slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Corso insegnanti ADO/UISP Dr. Gian Luca Calanchi

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 94

Corso insegnanti ADO/UISP Dr. Gian Luca Calanchi - PowerPoint PPT Presentation


  • 68 Views
  • Uploaded on

Corso insegnanti ADO/UISP Dr. Gian Luca Calanchi.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Corso insegnanti ADO/UISP Dr. Gian Luca Calanchi' - faris


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Corso insegnanti ADO/UISP

Dr. Gian Luca Calanchi

slide2

Le arti marziali nascono come disciplina per preparare i guerrieri a un combattimento rapido, efficace e possibilmente mortale.Da ciò deriva che nella pratica delle arti marziali gli infortuni sono sempre in agguato.Una conoscenza di base dei principi dell’anatomia e della fisiologia del movimento aiuta a minimizzare il rischio di incidenti.ANATOMIA

slide3

Apparato Scheletrico

Cranio (neurocranio e splancnocranio

Tronco (colonna vertebrale, bacino, coste, sterno)

Arti (inferiori e superiori)

slide4

CLASSIFICAZIONE DELLE OSSA

● Ossa lunghe (omero, femore, tibia, ulna, radio, ecc.)

● Ossa brevi (vertebre, ossa del carpo, ossa del tarso, ecc.)

● Ossa piatte (osso frontale, osso zigomatico, osso parietale, ossa nasali, ecc.)

OSSA LUNGHE

▪ Diafisi

▪ Epifisi

* Superfici articolari  cartilagine

▪ Osso compatto

▪ Osso spongioso

▪ Periostio

▪ Midollo osseo

slide5

CARATTERISTICA DELLE OSSA

▪ Componenti inorganiche (matrice calcificata)

- rigidità durezza

▪ Componenti organiche (tessuto osseo non calcificato, cartilagine)

- elasticità

- flessibilità

- resistenza alla trazione

▪ Le ossa dei bambini sono più ricche di cartilagine

▪ Da ciò deriva che sono più resistenti ai danni da trazione, più elastiche

▪ Ma si rompono lo stesso, spesso in maniera più subdola rispetto ad un osso adulto

▪ Inoltre si possono deformare più facilmente, deformazioni che poi si stabilizzano nell’adulto

▪ Un osso deforme può essere sottoposto a un carico abnorme da cui possono derivare patologie (artrosi ecc.)

slide6

IL CRANIO

▪ Neurocranio (contiene cervello, cervelletto e midollo allungato)

▪ Splancnocranio (tutte le strutture ossee che compongono lo scheletro facciale)

slide7

LA COLONNA VERTEBRALE

7 vertebre cervicali

12 vertebre toraciche o dorsali

5 vertebre lombari

5 vertebre sacrali (fuse nel sacro)

2-3 vertebre coccigee

slide8

IL TORACE

  • Coste
  • Sterno
slide9

ARTI SUPERIORI

  • Coste
  • Sterno
  • Spalla
  • Clavicola
  • Scapola
  • Omero
  • Ulna
  • Radio
  • Carpo
  • Metacarpo
  • Falangi
slide10

ARTI INFERIORI

  • Bacino
  • Ileo
  • Ischio
  • Pube
  • Femore
  • Tibia
  • Perone
  • Tarso
  • Metatarso
  • Falangi
slide11

ARTICOLAZIONI

  • Fisse – Semi mobili – Mobili

Articolazioni mobili:

  • Potenza – Fulcro – Resistenza
  • Potenza – Resistenza – Fulcro
  • Fulcro – Potenza - Resistenza
slide12

ANATOMIAAPPARATO MUSCOLARE

Muscoli striati (scheletrici, volontari)Muscoli lisci (viscerali, involontari)Muscolo cardiaco (striato. Involontario)

slide13

FIBRA MUSCOLARE

  • Sarcolemma (la membrana cellulare)
  • Sarcoplasma (la parte liquida endocellulare)
  • Miofibrille (actina – miosina concentrazione
  • Fibre rosse (tipo I, lente)
  • Fibre bianche (tipo II, veloci)

- A concentrazione rapida resistenti alla fatica

- A concentrazione rapida molto affaticabili

- A concentrazione rapida

slide14

MUSCOLI SCHELETRICI

  • Più fibre muscolari riunite formano il fascio muscolare
  • Il tessuto connettivo che le riveste alle estremità si organizza in strutture dette tendini che collegano i fasci muscolari ai capi di inserzione ossei
slide15

