Manutenzione degli assets produttivi
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 15

Manutenzione degli assets produttivi PowerPoint PPT Presentation


  • 68 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Manutenzione degli assets produttivi. Modelli per valutare e scegliere. Definizione. La manutenzione ha il compito di supervisionare tutti gli impianti di produzione di beni e di servizi. Nel dettaglio deve:

Download Presentation

Manutenzione degli assets produttivi

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Manutenzione degli assets produttivi

Manutenzione degli assetsproduttivi

Modelli per valutare e scegliere


Definizione

Definizione

La manutenzione ha il compito di supervisionare tutti gli impianti di produzione di beni e di servizi.

Nel dettaglio deve:

- organizzare e realizzare degli interventi con lo scopo di garantire la potenzialità nominale ed il buon stato di conservazione delle attrezzature nei periodi di funzionamento;

  • minimizzare gli intervalli di fermo;

  • gestire le procedure di supporto alle attività eseguite direttamente sugli impianti.


Prospettive

Prospettive

Le procedure manutentive influenzano a vari livelli i seguenti aspetti:

- patrimoniale: gli impianti rappresentano immobilizzi di risorse che vanno mantenute in efficienza;

- tecnologico: il cattivo stato dell’impianto può compromettere la qualità del prodotto e/o del servizio erogato;

- economico: la mancata produzione e la difettosità riducono gli utili;

- sociale/legale:attrezzature in cattive condizioni possono provocare infortuni, inquinamenti e problemi di sicurezza.


Tipi di manutenzione

Tipi di Manutenzione

Si possono distinguere quattro diversi sistemi di manutenzione:

a. manutenzione reattiva

b. manutenzione preventiva basata sul calendario

c. manutenzione secondo condizione

d. manutenzione proattiva


Manutenzione reattiva run to failure maintenance

Manutenzione reattiva (Run-to-FailureMaintenance)

Si intende la manutenzione a rottura: le riparazioni e le strategie di sostituzione solo dopo il verificarsi del guasto.

Tale sistema va usato se:

1. risulta più economica la riparazione rispetto alla manutenzione

2. il numero dei guasti che potrebbero occorrere è talmente basso che è preferibile stabilire altre priorità

3. il malfunzionamento non influisce significativamente sulla produzione o genera perdite finanziarie limitate rispetto ai costi di riparazione


Manutenzione preventiva basata sul calendario

Manutenzione preventiva (basata sul calendario)

Si intende la manutenzione eseguita a intervalli predeterminati; è tesa a ridurre le probabilità di guasto o la degradazione del funzionamento di un’entita.

La manutenzione preventiva, in base agli intervalli di tempo predeterminati e alla definizione dei criteri prescritti, si distingue in:

- programmata statica: gli interventi vengono prefissati per tutta la durata del bene;

- programmata dinamica: fissati in base alla storia della macchina stessa;

- su condizione: il componente viene sostituito prima che termini la sua vita utile.


Altre strategie

Altre Strategie

Manutenzionesecondo condizione

Si intendono revisioni (spesso non necessarie) di macchine, con lo scopo di prevenire guasti futuri.

Manutenzioneproattiva

Con questo tipo di manutenzione si intende un processo continuodi valutazione dei feedback risultati, al fine di permettere un miglioramento continuo.


Confronto tra strategie

Confronto tra Strategie


Produzione e costi

Produzione e Costi

Manutenzione


Produzione e costi1

Produzione e Costi

Con riferimento ad un impianto definiamo i costi nell’unita di tempo di produzione (ad esempio il minuto) come:

  • costi di materia prima: Cmp

  • costi diretti di consumo: Cdc

  • costi di diretti di manodopera: Cdm

  • costi indiretti: Ci

  • Ct= Cmp + Cdc + Cdm + Ci, è il costo complessivo dell’impianto nell’unita di tempo in cui e in produzione.


Impianto on off i flussi economici

Impianto on/off: i flussi economici

Impianto J in funzione

Impianto J guasto


Elementi per valutare

Elementi per valutare

I parametri da considerare sono:

• il tempo impiegato a produrre un pezzo - Tp

• il costo indiretto Ci

• il costo diretto della manodopera Cdm

• costo vriabile del prodotto = CV

• margine di contribuzione del prodotto MdC = P - CV

• che verrà posto uguale al costo di mancata produzione.

Alcune note:

In caso di fermo macchina si può calcolare la perdita della mancata produzione tramite distinta base.

In caso di capacita produttiva scarsa, ovvero inferiore alla capacita di

assorbimento del mercato, la perdita di produzione anche temporanea rappresenta un mancato guadagno e quindi un costo per l’azienda.


Cause di guasto

Cause di Guasto

Le cause comuni di guasto (Common Cause Failures – CCF), rappresentano eventi comuni a più componenti presenti in un sistema e sono in grado di indurre guasti in tutti i componenti coinvolti.

Si possono manifestare diversi tipi di dipendenza, per esempio:

● dipendenza funzionale, quando viene a mancare un input funzionale come l’alimentazione elettrica a una classe di componenti; si può rilevare mediante l’applicazione dell’analisi dell’albero dei guasti (fault treeanalysis) con cui è possibile evidenziare la presenza di eventi comuni a più rami dell’albero;

● presenza di un evento esterno comune, per esempio nel caso si manifesti un incendio in grado di porli fuori servizio;

● difetti presenti in una fornitura, quando si manifesti un difetto in un certo numero di componenti di un lotto;

● presenza di fattori operativi che influenzano in uno stesso modo più componenti(presenza di vibrazioni, temperature intense)


Tpm total productive maintenance 1

TPM Total ProductiveMaintenance - 1

Una moderna visione dell'organizzazione industriale tende ad identificare la manutenzione non più come una funzione aziendale accessoria alla produzione, ma come una sua parte integrante. In quest'ottica di sempre maggiore integrazione interfunzionale si inseriscono le motivazioni che portano all'approccio della manutenzione produttiva (Total ProductiveMaintenance).

I concetti di base della TPM si possono riassumere nei seguenti tre aspetti:

● ha l'obiettivo di ottenere la massima efficienza e quindi affidabilità dell'impianto, alfine di ridurre l'insieme di tutti i costi sostenuti nell'intero ciclo di vita utile stimata dell'impianto;

● è un sistema totale di manutenzione, ovvero l’implementazione di un mix completo di tecniche, che vanno dalle politiche manutentive (da quella a guasto a quella su condizione) alla gestione dei ricambi, fino alla pianificazione degli interventi;

● prevede il coinvolgimento operativo di tutto il personale dell'azienda, quindi la partecipazione al progetto TPM di tutti i dipendenti

Esempio


Tpm total productive maintenance 2

TPM Total ProductiveMaintenance - 2

TPM punta a eliminare le seguenti cause di guasto dovute a errori di:

● progetto, cioè compiuti in fase di: progetto,costruzione ed installazione;

● esercizio, impianti tenuti in cattive condizioni oppure errori in avviamento o conduzione;

● manutenzione, che possono accadere nella esecuzione degli interventi di ripristino.

tecniche

● mantenere l'impianto nelle condizioni ottimali per tutta la sua vita utile attingendo alle risorse già acquisite dalla manutenzione;

● gestire globalmente l'impianto in modo da ottenere quanto descritto al punto precedente;

● proteggere l'impianto contro il deterioramento normale;

● correggere le carenze di progetto;

● prevenire gli errori umani attraverso la formazione e la responsabilizzazione delle maestranze.

Esempio


  • Login