Instruction)

Sono denominati anche

CBT

(Computer Based Training)

Si tratta di programmi orientati a supportare o sostituire l’insegnante (computer come tutor)

Propongono contenuti e percorsi differenti a seguito dei diversi comportamenti degli utenti ma all’interno di una struttura di presentazione dei contenuti precostituita.

L’utente ha poco spazio di azione: è esecutore di comandi e percorsi.

L’iniziativa è sempre gestita dal sistema che individualizza gli interventi in base alle risposte ricevute

indice


10 2 1 sistemi adattivi1
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi adattivi

Software esercitativo

Software tutoriale

(o Istruzione Programmata) Presenta delle informazioni seguite dalla verifica dell’avvenuta comprensione. La somministrazione è individuale e si basa sul trinomio stimolo-risposta-rinforzo

Somministrazione di quesiti su determinati argomenti il cui livello viene definito direttamente dall’utente o dall’insegnante o definito dal sistema in base ad alcune risposte iniziali dell’utente

Sebbene i CAI siano stati spesso criticati risultano particolarmente utili in ambito scolastico quando si vuole far acquisire competenze di base a soggetti in difficoltà per i quali è necessario allenamento ed esercizio

indice


10 2 2 sistemi reattivi
10.2.2. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi reattivi

Si tratta di programmi più centrati sull’apprendimento che sull’insegnamento, gestiti in buona parte dall’allievo a cui viene lasciato un sufficiente spazio di iniziativa. Sono ambienti entro i quali risolvere problemi, individuare soluzioni, prendere decisioni.

Negli Stati Uniti vennero chiamati

CAL

(Computer Assisted Learning)

L’utente è attivo, creativo, motivato, costruttore di conoscenza condivisa attraverso la discussione in gruppo.

Si tratta in particolare di giochi e simulazioni.

Vengono definiti non come “programmi didattici” ma come “ambienti di apprendimento”

indice


10 2 1 sistemi reattivi
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi reattivi

Esempi:

  • giochi didattici

    www.simcity.com

    http://www.mamamedia.com/

  • Software di simulazione

    http://www.ba.infn.it/~zito/museo/leonardoen.html

  • Micromondi per l’apprendimento (esempio il LOGO di Papert)

    è lo studente che "programma" il computer al fine di costruire meglio i propri apprendimenti

    (Micromondi della Garamond)


10 2 1 sistemi reattivi il logo
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi reattivi: il LOGO

Il LOGO è un ambiente di apprendimento attivo e costruttivo,

È l’unico linguaggio pensato e sviluppato per la didattica

Offre all’allievo due possibilità:

Quella di impartire comandi e di poter verificare passo dopo passo la correttezza delle operazioni attraverso l’output grafico (geometria della tartaruga)

Quella di dare un nome alla sequenza di operazioni e creare programmi (le procedure) che possono essere richiamati attraverso il solo nome

esempio

esempio

E’ stato concepito quando, alla fine degli anni ’70 delle nuove idee cambiarono l’uso del computer

nella didattica considerandolo uno strumento che doveva solo eseguire, mentre veniva valorizzata

l’iniziativa dell’utente a cui era affidata la gestione del sistema


10 2 1 sistemi reattivi il logo1
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi reattivi: il LOGO

Obiettivo di Papert (inventore del LOGO)

non era quello di formare dei “programmatori in erba”, ma

Il Logo è stato concepito da Papert come un “ambiente di apprendimento”, una serie di “”micromondi” dove inventare progetti e costruire saperi significativi e condivisi.

utilizzare la programmazione come uno strumento potente per

“concepire ed esprimere progetti personali, carichi di significati”.

Il LOGO è presente in versioni ultime sempre più multimediali

(vedi MICROMONDI della Garamond)


10 2 1 sistemi reattivi il logo2
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi reattivi: il LOGO

Si tratta di progetti essenzialmente grafici, pagine di disegni e testi scritti, con animazioni grafiche. Creando e scegliendo oggetti e personaggi del sistema da simulare e impostando delle animazioni grafiche per ciascuno di essi si può rappresentare un modello che simula, attraverso l’animazione, delle situazioni.

