Prevenzione e gestione della sicurezza negli edifici scolastici l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 77

Prevenzione e gestione della sicurezza negli edifici scolastici PowerPoint PPT Presentation


  • 87 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Prevenzione e gestione della sicurezza negli edifici scolastici. Vignetta di Altan. Torino 4.6.2010. Aldo GARBARINI. Una nuova cultura.

Download Presentation

Prevenzione e gestione della sicurezza negli edifici scolastici

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Prevenzione e gestione della sicurezza negli edifici scolastici l.jpg

Prevenzione e gestione della sicurezza negli edifici scolastici

Vignetta di Altan

Torino 4.6.2010

Aldo GARBARINI


Una nuova cultura l.jpg

Una nuova cultura

La salute non va intesa più solo come semplice “assenza di malattia o di infermità” ma anche come “benessere” che comprende e riassume la “pienezza” e l’appagamento dell’individuo nel lavoro.

L’obiettivo della nuova sicurezza diventa, di conseguenza, quella di monitorare e migliorare la condizione del lavoratore nelle diverse dimensioni della salute (fisica, mentale e relazionale).


Una nuova cultura3 l.jpg

Una nuova cultura

Nella nuova nozione di salute rientrano quindi vari concetti:

  • la salute come “benessere”

  • il benessere in senso fisico

  • il benessere in senso mentale

  • il benessere in senso sociale

    In termini più concreti la salute del lavoratore non va preservata solo da infortuni, ma va tutelata rispetto a tutto ciò che può ledere la psiche della persona del lavoratore e da tutto ciò che può compromettere la socializzazione dell’individuo nel sistema lavorativo


Le misure generali di tutela l.jpg

Le misure generali di tutela

  • la valutazione di tutti i rischi

  • la programmazione della prevenzione

  • l’eliminazione di tutti i rischi o, almeno, la loro riduzione al minimo

  • l’informazione e la formazione adeguata

  • istruzioni adeguate ai lavoratori

  • la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso

  • la limitazione al minimo dei lavoratori esposti al rischio

  • la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto a quelle individuali

  • l’allontanamento del lavoratore dall’esposizione al rischio

  • la partecipazione e consultazione


Le misure generali di tutela5 l.jpg

Le misure generali di tutela

  • il controllo sanitario dei lavoratori (non più solo in funzione di rischi specifici)

  • il divieto di attribuire oneri finanziari sui lavoratori relativamente all’attuazione delle misure generali di tutela

  • uso di segnali di avvertimento e di sicurezza

  • la programmazione delle misure opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza

  • la regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità all’indicazione dei fabbricanti


La logica di fondo della sicurezza l.jpg

La “logica” di fondo della sicurezza

Partendo dalla nozione di “salute” contenuta nel decreto:

  • definizione ed implementazione di un’adeguata struttura organizzativa per la sicurezza

  • analisi e valutazione professionale dei rischi

  • individuazione delle misure di prevenzione e protezione

  • definizione di un programma di miglioramento della sicurezza lavorativa

  • attuazione del miglioramento


Prevenzione e protezione l.jpg

Prevenzione e protezione

Si tratta di due distinte attività o pratiche, organizzate allo scopo di eliminare o ridurre al minimo i rischi per quella di “prevenzione” e di contenere o ridurre al minimo gli effetti di un evento dannoso che già si è manifestato per quella di “protezione”.


Il sistema aziendale di protezione l.jpg

Il sistema aziendale di protezione

Nel sistema aziendale di protezione si tratta di predisporre ed organizzare mezzi, risorse e sistemi atti a neutralizzare o ridurre al minimo possibile l’effetto di eventi nocivi che si possono manifestare

  • La scelta operativa di mezzi e sistemi sarà consequenziale ed agevolata dalle norme tecniche di settore

  • L’organizzazione degli interventi (dalla segnalazione o allarme, fino all’eventuale evacuazione e rientro) dovrà avvenire secondo il piano di emergenza appositamente predisposto, sperimentato, adattato ad ogni variazione significativa, noto a tutto il personale, esposto ad uso di tutti e gestito da lavoratori incaricati (siano essi responsabili dell’emergenza, coordinatore di settore o lavoratore incaricato) i quali abbiano seguito un apposito percorso formativo espressamente previsto dalle norme legislative


Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro l.jpg

Testo Unico sulla salute esicurezza sul lavoro

si applica a

tutti i settori di attività, privati e pubblici

e a tutte le tipologie di rischio

(art. 3 comma 1)


Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro10 l.jpg

Testo Unico sulla salute esicurezza sul lavoro

Art.3 comma 2

Nei riguardi [...] delle università, [...], negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado [...] le disposizioni del decreto sono applicate tenendo conto delle effettive particolari esigenze connesse al servizio espletato o alle peculiarità organizzative, individuate entro e non oltre ventiquattro mesi dall’entrata in vigore del presente decreto legislativo con decreti emanati [...] dai Ministri competenti.


