Malattie esantematiche
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 54

MALATTIE ESANTEMATICHE PowerPoint PPT Presentation


  • 170 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

MALATTIE ESANTEMATICHE. MORBILLO ROSOLIA VARICELLA SCARLATTINA MEGALOERITEMA O V MALATTIA ESANTEMA CRITICO O VI MALATTIA. MORBILLO Morbillo= piccolo morbo (per distinguerlo nel medioevo dai grandi morbi: peste, colera, vaiolo, febbre gialla). EZIOLOGIA Paramixovirus (RNA-virus)

Download Presentation

MALATTIE ESANTEMATICHE

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


MALATTIEESANTEMATICHE

  • MORBILLO

  • ROSOLIA

  • VARICELLA

  • SCARLATTINA

  • MEGALOERITEMA O V MALATTIA

  • ESANTEMA CRITICO O VI MALATTIA


MORBILLO

Morbillo= piccolo morbo (per distinguerlo nel medioevo dai grandi morbi: peste, colera, vaiolo, febbre gialla).

EZIOLOGIA

Paramixovirus (RNA-virus)

Mortalità in Africa: 20 %.

Mortalità in Europa (ante vaccinazione):0,2 %

Provoca depressione del sistema immunitario colpendo linfociti B e T con riduzione anche della blastizzazione e della sensibilità ritardata.

Contagio diretto dal 7° giorno di incubazione al 5° giorno dopo la comparsa dell’esantema.

Indice di contagiosità: 95 %

Periodo di incubazione: 8-12 giorni.

Immunità per tutta la vita; gli anticorpi materni conferiscono una protezione parziale per buona parte del 1° anno di vita.


MORBILLO

CLINICA

1° fase: incubazione 8-12 gg (soggetto asintomatico).

2° fase pre-esantematica: febbre elevata(remittente)

enantema: macchie di Koplik

mucositi: rinite, congiuntivite (lacrimazione e fotofobia),

laringite (tosse secca insistente), bronchite.

3° fase esantematica: Miglioramento con defervescenza

Ripresa della febbre

Comparsa diesantema maculo-papulosodi colore rosso

scuro-violaceo, grandezza da 1 a 5 mm, leggermente

rilevate sul piano cutaneo che tendono a confluire lasciando

piccole isole di cute integra.

Inizia dalle regioni retroauricolari e si diffonde a volto-

testa-collo-tronco-arti (senso cranio-caudale).

Durata: 5-6 giorni

Scomparsa secondo l’ordine di apparizione con

residua fine desquamazione furfuracea

(2-4 gg)

(puntini bianchi come spruzzatura di calce sulle guance)

(4-6 gg)


  • COMPLICANZE DEL MORBILLO

  • ■Per localizzazione tipica del virus:

  • Polmonite interstiziale (1-6%)

  • ■Da sovrainfezione batterica:

  • a) Polmonite batterica (per depressione immunitaria da Stafilococco,

  • Pneumococco, H. influenzae)(1-2 %)

  • b) Otite media acuta (7 %)

  • ■ Neurologiche:

  • Nevrassite  Meningoencefalite virale

  • (convulsioni fino al coma e morte 1:1000 casi)

  • dovuta a reazione immuno-allergica.

  • La mortalità elevata (20%), spesso, reliquati neurologici.

  •  b) Pan Encefalite Sclerosante Subacuta (PESS) rara (1:100.000)

  • forma degenerativa con latenza di 7 anni.