In questo semplice esempio, realizzato dagli alunni della scuola elementare di Locorotondo, sono stati programmati i colori che permettono la visualizzazione delle province della relativa regione


10 2 1 sistemi reattivi il logo3
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi reattivi: il LOGO

La filosofia del Logo si basa su alcuni principi:

  • Essere protagonisti: come diceva Papert “L’allievo programma il computer e non si fa da lui programmare”

  • Usare per imparare: dare più spazio all’apprendimento che all’insegnamento. Si apprende sia attraverso il feedback che dà il sistema, sia attraverso il rapporto tra pari: gli alunni interagiscono tra loro in un continuo e reciproco scaffolding (sostegno)

  • Pensare concretamente: Papert, allievo di Piaget, era convinto che qualsiasi teoria nasce da una esperienza pratica.

    Intervista con Seymour Papert di Francesca Leoni


10 2 1 sistemi reattivi il logo4
10.2.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneSistemi reattivi: il LOGO

  • Decentrare i punti di vista: nella geometria della tartaruga il soggetto viene coinvolto anche a livello corporeo, in quanto muovendo la tartaruga è necessario il confronto tra l’orientamento del proprio corpo e quello della tartaruga sullo schermo

  • Individuare e risolvere problemi: gli ambienti o micromondi diventano vere e proprie “palestre cognitive” dove vengono individuati e risolti problemi.

  • Imparare sbagliando: l’errore diventa positivo in quanto permette di imparare riflettendo sui propri errori.

    Leggi l’articolo “Papert, un po’ scienziato e un po’ filosofo”

indice


10 2 3 condizioni di uso a scuola
10.2.3. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneCondizioni di uso a scuola

Le TIC permettono l'individualizzazione dello studio, mediante sistemi adattivi e reattivi.

La multimedialità e l'interattività producono molto più interesse di una lezione frontale tradizionale stimolando i processi di apprendimento.

Un problema generale può essere il rapido “invecchiamento” delle apparecchiature hardware e anche del software didattico.

Per questo il problema principale diventa quello del reperimento di nuovo software, adatto agli utenti o di ricerca di risorse in Internet.

Spesso il docente arriva alla necessità di produrre software ad hoc.

Ma questo richiede competenza e tempo!

Esempio di progetto di inserimento delle TIC nelle

normali attività curricolari “San Marco:una scuola on-line”

indice


10.3.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneDefinizione di apprendimento

collaborativo

L’apprendimento collaborativo

(Cooperative Learning)

A. Kaye dà questa definizione di apprendimento collaborativo:

Collaborare (co-labore) vuol dire lavorare insieme, il che implica una condivisione di compiti e un'esplicita intenzione di aggiungere valore, per creare qualcosa di nuovo o differente attraverso un processo collaborativo deliberato e strutturato, in contrasto con un semplice scambio di informazioni o esecuzione di istruzioni. Un'ampia definizione di apprendimento collaborativo potrebbe essere l'acquisizione da parte degli individui di conoscenze, abilità o atteggiamenti che sono il risultato di un'interazione di gruppo.

indice


10.3.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneDefinizione di apprendimento

collaborativo

Secondo Kaye affinché si realizzi una efficace collaborazione sono necessari questi fattori:

  • l'interdipendenza tra i membri del gruppo nella realizzazione di un compito;

  • Un senso di responsabilità per il gruppo e i suoi obiettivi (condivisione dei compiti);

  • L’attenzione alle relazione interpersonali per la gestione dei processi di gruppo;

  • la finalità di costruire insieme nuovi significati attraverso l’interazione con gli altri (il tutto è di più della somma delle singole parti).


