La shoah narrata ai bambini
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 38

La shoah narrata ai bambini PowerPoint PPT Presentation


  • 177 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

La shoah narrata ai bambini. La Shoah è un momento storico che ha segnato il 900. È difficile raccontare all’infanzia la crudeltà di questo periodo e, allora, proprio ai nostri compagnetti più piccoli dedichiamo questo percorso.

Download Presentation

La shoah narrata ai bambini

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La shoah narrata ai bambini


La Shoah è un momento storico che ha segnato il 900.

È difficile raccontare all’infanzia la crudeltà di questo periodo e, allora, proprio ai nostri compagnetti più piccoli dedichiamo questo percorso.


La Shoah descritta ai bambini attraverso una storia semplice, una fiaba.

Non è facile, ma come in una fiaba c’è dolore e …. Anche un lieto fine….


La Bestia e la Tribù

C’era una volta …. La Bestia, era orribile, informe, viscida, truce e disumana, il suo nome era Hitler.


Amava fare incantesimi e malefici;si divertiva a far soffrire tutti quelli che riteneva diversi da lui: si accaniva, in particolare, contro una tribù, Israel.


Con degli incantesimi li rendeva schiavi facendoli diventare esperti di lavori forzati, di fame, di sofferenza e rinchiudendoli in posti lugubri e malsani, i Lager, dove la Bestia si dilettava a marchiare le sue vittime, a torturarle, a sfruttarle, a defraudarle, e ad annientarne l’anima, fino a ucciderle


Ma un giorno arrivò una fata, il suo nome era Libertà, che liberò tutti i prigionieri e incatenò la Bestia.


La tribù di Israel fu così liberata per sempre e i sopravvissuti, per ricordare il male ricevuto, istituirono una giornata dedicata ai loro sfortunati compagni:

LA GIORNATA DELLA MEMORIA


Ora questa fiaba la ascolterete in lingua inglese.


Once upon a time there was ..... the Beast, he was horrible, shapeless, slimy, cruel, inhuman: his name was Hitler


He loved doing spells and witchcraft.

He enjoyed suffering different people; above he hated a tribe: Israel.


He enslaved them with spells and he obliged them to hard work, hunger and suffering , shutting them up in gloomy paces: the concentration camps.


Here the Beast enjoyed themselves to brand his victims, to torture, to exploit, to defraud, to destroy them until to kill their soul.


One day a fairy, her name was Liberty, made

free all the prisoners and chained the Beast.


So the tribe of Israel was liberated. To remember the sorrows suffered and don’t forget the unluckiest friends, the survivors established a particular day “ The Memorial Day”.


Adesso assisterete alla visione di immagini e di un video, tratti dal film “La vita è bella”, che narra il dolore provocato dalla Shoah con gli occhi di un bambino.


Ecco il video : “ Le Regole del Gioco”

buona visione


Un momento di riflessione ….

Una riflessione poetica sulla Shoah la vogliamo dedicare ai nostri coetanei, perché possano maggiormente comprendere quanto efferata sia stata la politica nazifascista con le leggi razziali e il conseguente sterminio di innocenti.


E adesso una poesia scritta da alcuni ragazzi della 3°C…


Mai più …

Occhi spenti

Cuori affranti

Essere anelanti

Mai più …..

Mani usurate,

braccia marchiate

membra spossate

Mai più ….

Infanzia seviziata

Senescenza violentata

Dignità straziata

Mai più …. Nell’oblio


Infine una poesia della carissima professoressa Di Martino, nostra insegnante di musica


I semi della speranza

Dalle dure e spinose

zolle dell'indifferenza,

spaccate dall'aratro

antico della terra,

una voce nel cielo

spento si leva,

limpida e forte.


Da qui,a catinelle,

di respiro assetati,

per tutti,fitti semi

di Bene e di Speranza

si spargon di celeste

ambrosia nei fertili

solchi della vita


Del cuore fecondo

sull'aureo vassoio

a fratelli un seme

di solidarietà tende

la mano che accompagna

il solco dell'Amore e

della Libertà.


E sull'argenteo sfondo

l‘adamantino occhio,

come un faro,il guardo

volge beato oltre la

via,la verità e la

vita stessa.


Questo video è stato realizzato da:

Celeste Corrado

Migneco Sarah

Passarello Desyrèe

Rizza Simone


  • Login