- Antagonisti (fasci muscolari le cui azioni si contrastano reciprocamente) - Sinergici (fasci muscolari che lavorano insieme per realizzare un’azione, e il cui risultato è maggiore della somma delle azioni dei muscoli singoli)

slide16

IL TONO MUSCOLARE

  • A riposo, i muscoli nel vivente non sono mai completamente rilassati; esiste una minima attività nel fascio muscolare a riposo, detta tono muscolare che è quell’attività che contribuisce al mantenimento della postura.
  • Da un punto di vista finalistico potremmo definire il tono muscolare come quell’attività minima che permette di contrastare la forza di gravità senza affaticarsi.

LA CONTRAZIONE MUSCOLARE

  • Isometrica ( il muscolo mantiene la stessa lunghezza, aumenta il suo tono)
  • Isotonica ( il muscolo varia la sua lunghezza, mantenendo invariato il tono)
slide17

LA GRADUAZIONE DELLA FORZA

  • Reclutamento spaziale: maggiore è l’intensità dello stimolo, maggiore è il numero delle fibre che rispondono
  • Reclutamento temporale : più lunga è la durata nel tempo dello stimolo, maggiore è l’intensità della risposta da parte delle fibre stimolate
slide19

APPARATO CARDIOVASCOLARE

Sistema Arterioso

Sistema Venoso

Cuore

slide20

IL CICLO CARDIACO

  • Diastole atriale
  • Sistole atriale
  • Diastole ventricolare
  • Sistole ventricolare
  • Diastole: il momento di massima distensione
  • Sistole: il momento di massima concentrazione

LE VALVOLE CARDIACHE

● Tricuspide (tra atrio e ventricolo dx)

● Mitrale (tra atrio e ventricolo sx)

● Polmonare (tra ventricolo dx e art. polmonare)

● Aortica (tra ventricolo sx e aorta)

- E’ il movimento di apertura e chiusura delle valvole che causa il battito cardiaco.

slide21

PARAMETRI CARDIACI

  • Frequenza cardiaca (n° di battiti al minuto)
  • Gittata sistolica (il volume di sangue spinto in avanti da una singola contrazione ventricolare)
  • Portata cardiaca (gittata sistolica x frequenza cardiaca)

APPARATO CARDIOVASCOLARE

  • Cuore (una pompa che mette in circolo un liquido)
  • Sangue (il liquido messo in circolo dalla pompa)
  • Vasi (l’apparato attraverso cui viene messo in circolo il sangue)
slide22

IL PICCOLO CIRCOLO

  • Detto anche “circolo funzionale”
  • Il sangue scorre all’interno dei polmoni fino a giungere ai capillari degli alveoli polmonari, dove avvengono gli scambi gassosi tra il sangue e l’aria all’interno degli alveoli stessi (che è l’aria atmosferica)
  • Il sangue libera CO2 e assorbe O2
  • Successivamente , il sangue riossigenato viene spinto alle cavità cardiache di sinistra da dove viene diretto ai vari organi.
slide24

IL GRANDE CIRCOLO

  • Detto anche “circolo sistemico”
  • Il sangue scorre all’interno dei vasi corporei fino a giungere ai capillari periferici, dove avvengono gli scambi gassosi tra il sangue e i tessuti
  • Il sangue libera O2 e assorbe CO2
  • Successivamente il sangue legato al biossido di carbonio torna alle cavità destre del cuore da dove viene inviato al circolo polmonare
slide25

IL SANGUE

  • Plasma (parte liquida)
  • Parte corpuscolata

-> Globuli rossi (veicolano ossigeno)

->Globuli bianchi mediano le difese immunitarie)

->Piastrine (contribuiscono al processo di coagulazione)

-> Ematocrito (rapporto tra parte liquida e parte corpuscolata , è circa il 40% nelle persone normali)

slide26

PRESSIONE ARTERIOSA

  • Sistolica (il valore più alto, corrisponde alla pressione al momento della contrazione ventricolare sinistra)
  • Diastolica (il valore più basso, corrisponde alla pressione al momento della diastole ventricolare sinistra)
  • Ipertensione (quando i valori pressori sono superiori a 140/80 mmHg)
slide28