10.3.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneDefinizione di apprendimento

collaborativo

Lo psicologo russo Lev Vygotskij parla di zona di sviluppo prossimale: cioè sotto la guida, sostegno (scaffolding) di un adulto o di un pari più capace l’alunno può andare oltre il limite che non oltrepasserebbe con le sue sole forze. 

Secondo Vygotskiy e Bruner l’apprendimento è un’attività che si svolge in comune.

Gli studi sulle strategie di apprendimento collaborativo supportato dalle TIC devono molto anche a Piaget ed al costruttivismo. Piaget sottolinea il concetto di sapere come costruzione personale dell'individuo.

Elementi dell’apprendimento collaborativo:

  • superamento della rigida distinzione dei ruoli tra insegnante/alunno

  • il docente diventa un facilitatoredell’interazione

  • il computer stesso diventa un facilitatorerelazionale

  • superamento del modello trasmissivo della conoscenza

  • il sapere si costruisce insieme in una “comunità di apprendimento”


Comunità di lavoro Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

Comunità di apprendimento

Groupware

A

A

A

S

A

A

Gruppi di lavoro

Gruppi di studio

I

A

A

10.3.1. Definizione di apprendimento

collaborativo

comunità

virtuali

Lavoro collaborativo

supportato dalle TIC

comunità

reali

S=sapere

A=allievo

I=insegnante

il modello costruttivista dell’apprendimento

indice


10.3.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneStrategie di apprendimento

collaborativo

Un esempio : il metodo Jigsaw

È un metodo “a incastro” descritto per la prima volta da Aronson nel 1978. Si può suddividere in 5 fasi che nel loro insieme formano un ciclo di ricerca:

  • Prima fase: gli alunni scelgono un tema attraverso il brain stormnig. L’argomento deve essere ampio per essere affrontato a più livelli

  • Seconda fase: l’argomento viene suddiviso in sotto-argomenti: uno per ogni gruppo

  • Terza fase: ogni gruppo lavora su un sotto-argomento utilizzando materiale vario tra cui le TD

  • Quarta fase: si scompongono i gruppi e se ne formano altri in cui ci sia uno studente esperto di ogni sotto-argomento

  • Quinta fase: lo studente esperto spiega agli altri la parte che conosce e verifica l’apprendimento dei compagni

indice


10.3.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneStrategie di apprendimento

collaborativo

Un esempio: il metodo Jigsaw

Gruppo 3

Sotto-argomento 3

Gruppo 2

Sotto-argomento 2

Gruppo 1

Sotto-argomento 1

Gruppo 4

Sotto-argomento 4


10.3.1. Tecnologie dell’Informazione e della ComunicazioneStrategie di apprendimento

collaborativo

Scomposizione e ricomposizione dei gruppi

Allievo esperto del

sotto-argomento 4

Allievo esperto del

sotto-argomento 3

Allievo esperto del

sotto-argomento 1

Allievo esperto del

sotto-argomento 2

In ogni nuovo gruppo c’è un allievo-esperto di un sotto-argomento

indice


10 3 3 apprendimento collaborativo in rete
10.3.3. Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione Apprendimento collaborativo in rete

  • L’apprendimento collaborativo attraverso la rete ha le stesse caratteristiche dell'apprendimento collaborativo nell'ambito della classe solo che l’interazione avviene attraverso la telematica

  • Si creano gruppi di studenti e docenti che lavorano con studenti di altri istituti, anche molto distantiper un progetto comune (tramite chat, e-mail, videoconferenze…): Internet infatti elimina spazi e distanze

  • L'apprendimento collaborativo coinvolge così più classi creando dei circoli di apprendimento (learning circles)

indice


10 3 3 apprendimento collaborativo in rete1
10.3.3. Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione Apprendimento collaborativo in rete

In rete si trovano:

  • esempi di progetti di didattica collaborativa

    http://www.eun.org

  • siti che offrono la possibilità alle scuole di partecipare a progetti da realizzare insieme in rete

    Un Atlante per gli alunni

  • possibilità di accedere a corsi on-line per insegnanti.