  • Determina un progressivo scadimento delle funzioni

  • neurologiche (paralisi spastica) ed intellettive fino a morte


ADEM

1) Lesioni piccole (< 5 mm)

2) Lesioni grandi, confluenti o simil-tumorali

5) Gadolinio

4) AHEM

3) Lesioni bitalamiche

6) Midollo spinale

ALTRE TECNICHE di NEUROIMAGING --> MRS = - NAA; + lattato; = colina

DWI, PWI, PET, SPECT = diminuzione metabolismo; ipoperfusione


Panencefalite subacuta sclerosante [SSPE]

Stadio II

Stadio III

Stadio IV


DENUNCIA OBBLIGATORIAISOLAMENTO DEL MALATO

CON IgG SPECIFICHE (0,25 mg/Kg)NEGLI IMMUNODEPRESSI

VACCINAZIONE CON VIRUS VIVO ATTENUATO (DAL 15° MESE DI VITA)

MORBILLO

ANTIPIRETICIMUCOLITICIANTITOSSETRATTAMENTO COMPLICAZIONI

TERAPIA SINTOMATICA

DISPOSIZIONILEGISLATIVEIMMUNIZZAZIONEPASSIVAIMMUNIZZAZIONEATTIVA

PROFILASSI


ROSOLIA

► ROSOLIA POSTNATALE BENIGNAFORMA GRAVE EMBRIONALEFORMA ± GRAVE FETALE

► ROSOLIA CONGENITA


ROSOLIA POSTNATALE

Eziologia:virus a RNA

Contagio:diretto con gocce di saliva da una settimana prima della comparsa dell’esantema fino a 5 giorni dopo comparsa dell’esantema.

Incubazione:14-21 giorni

CLINICA

Periodo prodromico (1-5 giorni):linfoadenomegalia retronucale e laterocervicale, modica splenomegalia, febbricola

Esantema:maculopapuloso, non confluente o modestamente confluente, diffuso su tutto il corpo, leggero (meno intenso di quello del morbillo), inizia al viso e procede verso il basso. Non sempre è presente.


ROSOLIA POSTNATALE

  • DIAGNOSI

  • Quadro clinico

  • Indagini di laboratorio: leucopenia

  • linfocitosi relativa

  • aumento delle plasmacellule

  • ricerca degli anticorpi specifici (Rub test): IgM specifiche

  • PROFILASSI

  • ►   Passiva: -globuline specifiche (0,2-0,3ml/Kg)

  • ►   Attiva: vaccino vivo attenuato in una unica dose

  • Vaccinazione a tutte le bambine in età puberale (GUNEVAX SCLAVO)

  • Vaccinazione trivalente al 15° mese: anti-morbillo, rosolia e parotite (TRIVIRATEN)

TERAPIA: NESSUNA


ROSOLIA CONGENITA oSindrome della rosolia congenita (SRC)

TRASMISSIONE PER VIA TRANSPLACENTARE IN CORSO DI INFEZIONE MATERNA

  • Infezione nel I trimestre di gravidanzaSRC nel 70% dei casi

  • Infezione nel II trimestre di gravidanzaSRC nel 15% dei casi

  • Infezione nel III trimestre di gravidanza % SRC trascurabile

QUADRO CLINICO

Triade di Gregg:1) cardiopatia congenita (pervietà del dotto arterioso di Botallo)

2) cataratta

3) sordità

Alla nascita può essere presente unquadro settico: ittero, porpora trombocitopenica,

epatosplenomegalia.

Altri segni:Basso perso, malformazioni scheletriche, dismorfie.

DIAGNOSI

■ ISOLAMENTO DEL VIRUS nell’urina e nel secreto naso-faringeo■ DIMOSTRAZIONE DI ANTICORPI SPECIFICI

  • Ricerca di Ig M specifiche nel liquido amniotico, sangue cordonale

  • Ricerca di Ig G tardive e loro persistenza dopo 6 mesi dalla nascita

  • Ricerca di Ig G materne


PRIMA DELLA GRAVIDANZA Ig ANTIROSOLIA < 1: 8VACCINAZIONE

PERICOLO

ROSOLIA CONGENITA - PROFILASSI

ESPOZ. AL CONTAGIO

1. Ig SPECIFICHE ENTRO 48 h (120.000 UI i.m.)

DURANTE LA GRAVIDANZA(PRIMA VISITA OSTETRICA)

2. CONTROLLO MOVIMENTO ANTICORPALE

IgM a 0 e a 15gg

SE TITOLO AUMENTATO


ROSOLIA CONGENITA - TERAPIA

IN RAPPORTO CON I SINGOLI ORGANI IMPLICATI

ANEMIA - TROMBOCITOPENIATRASFUSIONICATARATTAINTERVENTO PRECOCEDIFETTI UDITIVIESAMI AUDIOMETRICICARDIOPATIECORREZIONE SE POSSIBILE


VARICELLA

EZIOLOGIA:Virus Varicella-zooster (VZ), un DNA-virus appartenente alla famiglia degli Herpesviridae.

