l esperimento di g riffith
Download
Skip this Video
Download Presentation
L’esperimento di G riffith

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 12

L’esperimento di G riffith - PowerPoint PPT Presentation


  • 141 Views
  • Uploaded on

L’esperimento di G riffith. Lavoro realizzato da ANDREA, FILIPPO e LUCA CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2011-12.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' L’esperimento di G riffith' - fawzia


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
l esperimento di g riffith

L’esperimento di Griffith

Lavoro realizzato da ANDREA, FILIPPO e LUCA

CLASSE 3 A

ANNO SCOLASTICO 2011-12

slide2

L\'esperimento di Frederick Griffith del 1928 fu uno dei primi esperimenti a suggerire che i batteri sono in grado di trasferire informazioni genetiche attraverso un processo noto come trasformazione. In tal modo, esso aprì la strada alla determinazione di quale fosse la natura del materiale genetico.

slide3

Che esistesse una qualche sostanza in grado di trasmettere l\'informazione genetica era noto da tempo. Tra la fino del 1800 e i primi anni del 1900 venne proposto e dimostrato che il materiale genetico fosse racchiuso nei nuclei delle cellule e in particolare nei cromosomi.

I primi indizi di una molecola in grado di trasferire l’informazione genetica vengono messe in evidenza da Griffith con una serie di esperimenti di infezione sperimentale con pneumococchi di topi da laboratorio. Era già noto dai tempi di Pasteur che il calore era in grado di rendere innocue le colture batteriche. Era noto anche che alcune varianti dello pneumococco che crescevano con colonie di aspetto rugoso (ceppi R) non erano più in grado di scatenare la polmonite nell’animale.

slide4

Il ceppo S è detto anche liscio dal momento che produce colonie lisce e lucenti (grazie alla presenza di una capsula batterica polisaccaridica che avvolgeva ogni cellula).

Questo ceppo è in grado di provocare la polmonite.

slide6

Il ceppo R è detto anche rugoso dal momento che produce colonie dall\'aspetto "rugoso" (a causa dell\'assenza della capsula batterica).

Questo ceppo non è in grado di provocare polmonite.

Di fatto ora sappiamo che il ceppo R deriva da una mutazione di un ceppo S.

slide9

L’osservazione originale di Griffith si realizzò quando egliprovò a inoculare in combinazione sia i batteri patogeni uccisi con il calore che quelli vivi, ma non patogeni, di ceppo R.

Inaspettatamente gli animali sviluppavano polmonite mortale e dal loro sangue e dal loro liquido ascitico, era possibile isolare i batteri vivi di ceppo patogeno. Griffith intuì che dalle cellule atteriche inattivate qualche sostanza veniva trasferita a quelle innocue ed era in grado di conferire ad esse le caratteristiche di patogenicità. Griffith definì questa sostanza non identificata Fattore Trasformante.

slide10

s

R

slide11

Griffith intuì che dalle cellule batteriche inattivate qualche sostanza veniva trasferita a quelle innocue ed era in grado di conferire ad esse le caratteristiche di patogenicità.

slide12

...passarono pochi anni

e si scopri il DNA....

....ma è un\'altra storia.....

ad