Sistemi di riferimento
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 24

Sistemi di riferimento PowerPoint PPT Presentation


  • 83 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Sistemi di riferimento. Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II. Sistemi di rappresentazione. Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II. Gli oggetti del mondo reale che vengono normalmente rappresentati in un GIS si trovano sulla superficie terrestre che è curva

Download Presentation

Sistemi di riferimento

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Sistemi di riferimento

Sistemi di riferimento


Sistemi di riferimento

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II


Sistemi di rappresentazione

Sistemi di rappresentazione

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Gli oggetti del mondo reale che vengono normalmente rappresentati in un GIS si trovano sulla superficie terrestre che è curva

  • La rappresentazionecartografica di tali elementi avviene invece su un piano

  • La conversione tra superfici curve e piane introduce necessariamente degli errori la cui entità dipende da vari fattori


Sistemi di rappresentazione1

Sistemi di rappresentazione

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II


Tipi di errore

Tipi di errore

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Alcuni di questi fattori sono:

    • Estensione dell’area considerata

    • Sistema di proiezione utilizzato

    • Differenze tra il mondo reale e il modello di geoide utilizzato

    • Semplificazioni degli algoritmi di proiezione

  • Gli errori di conversione non sono eliminabili completamente ma comunque riducibili


Tipi di errore1

Tipi di errore

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Le differenze tra la superficie terrestre reale e il modello che la approssima è mostrata in figura:


Datum

Datum

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Ellissoide: figura geometrica rappresentata da 2 parametri

  • Geoide: approssimazione discreta della superficie terrestre (circa coincidente con il livello medio del mare)

  • Datum: è dato dall’ellissoide, dal centro di emanazione e dall’orientamento per approssimare meglio la superficie terrestre


Datum locali

Datum locali

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II


Datum1

Datum

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Datum globali

    • WGS84

  • Datum locali

    • Roma40 (Italia), ED50 (Europa)


Sistemi di proiezione

Sistemi di proiezione

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Una volta definito il Datum si dovrà scegliere il sistema di proiezione per la rappresentazione dei punti del Datum su un piano con il minimo errore possibile

  • Esistono differenti sistemi di proiezione, classificati in base alla disposizione del piano rispetto alla Terra


Sistemi di proiezione1

Sistemi di proiezione

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Cilindrica diretta o trasversa

  • Stereografica (tangente o secante)

  • Conica


Sistemi di proiezione2

Sistemi di proiezione

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • In Italia vengono utilizzati normalmente tre diversi tipi di Datum:

    • Roma 40 (chiamato anche “Monte Mario”)

    • European Datum 50 – ED50

    • WGS 84

  • I sistemi di proiezione sono due:

    • Gauss Boaga

    • UTM


Rappresentazioni cartografiche

Rappresentazioni cartografiche

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Combinando insieme il Datum e il sistema di proiezione si ottiene un sistemadi riferimento di coordinate (CRS)

  • In Italia generalmente si usano:

    • Sistema catastale (catasto - planimetrico)

    • Gauss Boaga (Roma40 - Cilindrica trasversa)

    • UTM (ED50 o WGS84 - Cilindrica trasversa)


Sistemi cartografici

Sistemi cartografici

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

Sistema catastale (Cassini-Soldner)

  • Proiezione planimetrica

  • Policentrica (849 origini)

  • Ellissoide: Bessel con 3 orientamenti

  • Scale utilizzate:

    • 1:1000

    • 1:2000

    • 1:4000


Sistemi cartografici1

Sistemi cartografici

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Sistema Gauss Boaga-Roma40

  • Proiezione: Cilindrica Trasversa di Mercatore

  • Due fusi (9° – 15°) con zona di sovrapposizione, detti fuso ovest e fuso est

  • Ellissoide: Internazionale

  • Datum: Roma 40


Sistemi cartografici2

Sistemi cartografici

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Sistema UTM-ED50

  • Proiezione: Cilindrica Trasversa di Mercatore

  • Tre fusi (32, 33, 34)

  • Ellissoide: Internazionale

  • Datum: ED50


Definizione di un sistema

Definizione di un sistema

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • I software GIS gestiscono i sistemi di riferimento e i relativi passaggi tra essi

  • Il passaggio da un sistema di riferimento ad un altro comporta la riproiezione dei dati

  • Il Datum e il tipo di proiezione associati a uno strato informativo presente in un SIT DEVONO essere correttamente definiti


Definizione di un sistema1

Definizione di un sistema

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Uno standard utilizzato per la definizione dei sistemi di riferimento è fornito dall’EPSG (European Petroleum Survey Group)

  • Esistono diversi formati file per la definizione di uno stesso sistema (dipendenti dal software utilizzato)

  • Informazioni sui codici EPSG: http://spatialreference.org


Codici epsg

Codici EPSG

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II


Passaggio tra sistemi

Passaggio tra Sistemi

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Dopo aver correttamente definito un sistema di coordinate (datum e proiezione) di uno strato informativo si può effettuare una riproiezione

  • La riproiezione dei dati comporta 2 step:

    • Scelta del Datum e della proiezione di output

    • Trasformazione del Datum (opzionale)


Trasformazione di datum

Trasformazione di Datum

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • La Trasformazione del Datum è necessaria per evitare il disallineamento tra i dati

  • La trasformazione può avvenire secondo due modalità:

    • Traslazione dell’ellissoide

      • “Geocentric Translation” - 3 parametri

    • Roto-traslazione dell’ellissoide

      • “Position Vector” – 7 parametri


Trasformazione di datum1

Trasformazione di Datum

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • La scelta del tipo di trasformazione di Datum dipende dalla zona di interesse

  • In Italia si considerano tre zone:

    • Italia (penisola)

    • Sicilia

    • Sardegna


Trasformazione di datum2

Trasformazione di Datum

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

  • Le trasformazioni di Datum sono definite rispetto al WGS 84

  • Esempio:

    • Il passaggio da Gauss Boaga Ovest a UTM 32-WGS 84 comporta la trasformazione del Datum da Roma 40 (“Monte Mario”) a WGS 84

    • Se l’area interessata dalla trasformazione si trova nell’Italia peninsulare si sceglierà la trasformazione:

    • Monte_Mario_To_WGS_1984_4


Trasformazione di datum3

Trasformazione di Datum

Laboratorio di Sistemi Informativi Territoriali II

I file corretti per le trasformazioni di Datum sono


  • Login