LA RESPIRAZIONE

  • Ventilazione polmonare (scambi di gas tra i polmoni e l’atmosfera)
  • La diffusione (scambi di gas tra l’atmosfera e il sangue attraverso i capillari alveolari)
  • Il trasporto (l’ossigeno legato ai globuli rossi viene portato ai tessuti)
  • La respirazione cellulare (l’ossigeno viene metabolizzato a livello dei tessuti che in cambio liberano anidride carbonica)
slide29

MECCANICA RESPIRATORIA

  • Inspirazione

->Diaframma

->Intercostali esterni

  • Espirazione

->Addominali

->Intercostali interni

Inspirazione + Espirazione =

ATTO RESPIRATORIO

slide31

LA RESPIRAZIONE

  • Volumi e capacità che descrivono la ventilazione
  • La ventilazione si caratterizza per volumi e capacità
  • Volume corrente – Volume di aria inspirato ed espirato durante la normale respirazione
  • Volume inspiratorio di riserva – Volume di aria che può essere ulteriormente introdotto dopo una normale inspirazione
  • Volume espiratorio di riserva – Volume di aria che può essere ulteriormente espirato dopo una normale espirazione
slide32

Volume residuo – Volume rimanente nei polmoni dopo l\'espirazione massima

Capacità vitale – Volume che può essere espirato dopo un\'inspirazione forzata (la somma di 1, 2 e 3)

Capacità inspiratoria – Volume che può essere inspirato dopo un\'espirazione normale (la somma di 1 e 2)

Capacità funzionale residua – Volume di aria rimanente nei polmoni al termine di un\'espirazione normale (la somma di 3 e 4)

Capacità polmonare totale – Volume massimo che può essere contenuto nei polmoni dopo un\'inspirazione forzata (la somma di 1, 2, 3 e 4)

slide33

SISTEMA NERVOSO

IL NEURONE

-Soma (il corpo della cellula che contiene il nucleo)

-Assone o Neurite (il prolungamento del neurone, forma le fibre nervose, l’impulso nervoso corre dal soma alla periferia)

-Dendriti (prolungamenti più brevi, l’impulso nervoso corre dalla periferia al soma)

LE FIBRE NERVOSE

-Le fibre nervose si riuniscono in fasci di maggiori dimensioni detti Nervi

-Le fibre possono avere una copertura da parte di una membrana proteica detta Mielina, o non averla (c.d. fibre amieliniche)

-Nelle fibre mieliniche la conduzione dell’impulso elettrico avviene più rapidamente

slide36

Sistema nervoso centrale ( SNC)

  • Encefalo
  • Midollo spinale
  • Sistema Nervoso Periferico (SNP)
  • Nervi cranici
  • Nervi spinali
slide37

L’ ENCEFALO- Cervello-Diencefalo-Talamo-Ipotalamo-Ipofisi-Epifisi- Cervelletto- Tronco encefalico-Mesencefalo-Ponte-Midollo allungato

slide38

IL CERVELLO

  • Due emisferi
  • Corpo calloso
  • 4 lobi per emisfero

-> Frontale

-> Temporale

-> Parietale

-> Occipitale

slide39

IL DIENCEFALO

  • L’ipotalamo (responsabile di importanti funzioni viscerali, quali il controllo delle secrezioni ormonali, di varie ghiandole endocrine)
  • Il talamo (centro di raccolta e integrazione di tutti i sistemi sensoriali)
slide40

IL CERVELLETTO

  • Il suo volume è circa 1/10 di quello del cervello
  • Coordinazione dei movimenti
  • Postura
  • Equilibrio
slide41

IL TRONCO ENCEFALICO

  • Bulbo o Midollo allungato (respirazione, sonno, frequenza cardiaca, pressione arteriosa)
  • Ponte (vie piramidali)
  • Mesencefalo (regolazione delle attività involontarie)
slide42

IL MIDOLLO SPINALE

  • 31 segmenti (metameri)
  • 2 coppie di radici per ogni metamero
  • Sostanza bianca (esterna)
  • Sostanza grigia (interna, a forma di H)

-> Corna anteriori motorie

-> Corna posteriori sensitive

slide44

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO

  • S. nerv. somatico (nervi encefalici e spinali: agisce sui muscoli volontari scheletrici)
  • S. nerv. Autonomo o neurovegetativo