Datore di lavoro definizione l.jpg

Datore di lavoro: definizione

È il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore

Comunque il soggetto che, secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha una responsabilità dell’organizzazione stessa [...]

Nelle pubbliche amministrazioni [...] per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa


Il datore di lavoro nella scuola l.jpg

Il datore di lavoro nella scuola

D.M. 21 giugno 1996 n.292

Ai fini ed agli effetti del D.Lgs 626/1994 il datore di lavoro viene individuato nei Capi delle istituzioni scolastiche


Il datore di lavoro nella scuola13 l.jpg

Il datore di lavoro nella scuola

D.M. 29 settembre 1998, n. 382 “Regolamento recante norme per l’individuazione delle particolari esigenze negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle norme contenute nel D.Lgs. 19.9.1994, n.626, e successive modifiche e integrazioni”, che conferma quanto disposto dal Decreto Ministeriale n. 292

1) il datore di lavoro, ogni qual volta se ne presentino le esigenze, deve richiedere agli enti locali la realizzazione degli interventi a carico degli stessi, ai sensi dell’articolo 4, comma 12, primo periodo, del D.Lgs. n. 626, con tale richiesta si intende assolto l’obbligo di competenza del datore di lavoro medesimo

2) nel caso in cui il datore di lavoro, sentito l’eventuale responsabile del servizio di prevenzione e protezione, ravvisi grave ed immediato pregiudizio alla sicurezza ed alla salute dei lavoratori e degli allievi adotta sentito lo stesso responsabile, ogni misura idonea a contenere o eliminare lo stato di pregiudizio, informandone contemporaneamente l’ente locale per gli adempimenti di obbligo.

3) l’autorità scolastica competente per territorio promuove ogni opportuna iniziativa di raccordo e di coordinamento tra le istituzioni scolastiche ed educative e gli enti locali ai fini dell’attuazione delle norme del presente decreto.


Il datore di lavoro nella scuola14 l.jpg

Il datore di lavoro nella scuola

Le scuole sono in realtà “luoghi di lavoro” con “due datori di lavoro”:

  • il proprietario dei locali, tenuto a fornire strutture ed impianti a norma (antincendio, per l’accoglienza dei diversamente abili, ecc.) e a garantire le necessarie manutenzioni ordinarie e straordinarie

  • il dirigente scolastico gestore ed organizzatore di un ambiente idoneo all’apprendimento


Datore di lavoro compiti l.jpg

Datore di lavoro: compiti

Obblighi NON delegabili

Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività:

a) valutazione di tutti i rischi con la conseguente

elaborazione del documento

b) Designazione del RSPP

Tutte le altre incombenze (art.18) possono essere trasferite ai collaboratori del datore di lavoro


La delega l.jpg

La delega

Lo strumento di carattere organizzativo e giuridico per determinare il trasferimento di funzioni è la delega.

La delega è da un lato organizzativa perché il datore di lavoro definisce i distinti ruoli dei vari collaboratori, ma è, dall’altro lato, anche di natura giuridica in quanto l’avvenuta delega determina non solamente il trasferimento delle funzioni in capo ad un soggetto diverso dal datore di lavoro, ma, altresì, effetti giuridici sulla responsabilità, nel senso che soggetto destinatario delle sanzioni, per le infrazioni legate a queste funzioni trasferite, diventa il delegato.

L’attivazione di una regolare delega non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro

La delega deve:

  • risultare da atto scritto recante data certa

  • individuare un delegato in possesso di tutti i requisiti di professionalità e di esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate

  • attribuire al delegato tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate

  • dare al delegato l’autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate

  • essere connotata da adeguata e tempestiva pubblicità


Dirigente definizione l.jpg

Dirigente: definizione

Persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa


Preposto definizione l.jpg

Preposto: definizione

Persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa


Responsabile del servizio di prevenzione e protezione definizione l.jpg

Responsabile del servizio di prevenzione e protezione: definizione

Persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi


Servizio di prevenzione e protezione dai rischi l.jpg

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi

Insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori

C.M. 4 maggio 2001 n.979 “Sicurezza nelle scuole: ripartizione finanziamenti”, che assicura alle scuole le risorse per la formazione dei responsabili del servizio di prevenzione e protezione e delle cosiddette “figure sensibili” addette al primo soccorso ed alle emergenze


Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza rls definizione l.jpg

Rappresentante dei Lavoratoriper la Sicurezza (RLS): definizione

Persona eletta o designata in ogni ambiente di lavoro per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro

Il Rappresentante per la Sicurezza dei Lavoratori in tutte le unità scolastiche è eletto nei modi previsti dall’Accordo quadro 10-7-1996 e dall’art. 58 del CCNI 31.08.99. Qualora non possa essere individuato, la RSU designa altro soggetto disponibile tra i lavoratori della scuola. Ove successivi Accordi quadro modificassero in tutto o in parte la normativa contrattuale anzidetta, questa dovrà ritenersi recepita previo confronto con le OO.SS del comparto scuola.

