Il Progetto QuADRO
Download
1 / 31

Razionale del Progetto - PowerPoint PPT Presentation


  • 177 Views
  • Uploaded on

Il Progetto QuADRO Qualità, Audit, Dati, Ricerca e Outcome IV Workshop Italiano sull’Audit Clinico Crema 5 Giugno 2009. Razionale del Progetto.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Razionale del Progetto' - dysis


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Il Progetto QuADROQualità, Audit, Dati, Ricerca e OutcomeIV Workshop Italiano sull’Audit ClinicoCrema 5 Giugno 2009


Razionale del progetto
Razionale del Progetto

L’appropriatezza prescrittiva è una condizione di base per una gestione ottimale dei pazienti (obiettivo di salute) attraverso il corretto utilizzo delle risorse (obiettivo economico), che porta a conciliare gli obiettivi di salute con gli obiettivi di compatibilità economica


Obiettivo del progetto
Obiettivo del Progetto

Sviluppare una metodologia per la gestione appropriata dei percorsi di salute per pazienti affetti da BPCO, attraverso la corretta diagnosi e terapia.

Un insieme di indicatoridescrive il percorso terapeutico dei pazienti prima e dopo l’inizio del progetto.


identificazione coorte pazienti

(database amministrativi)

confronto terapia ideale

vs

terapia attuale

(autoanalisi, peer review)

ASL

(coordina processo)

definizione processo di cura ideale

(Linee Guida, PDT)

Informazione

Scientifica

Collaborativa

intervento correttivo

(miglioramento)


Lo strumento dell audit clinico
Lo strumento dell’Audit Clinico

L’AUDIT CLINICO è uno strumento per perseguire l’appropriatezza

Il progetto QuADRO permette di analizzare ed approfondire le modalità di interazioni, prendendo input dai dati quantitativi, dell’intera filiera

L’informazione quantitativa generata dalle ASL può modificare il piano di informazione scientifica verso temi di maggiore rilevanza e criticità per i medici

Fornitori e ASL possono basare la relazione su un livello di attesa che può essere discusso e misurato


Proposta di un protocollo per il processo di Clinical Audit

dalla riunione del C.S. del 29/10/2008

15


Fase I

scegliere attori, linee guida, indicatori

  • individuazione task force locale (epidemiologo/IT, farmacista, responsabile cure primarie, pneumologo, MMG coordinatore formazione…)

  • composizione dei gruppi MMG (cooperative, associazioni, medicine di gruppo, ecc...)

  • condivisione di un Percorso Diagnostico Terapeutico (PDT e individuazione di LL.GG. praticabili)

  • individuazione criteri/indicatori (da cui derivano algoritmi di estrazione, schede, report ...)

16


Fase I

attuare un programma di formazione

  • formazione dei Facilitatori MMG (individuazione degli skills ottimali)

    • trasferimento sui soggetti coinvolti di conoscenze di base su BPCO, Audit Clinico (+ programmazione di iniziative collaterali ad hoc: ECM, formazione on-line, …)

17


Fase II

individuare un baseline

  • estrazione coorte potenziale di paz.BPCO per medico (algoritmo QuADRO)

  • autovalutazione e stadiazione dei propri pazienti

  • Completamento, validazione e restituzione schede individuali

18


Fase III

sostenere la peer review

  • elaborazione e analisi dei dati (task force +Facilitatori) all’interno di ASL/Regione

  • presentazione dei risultati nei gruppi di peer review

  • (incontri tra pari)

    • individuazione degli scostamenti dai criteri (casi potenzialmente inappropriati) e discussione delle tipologie di trattamento (dati aggregati e/o singoli casi)

19


Fase IV

attuare gli interventi correttivi

  • azioni correttive ai vari livelli organizzativi

  • - formazione (ECM)

  • - informazione scientifica condivisa

  • re-audit a tempo definito

20


Banche datiutilizzate

Anagrafe Assistiti

ASL

Anagrafe Medici

Prescrizioni Farmaceutiche

Esenzioni

Ricoveri (SDO)

Metodologia

DATA BASE AMMINISTRATIVI e CLINICI


Metodologia

DATA BASE AMMINISTRATIVI e CLINICI


Metodologia

REVISONE DEI CASI e PEER REVIEW


Per ciascun paziente
…per ciascun paziente:

Effettuato almeno una spirometria

Definito stadio GOLD

Terapia secondo LG GOLD

Disassuefazione fumo

Vacc. antinfluenzale

Vacc. antipneumococco


Stimoli fondamentali per il mmg
Stimoli Fondamentali per il MMG

Affrontare il Tabagismo

Stimolare diagnosi in fase precoce BPCO

Appropriatezza trattamento farmacologico (in base allo stadio)

Progetto QUADRO come strumento per il miglioramento dell’appropriatezza diagnostica e terapeutica attraverso l’audit


Realtà Operative progetto QuADRO

  • PIEMONTE: ASL Cuneo 1, Cuneo 2, Novara, Vercelli, Biella, Torino 5, VCO, Alessandria, Torino 4;

  • LOMBARDIA: ASL Cremona, Lodi, Milano 1, Milano 2, Brescia, Lecco;

  • LIGURIA: ASL 3 Genovese;

  • VENETO: ULSS Chioggia, Ovest Vicentino, Pieve di Soligo; Cittadella, Padova, Este, Rovigo;

  • FVG: Accordo regionale (6 ASS e 2 AO);

  • EMILIA ROMAGNA: AUSL Ferrara, Piacenza, Ravenna;

  • MARCHE: Accordo regionale – 3 Aree Vaste (Pesaro Urbino, Fermo, Ascoli Piceno);

  • CAMPANIA: Accordo regionale (Na2, Na3, Na5, Av2, Sa2);

  • BASILICATA: ASL 4 Matera, 5 Montalbano Jonico, 2 Potenza;

  • PUGLIA: Accordo regionale;

  • CALABRIA: ASL Cosenza;

  • SARDEGNA: ASL Oristano, Lanusei.


Il Network Scientifico

  • Luogo di incontro e di confronto sui temi affrontati dal progetto

  • Permette di condividere esperienze, impostazione del progetto, risultati aggregati raggiunti

  • Identifica in maniera concertata gli strumenti necessari per favorire lo sviluppo del progetto con i migliori standard qualitativi

  • Rappresenta un’opportunità di migliorare il dialogo nelle ASL e tra ASL


Conclusioni

  • I dati emersi indicano che esistono ampi spazi per migliorare l’appropriatezza della cura della BPCO

  • Il Network si è dimostrato un luogo di incontro e di confronto molto interessante, una specie di seminario permanente

  • Il miglioramento di appropriatezza finale è ottenuto “bottom-up”, ovvero partendo dalla revisione e miglioramento del singolo caso per ottenere un risultato complessivo più in linea con gli standard clinici di riferimento.



I primi risultati: ASL provincia di Cremona Scientifico

Selezione della coorte


I primi Risultati: ULSS 14 Chioggia Scientifico

Distribuzione pazienti BPCO per età e sesso


I primi Risultati: ULSS 14 Chioggia Scientifico

Percentuale pazienti BPCO con terapia secondo Linee Guida


I primi Risultati: Scientifico

ULSS 14 Chioggia




Percorso di output ipotizzabile Scientifico

Dati riassunitvi:


Comorbidità Scientifico

Si sono considerate 4 patologie che frequentemente si associano a quella in studio:

  • malattie cardiovascolari

  • diabete

  • disturbi gastrici

  • depressione

L’84.2% della popolazione con BPCO presenta almeno una di queste patologie


ad