NUOVA INFLUENZA A(H1N1)v: PECULIARITÀ IN AMBITO PEDIATRICO
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 4

NUOVA INFLUENZA A(H1N1)v: PECULIARITÀ IN AMBITO PEDIATRICO PowerPoint PPT Presentation


  • 68 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

NUOVA INFLUENZA A(H1N1)v: PECULIARITÀ IN AMBITO PEDIATRICO. Gestione del bambino con influenza.

Download Presentation

NUOVA INFLUENZA A(H1N1)v: PECULIARITÀ IN AMBITO PEDIATRICO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Nuova influenza a h1n1 v peculiarit in ambito pediatrico

NUOVA INFLUENZA A(H1N1)v: PECULIARITÀ IN AMBITO PEDIATRICO


Nuova influenza a h1n1 v peculiarit in ambito pediatrico

Gestione del bambino con influenza

I bambini con influenza devono in generale essere gestiti a domicilio. Per quelli a rischio di malattia grave o di complicanze può essere opportuno un controllo medico ripetuto, per identificare precocemente l’aggravarsi della situazione e provvedere ad un eventuale ricovero.

Indicazioni al ricovero ospedaliero: bambini con segni e/o sintomi di influenza grave o complicata e bambini di età < 3 mesi indipendentemente dal quadro clinico.

La diagnosi precisa del virus responsabile di una sindrome influenzale non è necessaria ai fini terapeutici. In Pronto soccorso e in Ospedale la diagnosi eziologia è utile a fini epidemiologici solo per i pazienti che necessitano di ricovero per complicanze correlate alla sindrome influenzale.

Non vi sono dati certi sulla durata dell’eliminazione del nuovo virus A H1N1; i virus influenzali tendono però a replicarsi più a lungo nel bambino. Va sottolineato che un bambino con influenza non dovrebbe ritornare in comunità prima di 7 giorni dall’inizio dei sintomi.


Nuova influenza a h1n1 v peculiarit in ambito pediatrico

Terapia con antivirali

Il nuovo virus pandemico risulta sensibile agli inibitori della neuroaminidasi (oseltamivir e zanamivir).

Poiché i dati disponibili suggeriscono che l’infezione da A/H1N1 causi nella stragrande maggioranza dei casi una malattia respiratoria acuta autolimitantesi, i bambini che non presentino complicanze e non rientrino nelle categorie a rischio non richiedono trattamento con antivirali.

Un uso sistematico ed indiscriminato di antivirali favorisce inoltre la comparsa di ceppi virali resistenti, come segnalato per l’influenza stagionale in paesi che ne hanno fatto largo impiego. Casi sporadici di resistenza ad antivirali sono segnalati anche per virus influenzale A/H1N1.

Ricerche su modelli animali hanno mostrato una concentrazione del farmaco più elevata nel sistema nervoso centrale in ratti giovani rispetto a quelli adulti; complicanze neurologiche tra i pazienti in età pediatrica sono segnalate in paesi dove il prodotto è stato di largo impiego.


Nuova influenza a h1n1 v peculiarit in ambito pediatrico

L’uso di antibiotici non è raccomandato in corso di influenza in quanto non previene eventuali sovrainfezioni batteriche e può anzi condurre ad un aumento del fenomeno dell’antibioticoresistenza. D’altra parte, alcuni batteri possono complicare le infezioni da virus influenzali. L’impiego di antimicrobici va quindi riservato solo ai casi con ragionevole evidenza di infezione batterica invasiva o localizzata.

L’uso degli inibitori delle neuraminidasi nei bambini e adolescenti deve essere limitato esclusivamente nei casi previsti dall’Ordinanza ministeriale firmata il 30 settembre 2009 e in corso di pubblicazione che comprendono: bambini con sindromi influenzali appartenenti ai gruppi a rischio per gravi complicanze; bambini senza fattori di rischio ma ricoverati in ospedale per sintomi gravi attribuibili all’infezione da virus influenzale; bambini a rischio di gravi complicanze, non vaccinati, che abbiano avuto stretti contatti con persone con diagnosi di infezione da virus A(H1N1)v.

Si prevede che nel periodo autunno-invernale le occasioni di possibile contatto con persone infette potrebbero essere molte e prolungate nel tempo pertanto si raccomanda l’uso profilattico del farmaco come previsto dall’Ordinanza esclusivamente nel casi che ne possono realmente trarre beneficio.


  • Login