(Rif. CCNL relativo al personale del comparto scuola per il quadriennio normativo 2006-2009)


Lavoratore definizione l.jpg

Lavoratore: definizione

Persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione

È equiparato al lavoratore l’allievo degli istituti di istruzione ed universitari, nonchè il partecipante a corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali


Valutazione dei rischi l.jpg

Valutazione dei Rischi

Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nella scuola, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza


Documento di valutazione dei rischi l.jpg

Documento di valutazione dei rischi

Il documento deve avere data certa e contenere:

  • relazionesu tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori specificando i criteri utilizzati per la valutazione degli stessi

  • misuredi prevenzione e protezione attuate e DPI adottati

  • programmadelle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza


Documento di valutazione dei rischi25 l.jpg

Documento di valutazione dei rischi

  • nominativo del RSPP, del RLS, del Medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio

  • individuazione dellemansioniche eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e esperienza.


La normativa scolastica di riferimento l.jpg

La normativa scolastica di riferimento

Le disposizioni normative e in ultimo l’articolo 3 della Legge 11 gennaio1996, n. 23 “Norme per l’edilizia scolastica”, hanno attribuito agli enti locali l’onere della realizzazione, fornitura e manutenzione ordinaria e straordinaria, compresa la messa a norma ed in sicurezza, degli immobili adibiti all’uso scolastico con relative pertinenze ed impiantistica


La normativa scolastica di riferimento27 l.jpg

La normativa scolastica di riferimento

Sempre a seguito dell’entrata in vigore della Legge n. 23/96il Ministro della pubblica istruzione, di concerto con il Ministro dei lavori pubblici, doveva entro 90 gg. adottare con proprio decreto, le norme tecniche-quadro, contenenti:

  • gli indici minimi e massimi di funzionalità urbanistica, edilizia e didattica indispensabili a garantire indirizzi progettuali di riferimento adeguati e omogenei sul territorio nazionale (art. 5 comma 1).

    Di conseguenza le Regioni dovevano approvare specifiche tecniche per la progettazione esecutiva degli interventi definendo in particolare indici diversificati riferiti alla specificità dei centri storici e delle aree metropolitane (art. 11 comma 3 e art. 5 comma 2)


La normativa scolastica di riferimento28 l.jpg

La normativa scolastica di riferimento

pertanto come previsto dalla stessa legge si applica ancora il D.M. 18/12/75

“Norme tecniche aggiornate relative all’edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica, da osservarsi nell’esecuzione di edilizia scolastica”


Mentre per i nidi d infanzia l.jpg

Mentre per i nidi d’infanzia…

Mentre per i nidi d’infanzia la normativa tecnica è regionale, ad esempio in Piemonte è ancora vigente

  • Legge regionale 15/01/73 n. 3

  • Criteri generali per la costruzione, l’impianto, la gestione ed il controllo degli asilo-nido comunali gestiti con il concorso dello Stato di cui alla legge 6/12/71 n. 1044 e con quello della Regione.

  • Linee guida per la progettazione di un asilo nido (estratto del Capitolato tipo per la costruzione di asili nido approvato con D.D. G.R. nn. 54-3346 dell’08/06/1975 e 77-3869 del 07/07/1976)


Per una scuola sicura l.jpg

Per una scuola sicura…

Alla normativa tecnica specifica sopraccitata si aggiungono tutte le regole, norme tecniche e vincoli da rispettare riferiti a norme urbanistiche, igienico edilizie, standard costruttivi, abbattimento barriere architettoniche, opere in c.a., antisismica, igiene-sanità, sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, benessere ambientale, risparmio e razionalizzazione dell’energia, impianti elettrici, ascensori e montacarichi, apparecchi in pressione, gestione rifiuti e bonifica siti inquinati, servizio gestione scarichi acque reflue domestiche, industriali, urbane ecc. ecc., necessarie per ottenere un edificio scolastico sicuro


Quindi l amianto l.jpg

Quindi…l’amianto

Con il termine “AMIANTO” si definiscono una serie di silicati fibrosi molto diffusi in natura.