    La Garamond con i suoi corsioffre un modello di formazione in rete che si basa sulla cooperazione e sulla costruzione condivisa del sapere.

    L’Università di Padova offreCorsi di Perfezionamento on-line

  • possibilità di accedere a progetti collaborativi a distanza tra docenti (esempio della Garamond: produzione di materiale per il Piano di Formazione per le TIC)

    CORSI ON-LINE

FAD

Formazione a Distanza

ODL

Open Distance Learning


10 3 3 apprendimento collaborativo in rete2
10.3.3. Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione Apprendimento collaborativo in rete

FORMAZIONE IN PRESENZA

Il vantaggio è la forte interattività che si crea tra insegnanti/allievi e tra allievi/allievi, ma c’è poco spazio per una personalizzazione dei percorsi.

FORMAZIONE A DISTANZA

Sono i corsi per corrispondenza. Hanno il vantaggio dell’indipendenza spazio/temporale, ma si rivolgono ad allievi che non entrano mai in contatto tra loro e pertanto non vi è una dimensione sociale dell’apprendimento.

FORMAZIONE IN RETE

Nella formazione in rete si integrano le metodologie fondate sulle pratiche didattiche collaborative e quella fondata sullo studio individuale e assistito da tutor. Nell’ultimo decennio si è diffuso il termine di Open Distance Learning (apprendimento aperto e a distanza, con l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione)

Formazione in presenza

FAD

Formazione a Distanza

(di I e II generazione)

ODL

Open Distance Learning

(FAD di III generazione)


10 3 3 apprendimento collaborativo in rete3

Uso di materiale a stampa (Igen) Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

e di mezzi multimediali (II gen)

Forte interattività

Comunicazione

Uno a uno

Uno a molti

Molti a molti

Dipendenza spazio-temporale

indipendenza spazio-temporale

Comunicazione

Uno a uno (I gen)

Uno a molti (II gen)

Comunicazione

Uno a uno

Uno a molti

Molti a molti

Uso delle nuove tecnologie

Indipendenza spazio-temporale

10.3.3. Apprendimento collaborativo in rete

Formazione in presenza

FAD

Formazione a Distanza

(di I e II generazione)

ODL

Open Distance Learning

(FAD di III generazione)


10 3 3 apprendimento collaborativo in rete4
10.3.3. Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione Apprendimento collaborativo in rete

FAD

Formazione a Distanza

(di I generazione)

Scuole per corrispondenza. Materiale a stampa che viaggia per posta. Comunicazione uno a uno.

FAD

Formazione a Distanza

(di II generazione)

Uso integrato di materiali a stampa e di mezzi multimediali (televisione, registrazioni e anche software didattico).

Comunicazione uno a uno e uno a molti.

ODL

Open Distance Learning

(FAD di III generazione)

Il termine di Open Distance Learning combina due concetti:“apprendimento aperto”

“apprendimento a distanza”

e comprende l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC). Consente:

·l’individualizzazione dei messaggi di apprendimento e la responsabilizzazione degli allievi

·l’uso di tecnologie di comunicazione tra docenti-esperti-tutor-allievi per superare la separazione di spazio e di tempo

Comunicazione uno a uno, uno a molti e molti a molti


10 3 3 apprendimento collaborativo in rete5
10.3.3. Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione Apprendimento collaborativo in rete

I vantaggi dei corsi on-line sono diversi:

  • Indipendenza spazio-temporale. La formazione in rete supera le distanze

  • Si hanno le condizioni favorevoli per un apprendimento basato sulle dinamiche di interazione tra studenti e docenti o tra studenti – studenti (comunicazione molti-a-molti, uno-a-molti, uno-a-uno)

  • Utilizzo di nuove forme di comunicazione (chat – forum – e-mail…)

  • Flessibilità: i corsi on-line si adattano e si modificano in base alle necessità didattiche