CONTAGIOSITÀ: elevata (indice di contagiosità: 90%), con incidenza più elevata nei bambini di età compresa tra 5 e 9 anni.

INCUBAZIONE: 12-21 gg.

SORGENTE DI INFEZIONE: vescicole cutanee e secrezioni respiratorie.

Risulta contagiosa da un giorno prima a circa 6 giorni dopo l’esordio

dell’eruzione cutanea .

I neonati possono acquisire la malattia dalla madre che contrae la varicella alla fine della gestazione.

RAPPORTI FRA VARICELLA ED HERPES ZOOSTER

Varicella e herpes zooster possono occorrere insieme nella stessa famiglia e nello stesso bambino dando un’immunità crociata.

La varicella può essere considerata la forma acuta, mentre lo zooster il risultato della riattivazione dalla fase latente del virus nei gangli spinali.


VARICELLA-QUADRO CLINICO

PERIODO PRODROMICO: febbre e malessere generale della durata di circa 24 ore; subito dopo compare l’esantema.

ESANTEMAsi manifesta inizialmente alla parte superiore del tronco quindi al volto, al cuoio capelluto ed alle estremità.

MACULO-PAPULE VESCICOLE PUSTOLE CROSTE

POUSSE’ SUBENTRANTI

Le lesioni inizialmente sono maculo-papulari che evolvono in vescicole di 2-3 mm. di diametro, circondate da un alone eritematoso, a contenuto dapprima liquido ed in seguito torbido (pustole); entro 4-6 giorni queste lesioni si trasformano in croste che in seguito cadono senza lasciare cicatrici evidenti (a volte cicatrici appena visibili).

“Rash cutaneo a cielo stellato” nella fase di stato sono presenti elementi in tutti i diversi stadi evolutivi, cioè esistono gittate successive.


VARICELLA

DIAGNOSI

■ Quadro clinico

■  Esami di laboratorio →test di Tzanck

Test di Tzanck

Materiale cellulare viene prelevato dal fondo e dalle pareti della vescicola, strisciato e colorato con soluzione di Wright o colorazione di Giemsa: Cellule giganti multinucleate sono presenti nell'herpes simplex, nell'herpes zoster e nella varicella.

  • COMPLICANZE

  • ►Sovrainfezione delle vescicole da stafilococco o altri germi

  • ►Polmonite (soprattutto negli adulti)

  • ►Manifestazioni neurologiche:

  • encefalomielite (molto rara): compare dopo 1-2 settimane dalla fine della malattia con segni cerebellari, atonia, tremori, convulsioni, coma

  • sindrome di Reye (aspirina come antipiretico!)


PROFILASSI

DENUNCIA

ISOLAMENTO PER 7 gg DA INIZIO ESANTEMA

DISPOSIZ. LEGISLATIVE

IMMUNIZZAZ. PASSIVA Ig SPECIFICHE (HUMAN VZIG) entro 48 h dal contagio in casi particolari:

  • MADRI CON VARICELLA PERIPARTUM ( insorta tra 5 gg prima e 2 gg dopo il parto)

  • IMMUNODEPRESSI

  • GRAVIDANZA

  • NEONATI ESPOSTI AL CONTAGIO

VARICELLA

TERAPIA

Antistaminici

Antipiretici (paracetamolo e non aspirina)

Nei neonati con complicanze e nei soggetti immunodepressi:

Aciclovir,farmaco antivirale attivo sugli Herpesvirus (dose 15 mg/Kg/die e.v.).