-> Ortosimpatico (principalmente inibitorio)

-> Parasimpatico(principalmente eccitatorio)

-> Enterico

slide47

SISTEMA NERVOSO E MOVIMENTO

  • La trasmissione dell’impulso nervoso (potenziale d’azione) da una cellula all’altra avviene tramite una struttura anatomica che mette in relazione il neurone della cellula a monte con uno o più dendriti di una o più cellule a valle, detta sinapsi
  • Giunto al muscolo l’impulso viene trasmesso tramite un neurotrasmettitore (acetilcolina) in una struttura.
slide49

ALIMENTI E NUTRIENTI

  • Vengono dette Alimenti tutte le sostanze che il nostro organismo può utilizzare per l’accrescimento, il funzionamento e il mantenimento delle proprie strutture.
  • Ogni alimento è costituito da più Nutrienti; dalle combinazioni dei vari nutrienti derivano le caratteristiche proprie di ogni alimento.
  • NUTRIENTI
  • MACRONUTRIENTIMICRONUTRIENTI
  • Zuccheri -Sali Minerali
  • Proteine -Vitamine
  • Grassi
  • Acqua
slide52

TRAUMI

  • ACUTI: la lesione si verifica a causa di un unico evento violento o ad una concomitanza di eventi poco distanti nel tempo l’uno dall’altro
  • CRONICI: la lesione si verifica a causa della ripetizione di microeventi scarsamente traumatici lungo un lasso di tempo prolungato, e la cui azione si somma
  • MAGGIORI: si verifica una grave compromissione di uno o più organi, nei casi più gravi possono comportare pericolo per la vita del paziente; la gestione è esclusivamente medica
  • MINORI: si verifica una transitoria impotenza funzionale di un arto o di un’articolazione, senza che di questi si verifichi una grave compromissione
slide53

SINTOMI

  • LOCALI
  • DOLORE
  • TUMEFAZIONE
  • COMPARSA DI EMATOMI
  • ALTRO

● GENERALI

  • perdita di coscienza
  • Disorientamento spazio-temporale
  • Midriasi e/o miosi
  • Nausea e vomito
slide54

COME CI SI PONE

  • Osservare attentamente la situazione

→ pallore cutaneo

→ respiro

→ polso

● Valutare lo stato di coscienza del traumatizzato

→ orientamento spazio temporale

→ capacità di rispondere agli stimoli

→ capacità motoria

● In caso di dubbio di trauma maggiore (sintomi generali) avvertire subito la struttura sanitaria

● 113: Polizia di Stato

● 118: emergenza sanitaria

slide55

LESIONI TRAUMATICHE ACUTE

  • Muscolari
  • Tendinee
  • Capsulo-legamentose
  • Ossee

LESIONI MUSCOLARI

• Senza lesione anatomica

→ crampo

→ miofascite

→ contrattura

• Con lesione anatomica

→ Causa entrinseca

→ Causa intrinseca

slide56

CRAMPO

  • Contrazione intensa, brusca, involontaria, parossistica, dolorosa, transitoria che si accompagna a postura segmentaria incontrollabile.
  • Da sforzo
  • A riposo
  • Stretching
  • Massoterapia

MIOFASCITE

  • Sintomatologia dolorosa che si manifesta 12-24 ore dopo l’attività sportiva, dovuta all’accumulo di acido lattico.
  • Vengono coinvolti diversi gruppi muscolari
  • Idromassaggio
  • Massoterapia
slide57

CONTRATTURA

  • Contrazione involontaria, incosciente, dolorosa, permanente localizzata ad un muscolo
  • Da sovrallenamento
  • Di difesa
  • Miorilassanti
  • Antidolorifici
  • Fisioterapia anche strumentale
slide58

LESIONI MUSCOLARI CON LESIONE ANATOMICA

  • Elongazione
  • Distrazione
  • Strappo
  • ELONGAZIONE
  • Dolore improvviso ma non localizzato
  • Assenza di vallo
  • Prognosi 10 gg.
  • Terapia: riposo, bendaggio elastico, miorilassanti, massoterapia, stretching
  • DISTRAZIONE
  • Dolore improvviso localizzato
  • Vallo palpabile
  • Prognosi 20-30 gg.
  • Terapia: riposo, crioterapia, bendaggio elastico, scarico per 15 giorni, miorilassanti, massoterapia, stretching
slide59

ROTTURA

● Dolore improvviso localizzato

● Vallo visibile

● Impotenza funzionale

● Prognosi: 90 gg.

