Diffrattometria a raggi x bruxer axs d8 advance
Download
1 / 9

DIFFRATTOMETRIA A RAGGI X – Bruxer AXS, D8 Advance - PowerPoint PPT Presentation


  • 114 Views
  • Uploaded on

DIFFRATTOMETRIA A RAGGI X – Bruxer AXS, D8 Advance.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' DIFFRATTOMETRIA A RAGGI X – Bruxer AXS, D8 Advance' - dorcas


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Diffrattometria a raggi x bruxer axs d8 advance
DIFFRATTOMETRIA A RAGGI X – Bruxer AXS, D8 Advance

Nella versione più semplice ossia quella per polveri, è una tecnica analitica ampiamente utilizzata per identificare le fasi cristalline contenute in materiali vari per finalità prevalente di ricerca e controllo qualità. Essa è usata da sola o con l’ausilio di altre tecniche per identificare i costituenti di miscele semplici e complesse in svariati ambiti quali industrie di lavorazione dei lapidei, di produzione dei leganti, di controllo di formulati per malte, intonaci, stucchi, nel settore della produzione dei laterizi, controllo di minerali metallici e non metallici etc.

Immagini relative ad esempi di applicazione della tecnica XRD

Semplice spettro XRFcon indicazione qualitativa della fasi presenti

Vista dello strumento e della consolle di gestione

Spettro a raggi X con indicazione quantitativa delle fasi -Elaborazione con metodo Rietveld


Fluorescenza a raggi x bruxer axs s2 ranger
FLUORESCENZA A RAGGI X – Bruxer AXS, S2 Ranger

L’analisi chimica elementare medianteFluorescenza a Raggi X (XRF) è una tecnica che permette l’analisi elementare (in generale dal sodio all’uranio) di un’ampia gamma di materiali con un sufficiente livello di accuratezza e precisione specialmente per le alte concentrazioni. Il punto di forza di questo tipo di analisi è la possibilità di analizzare sia materiali conduttivi (metalli) che materiali non conduttivi (ossidi, vetro, ceramica, plastica, cemento etc.), nonché l’analisi di liquidi, (olio, acqua, idrocarburi, etc.). L’analisi può essere impiegata sia nei controlli di processo che per ricerca in vari settori ed in particolare in quello ambientale.

Immagini relative ad esempi di applicazione della tecnica XRF

Pasticche per misure di fluorescenza

Report di una tipica analisi XRF

Strumento da banco per Fluorescenza a raggi X

Spettro di fluorescenza


Microscopia ottica
MICROSCOPIA OTTICA

Stereomicroscopio- Viene comunemente impiegato per eseguire osservazioni su sezioni lucide che consentono di ricavare informazioni dettagliate sulla morfologia, natura e composizione dei vari strati dei frammenti sottoposti ad indagine,quali la forma dei grani, la tipologia del legante, la presenza di strati pigmentati e le eventuali alterazioni superficiali.

Microscopio ottico a luce polarizzata (Olympus BX51).È utilizzato per lo studio di una sezione sottile il cui esame dettagliato permette di ricavare informazioni sulla natura dei clasti e della matrice che costituiscono rispettivamente l’ aggregato e il legante di vari materiali quali lapidei, malte, intonaci, stucchi, ecc. Èpossibile inoltre effettuare studi di degrado connessi con l’instaurarsi di reazioni del tipo alcali-aggregato, processi di solfatazione quali croste nere ed altro.

Immagini relative ad esempi di applicazione della microscopia ottica (OM)

Sezione lucida di una malta a cocciopesto

Bancone di lavoro con microscopio a luce trasmessa polarizzata, microscopio a luce

trasmessa per biologia, stereo-microscopio binoculare

Sezione sottile elaborata al computer


Cromatografia ionica metrohm ic 761
CROMATOGRAFIA IONICA – Metrohm IC 761)

Latecnica consente il riconoscimento e la determinazione simultanea di uno o più cationi o anioni in soluzione acquosa. Essa si basa sulla separazione degli ioni mediante colonne a scambio ionico che sfruttano la diversa affinità degli analiti in soluzione per la fase eluente e la fase stazionaria contenuta nella colonna cromatografica. Tale tecnica viene utilizzata in prevalenza per la determinazione dei sali solubili costituenti tipici delle efflorescenza saline.