Riduce l’intensità e la durata del quadro clinico e contrasta la disseminazione viscerale dell’infezione.


SCARLATTINA

EZIOLOGIA:Streptococco -emolitico di gruppo A (S. Pyogenes) produttore della cd.tossina eritrogenica.

TRASMISSIONE:per via respiratoria, attraverso le goccioline di saliva, o da alimenti contaminati

INCUBAZIONE:2-5 giorni.

CONTAGIOSITA’:cessa dopo 1-2 gg di terapia antibiotica


SCARLATTINA

CLINICA

FASE PRODROMICA:faringotonsillite (angina) con febbre elevata, cefalea, dolori addominali, vomito.

La febbre (se non si usa adatta terapia antibiotica) dura 3-6 giorni. In caso di adatta terapia antibiotica la febbre scompare dopo 12-24-36 ore.

ESANTEMA TIPICO:maculopapuloso costituito damicroelementi a capocchia di spillo, rosso vivo, fittisimi con aspetto vellutato per la tendenza a confluire senza lasciare zone di cute indenne.

Inizia alla radice degli arti e albacino e diffonde a tutta la cute in modo uniforme, risparmiando la zona periorale(maschera di Filatov).

Coesiste enantema: lingua inizialmente bianca patinosa, poi arrossata con papille ipertrofiche “a lampone”.

Linfoadenomegalia laterocervicale dolente.

DESQUAMAZIONE LAMELLAREsoprattutto alle mani e ai piedi dopo 1 settimana (attualmente si osserva raramente per la somministrazione della terapia antibiotica).


SCARLATTINA

Altri segni caratteristici

●Segno della mano gialla:: spingendo con la mano sull’addome l’esantema

scompare e rimane l’impronta gialla.

●Strie di Pastia:: strie rubre nella regione flessoria degli arti (per fragilità vasale)

●Dermatografismo bianco: strisciando l’unghia sulla pelle rimane un segno bianco.

DIAGNOSI

◘Quadro clinico

◘  Tampone faringeo

◘   Esame di laboratorio: VES e TAS, leucocitosi neutrofila e eosinofilia. 


SCARLATTINA

COMPLICANZE

Precoci di tipo settico:

 Otite

 Osteomielite

 Artrite

 Miocardite

 Nefrite

Tardive:

 Malattia reumatica

 Glomerulonefrite


SCARLATTINA

Diagnosi differenziale

Morbillo:

- Nel quale sono presenti le mucositi (rinite, congiuntivite, laringite, bronchite);

- L’enantema nel morbilllo precede l’esantema;

- L’esantema maculo-papuloso nel morbillo tende a rimanere con elementi staccati senza confluire.

TERAPIA

- Penicillina o meglio penicilline semisintetiche (amoxicillina o acido clavulanico) alla dose di 50-100 mg/Kg/die per 10 giorni;

- oppure macrolidi (eritromicina, ecc) alla dose di 30-40 mg/Kg/dieper 10 giorni


IV MALATTIA (SCARLATTINETTA)

Non rappresenta altro che una forma lieve di scarlattina.


V MALATTIA O MEGALOERITEMA

EZIOLOGIA:parvovirus B19 che si moltiplica nelle cellule della serie rossa del midollo.

CONTAGIOSITA’: piuttosto bassa (25%)

TRASMISSIONE: goccioline di saliva

PERIODO DI INCUBAZIONE: 4-17 gg.

CLINICA

PERIODO PRODROMICO: cefalea, febbricola o febbre, mialgia.

ESANTEMA: rosso, abbastanza rilevato, inizialmente a farfalla (aspetto di viso schiaffeggiato), poi diffonde alla superficie estensoria delle estremità e al tronco con aspetto a festoni (simile ad una forma allergica).

RISOLUZIONE LENTA, l’esantema può durare anche 1-2-3 settimane.