● Terapia: riposo, bendaggio rigido 20 gg., miorilassanti, eventuale intervento chirurgico, massoterapia.

slide60

LESIONI MUSCOLARI CON LESIONI ANATOMICA

  • Da causa entrinseca:
  • Contusione
  • COMPLICANZE
  • Retrazione fibrosa
  • Incarceramento di rami nervosi
  • Pseudocisti muscolari
  • Metaplasia ossea
slide62

PATOLOGIA TENDINEA(Class. Di Lanzetta)

  • Tendinopatie inserzionali (microrotture tendineo-periostee senza reazione vascolare)
  • Tendinosi
  • Tendiniti
  • PATOLOGIA TENDINEA(Class. Di Blanzina)
  • Stadio 1: dolore dopo lo sport
  • Stadio 2: dolore permanente che riduce l’attività
  • Stadio3: dolore che impone l’arresto dell’attività
  • Stadio 4: rottura del tendine
slide63

ROTTURE TENDINEE

  • T. achilleo
  • T. del capo lungo del bicipite
  • T. rotuleo
  • Cuffia dei rotatori
slide65

LESIONI CAPSULO-LEGAMENTOSE

  • Possono coinvolgere tutte le articolazioni
  • Frequenti in:

→ spalla

→ ginocchio

→ caviglia

●Acute

→ contusione

→ distorsione

→ sublussazione e lussazione

● Croniche artrosi

lesioni capsulo legamentose
LESIONI CAPSULO-LEGAMENTOSE

Il sistema capsulo-legamentoso che contiene le articolazioni maggiori è composto da multipli legamenti

Questi legamenti possono lesionarsi anche in presenza di traumi che comportino una perdita della continuità dei capi articolari

Tali lesioni causano comunque un deterioramento della funzionalità articolare

Diagnosticare una lesione capsulo-legamentosa è estremamente importante, specie a carico di un\'articolazione maggiore.

slide67
Lesioni trascurate possono residuare in un\'instabilità articolare (tendenza alla recidiva con traumi ingravescenti e progressiva riduzione della funzionalità).

Il carico articolare abnorme dovuto alle lesioni trascurate può portare precocemente all\'artrosi.

Quando la lesione traumatica è grave da provocare la perdita della continuità articolare e il disassamento delle due limitanti articolari contrapposte si ha il quadro della LUSSAZIONE

La lussazione va trattata il prima possibile da parte del personale sanitario addestrato

E\' assolutamente sconsigliabile “rimettere a posto” la lussazione se non si sa bene quael che si fa.

artrosi
ARTROSI

Caratterizzata dala distruzione della cartilagine articolare che conduce a dolore, deformità e limitazione della funzionalità dell\'articolazione stessa

E\' la manifestazione comune di un gruppo di affezioni simili aventi causa differente.

► dolore articolare spontaneo o provocato

► tumefazione articolare e/o ossea

► impaccio dopo esercizio fisico

► rigidità mattutina

► infiammazione

► impegno muscolare e/o astenia

slide69
► ridotto range del movimento e/o della funzionalità

► crepitii /scrosci articolari

► aumento del calore e/o versamento articolare

► deformazione e/o instabilità

la gravità del dolore varia tra i diversi pazienti e nello stesso individuo nel corso del tempo.

HA ORIGINE MULTIFATTORIALE:

Fattori biomeccanici

Metabolici

Endocrini

Infiammatori

L\'importanza di queste cause può essere modificata per effetto dell\' ETA\', SESSO, IMPRONTA GENETICA

danno funzionale
DANNO FUNZIONALE

Ridotta mobilità

Difficoltà nell\'esecuzione delle attività quotidiane

Isolamento sociale

Depressione

INVALIDITA\'

prevenzione
PREVENZIONE

Evitare il sovrappeso

Eseguire regolarmente esercizi fisici

Indossare calzature adeguate, particolarmente le calzature sportive

Evitare traumi e/o attività stressanti ripetitive

FRATTURE

Si ha la frattura quando, a causa dell\'evento traumatico, si verifica una “soluzione di continuità” della struttura ossea