In greco la parola Amianto significa immacolato e incorruttibile e Asbesto, che di fatto è equiparato ad amianto, significa perpetuo e inestinguibile

L'amianto è un minerale praticamente indistruttibile, non infiammabile, molto resistente all'attacco degli acidi, flessibile, resistente alla trazione, dotato di buone capacità assorbenti, facilmente friabile


Quindi l amianto32 l.jpg

Quindi…l’amianto

Riconosciuta la pericolosità di questo minerale ed in attuazione di specifiche Direttive CE, lo Stato Italiano con la Legge n. 257 del 27 marzo 1992ha dettato norme per la cessazione dell'impiego e per il suo smaltimento controllato


Ancora l amianto l.jpg

Ancora…l’amianto

Le incombenze del DATORE DI LAVORO, stabilite dal Decreto Ministero Sanità 6.9.1994“Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'art. 6, comma 3, dell'art. 12, comma 2, della legge 27 marzo 1992, n. 257, relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto”, sono le seguenti: 

  • designare una figura responsabilecon compiti di controllo e coordinamento

  • tenere un'idonea documentazione da cui risulti l'ubicazione dei materiali contenenti amianto

  • garantire il rispetto di efficaci misure di sicurezzadurante le attività di pulizia e gli interventi manutentivi in occasione di qualsiasi evento che possa causare un disturbo dei materiali di amianto

  • fornire una corretta informazioneagli occupanti dell'edificio

  • provvedere a fare ispezionare l'edificio almeno una volta all'anno, nel caso siano in opera materiali friabili, con trasmissione degli esiti alla ASL competente.


Inoltre l amianto l.jpg

Inoltre…l’amianto

Il D.Lgs. 81/2008, all'art. 236, prevede tra gli obblighi del datore di lavoro la stesura della valutazione del rischiodovuto alla polvere proveniente dall'amianto e dai materiali contenenti amianto, al fine di stabilire le misure preventive e protettive da attuare.


Importante ricordare che amianto l.jpg

È importante ricordareche…amianto

Il D.Lgs. 277/1991“Attuazione delle direttive 80/1107/CEE, 2/605/CEE, 83/477/CEE, 86/188/CEE e 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro, a norma dell'art. 7 della legge 212 del 30 luglio 1990” tratta della protezione dei lavoratori contro i rischi connessi all'esposizione ad amianto durante il lavoro.

Queste norme si applicano a tutte le attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione alla polvere proveniente dall'amianto o dai materiali contenenti amianto.

Pertanto se ci sono delle persone direttamente esposte all'eventuale rischio amianto, si rendono necessari monitoraggi ambientali per accertare la possibile presenza di fibre d'amianto nell'aria nonché il numero di fibre per centimetro cubo per stabilire quali azioni intraprendere tra quelle previste dal decreto


3 tipologie di intervento amianto l.jpg

3 tipologie di intervento (amianto)

  • Rimozione dei materiali di amianto

    E' il procedimento più diffuso perchè elimina ogni potenziale fonte di esposizione ed ogni necessità di attuare specifiche cautele per le attività che si svolgono nell'edificio

  • IncapsulamentoConsiste nel trattamento dell'amianto con prodotti penetranti o ricoprenti che (a seconda del tipo di prodotto usato) tendono ad inglobare le fibre di amianto, a ripristinare l'aderenza al supporto, a costituire una pellicola di protezione sulla superficie esposta

  • ConfinamentoConsiste nell'installazione di una barriera a tenuta che separi l'amianto dalle aree occupate dell'edificio


Quindi il radon l.jpg

Quindi…il radon

Il radon (Rn) è un gas inodore e incolore, radioattivo di origine naturale generato dallo spontaneo decadimento del radio (e quindi dell'uranio) e che si trova comunemente nel terreno in percentuale variabile da luogo a luogo e in taluni materiali da costruzione (tufi, pozzolane, graniti).

Essendo un gas, il radon fuoriesce dal terreno (o dai materiali da costruzione e dall’acqua), disperdendosi nell’atmosfera ma accumulandosi negli ambienti chiusi


Quindi il radon38 l.jpg

Quindi…il radon

La concentrazione del radon dipende da molti fattori ed in particolare:

  • contenuto di radio nel suolo sottostante l’edificio

  • permeabilità del suolo, presenza di falde acquifere

  • clima

  • variazioni atmosferiche (temperatura, vento, piogge)

  • tipo di costruzione

  • impiego dell’edificio

  • abitudini di vita


Adempimenti legislativi radon l.jpg

Adempimenti Legislativi…radon

La norma di riferimento è il D.Lgs. 26/05/2000 n. 241 pubblicato sul S.O. della Gazzetta Ufficiale n. 203 del 31/08/2000.

