Le micrometeoriti dallo spazio interplanetario alla vita sulla terra
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 25

Le micrometeoriti dallo spazio interplanetario alla vita sulla Terra PowerPoint PPT Presentation


  • 98 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Le micrometeoriti dallo spazio interplanetario alla vita sulla Terra. Giacomo Briani 22 Febbraio 2005. ……………Indice………………. La distribuzione di meteoroidi nello spazio a 1 UA dal Sole e il flusso sulla Terra, il contributo delle MM Composizione e proprietà delle MM studiate a Terra

Download Presentation

Le micrometeoriti dallo spazio interplanetario alla vita sulla Terra

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Le micrometeoriti dallo spazio interplanetario alla vita sulla Terra

Giacomo Briani

22 Febbraio 2005


……………Indice………………

  • La distribuzione di meteoroidi nello spazio a 1 UA dal Sole e il flusso sulla Terra, il contributo delle MM

  • Composizione e proprietà delle MM studiate a Terra

  • L’interazione con l’atmosfera terrestre: modelli e verifiche sperimentali

  • Relazioni con i possibili corpi progenitori (comete e/o asteroidi)

  • Possibile ruolo nella comparsa della vita sulla Terra


I meteoroidi a 1 UA dal Sole

POLVERE COSMICA METEOROIDI GRANDI IMPATTORI

dimensioni  m dimensioni  20 m

masse  10-8 g masse  107 kg

asteroidi e comete

MICROMETEORITI

dimensioni fra ~50 m e ~1 mm masse fra ~10-6 e ~ 10-3 g

  • la densità spaziale dei meteoroidi diminuisce all’aumentare della distanza dal Sole e all’aumentare della latitudine eclittica

  • la popolazione dei meteoroidi è dominata da particelle comprese fra 50 e 500 m MM

  • metodi per lo studio dei meteoroidi nello spazio: osservazioni dei crateri lunari, studio delle tracce luminose (meteore) in atmosfera (radar BLM, AMOR), rivelatori a bordo di satelliti nella stratosfera (Long Duration Exposure Facility)


…I meteoroidi a 1 UA dal Sole

Modello per la distribuzione di massa e il flusso a 1 UA di meteoroidi compresi fra 10-18 e 102 g:

  • studiata l’azione delle mutue collisioni e dell’effetto Poynting-Robertson

  • il flusso decresce rapidamente all’aumentare della massa

  • nella distribuzione di massa si ha un picco per 10-5 g (100 m di raggio) MM

  • dai risultati di tale modello si deduce una non stazionarietà della popolazione dei meteoroidi


Il flusso di meteoroidi sulla Terra

  • osservazione sperimentali confermano il massimo nel flusso di particelle submillimetriche per dimensioni di200 memassedi 1.5·10-5 g MM

  • con 40000  20000 ton/anno micrometeoritiepolvere cosmica costituiscono l’assoluta maggioranza (99.5%) della materia che cade sulla Terra

  • metodi per lo studio del flusso di meteoroidi: oltre a quelli citati in precedenza, la raccolta di MM e polvere cosmica in Antartide e Groenlandia e in sedimenti marini


MM studiate sulla Terra

  • è possibile studiare composizione e proprietà delle MM dai campioni ottenuti con dispositivi in orbita (LDEF, HST)

  • ma lo studio delle MM si basa principalmente sui campioni raccolti in Groenlandia e in Antartide, questi ultimi (AMM) considerati i meglio conservati rispetto a contaminazioni terrestri

  • l’aspetto sorprendente è che la maggior parte delle MM recuperate non sono fuse, contrariamente a quanto atteso dai modelli di attraversamento dell’atmosfera


MM fuse –cosmis spherules

trasformate in sferule dal passaggio in atmosfera (20%)

Composizionestrutturale dall’analisi delle AMM


…Composizionestrutturale…

MM non fuse

(a) fine-grained hydrous MM composte da milioni digrani individuali (35%); (b) coarse-grained crystalline anhydrous MM composte di alcuni singoli cristalli di olivina e pirosseno (10%)


…Composizionestrutturale

MM parzialmente deidratatescoriaceous-type MM con molte vescicole, erano fgh-MM e hanno perso parte della loro acqua (35%)


