riflessioni sui risultati rielaborazione e sintesi presentazione emma del 30 11 10
Download
Skip this Video
Download Presentation
Riflessioni sui risultati (rielaborazione e sintesi presentazione EMMA del 30-11-10 )

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 10

Riflessioni sui risultati (rielaborazione e sintesi presentazione EMMA del 30-11-10 ) - PowerPoint PPT Presentation


  • 90 Views
  • Uploaded on

Riflessioni sui risultati (rielaborazione e sintesi presentazione EMMA del 30-11-10 ).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Riflessioni sui risultati (rielaborazione e sintesi presentazione EMMA del 30-11-10 )' - gannon-hoover


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
riflessioni sui risultati rielaborazione e sintesi presentazione emma del 30 11 10
Riflessioni sui risultati (rielaborazione e sintesi presentazione EMMA del 30-11-10 )

Imparare a leggere analiticamente i dati della propria classe e a confrontarli , in gruppi disciplinari , con i risultati di altre classi ( al fine di capire se alcune tendenze sono specifiche della classe o dovute a determinate scelte didattiche o piuttosto legate a situazioni di partenza o a scelte curricolari dell’intera scuola : a questo proposito può essere utile il “ Rapporto di scuola “).

Questo è un modo particolarmente efficace per mettere in comune le buone pratiche e modificare quelle meno buone .

slide2
Sottoporre alla classe le prove Invalsi, degli anni precedenti , NON con lo scopo di fare una verifica a cui assegnare un voto , nè per mero “ADDESTRAMENTO”, ma con lo scopo di discutere con gli alunni al fine di far emergere le motivazioni delle loro scelte . Al fine di attivare nei nostri alunni i processi METACOGNITIVI , così importanti per migliorare l’ apprendimento.
gli insegnanti possono
GLI INSEGNANTI POSSONO :
  • Analizzare le domande per comprendere bene i processi sottesi ( si può utilizzare anche la griglia e la guida alla lettura predisposta dall’ Invalsi ).
  • Analizzare la scelta di determinati distrattori , soprattutto quando questa scelta è stata fatta da numerosi alunni , per capire come hanno ragionato .
slide4
Leggere quesiti e risultati , di un determinato ambito (es. i numeri ), in VERTICALE : dalla classe seconda e quinta della S. Primaria e proseguire con la prima e terza classe di S. Sup. di I° Grado.
  • Questo può essere utile alla costruzione di un COERENTE curricolo verticale
slide5
Individuare gli ambiti tematici in cui i nostri alunni hanno conseguito i risultati MIGLIORI.
  • Individuare gli ambiti tematici in cui i nistri alunni hanno conseguito i risultati PEGGIORI .
  • Questo può stimolare in modo POSITIVO

una riflessione sulle nostre SCELTE DIDATTICHE:

Privilegiamo alcuni ambiti rispetto ad altri ?

QUALI CONTENUTI ?

Proponiamo ai nostri alunni esercitazioni ripetitive?

QUALI METODOLOGIE ?

la valutazione in matematica
La valutazione in matematica

.

L’ analisi dei risultati delle prove nazionali ci può aiutare a definire e a migliorare i criteri e gli obiettivi della valutazione degli alunni nei vari ambiti tematici.

il confronto
Il confronto
  • Promuovere un sereno confronto tra le prove interne e quelle nazionali e dei rispettivi risultati .

Sappiamo bene che le prove preparate dall’insegnante possono avere dei limiti :

esercitazioni ripetitive: che implicano la ripetizione di copioni standard da parte degli alunni ,

uso di un linguaggio condiviso ,

attese reciproche , che possono condizionare i risultati della prova e la loro valutazione .

slide8
Se la prova è esterna questi limiti cadono e si aprono nuovi scenari .

L’alunno è posto in una situazione completamente nuova :

scarsa abitudine a risolvere quesiti a scelta multipla ,

scarso riconoscimento delle metodologie,

scontro con un linguaggio non condiviso.

slide9
Tutto ciò può essere un’ occasione per promuovere una cultura della valutazione ,

che veda gli insegnanti e le scuole PROTAGONISTI e non “ oggetti “ di valutazione ; attraverso processi di ricerca e riflessione , focalizzati soprattutto sui quadri concettuali sottesi alle prove e sulle pratiche didattiche coerenti al miglioramento dell’apprendimento.

ad