Progetto p u r a p rogetto u nico per la r iforma dell a eronautico
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 12

Progetto P.U.R.A . ( P rogetto U nico per la R iforma dell’ A eronautico) PowerPoint PPT Presentation


  • 112 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Progetto P.U.R.A . ( P rogetto U nico per la R iforma dell’ A eronautico). La propulsione nel volo. Che cos’è che fa muovere un razzo?. Che cos’hanno in comune seppie, polpi, meduse e razzi?. Osserviamo come si muove un polpo.

Download Presentation

Progetto P.U.R.A . ( P rogetto U nico per la R iforma dell’ A eronautico)

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Progetto p u r a p rogetto u nico per la r iforma dell a eronautico

Progetto P.U.R.A.(Progetto Unico per la Riforma dell’Aeronautico)

La propulsione

nel

volo


Che cos che fa muovere un razzo

Che cos’è che fa muovere un razzo?


Che cos hanno in comune seppie polpi meduse e razzi

Che cos’hanno in comune seppie, polpi, meduse e razzi?


Osserviamo come si muove un polpo

Osserviamo come si muove un polpo


Sfruttano il principio della conservazione della quantit di moto

Sfruttano il “Principio della conservazione della quantità di moto”

Quando la seppia vuole spostarsi nell'acqua, emette un getto d'acqua all'indietro, e questo la fa muovere in avanti per il “principio della conservazione della quantità di moto”. E' dotata, letteralmente, di propulsione a getto.


Progetto p u r a p rogetto u nico per la r iforma dell a eronautico

Altrettanto vale per l'aereo e i missili a reazione. Essi proiettano all'indietro un flusso di gas incandescenti, e la loro struttura si muove in avanti"


Il motore ad endoreazione

Il motore ad endoreazione

Il motore ad endoreazione, funziona sfruttando la terza legge di Newton, ovvero espellendo gas da una estremità si ottiene una spinta diretta in senso opposto di intensità proporzionale alla velocità ed alla massa di gas espulsi. I gas sono prodotti dalla combustione rapida di un combustibile che può essere allo stato solido o liquido.

Per ottenere una spinta utile i gas devono raggiungere velocità supersoniche passando attraverso una strozzatura (ugello) di forma opportuna e variabile a seconda delle caratteristiche del combustibile.


I motori degli aerei

I motori degli aerei

rotore

statore


Il principio della conservazione della quantit di moto

Il Principio della“Conservazione della quantità di moto”


Esperimenti

Esperimenti

Aceto e bicarbonato

Materiali

  • Un matraccio, un palloncino gonfiabile, spatolina, bicarbonato di sodio, aceto, imbuto

    Cosa fare

  • Inserisci due o tre cucchiaini di bicarbonato di sodio nel palloncino e versa nel matraccio 50 ml di aceto.Infila il palloncino sul collo del matraccio, avendo cura di non far uscire il bicarbonato dal palloncino.Metti il palloncino in posizione verticale e fa cadere il bicarbonato nell'aceto.

    Cosa osservare

  • Appena il bicarbonato entra in contatto con l'aceto, si sviluppa una forte effervescenza e, a poco a poco, il palloncino si gonfia

    Cosa accade

  • L'aceto (acido) reagisce con il bicarbonato di sodio (basico) e da questa reazione si sviluppa anidride carbonica, che raccogliendosi nell'aceto causa l'effervescenza. Man mano che si forma, l'anidride carbonica sale nel matraccio e si raccoglie nel palloncino, gonfiandolo.


Esperimenti1

Esperimenti

  • Palloncino a reazione

Materiale:

- spago

- nastro adesivo

- cannuccia

  • un palloncino

    Descrizione

    1. Infila lo spago nella cannuccia. Legalo poi tra due sedie o a due ganci, in modo che sia ben teso.

    2. Gonfia un palloncino e tienilo chiuso con le dita o con una molletta.

    3. Fissalo alla cannuccia con il nastro adesivo.

    4. Porta il palloncino ad un’estremità del filo. Togli la molletta e lascialo. Cosa succede?


Ora vediamo che cosa hai capito e che cosa ricordi di questa esperienza

Ora vediamo che cosa hai capito e che cosa ricordi di questa esperienza

  • Su quale principio fisico si basa la spinta che ricevono i razzi e gli aerei?

  • Che cosa si produce nella reazione tra bicarbonato e aceto?

  • Perché se distacco il palloncino dal matraccio, vola verso l’alto come un razzo?

  • Perché il palloncino pieno di aria nel momento in cui si sgonfia si muove in direzione opposta a quella della fuoriuscita dell’aria?


  • Login