Nel decreto, assumono particolare rilievo le disposizioni che riguardano la tutela dei lavoratori nei confronti dei rischi da esposizione a sorgenti di radiazioni ionizzanti naturali


In particolare radon l.jpg

In particolare…radon

all’art. 10bis del Decreto 241/2000, vengono individuate le attività soggette a verifica, che al comma 1 lettera a) prevede le “attività lavorative durante le quali i lavoratori e, eventualmente, persone del pubblico sono esposte a prodotti del decadimento del radon o del toron, o a radiazioni gamma o a ogni altra esposizione in particolari luoghi di lavoro quali tunnel, sottovie, catacombe, grotte e comunque, in tutti i luoghi di lavoro sotterranei


In particolare radon41 l.jpg

In particolare…radon

Le “Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria nei luoghi di lavoro sotterranei" (febbraio 2003) elaborate in sede di Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Bolzano, individuano nei luoghi di lavoro sotterranei quelli le cui caratteristiche rispondono, contemporaneamente, ai seguenti due requisiti:

  • AMBIENTE SOTTERRANEO: “locale o ambiente con almeno tre pareti interamente sotto il piano di campagna, indipendentemente dal fatto che queste siano a diretto contatto con il terreno circostante o meno”

  • LUOGO DI LAVORO: “luoghi destinati a contenere posti di lavoro, ubicati all'interno dell'azienda, ovvero dell'unità produttiva, nonché ogni altro luogo nell'area della medesima azienda ovvero unità produttiva comunque accessibile per il lavoro (art. 30 del D.Lgs. 626/94)"


In particolare radon42 l.jpg

In particolare…radon

Inoltre, ai sensi del punto 1.3 delle citate linee guida “le misure devono essere pianificate in modo da essere rappresentative dell’esposizione del personale, perciò, in linea di massima, [le misure] non dovranno essere condotte “in locali che non siano occupati con continuità dai lavoratori, come per esempio i locali di servizio, gli spogliatoi e gli ambienti di passaggio come i corridoi.

Altri ambienti come i magazzini[…], nei quali il personale entra senza occupare una vera e propria postazione di lavoro, ma che rimangono chiusi a lungo, non dovranno essere sottoposti a misura a meno che il personale nel suo complesso non vi trascorra una frazione di tempo significativa, che viene indicativamente fissata in 10 ore al mese”.

La Città di Torino per gli Edifici Scolastici di propria competenza ha istituito un “Catasto Radon degli immobili municipali”


Certificato prevenzione incendi l.jpg

Certificato Prevenzione Incendi

Il D.M. 16/02/1982 determina le attività soggette alle visite ed ai controlli di prevenzione incendi.

Le scuole di ogni ordine grado e tipo oltre le 100 persone sono definite come attività 85

La normativa tecnica di riferimento è il Decreto Ministeriale del 26/08/1992 “Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica”


Certificato prevenzione incendi44 l.jpg

Certificato Prevenzione Incendi

Le scuole vengono suddivise, in relazione alle presenze effettive contemporanee in esse prevedibili di alunni e di personale docente e non docente, nei seguenti tipi:

  • tipo 0: scuole con numero di presenze contemporanee fino a 100 persone

  • tipo 1: scuole con numero di presenze contemporanee da 101 a 300 persone

  • tipo 2: scuole con numero di presenze contemporanee da 301 a 500 persone

  • tipo 3: scuole con numero di presenze contemporanee da 501 a 800 persone

  • tipo 4: scuole con numero di presenze contemporanee da 801 a 1.200 persone

  • tipo 5: scuole con numero di presenze contemporanee oltre le 1.200 persone.


Certificato prevenzione incendi continua l.jpg

Certificato Prevenzione Incendi(continua)

Gli spazi a rischio specifico sono così classificati:

  • spazi per esercitazioni

  • spazi per depositi

  • servizi tecnologici

  • spazi per l'informazione e le attività parascolastiche

  • Autorimesse

  • spazi per servizi logistici (mense, dormitori)


Certificato prevenzione incendi norme di esercizio l.jpg

Certificato Prevenzione Incendi(norme di esercizio)

A cura del titolare dell'attività dovrà essere predisposto un registro dei controlli periodici, ove sono annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi all'efficienza degli impianti elettrici, dell'illuminazione di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, delle aree a rischio specifico e dell'osservanza della limitazione dei carichi d'incendio nei vari ambienti dell'attività. Tale registro deve essere mantenuto costantemente aggiornato e disponibile per i controlli da parte dell'autorità competente.


Certificato prevenzione incendi norme di esercizio47 l.jpg

Certificato Prevenzione Incendi(norme di esercizio)

  • piano di emergenza e prove di evacuazione, almeno due volte nel corso dell'anno scolastico

  • vie di uscita tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale

  • divieto di compromettere la agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite di sicurezza, durante i periodi di attività della scuola, verificandone l'efficienza prima dell'inizio delle lezioni

  • divieto di travasi di liquidi infiammabili, se non in locali appositi e con recipienti e/o apparecchiature di tipo autorizzato

  • nei locali della scuola, non appositamente all'uopo destinati, non possono essere depositati e/o utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti


Progettazione antismica per asili nido e scuole di ogni ordine e grado l.jpg

Progettazione antismica per asili nido e scuole di ogni ordine e grado

La Regione Piemonte ha adottato:

  • deliberazione della Giunta Regionale 17/11/03 n.61-11107

  • deliberazione della Giunta Regionale 23/12/03 n.64-11402

    Non sussiste l’obbligo di sottoporre a verifica la categoria di edifici strategici “ asili nido e scuole di ogni ordine e grado di competenza non statale”, appartenenti alla zona 4, ma solo l’obbligo del rispetto della progettazione antisismica per i progetti di nuova edificazione.