Incidenti (stradali, sportivi,lavorativi)

Cadute accidentali

fattori predisponenti
FATTORI PREDISPONENTI

► Cisti ossee

► Tumori ossei (benigni e maligni)

► Osteoporosi (età avanzata, avitaminosi ed altre patologie)

Chiuse

Esposte (quando a causa del trauma uno o più dei monconi di frattura lacerano i tessuti e attraverso la ferita vengono esposti all\'aria)

Fratture-lussazioni (quando a causa del trauma non solo si verifica la soluzione di continuo del tessuto osseo, ma questa si associa con la perdita di continuità di un\'articolazione adiacente; è frequente nell\'anca e nella spalla)

trattamento
TRATTAMENTO

Riduzione (riallineamento dei monconi)

Immobilizzazione (tramite gesso, viti o altri tutori)

Recupero funzionale (articolarità, mobilità, tono trofismo. Forza muscolare, recupero sportivo)

GUARIGIONE DELLE FRATTURE

Organizzazione dell\'ematoma

Callo provvisorio

Callo definitivo

Rimodellamento del callo

segni clinici
SEGNI CLINICI

Dolore spontaneo provocato

Tumefazione della parte

Limitazione ed impotenza funzionale

Ecchimosi, abrasioni, escoriazioni

Eventuale deformità

MECCANISMO TRAUMATICO

Diretto

Indiretto

Da avulsione

contusione
CONTUSIONE

Lesione traumatica provocata da urto diretto, generalmente senza lesione dei tessuti superficiali

- ecchimosi

- ematoma muscolare

- emartro (versamento emorragico all\'interno di una cavità articolare)

Immediata applicazione di ghiaccio per provocare vasocostrizione

Riposo

Applicazione di pomate apariniche dopo 3-4 giorni per facilitare il riassorbimento dell\'ematoma

ferita
FERITA

Punta (sanguina poco ma si infetta facilmente)

Taglio (margini netti, spesso profonda, pericolo per vasi, nervi e tendini)

Lacero contusa (margini irregolari, spesso ecchimotici)

Escoriazione (lesione dei tessuti cutanei, non grave)

Pulire la ferita con soluzione fisiologica sterile

Disinfettare i tessuti circostanti

Se il sanguinamento è abbondante applicare una medicazione compressiva

Coprire con garza

Portare al PS per antitetanica

perdita dei sensi
PERDITA DEI SENSI

Dovuta a un calo di pressione arteriosa (caldo, emozione ecc.) che provoca un ridotto apporto di sangue al cervello

Può avvenire gradualmente (capogiro, pallore cutaneo, perdita momentanea della vista, sudorazione, confusione) e viene detta LIPOTIMIA , oppure improvvisa perdita di coscienza con brusca caduta a terra (svenimento)

Porre il paziente in posizione antishock (decubito supino con la testa appoggiata a terra e le gambe sollevate di 30-40° in modo che i piedi si trovino a una quota superiore rispetto a quella della testa) per favorire il ritorno venoso e la riossigenazione cerebrale

Mantenere la posizioneper alcuni minuti anche dopo il ritorno della coscienza

arresto cardiaco
ARRESTO CARDIACO

L\'intervento deve essere immediato

Se si è soli, la prima cosa da fare dopo avere valutato il paziente è chiamare immediatamente soccorso (118) mantenendo la calma e fornendo ai soccorritori tutte le informazioni riguardanti la condizione del paziente e il luogo in cui ci si trova, per favorire l\'arrivo il più rapido possibile.

Perdita di coscienza

Mancanza di risposta agli stimoli

Polso non palpabile

Respiro assente

respirazione artificiale
RESPIRAZIONE ARTIFICIALE

Bocca-Bocca

Bocca-Naso (se l\'infortunato presenta ferite attorno alla bocca)

Bocca-Bocca-Naso (da adulto a bambino)

Con maschera respiratoria (dovrebbe essere presente in tutte le palestre)

Ci si pone a lato dell\'infortunato

Appoggiando una mano sulla fronte si iperestende la testa

Con la mano opposta si liberano le vie aeree (apparecchi ortodontici, protesi dentarie, caramelle)