Immagini relative ad esempi di applicazione della cromatografia ionica

Cromatogramma di anioni

Cromatogramma di cationi

Cromatografo ionico


Analisi termica netzsh sta 409 pc luxx
ANALISI TERMICA – Netzsh, STA 409 PC LUXX

La tecnica consente di monitorare il comportamento di una sostanza sottoposta a un regime controllato di incremento della temperatura. In genere viene utilizzata per identificare le trasformazioni di natura chimico-fisica che un dato materiale subisce durante il trattamento termico. Operando in regimi standard le più semplici e comuni informazioni che si possono derivare riguardano ad esempio la quantificazione della perdita in peso, la determinazione della temperatura di decomposizione di un composto chimico e della temperatura di deidrossilazione di sostanze che contengono acqua nella struttura, e quant’altro legato a reazioni che comportano variazioni ponderali e/o strutturali.

Immagini relative ad esempi di applicazione della analisi termica (TA)

Termogramma semplice

Sovrapposizione di più termogrammi

Analizzatore termico


Camera climatica angelantoni challenge 160
CAMERA CLIMATICA – Angelantoni, Challenge 160

Immagini relative ad esempi di applicazione di cicli di trattamento

Viene utilizzata per prove fisico-ambientali su un qualsivoglia materiale. La strumentazione consente di valutare il comportamento termo-igrometrico di un dato materiale nell’intervallo di temperatura -40 ÷ +180°C e di umidità relativa (UR) 20-95%. All’occorrenza può essere utilizzata sia per stagionatura di provini normalizzati da sottoporre a prove meccaniche, sia per prove di gelo-disgelo su materiali lapidei.

Andamento di un ciclo predefinito di trattamento

Camera climatica per prove fisico-ambientali


Trattamenti termici e fisico meccanici
TRATTAMENTI TERMICI E FISICO-MECCANICI

Forno statico e forno rotante- camere per il trattamento termico controllato in regime statico e dinamico da temperatura ambiente sino rispettivamente a 1600 °C e 1100 °Cdi prodotti vari.

Frantoio a mascelle e mulino centrifugo a sfere- macchine per la frantumazione e la successiva riduzione in polvere di materiali vari da sottoporre ad ulteriori trattamenti o per la produzione di polveri da sottoporre ad analisi di laboratorio.

Setacciatore elettro-meccanico- la macchina opera il setacciamento a secco di un aggregato sciolto per ricavare le frazioni utili alla composizione della curva di distribuzione granulometrica.

Immagini relative ad esempi di applicazione di cicli di trattamento

Frazioni separate con serie di setacci standard

Curva granulometrica

Bancone con le macchine per i trattamenti fisico-meccanici


Prove meccaniche
PROVE MECCANICHE

Immagini relative ad esempi di applicazione della macchina

Macchina per prove di carico- La strumentazione in oggetto è predisposta per l’esecuzione di prove di rottura a flessione e compressione su provini normalizzati di dimensione 4,0x4,0x16cm. Il carico massimo applicabile è di 300kN. È munita di un doppio canale per apprezzare con elevata sensibilità valori differenziati del carico a rottura da diverse decine di kN per provini a base di cemento a poche unità per provini di malta a base di calce aerea e di calce idraulica.

Tipica curva sforzo-deformazione di un provino sottoposto a prova di compressione.

Foto di un provino di gesso rotto a compressione

Macchina di compressione


Strumentazione accessoria per la preparazione dei provini di malta
Strumentazione accessoria per la preparazione dei provini di malta

A corredo di un laboratorio che studia in generale materiali per l’edilizia ed in particolare malte a base di leganti inorganici occorre tutta una serie di attrezzature parte delle quali è rappresentata da una mescolatrice automatica, una tavola a scosse motorizzata, un ago di Vicat automatico, un permeabilimetro di Blaine, un volumometro Le Chatelier. Questo ovviamente al fine di caratterizzare secondo normativa corrente sia la varie materie prime da miscelare che i prodotti finali della composizione.

Bagno termostatico ad acqua

Tavola a scosse motorizzata

Mescolatrice automatica


ad