  • La valutazione in itinere è possibile molto più che nei corsi in frequenza perché l’interazione costante tra studente e tutor permette tale valutazione e quindi la possibilità di modellare l’intervento formativo in base alle esigenze dei partecipanti


10.3.3. Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione Apprendimento collaborativo in rete

Ruolo del tutor

A un tutor di corsi on-line si richiede

  • Competenze pedagogiche (saper creare il gruppo, flessibilità, intrecciare i diversi contributi, non essere autoritario…)

  • Competenza organizzativa (rispondere puntualmente, essere paziente, fornire un guida procedurale, monitorare costantemente l’ambiente…)

  • Competenze sociali (aiutare chi all’inizio si limita a “guardare”, favorire le presentazioni, essere attento ai diversi comportamenti…)

    Ruolo del corsista

    Al corsista si richiede

  • Conoscenze hardware e software per l’accesso remoto alle diversi fonti informative

  • Capacità di gestire materiali in forma elettronica

  • Capacità d’uso dei media informatici

  • Capacità comunicative

    E’ interessante l’ articolo di Francesco Leonetti sul ruolo del corsista dei corsi on-line

indice


10 3 4 condizioni di uso a scuola
10.3.4. Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione Condizioni di uso a scuola

I Circoli di apprendimento

Nei Circoli di Apprendimento, i gruppi sono le singole classi composte dagli

insegnanti e dagli studenti che interagiscono telematicamente per il

conseguimento di un obiettivo comune

  • Il Circolo di Apprendimento si forma scegliendo un argomento su cui lavorare. Ci si incontra telematicamente per conoscersi.

  • Ogni classe prepara un progetto per eseguire il proprio compito che viene valutato dai gruppi del Circolo di Apprendimento.

  • Gli alunni lavorano per l’esecuzione del compito con la collaborazione degli insegnanti delle altre località e del coordinatore del Circolo di Apprendimento

  • Ogni classe del Circolo di Apprendimento organizza tutto il materiale che viene pubblicato nello spazio dedicato ai lavori prodotti da ciascuna classe

  • Si valuta il lavoro finale che comprende la produzione dei vari gruppi (classi)

indice


10 4 1 che cosa un progetto interdisciplinare
10.4.1. Che cosa è un progetto Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione interdisciplinare

  • La progettazione per progetti didattici (o per significati) rispetto a quella per unità didattiche

  • è centrata sugli allievi e sui loro bisogni

  • è più adatta ad affrontare tematiche interdisciplinari

  • utilizza il metodo della ricerca e dell’esplorazione

  • utilizza metodologie cooperative

  • è facilitata dalle TIC che, grazie all’utilizzo di più codici, favoriscono il sapere

    interdisciplinare

  • Il sapere interdisciplinare è la capacità di mettere in relazione saperi di ambiti disciplinari diversi per un obiettivo comune

indice


10 4 2 progettazione di un progetto interdisciplinare
10.4.2. Progettazione di un progetto Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione interdisciplinare

Per la progettazione di un progetto interdisciplinare è necessaria la costituzione di un gruppo di progetto che definisce:

  • Finalità

    Si definiscono le finalità generali del progetto

  • Partecipanti

    Si individua il numero di scuole e di classi partecipanti (il progetto può coinvolgere una sola scuola o più scuole)

  • Obiettivi

    Si elencano gli obiettivi che si intendono raggiungere

  • Organizzazione

    Si definisce il numero di ore totali e di moduli

  • Metodologia e attività

    Viene ipotizzato uno schema delle attività e della metodologia da adottare

  • Tempi (progettazione-realizzazione-diffusione-valutazione)

    Viene definito l’arco di tempo entro il quale deve svolgersi il progetto prevedendo anche i tempi delle diverse fasi

    1.Progettazione (preparazione del progetto)

    2.Realizzazione del progetto

    3.Diffusione (presentazione dei materiali prodotti)

    4.Valutazione e monitoraggio

indice


10.4.2. Progettazione di un progetto Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione interdisciplinare

  • Spazi

    Vengono identificati gli spazi di attuazione del progetto (aule, laboratori, luoghi del territorio, ecc)

