I modelli di valutazione delle opzioni su tassi
Download
1 / 60

Un approccio statistico alla stima della yield curve Lucidi a cura di Giampaolo Gabbi - PowerPoint PPT Presentation


  • 112 Views
  • Uploaded on

I modelli di valutazione delle opzioni su tassi. Un approccio statistico alla stima della yield curve Lucidi a cura di Giampaolo Gabbi. Definizione della yield curve. Rendimenti dei titoli privi di cedola (pure discount) Stesso emittente Stessa liquidità Diversa scadenza.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Un approccio statistico alla stima della yield curve Lucidi a cura di Giampaolo Gabbi' - elita


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

I modelli di valutazione delle opzioni su tassi

Un approccio statistico

alla stima della yield curve

Lucidi a cura di Giampaolo Gabbi


Definizione della yield curve
Definizione dellayield curve

  • Rendimenti dei titoli privi di cedola (pure discount)

  • Stesso emittente

  • Stessa liquidità

  • Diversa scadenza


Finalit della yield curve
Finalità della yield curve

  • Interpretazione delle aspettative degli operatori

  • Valorizzazione dei flussi delle attività e delle passività finanziarie

    • Analisi del rischio di interesse di un portafoglio

    • Pricing di alcuni derivati


Criteri per la stima
Criteri per la stima

  • Scelta del campione

  • Parsimonia

  • Rassomiglianza

  • Robustezza


Soluzioni per la stima
Soluzioni per la stima

  • Metodi di mercato

  • Metodi no-arbitrage

  • Obiettivo: minimizzare l’errore




Stima della continuit
Stima della continuità

  • Interpolazione statistica

  • Adattamento alla polinomiale

  • Misura dell’errore commesso


Interpolazione statistica
Interpolazione statistica

  • Semplicità

  • Regressione rispetto alla vita residua, per approssimare la dinamica del tasso in funzione del tempo


Adattamento polinomiale
Adattamento polinomiale

  • Adattamento lineare

  • Adattamento esponenziale

  • Adattamento potenza

FOGLIO

EXCEL


Stima lineare esempio

2

R

Stima lineare (esempio)

  • Stimare la curva dei rendimenti utilizzando le equazioni precedenti fa migliorare il fitting della curva aumentando il grado della funzione

MODELLO DI STIMA

COEFFICIENTE DI

DELLA CURVA DEI RENDIMENTI

DETERMINAZIONE (

)

r

= 4,985 + 0,161t

96,25%

t

2

r

= 5,032 + 0,1377t + 0,0021 t

96,36%

t

2

3

r

= 5,436

0,2209t + 0,0799 t

0,0047t

99,

44%

t

2

3

4

r

= 5,4918

0,2921t +0,106 t

-

0,0083t

+ 0,0002t

99,46%

t


Stima della continuit1
Stima della continuità

  • Una volta stimata la funzione della curva è possibile determinare la struttura sui nodi scelti, sostituendo i valori delle scadenze alle variabili indipendenti

  • La curva è continua in ogni punto che rappresenta le scadenze


Stima della continuit es
Stima della continuità (es.)

  • Si prenda la prima curva stimata

  • Il rendimento dell’attività con scadenza a 3 mesi si determina nel seguente modo

  • Si calcola il valore di t. Nel caso specifico


Stima della continuit es1
Stima della continuità (es.)

  • Si sostituisce il valore i t alla funzione di stima

  • Si procede in questo modo su tutte le scadenze desiderate


Stima della continuit es2
Stima della continuità (es.)

  • Nel caso delle funzioni stimate, fino al quarto grado, le strutture dei rendimenti sono le seguenti


Stima logaritmica
Stima logaritmica

  • Per ottenere migliori risultati in termini di stima è possibile operare mediante logaritmi

  • La soluzione più semplice per stimare la curva dei rendimenti è quella proposta da Bradley e Crane i quali trasformano rendimenti e scadenze in forma logaritmica


Modello di bradley crane
Modello di Bradley-Crane

  • Questo modello di stima ( =96,29) permette di ottenere la seguente serie di rendimenti


Modello cohen kramer waugh
Modello Cohen-Kramer-Waugh

  • Nel modello proposto da Cohen, Kramer e Waugh, il rendimento diventa funzione della scadenza, della scadenza al quadrato e del quadrato del logaritmo sempre della vita residua

FOGLIO

EXCEL


Modello cohen kramer waugh1
Modello Cohen-Kramer-Waugh

  • Sostituendo alle variabili dell’equazione i coefficienti stimati, si ottiene il valore del TRES stimato [r*(t)].