I tempi di adeguamento l.jpg

I tempi di adeguamento

Legge finanziaria 1997 (Legge n.649 del 23 dicembre 1996) recita: “per quanto concerne gli edifici di proprietà pubblica, adibiti ad uso scolastico, gli enti competenti sono autorizzati ad effettuare i lavori, finalizzati all’osservanza delle disposizioni di cui al d.lgs. 626/1994, al d.m. 26 agosto 1992 (Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica) ed alla legge 42/1990 (impianti elettrici con messa a terra ed effettuati a regola d’arte) entro il termine del 31 dicembre 1999”.

Dopo varie proroghe il termine inderogabile è scaduto il 31 dicembre 2009, lasciando alle Regioni il compito di assicurare il “completamento” di quanto programmato


Valutazione dei rischi per la sicurezza l.jpg

Valutazione dei Rischi per la sicurezza

•vie di circolazione, pavimenti e passaggi

• spazi di lavoro e zone di pericolo

• presenza di scale

• rischi trasmissibili derivanti dagli ambienti di lavoro

• immagazzinamento

• rischi elettrici

• apparecchi a pressione e reti di distribuzione

• ascensori e montacarichi

• circolazione di mezzi di trasporto

• rischio d’incendio e/o d’esplosione


Valutazione dei rischi per la sicurezza51 l.jpg

Valutazione dei Rischi per la sicurezza

  • rischi da esposizione ad agenti chimici, ad agenti cancerogeni o mutageni, ad agenti biologici

  • aerazione naturale e forzata

  • esposizione al rumore, a vibrazioni, a radiazioni ottiche artificiali, a campi elettromagnetici

  • microclima

  • esposizione a radiazioni

  • illuminazione naturale ed artificiale

  • rischi generici per la salute

    Dispositivi di protezione individuale, Disposizioni e

    procedimenti di lavoro, Emergenza e Pronto Soccorso


Rischio strutturale l.jpg

Rischio strutturale

Ogni possibile rischio legato a carenze dovute alla struttura dell’edificio, sia all’interno che all’esterno dei locali, rientrano nel rischio strutturale


Rischio strutturale segue l.jpg

Rischio strutturale(segue)

L’edificio deve presentarsi in buono stato di conservazione; la struttura muraria deve essere integra in ogni sua parte (es. interni, serramenti, pavimenti etc.)

Le strutture murarie devono essere prive di crepe, fessurazioni, scrostamenti; gli infissi ed i serramenti devono essere integri di ogni parte prevista (es. vetri, sistemi di chiusura, sistemi di fermo in apertura etc.)

Le pareti, i soffitti ed i pavimenti non devono presentare zone umide, bagnate o ammuffite.


Rischio strutturale segue54 l.jpg

Rischio strutturale(segue)

I pavimenti ed eventuali rivestimenti devono essere integri in ogni loro parte; non devono notarsi piastrelle danneggiate, instabili. I pavimenti devono essere privi di buche e sporgenze particolari, cavità e piani inclinati pericolosi.

Le pareti e i soffitti devono essere opportunamente tinteggiati, privi di scrostamenti e, qualora necessario, facilmente pulibili.


Rischio strutturale segue55 l.jpg

Rischio strutturale(segue)

Le scale devono essere agevoli al passaggio, con gradini ben livellati e, qualora necessario, provviste di strisce antisdrucciolo.

Gli spazi esterni devono essere sgombri da materiali in deposito, puliti da vegetazione spontanea pericolosa, privi di buche o dislivelli accentuati.

I percorsi pedonali devono essere adatti allo scopo, evitando la possibilità di formazione di pozzanghere e comunque antisdrucciolevoli.

Le aree esterne destinate alle attività ludiche devono essere valutate idonee in relazione all’attività che si intende intraprendere


Rischio impiantistico l.jpg

Rischio impiantistico

L’edificio deve essere dotato di impianti tecnologici tali da garantire almeno i seguenti servizi:

  • energia elettrica: illuminazione locali, alimentazione apparecchiature didattiche e di servizio

  • presenza dell’illuminazione di emergenza

  • riscaldamento: i locali per l’attività didattica e di lavoro in genere devono essere riscaldati a temperatura di almeno 18-20°C.

  • acqua calda-fredda: l’edificio dovrà prevedere locali di servizio igienico-sanitario in numero sufficiente in relazione all’impiego, muniti di impianto idro-sanitario


Rischio impiantistico segue l.jpg

Rischio impiantistico(segue)

I locali dovranno essere dotati di un impianto elettrico efficiente e sicuro. Tutti i componenti elettrici dovranno essere assolutamente integri in ogni loro parte, prese o interruttori rotti o danneggiati devono essere tempestivamente disattivati e segnalati.