  • Prodotti finali

    Si può trattare di elaborati fotografici, grafici e scritti da presentare in una eventuale mostra o documenti multimediali e ipertestuali (CD Rom)

  • Strumenti per la verifica finale

    Questionari, schede di analisi

  • Risorse

    Sono risorse umane (responsabile di progetto, docenti, esperti, ecc) e materiali (laboratori e attrezzature delle scuole)

  • Costi

  • Schede dettagliate delle attività

    Esempio: progetto Heliantus (sotto-progetto:

    “Prevenire per non intervenire”)

indice


10 4 2 realizzazione di un progetto interdisciplinare
10.4.2. Realizzazione di un progetto Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione interdisciplinare

La buona realizzazione di un progetto dipende da una buona progettazione

Seguono le fasi della diffusione e della valutazione del progetto

Esempio di progetto interdisciplinare realizzato a Locorotondo a.s.2000/2001

ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE

"BASILE-CARAMIA"

SCUOLA MEDIA STATALE

"G. OLIVA"

LOCOROTONDO (BA)

PROGETTO DI CONTINUITA' DIDATTICA

TRA SCUOLE MEDIE DI PRIMO E SECONDO GRADO

IL PAESAGGIO RACCONTA LA STORIA DELLA VALLE DEI TRULLI

indice


10 5 1 preparazione di una comunicazione didattica
10.5.1. Preparazione di una Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione comunicazione didattica

Per una comunicazione efficace occorre tener conto di vari elementi:

  • lo scopo (informativo, ludico, formativo..)

  • il target (bambini, adulti, specialisti…, la quantità di persone…)

  • l’informazione (scelta dei contenuti)

  • la forma (emotiva, conativa, metalinguistica)

  • i tempi

  • il linguaggio da utilizzare (verbale, iconico, filmico, sonoro, audiovisivo…)

  • le tecnologie disponibili

indice


10.5.1. Preparazione di una Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione comunicazione didattica

E’ necessaria una grande attenzione nel preparare una comunicazione didattica. E' quindi fondamentale progettare bene tutte le fasi che precedono la realizzazione della comunicazione

Fase quadro

Chiarisce le linee generali dell’intervento comunicativo: gli obiettivi e l’argomento, il destinatario

Ideativo-propositiva

Schema complessivo della comunicazione: delimitazione dell’argomento, stesura della mappa concettuale, scelta del linguaggio da adottare, considerazione dei tempi e delle tecnologie disponibili…

Organizzativa

Reperimento e predisposizione di strumenti e materiali

Realizzativa

Realizzazione del prodotto(stesura del testo verbale, preparazione delle immagini, preparazione di lucidi, realizzazione di ipertesti o ipermedia, … a seconda delle scelte fatte in precedenza).

Revisione finale

il prodotto viene valutato rispetto a quanto era stato definito durante la fase ideativo-propositiva

indice


10.5.2. Strumenti di presentazione Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

basate su TIC

Il principale strumento per realizzare presentazioni, abbastanza facile da usare, è Power Point della Microsoft. Può essere utilizzato nell'insegnamento di qualsiasi materia. La comunicazione didattica risulta più efficace della lezione frontale grazie all’uso delle immagini e quindi di una comunicazione più visiva e immediata.

Esercitazione

Esercitazione: Realizzare una presentazione multimediale

su un argomento a scelta.

indice


Esempio di comunicazione a distanza
Esempio di comunicazione Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazionea distanza


Logo esempio 1
LOGO – esempio 1 Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

Istruzioni con l’uso di primitive per la costruzione di un quadrato


Logo esempio 2
LOGO: esempio 2 Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

Creazione di una procedura che viene richiamata con il suo nome


Modelli di comunicazione
Modelli di comunicazione Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

Uno a uno

Uno a molti

Molti a molti


Nomi degli insegnanti delle varie discipline Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione


ad