Presentazione del Volume:
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 7

Presentazione del Volume: Innovation and Technological Catch-up PowerPoint PPT Presentation


  • 65 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Presentazione del Volume: Innovation and Technological Catch-up The Changing Geography of Wine Production ( eds . by E. Giuliani, A. Morrison and R. Rabellotti ) Legacoop – Associazione Rossi-Doria Roma, 2 marzo 2012.

Download Presentation

Presentazione del Volume: Innovation and Technological Catch-up

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Presentazione del volume innovation and technological catch up

Presentazione del Volume:

Innovation and Technological Catch-up

The ChangingGeography of Wine Production

(eds. by E. Giuliani, A. Morrison and R. Rabellotti)

Legacoop – Associazione Rossi-Doria

Roma, 2 marzo 2012


Presentazione del volume innovation and technological catch up

  • La Politica Agricola dell’UE per il settore del vino di fronte all’emergere dei «nuovi» paesi produttori:

  • Evoluzione nel tempo dell’OCM di settore:

    • Principali caratteri della politica comune per il vino nella fase di affermazione dei Nuovi paesi produttori

  • Il ruolo delle misure per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento della conoscenza

  • Evoluzioni future: possibile una riforma dopo il 2013?


Presentazione del volume innovation and technological catch up

  • Evoluzione dell’OCM di settore (1)

  • Dal 1969 esiste un’OCM vino, inizialmente caratterizzata da 3 elementi di fondo:

    • Una sostanziale separazione concettuale tra i vini di «qualità» e i vini comuni: ipotesi di due mercati completamente indipendenti

    • Una robusta struttura di regole per la produzione dei vini di «qualità»

    • Carattere congiunturale delle misure di mercato: ottimismo

  • Dopo le prime manifestazioni di eccedenze strutturali (guerra del vino 1974) prime modifiche all’OCM:

    • Rafforzamento delle misure di intervento sul mercato

    • Avvio della politica di contenimento delle potenziale vitivinicolo:

      • divieto «transitorio» di nuovi impianti di vite da vino

      • Premi di estirpazione, riconversione


Presentazione del volume innovation and technological catch up

  • Evoluzione dell’OCM di settore (2)

  • Le due riforme degli anni Ottanta (1982 e 1987) nuovamente incentrate sul problema delle eccedenze di produzione e del tentativo di dissuadere lo sviluppo «quantitativo» della produzione:

    • Ruolo dominate delle distillazioni e delle altre misure di mercato

    • Conferma del divieto di nuovi impianti, degli estirpi e contestuale riconoscimento di «esoneri» limitati a poche produzioni di successo

  • Nel 1999 nuova riforma:

    • Primo momento di vera innovazione: spostamento dell’attenzione dai problemi quantitativi della produzione a quelli qualitativi

    • Avvio di una fase di integrazione tra più tradizionali misure di mercato e più innovative misure di sviluppo del settore:

      • Testimonianza più evidente il pacchetto di interventi per la ristrutturazione dei vigneti: 37% delle totali risorse dell’OCM


Presentazione del volume innovation and technological catch up

  • Evoluzione dell’OCM di settore (3)

  • L’attuale OCM del 2008 approfondisce ulteriormente il percorso intrapreso, ponendo al centro dei propri obiettivi la ricerca di una maggiore competitività:

    • Phasing-out delle «vecchie» misure di ritiro delle eccedenze (distillazioni), a favore di misure di prevenzione: vendemmia verde

    • Conferma del ruolo dei programmi di ristrutturazione e riconversione (37%), cui si affiancano due importanti misure per lo sviluppo del settore:

      • Investimenti

      • Promozione sui mercati extra-UE

    • Introduzione di strumenti innovativi per la gestione delle crisi : assicurazioni e fondi di mutualizzazione

    • Cambio di indirizzo sul fronte del controllo del potenziale di produzione:

      • Conferma di ulteriore programma di abbandono (2009-2011)

      • Eliminazione, dopo il 2015 del divieto di nuovi impianti

    • Etichettatura: riconoscimento anche in ambito UE dei vini varietali (mercato internazionale)


Presentazione del volume innovation and technological catch up

  • Il ruolo delle misure per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento della conoscenza:

    • Nonostante la «costantemente» riconosciuta eccentricitàdella politica del settore del vino - rispetto alle altre politiche settoriali attuate dalla PAC - e i sempre più evidenti processi di contaminazione con le misure dello sviluppo rurale:

      • Misure per la ricercae l’innovazione non hanno mai ricevuto attenzione all’interno dell’OCM vino, neppure in sede di proposta e di dibattito:

        • Con l’eccezione della proposta del 1994 - mai approvata! - che prevedeva misure di formazione e divulgazione all’interno di Programmi regionali di adattamento della viticoltura (max 5%)

      • L’attuazione di tali interventi è sempre stata collocata all’interno delle più ampie misure di sviluppo rurale, cui il settore vino può partecipare in concorrenza con altri settori: nessuna specificità


Presentazione del volume innovation and technological catch up

  • Evoluzioni future:

  • Possibile una riforma dopo il 2013?:

    • Sembra esserci poco spazio per un profondo processo di revisione: all’interno del processo di riforma in corso, dibattito monopolizzato da:

      • Le questioni finanziarie (bilancio UE)

      • Il tema dello schema di pagamento unico

    • Poche novità in merito all’OCM vino:

      • Elemento più atteso: possibile ripensamento in merito alla decisione di liberalizzazione delle superfici vitate

    • Certamente anche altre misure meriterebbero un ripensamento alla luce dell’obiettivo di contribuire ad un miglioramento della posizionamento dell’UE sul mercato internazionale:

      • Osservatorio per studi di settore e analisi mercato

      • Potenziamento misure di promozione (anche sul mercato UE)

      • Azioni di programmazione della produzione (OP, Consorzi ecc.)

      • Potenziamento ricerca e innovazione specifica per il settore


  • Login