Difetti dei modelli
Difetti dei modelli

  • L’esistenza di flussi eterogenei

  • I fattori di imposizione fiscale

  • Le tipologie degli emittenti

  • Misura del TRES


Modello di echols elliot
Modello di Echols-Elliot

  • Echols ed Elliot propongono una funzione di regressione che corregge la distorsione dovuta alle caratteristiche delle cedole

  • dove i indica il titolo i-esimo e C è l'ammontare della sua cedola


Modello di echols elliot1
Modello di Echols-Elliot

  • Il modello stimato sull’esempio

    ( =96,85) permette di ottenere i risultati seguenti


Il metodo tres duration
Il metodo TRES/duration

  • La duration approssima la scadenza finanziaria di un titolo con cedola

  • Per ottenere una curva continua è utilizzare i modelli di stima già proposti in precedenza




Altri modelli tres duration
Altri modelli TRES/duration

  • Oltre ai modelli statistici presentati si possono applicare quelli già visti per la vita residua

  • Bradley e Crane

  • Cohen, Kramer e Waugh


Difetti dei modelli tres duration
Difetti dei modelliTRES/duration

  • La variabile temporale è dipendente dal rendimento stesso

  • Il valore in ascissa varia per effetto del tempo ma anche per la variazione del TRES

  • Con la duration si accorcia sensibilmente l’intera struttura dei rendimenti


Calcolo tassi spot
Calcolo tassi spot

  • Rendimenti di titoli zero-coupon

  • Problema della stima in assenza di titoli senza cedola

  • Metodo del coupon stripping


Calcolo tassi spot es
Calcolo tassi spot (es.)

  • Formula di calcolo



Calcolo tassi spot es2
Calcolo tassi spot (es.)

  • Se sul mercato esiste un titolo a 6 anni con cedola annuale del 10% (coincidenti con la scadenza dei titoli zero coupon) e un prezzo pari a 97,56 è possibile determinare il tasso spot attualizzando le prime cinque cedole con i tassi della tabella precedente



Stima struttura continua
Stima struttura continua

  • Una volta calcolati i tassi spot, è possibile stimare la continuità della curva con uno dei metodi di interpolazione precedenti

  • Il rischio è quello di forzare la minimizzazione dell’errore, alterando la configurazione dell’intera curva


Stima struttura continua1
Stima struttura continua

  • Si ipotizzi di volere stimare la curva dai seguenti tassi spot


Il modello degli splines
Il modello degli splines

  • Una soluzione ampiamente utilizzata è quella degli spline

  • Si tratta di un insieme di funzioni polinomiali separate rispetto a nodi predefiniti, in corrispondenza dei quali si garantisce la derivabilità


Il modello degli splines1
Il modello degli splines

  • I benefici sono:

    • il cambiamento degli input in un segmento non altera i segmenti contigui

    • i tassi che esprimono le aspettative degli operatori sono attendibili nel lungo termine e la loro curva è differenziabile

    • l’interpolazione non introduce oscillazioni ulteriori alla configurazione originaria


Il modello degli splines2
Il modello degli splines

  • I problemi sono:

    • occorre definire in modo soggettivo il numero e la posizione dei nodi

    • se ci sono troppi nodi si torna alla stima dei tassi di mercato (overfitting)

    • se i nodi sono pochi si rischia di allontanarsi eccessivamente dai dati di mercato, commettendo un errore elevato


Il limite dei modelli di stima
Il limite dei modelli di stima

  • Rimane un limite: i modelli ipotizzano che il rendimento rappresenti la relazione fra i tassi di mercato e le relative scadenze

  • Il prezzo dei titoli obbligazionari è caratterizzato da altri elementi (emittente, flusso cedolare, tassazione sulle componenti di capitale e di interesse)


Il modello matriciale
Il modello matriciale

  • Il modello matriciale permette di interpretare la relazione fra titoli e scadenze, grazie al vettore dei rendimenti coerente con il set delle scadenze cedolari e di capitale dell’intero mercato