I locali adibiti ad attività didattica che richiede l’ausilio di apparecchiature elettriche, devono essere dotati di prese di corrente con caratteristiche e in numero conveniente all’impiego


Rischio impiantistico ancora l.jpg

Rischio impiantistico(ancora)

Ogni altro vano o locale di transito e/o accesso (es. corridoi, scale, atri, viali esterni normalmente transitati, servizi, etc.) devono essere dotati di illuminazione artificiale con caratteristiche idonee all’uso.

L’impianto elettrico e le relative protezioni vanno verificate periodicamente da personale qualificato, riportando gli esiti del controllo in un apposito registro.

Deve essere individuato un interruttore generale per togliere energia elettrica in caso di situazioni di emergenza.


Rischio impiantistico ancora59 l.jpg

Rischio impiantistico(ancora)

Gli apparecchi riscaldanti dovranno essere di forma e caratteristiche idonee in modo da non costituire rischi per gli utenti del luogo.

I generatori di calore vanno gestiti e controllati periodicamente da personale qualificato, riportando gli esiti del controllo in un apposito registro


Rischio impiantistico infine l.jpg

Rischio impiantistico(infine)

Ogni plesso deve essere dotato di servizi igienico-sanitari dotati di impianto idraulico efficiente che, in relazione al numero di utenti, fornisca acqua, anche calda se prevista, con apparecchiature e tubazioni prive di perdite e gocciolamenti.

Gli impianti di scarico devono essere tenuti efficienti, evitando la presenza di intasamenti, segnalando tempestivamente anomalie in tal senso o situazioni maleodoranti.


Rischio biologico l.jpg

Rischio biologico

Per garantire la salubrità ambientale è necessario che:

  • i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati;

  • su pareti e soffitti non si ravvisi la presenza di muffe e/o aloni, indici di penetrazioni d’acqua


Rischio biologico62 l.jpg

Rischio biologico

Per garantire la salubrità ambientale è necessario che:

  • l’arredamento (banchi, sedie, cattedre, lavagne) sia sistematicamente spolverato e pulito in quanto strumento di lavoro su cui si depositano facilmente polvere, acari, pollini che possono causare irritazioni alle vie respiratorie nonché reazioni allergiche

  • particolare cura ed attenzione sia dedicata dai preposti alla pulizia e disinfezione dei sanitari tramite l’uso di guanti di gomma e camici in quanto si ravvisa il rischio di contrarre infezioni da salmonella, virus epatite A e B, etc.


Rischio biologico ancora l.jpg

Rischio biologico(ancora)

Per garantire la salubrità ambientale è necessario che:

  • i telai delle finestre, i cornicioni, i davanzali non siano imbrattati da guano di volatili

  • siano programmati interventi di sanificazione in caso si ravvisi la presenza di topi, scarafaggi, formiche, mosche, ragni

  • le vie di circolazione esterna, il parco e ogni luogo esterno in cui si svolgano attività ludiche e motorie, siano sorvegliati; qualora siano presenti bottiglie, oggetti contundenti, siringhe, etc., deve essere previsto il divieto di accesso e relative misure di protezione


Rischio biologico segue l.jpg

Rischio biologico(segue)

Per le operazioni di pulizia degli ambienti scolastici in genere si usa la candeggina, l’alcool, l’ammoniaca, l’acido muriatico.

I rischi correlati consistono nella possibilità di un contatto accidentale con le sostanze ed una esposizione ai vapori, per cui occorre che gli addetti adottino le opportune misure di prevenzione e protezione nonché DPI.


Rischio fisico l.jpg

Rischio fisico

  • Usare idonee attrezzature di pulizia quali aste estensibili e leggere, possibilmente non scale o simili, per pulire i vetri all’interno, onde eliminare il rischio di caduta da postazioni in elevazione.

  • Per pulire i vetri all’esterno, qualora le finestre non siano completamente apribili, si consiglia appaltare il lavoro ad una ditta specializzata

  • Per piccoli interventi di manutenzione (es. sostituzione lampadine) usare una scala a norma in presenza di un assistente preposto al fine di evitare il rischio di caduta.


Rischio fisico segue l.jpg

Rischio fisico(segue)

Movimentare secchi d’acqua, prodotti di pulizia, sacchi di rifiuti facendo attenzione a che:

  • questi non siano troppo pieni e quindi pesanti

  • siano adottate le opportune calzature antiscivolo

  • il sollevamento avvenga nei modi corretti

    Movimentare materiale didattico o di altra natura con l’ausilio di carrelli


Rischio fisico in particolare l.jpg

Rischio fisico(in particolare)

Gli educatori della scuola materna, asilo nido, insegnanti di sostegno durante l’attività di assistenza e trasporto di bambini, sono sottoposti ad un forte sforzo fisico derivante dal sollevamento, abbassamento, trasporto dei carichi (rappresentati dai bambini stessi, mediamente di peso 15-20 Kg. a 2-3 anni di età)


Aerazione ed illuminazione l.jpg

Aerazione ed illuminazione

La superficie illuminante di ogni locale deve corrispondere ad almeno 1/8 della superficie di calpestio.