V MALATTIA O MEGALOERITEMA

  • COMPLICANZE

  • ►ANEMIE APLASTICHE(anemia aplastica temporanea dopo contatto con Parvovirus B19 nei soggetti con condizione emolitica cronica);

  • ►FORME DI ARTRITE(nel 10% dei bambini, più spesso negli adulti).

  • TERAPIA:sintomatica (antipiretici)

  • PROFILASSI:nessuna


VI MALATTIA O ESANTEMA CRITICO

  • EZIOLOGIA:Herpes virus tipo 6 (HHV-6)

  • EPIDEMIOLOGIA:colpisce esclusivamente i bambini tra 6 mesi e 2 anni di vita

  • TRASMISSIONE:aerogena, tramite le goccioline di saliva

  • INCUBAZIONE:7-14 giorni

  • QUADRO CLINICO:

  • Periodo pre-esantematico

  •  febbre elevata (iperpiressia) per circa 3 giorni

  •  possibili convulsioni durante il rialzo febbrile

  • sfebbramento rapido per crisi

  • Periodo esantematico

  •  esantema fugace roseoliforme o morbilliforme, maculopapuloso soprattutto al tronco dopo lo sfebbramento (durata massima 48 ore).

  • TERAPIA: sintomatica


ALTRI ESANTEMI INFANTILI

Oltre alle cosiddette malattie esantematiche classiche, vi sono altre malattie che possono decorrere con esantema, quali:

MONONUCLEOSI INFETTIVA

MALATTIA DI KAWASAKI

COXSACKIOSI

ALTRE VIROSI


MONONUCLEOSI INFETTIVA

EZIOLOGIA:virus di Epstein-Barr (EBV) della famiglia degli Herpes-virus.

E’ anche l’agente eziologico del linfoma di Burkitt, un linfoma maligno che colpisce i bambini negri dell’Africa e del carcinoma nasofaringeo dei cinesi.

Il virus infetta i linfociti B fondendo il suo DNA con quello della cellula e determinandone la moltiplicazione all’infinito (linfoblasti: fenomeno dell’immortalizzazione).

La cellula contiene l’antigene nucleare EBNA.

EPIDEMIOLOGIA:è una malattia diffusissima e la siero-conversione aumenta con l’età.

Gli adulti sono quasi tutti siero-positivi.

TRASMISSIONE: con le goccioline di saliva (malattia del “bacio” o dei “college”).

CONTAGIOSITA’: da 2 settimane prima delle manifestazioni cliniche a 6 mesi dopo la guarigione

INCUBAZIONE: 10-60 giorni.


MONONUCLEOSI INFETTIVA

CLINICA:

♦ anoressia, astenia, vomito, dolore agli arti;

♦ febbre alta di durata molto variabile (pochi giorni o anche un mese);

♦ angina rossa (o pseudo-membranosa o lacunare “a placche”);

♦ linfoadenopatia cervicale posteriore;

♦epatomegalia e splenomegalia;

♦ nel 5% dei casi edema palpebrale

♦ esantema maculo-papuloso (10 %) simile a quello della rosolia o del morbillo.


MONONUCLEOSI INFETTIVA

  • DIAGNOSI

  • ♦ CLINICA

  • ♦EMOCROMO: leucocitosi conlinfomonocitosi assoluta con aumento sia dei mononucleati normali sia per la comparsa in circolo di alcuni linfociti atipici detti “attivati”: sono linfociti T che non contengono il virus e che si oppongono (insieme ai linfociti NK) alla proliferazione dei linfociti infetti.

  • ♦Aumento modesto delle transaminasi (quasi costante)

  • ♦Reazioni sierologiche:

  •  reazione di Paul-Bunnel delle agglutinine eterofile (aspecifica, ma precoce);

  • titoli anti-VCA di tipo IgM;

  • gli anticorpi anti-EBNA che sono gli ultimi a comparire e indicano per lo più un’infezione non più recente.


MONONUCLEOSI INFETTIVA

PROGNOSI:è buona.

