Gli istituti professionali ad ordinamento regionale una specificit lombarda
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 7

Gli istituti professionali ad ordinamento regionale: una specificità lombarda PowerPoint PPT Presentation


  • 87 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Gli istituti professionali ad ordinamento regionale: una specificità lombarda. Derivano dall’intesa MIUR-Regione Lombardia del marzo 2009, secondo la previsione della legge 40/2007 ora confermata dal Regolamento dei Professionali

Download Presentation

Gli istituti professionali ad ordinamento regionale: una specificità lombarda

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Gli istituti professionali ad ordinamento regionale una specificit lombarda

Gli istituti professionali ad ordinamento regionale: una specificità lombarda

Derivano dall’intesa MIUR-Regione Lombardia del marzo 2009, secondo la previsione della legge 40/2007 ora confermata dal Regolamento dei Professionali

Su questa base è possibile anche agli istituti statali rilasciare le qualifiche triennali e i diplomi quadriennali previste dal repertorio nazionale così come articolato a livello regionale sulla base della individuazione specifica di aree professionali, qualifiche ed indirizzi di qualifica

Sono proposti – su richiesta delle scuole - dalle Amministrazioni provinciali e decretati sulla base di una programmazione territoriale dell’offerta formativa che comprende anche i CFP

Sono svolti da personale statale, che conserva il relativo contratto nazionale di lavoro ma sono tenuti al rispetto – esattamente come i CFP – delle norme regionali rispetto agli indirizzi generali, alle modalità e ai contenuti degli conclusivi, alle forme di monitoraggio e di verifica previste dalla Regione


Repertorio regionale 2010 2011

REPERTORIO REGIONALE 2010-2011


Repertorio regionale 2010 20111

REPERTORIO REGIONALE 2010-2011


L iefp ad ordinamento regionale profondamente diversa dal percorso quinquennale

L’ IeFP ad ordinamento regionale è profondamente diversa dal percorso quinquennale

Non prevede sbocchi diretti verso l’università ed ha una struttura intrinsecamente collegata con le specifiche competenze operative richieste da un’area professionale, cui sono finalizzate le discipline

Per questo non sarà più possibile, contrariamente a quanto finora accaduto nella sperimentazione, acquisire la qualifica e contemporaneamente la promozione alla classe quarta del percorso quinquennale

E’ tenuta al rispetto delle competenze previste dall’obbligo di istruzione e i passaggi sono possibili sulla base dell’O.M. 87/2004, ma è necessario che i giovani sappiano che i due percorsi, anche se svolti magari nello stesso istituto, non sono equivalenti


Le specificit dell iefp a ordinamento regionale

Le specificità dell’IeFP a ordinamento regionale

a) rispetto ai titoli rilasciati: quinquennali quelli statali, qualifiche triennali e diplomi quadriennali quelli regionali, diplomi quinquennali gli statali

b) Rispetto all’organizzazione della didattica

ubbidisce agli standard nazionali e regionali della FP

prevede percentuali diverse da quelle statali tra l’area comune e

quella di indirizzo;

all’interno di queste percentuali lascia completa libertà di

progettazione, senza fornire quadri orari pre-definiti

prevede stages fin dalla seconda; non ha quadri orari predefinti;

è strutturata in Unità formative basata su compiti

c) Rispetto all’organico, che ( ma pienamente solo a partire dal prossimo anno) potrà essere sviluppato in autonomia dalla scuola, nel rispetto del contingente numerico assegnato, corrispondente a quello dello stato


Dunque

Dunque

  • Gli istituti che hanno in corso classi sperimentali di istruzione e formazione le porteranno ad esaurimento. Gli studenti potranno conseguire contemporaneamente la qualifica statale, quella regionale e la promozione alla classe quarta ( o quinta per le scuole che hanno sperimentazione in quarta). Gli iscritti alla prima dell’anno prossimo seguiranno solo il percorso triennale

  • Non è possibile costituire classi articolate tra ordinamento regionale e statale

  • Negli ITI che ospitano corsi IFP saranno istituiti ( se possibile quest’anno, altrimenti l’anno prossimo) i corrispondenti istituti professionali

  • Attenzione a non confondere il meccanismo della “dote formazione” con quello della “dote scuola”: i corsi IeFP istituiti nelle scuole possono fruire solo di quest’ultima


Proprio per queste specificit

Proprio per queste specificità

  • E’ in atto un percorso di formazione per le scuole che inizieranno l’anno prossimo che comprende sia gli aspetti di tipo didattico sia le questioni organizzative, particolarmente importanti in futuro per lo sviluppo dell’organico

  • Regione Lombardia ha emanato uno specifico bando per l’ammodernamento dei laboratori che hanno già in corso le attività della sperimentazione

  • L’Ufficio IV dell’USR ha seguito fin dall’inizio questo processo ed è a disposizione delle scuole per chiarire punti oscuri ed affrontare criticità, per quanto possibile


  • Login