La superficie finestrata apribile di ogni singolo locale deve corrispondere ad almeno 1/20 della superficie di calpestio (sono esclusi i contributi dovuti a porte e portoni).


Ricordarsi di l.jpg

Ricordarsi di…

PIANO per l’ORGANIZZAZIONE e la GESTIONE della SICUREZZA e delle EMERGENZE della scuola/nido d’infanzia municipale:

  • individuazione dei rischi e determinazione delle procedure operative per la gestione dell’emergenza

  • procedure operative

  • individuazione delle procedure operative specifiche per la gestione dell’emergenza

  • individuazione delle unità minime componenti la squadra di emergenza

  • modalità di segnalazione delle situazioni di emergenza

  • gestione interna delle emergenze


Slide70 l.jpg

D.U.V.R.I.Documento Unico di Valutazione del Rischioper l’eliminazione delle Interferenze(art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008)

Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione ed il coordinamento elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze.

Tale documento è allegato al contratto di appalto o di opera e va adeguato in funzione dell’evoluzione dei lavori, servizi e fornitura


D u v r i l.jpg

D.U.V.R.I.

Costituisce lo strumento del Datore di Lavoro comunale della sede nella quale verranno svolte le attività contrattuali dell’appalto, finalizzato a promuovere la cooperazione ed il coordinamento per:

  • l’individuazione e l’attuazione delle misure di protezione e prevenzione dai rischi sul lavoro incidenti sull’attività lavorativa oggetto dell’appalto

  • Il coordinamento degli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori

  • l’informazione reciproca in merito a tali misure


D u v r i72 l.jpg

D.U.V.R.I.

Il “Verbale di sopralluogo preliminare congiunto e di coordinamento” e gli eventuali successivi “Verbali di Coordinamento in corso d’opera” costituiscono parte integrante del D.U.V.R.I


Rischio da stress correlato al lavoro l.jpg

Rischio da stress correlato al lavoro

Strettamente connesso agli ambienti di lavoro, non intesi solo come luoghi fisici, ma anche come il complesso sistema delle relazioni interpersonali.

Alcune categorie di lavoratori (autisti di autoarticolati, insegnanti di scuola, ecc.) sono da anni oggetto di indagine da parte degli enti preposti


Il termine stress l.jpg

Il termine stress

Con il termine stress si intende:

“una condizione, accompagnata da sofferenze o disfunzioni fisiche, psichiche, psicologiche o sociali, che scaturisce dalla sensazione individuale di non essere in grado di rispondere alle richieste o di non essere all’altezza delle aspettative”

chiarendo comunque che:

“non tutte le manifestazioni da stress nel lavoro…possono essere ritenute correlate al lavoro stesso”

potendo interferire, in ambito lavorativo, situazione di stress di origine estranea ad esso


Stress correlato il monitoraggio l.jpg

Stress correlato: il monitoraggio

Anche i datori di lavoro pubblici devono tenere monitorati:

  • l’organizzazione del lavoro e i suoi processi

  • le condizioni lavorative ed ambientali, ivi compresa l’“esposizione a comportamenti offensivi”

  • la comunicazione

  • i fattori soggettivi, quali, ad esempio, pressioni emotive e sociali


Stress correlato le sanzioni l.jpg

Stress correlato: le sanzioni

La mancata valutazione di tutti i rischi e la redazione di un documento contenente solo una parte di essi, può comportare per il datore pubblico una sanzione penale che va dall’ammenda da 5 mila a 15 mila euro all’arresto da quattro ad otto mesi.


Riferimenti bibliografici l.jpg

Riferimenti bibliografici

M.Calzavarini, C.Dall’Ara, B.Rezzaghi, A.Vicariotto: Gestione della sicurezza nella scuola, ilSole24ore, 2008

P.Oreto ( a cura di): Edilizia Scolastica, Grafill. 2004

Quaderni della sicurezza: R.L.S., collana APSL, s.d.

A.Monea: PA. La sicurezza sul lavoro riparte dall’organizzazione, in Pubblico Impiego, ilSole24ore,n.7/8-2008

A.Monea: Sicurezza lavoro, sfida riforma per le Autonomie, in Guida agli enti locali, il Sole 24ore, n.15, 2008

B.Sozzi: Il Testo Unico sulla sicurezza, in Rivista dell’Istruzione, n.2/2009


  • Login