Il modello matriciale1
Il modello matriciale

  • Partendo dalla matrice F degli m flussi degli n titoli

  • Si deve risolvere il sistema

  • dove P è il vettore degli n prezzi e v è il vettore degli m fattori di sconto


Il modello matriciale2
Il modello matriciale

  • Per verificare l’affidabilità di questo modello ci si deve accertare che sia in grado di risolvere un sistema di equazioni caratterizzato da titoli zero coupon determinando il vettore v dei fattori di sconto effettivamente calcolabili mediante la formula


Il modello matriciale3
Il modello matriciale

  • Ripartiamo dall’esempio dei titoli zero coupon


Il modello matriciale4
Il modello matriciale

  • Le matrici del modello sono le seguenti


Il modello matriciale5
Il modello matriciale

  • Occorre quindi risolvere il sistema lineare per ottenere i valori del vettore v dei fattori di sconto


Il modello matriciale6
Il modello matriciale

  • Per ottenere il valore di v(1) si deve anzitutto risolvere il determinante della matrice


Il modello matriciale7
Il modello matriciale

  • Quindi occorre calcolare il determinante della matrice F


Il modello matriciale8
Il modello matriciale

  • A questo punto si risolve il rapporto fra i due determinanti, ottenendo il valore della funzione di sconto in corrispondenza del primo anno


Il modello matriciale9
Il modello matriciale

  • Per ottenere il rendimento del titolo senza cedola a 1 anno si risolve la formula seguente


Il modello matriciale10
Il modello matriciale

  • In modo del tutto analogo, il valore di v(2) si ottiene calcolando il determinante della matrice


Il modello matriciale11
Il modello matriciale

  • Rapportando il determinante riportato nel lucido precedente con quello della matrice F si ottiene


Il modello matriciale12
Il modello matriciale

  • Il rendimento del titolo a due anni si ottiene nel modo seguente


Il modello matriciale13
Il modello matriciale

  • La bontà del modello è confermata dalla coincidenza dei rendimenti originari


Il modello matriciale14
Il modello matriciale

  • Si consideri un esempio concreto


Il modello matriciale15

Flussi dei titoli monetari e obbligazionari (BOT, CTZ e BTP quotati il 26.3.1997)

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

4

4,5

5

5,5

6

6,5

7

7,5

8

8,5

9

9,5

10

100

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

100

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

4,5

4,5

104,5

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

100

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

3,75

3,75

3,75

3,75

103,75

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

3

3

3

3

3

103

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

105,25

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

6,25

6,25

6,25

6,25

6,25

6,25

6,25

106,25

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

6

6

6

6

6

6

6

6

106

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

3,125

3,125

3,125

3,125

3,125

3,125

3,125

3,125

3,125

103,125

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

6

6

6

6

6

6

6

6

6

6

106

0

0

0

0

0

0

0

0

0

5,75

5,75

5,75

5,75

5,75

5,75

5,75

5,75

5,75

5,75

5,75

105,75

0

0

0

0

0

0

0

0

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

4,5

104,5

0

0

0

0

0

0

0

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

104,25

0

0

0

0

0

0

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

4,25

105,25

0

0

0

0

0

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

105,25

0

0

0

0

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

5,25

105,25

0

0

0

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

4,75

104,75

0

0

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

3,875

103,875

0

Il modello matriciale

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

3,375

103,375


Il modello matriciale16
Il modello matriciale quotati il 26.3.1997)

  • Il determinante della prima matrice è il seguente


Il modello matriciale17
Il modello matriciale quotati il 26.3.1997)

  • Il determinante della matrice F è il seguente


Il modello matriciale18
Il modello matriciale quotati il 26.3.1997)

  • Il fattore di sconto v(0,5) si individua rapportando i due determinanti

  • mentre il rendimento è dato da


Il modello matriciale19
Il modello matriciale quotati il 26.3.1997)

  • Il risultato completo è riprodotto di seguito


Il modello matriciale20
Il modello matriciale quotati il 26.3.1997)

  • La rappresentazione grafica delle curve mostra le differenze


Limite del modello matriciale
Limite del modello matriciale quotati il 26.3.1997)

  • Dipende dall’esistenza di una matrice F non ridondante, cioè non caratterizzata da titoli che possano essere perfettamente replicati con portafogli di altri titoli anch’essi considerati nella matrice


ad