Composizione e mineralogia delle AMM

  • sono correlate al gruppo relativamente raro (2% delle meteoriti) delle primitive condriti carbonacee

  • sono gli oggetti extraterrestri più ricchi di C che raggiungono la Terra


…Composizione e mineralogia delle AMM…

  • in tutte (tranne le CSs) è stato rivelato un guscio di magnetite molto sottile ( 1 m)

  • la distribuzione del rapporto D/H dell’acqua è la più simile, rispetto a quella degli altri corpi extraterrestri, a quella dell’acqua degli oceani


in ~20% sono state osservate concentrazioni e composizioni isotopiche di alcuni elementi chesuggeriscono chele MM sono già tali nello spazioe che l’azione subita dall’atmosfera è limitata

nonostante il collegamento delle AMM con le condriti carbonacee, ci sono maggiori fattori di differenzadifficilmente spiegabili con i modelli

le MM sono una nuova popolazione di oggetti del sistema solare

…Composizione e mineralogia delle AMM


Interazione con l’atmosfera: un modello

Simulazioni numeriche dell’attraversamento dell’atmosfera da parte di micrometeoroidi fra 10 m e 1 mm]

  • MM sferici

  • le molecole d’aria cedono ai MM impulso e energia (in forma di calore) ma non massa

  • l’energia viene riemessa sotto forma di radiazione, perdita di massa e vaporizzazione

  • date le piccole dimensioni dei MM si nega la possibilità di shock idrodinamici in atmosfera e di gradienti termici interni


…Interazione con l’atmosfera: un modello

Risultati:

  • la durata dell’impulso massimo di calore è di pochi secondi

  • le temperature massime sono raggiunte sopra gli 85 km di quota

  • la maggior parte della massa accresciuta dalla Terra è dovuta a micrometeoroidi fra 100 e 300 m MM

  • in tale intervallo circa il 10% delle particelle conserva le dimensioni originarie e la metà di queste risulta fusa

  • le eventuali molecole organiche presenti vengono distrutte a temperature minori di quelle raggiunte in atmosfera


Un altro modello

Altre simulazioni sono state fatte per studiare le condizioni per cui le MM possono entrare nell’atmosfera senza fondere (temperature  1600 °K) o senza subire annealing ( 800 °K)

  • come possibili meccanismi di ingresso sono stati considerati

    (1) l’“aerocattura” (ingresso in un’orbita chiusa)

    (2) l’ingresso diretto a grandi angoli zenitali

  • imponendo la condizione di temperatura massima  800 °K, i due meccanismi hanno efficienze confrontabili; comunque difficilmente più dell’uno per mille delle particelle rimane sotto tale temperatura

  • per evitare la fusione è molto più efficace l’ingresso diretto, ma solo il 4% dei MM di 100 m di raggio passano l’atmosfera senza fondere


Possibili concause:

particolari condizioni di ingresso [11]

decelerazione in strati a bassa densità a quote elevate (80 - 120 km, contro 30 - 60 km per meteoroidi maggiori)

meccanismo di emissione dell’energia per irraggiamento molto efficiente grazie all’elevato rapporto area/massa

ipotesi del flash heating: impulsi di calore di breve durata sufficienti per la ionizzazione delle molecole d’aria (meteore), ma non per processi più complessi (fusione, diffusione di gas rari, ossidazione di solfati e metalli, pirolisi di componenti organici)

…MM e atmosfera: i dati sperimentali…

Nelle AMM la percentuale di MM non fuse è molto maggiore di quanto previsto


…MM e atmosfera: i dati sperimentali…

Effetti del passaggio in atmosfera dall’analisi delle fg-AMM

  • cosmic spherules:superata la temperatura di fusione (~1350 °C) probabilmente arrivano anche a temperature fra 1450 – 1800 °C; perdita di massa del 30% circa, non si osserva il guscio di magnetite

  • cored MM: presenza di un guscio fuso e di un nucleo non fuso a suggerire un progressivo inizio della fusione

  • scoriaceous MM: materiali fusi e rapidamente raffreddati come nelle CSs, ma c’è il guscio di magnetite; rispetto alle MM non fuse minori concentrazioni di elementi probabilmente persi durante la fusione; raggiunte temperature fra i 1350 e i 1500 °C, perdita di massa < 2%