Tenendo la testa iperestesa con una mano si tappa il naso e con l\'altra si tiene aperta la bocca appoggiandola sul mento

slide80
Si inspira profondamente

Si appoggia la bocca a quella dell\'infortunato e si insuffla con forza l\'aria guardando in direzione del torace dell\'infortunato, per verificare che il torace si espanda

Successivamente si stacca la bocca per permettere lìespirazione

Si ripete la manovra

massaggio cardiaco
MASSAGGIO CARDIACO

Porre il paziente su un piano rigido

Scoprire il torace

Porre la mano all\'incirca due dita al di sopra della parte inferiore dello sterno, appoggiando il palmo

Appoggiare l\'altra mano sopra la prima

Comprimere con forza il torace per 15 volte e ventilare 2 volte

La forza si deve scaricare dalle spalle sui palmi delle mani atteraverso le braccia tese

Dopo ogni compressione bisogna permettere al torace di riespandersi senza mai staccare le mani dallo sterno

doping
DOPING

● Uso di sostanze o metodi che sono nocivi alla salute e/o possono migliorare la prestazione fisica: doping è anche la presenza di sostanze proibite nel corpo di uno sportivo o la conferma del loro uso di metodi proibiti.

(Movimento olimpico – Codice antidoping 1° gennaio 2000)

slide84

Indica l’uso di farmaci o di sostanze farmacologicamente attive, non giustificato da esigenze di malattia

  • E’ un atto sportivo illecito:

- vantaggio acquisito slealmente

- porta a danni organici rilevanti

  • La mentalità del doping è molto diffusa tra atleti, allenatori, sostenitori nello sport professionistico, dove l’atleta viene visto non come un essere umano ma come un investimento che deve fruttare
  • La sua diffusione aumenta in modo preoccupante anche tra gli atleti più giovani.
sostanze vietate
SOSTANZE VIETATE
  • Stimolanti
  • Narcotici e analgesici
  • Steroidi anabolizzanti
  • Diuretici
  • Ormoni
stimolanti
STIMOLANTI

Aumento della concentrazione e dell’attenzione

Riduzione della sensazione di fatica

Aumento dell’aggressività

Disturbi cardiovascolari

Disturbi neurologici

Disturbi psichiatrici

narcotici e analgesici
NARCOTICI E ANALGESICI

Azione calmante e rilassante sul SNC

Aumento della resistenza al dolore

Euforia

Assuefazione e dipendenza

Diminuzione della capacità di concentrazione

Disturbi respiratori, gastrointestinali, vertigini, sonnolenza

steroidi anabolizzanti
STEROIDI ANABOLIZZANTI

Aumento della massa muscolare

Aumento dell’aggressività

Massimizzazione del consumo di ossigeno

Sterilità

Virilizzazione delle donne

Tumori (fegato, testicoli)

Rotture tendinee

Disturbi psichiatrici

Rischio cardiovascolare

diuretici
DIURETICI

Perdita di peso rapida

Mascheramento di altre sostanze

Disidratazione

Insufficienza renale

Aritmie cardiache

ormoni
ORMONI
  • GH (Growing Hormone, Ormone della crescita):

- E’ l’ormone responsabile dell’accrescimento delle ossa; agevola il trasporto di amminoacidi nei tessuti; aumenta il numero di globuli rossi; ottimizza la funzionalità cardiaca

  • EPO (Eritropoietina)

- Aumento del trasporto di ossigeno; massimizzazione del consumo di ossigeno; Ipertensione arteriosa; infarto del miocardio; ictus cerebri

  • ACTH (Ormone AdrenoCorticoTropo)

- aumento transitorio del GH circolante con conseguente azione anabolizzante; ipertensione; iperglicemia; disturbi della fertilità

pratiche vietate
PRATICHE VIETATE
  • Doping ematico

- aumento della quota di globuli rossi; effetti simili all’EPO; ipertensione arteriosa; infarto del miocardio; ictus cerebri

  • Somministrazione di trasportatori artificiali di ossigeno o di sostituti del plasma
  • Manipolazioni famacologiche e/o chimiche
slide92

SOSTANZE VIETATE IN DETERMINATE CONDIZIONI:

  • alcol
  • cannabinoidi
  • Anestetici locali
  • Corticosteroidi
  • betabloccanti
ad