Rarissime le complicanze: respiratorie (broncopolmonite interstiziale);

ematologiche (piastrinopenia, anemia emolitica, rottura

di milza);

cardiache (miocarditi);

neurologiche (meningo-encefaliti,

sindrome di Guillain-Barrè).

Possibile gravità in soggetti immunodefedati: sovrinfezioni gravi, tumori.

TERAPIA:

Sintomatica: antipiretici (paracetamolo), ma non l’Aspirina (rischio di sindrome di Reye).

Secondo Alcuni nei casi più gravi e prolungati: cortisonici.


MALATTIA DI KAWASAKI

La malattia di Kawasaki o sindrome linfo-muco-cutanea è una vasculite sistemica ad eziologia ignota, che colpisce i bambini piccoli sotto i 5 anni.

EZIOLOGIA: ignota, per alcuni virale, o secondo alcuni Autori, è su base

immuno-allergica.

CLINICA: caratterizzata da un decorso suddiviso in tre stadi:

1) Fase acuta infettiva (circa 10 giorni)

2) Fase subacuta (10-35 giorni) caratterizzata da reazione immunitaria iperergica

3) Fase di convalescenza della durata di mesi

CRITERI DIAGNOSTICI

(1) Febbre elevata per più di 5 giorni, resistente ad antibiotici e antipiretici;

(2) Congiuntivite;

(3) Lesioni del cavo orale (labbra secche, screpolate; lingua a lampone, enantema);

(4) Lesioni delle mani e dei piedi: edemi, eritema palmo-plantare, desquamazione cutanea dei polpastrelli e fissurazioni ungueali (linee di Bow’s);

(5) esantema polimorfo al tronco;

(6) adenite latero-cervicale non purulenta.

Per formulare la diagnosi sono necessari almeno cinque dei sei criteri riportati.


MALATTIA DI KAWASAKI

LABORATORIO: aumento della VES e della PCR, leucocitosi neutrofila, trombocitosi, aumento delle IgE,aumento delle alfa2 globuline.

DECORSO: per lo più benigno

COMPLICANZE: interessamento cardiaco a livello delle coronarie (aneurismi e trombosi), idrope della cistifellea, meningite asettica, artrite, gastroenterite .

Malattie da escludere:

(1)   infezioni streptococciche;

(2)   morbillo;

(3)   rickettsiosi;

(4)   sindrome di Steven’s Johnson;

(5)   reazioni allergiche a farmaci;

(6)   artrite reumatoide giovanile (forma sistemica).

TERAPIA:deve essere iniziata precocemente (entro 10gg) per ridurre le complicanze cardiache

(a) γ-globuline ad alte dosi:2 gr/Kg/ in un'unica infusione. (b) acido acetil-salicilico (Aspirina) inizialmente ad alte dosi ad uso antinfiammatorio fino a quando la febbre non scompare (50-80 mg/Kg/die), successivamente si continua a basse dosi ad uso antiaggregante (3-5 mg/kg/die).


INFEZIONI DA VIRUS COXSACKIE

I coxsackie sono enterovirus ubiquitari responsabili di malattie che in genere hanno un decorso bifasico:

-  1° fase: localizzazione alla mucosa respiratoria o intestinale e ai linfonodi;

-  2° fase: disseminazione con localizzazione cutanee, polmonari, cardiache, muscolari, nervose.

EPIDEMIOLOGIA: si trasmettono per lo più con meccanismo feci  mano  bocca.

QUADRI CLINICI:

● malattia febbrile indifferenziata: febbre, mialgie, rash cutaneo maculo-papuloso;

●herpangina: febbre per 3-7 giorni, esantema vescicolare in gola;

●sindrome mano-piede-bocca: cosiddetta per le zone colpite dalle vescicole;

●pleurodinia: febbre e dolori toracici;

●miosite

●epatite

●miocarditi e pericarditi

●meningo-encefaliti

●broncopolmoniti


  • Login