  • unmelted MM: diffusa presenza di vescicole; massima temperatura raggiunta 650 °C se non si rivelano prodotti della decomposizione dei fillosilicati (ma la perdita di massa è maggiore)


…MM e atmosfera: i dati sperimentali

Problemi:

  • gradienti termici interni

  • shock idrodinamici

  • contaminazione atmosferica

  • atmospheric residence + terrestrial residence


Simulazioni in laboratorio

Frammenti di condriti carbonacee sottoposti a impulsi di calore in condizioni controllate:

  • osservata la formazione del guscio di magnetite (~ 1 m) sia nell’atmosfera terrestre (78% N2, 21% O2) sia in quella marziana (96.5% CO2, 3.5% N2)

    • perdite di S collegate alla durata degli impulsi, quelle di Ca e Ni no

  • osservata la formazione di spinels (MgAl2O4) con caratteristiche morfologiche e chimiche simili a quelle degli spinels delle MM

  • una modellizzazione permette di risalire dal range di composizione degli spinels all’interazione che le MM hanno con l’atmosfera


L’origine delle MM

  • micrometeoroidi provenienti dalla fascia principale degli asteroidi entrano in atmosfera con velocità geocentriche minori di quelli originati da comete

  • l’eco radar proveniente da un meteoroide di origine asteroidale ha un’ampiezza generalmente maggiore rispetto a quella di echi dovuti a corpi di origine cometaria

    Origine cometaria o asteroidale?

    • effetti gravitazionali della Terra e di altri pianeti sull’orbita dei MM [10]


MM e origine della vita sulla Terra

  • il contributo delle MM può essere stato importante per la formazione dell’atmosfera e degli oceani terrestri

    • le MM hanno acqua simile a quella degli oceani, e possono aver fornito l’azoto e il carbonio dell’atmosfera (EMMA)

  • il contributo delle MM può essere stato importante per l’apporto di composti prebiotici e/o molecole organiche

    • le MM sono i maggiori portatori extraterrestri di composti idro-carbonacei

    • osservata una maggior varietà di idrocarburi policiclici aromatici rispetto alle condriti carbonacee

    • amino-acidi: il rapporto AIB/isovalina è 10 volte maggiore di quello delle condriti carbonacee CM, è presente la glicina (cha vaporizzando sopravvive all’ingresso in atmosfera)


È possibile individuare tre categorie di sorgenti di molecole organiche per la Terra primordiale:

apporto diretto da oggetti extra-terrestri (MM + IDPs)

sintesi dovuta a shock in atmosfera

sintesi endogena

Quale di queste sorgenti fosse quantitativamente dominante dipende fortemente dalla composizione dell’atmosfera primordiale terrestre:

atmosfera riducente  sintesi da onde d’urto

atmosfera neutra  sintesi endogena

atmosfera ossidante  apporto diretto

…MM e origine della vita sulla Terra…


…MM e origine della vita sulla Terra…

Il ruolo attivo delle MM nelle nascita della vita: i micro-reattori condritici – CHRs

  • elementi che possono agire da catalizzatori (acqua, minerali idrati e non, solfati, ossidi del ferro…)

  • sostanze organiche prebiotiche e/o molecole organiche complesse

  • il guscio di magnetite impedisce l’eccessiva diluizione delle sostanze organiche e ne permette il contatto con i catalizzatori

  • alta efficienza nell’intrappolare amino-acidi e altre sostanze organiche

    tali reattori non potevano essere prodotti anche sulla Terra poiché erano sintetizzati nello specifico ambiente microgravitazionale del sistema solare primordiale, contenevano catalizzatori sconosciuti sulla Terra e avevano subito gli effetti del passaggio in atmosfera


Riassunto

MICROMETEORITI

  • dominano la popolazione di meteoroidi a 1 UA

  • dominano il flusso di materia ET sulla Terra

  • sopravvivono sorprendentemente all’atmosfera

  • sono ricche di C e composti organici

  • importanti per la comparsa della vita


Capire meglio l’origine delle MM e dei composti organici che contengono

Studiare la vita delle MM nello spazio

Approfondire la conoscenza dei meccanismi che permettono la sopravvivenza in atmosfera

Estendere i risultati ottenuti per la Terra ad altri corpi planetari, come Marte, Giove, Europa, Titano

Prospettive


  • Login