Le tre fasi cicliche dei mercati accumulazione trend distribuzione
Download
1 / 47

Le tre fasi cicliche dei mercati: accumulazione, trend, distribuzione - PowerPoint PPT Presentation


  • 94 Views
  • Uploaded on

Le tre fasi cicliche dei mercati: accumulazione, trend, distribuzione. Come individuare le fasi di accumulazione e quelle di distribuzione Seguire il trend con il CCI Gianluca Defendi. Gianluca Defendi. Report Cup&Handle Report Easy trading Report Market Strategy.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Le tre fasi cicliche dei mercati: accumulazione, trend, distribuzione' - dominy


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Le tre fasi cicliche dei mercati accumulazione trend distribuzione

Le tre fasi cicliche dei mercati:accumulazione, trend, distribuzione

Come individuare le fasi di accumulazione e quelle di distribuzioneSeguire il trend con il CCI

Gianluca Defendi


Gianluca defendi
Gianluca Defendi

  • Report Cup&Handle

  • Report Easy trading

  • Report Market Strategy

  • Inserto Analisi Tecnica Mf

  • Sezione “Il Trader” MF

  • Analisi sul sito www.milanofinanza.it

  • Ospite Class-Cnbc

    canale 507 SKY

  • Trading School Mf

  • Master trader

  • Itf forum/Trading Expo

  • Corsi di formazione in:

    Iwbank, Cmc Markets,

    Saxo, Activetrades

MF Trading School


Il mercato the market
Il Mercato –The Market

“The Market is talking, are you listening?”

“Listen to what the market is saying, not what others are saying about the markets”

MF Trading School


L analisi dei grafici daily
L’analisi dei grafici daily

  • Il punto di partenza è individuare i Pattern grafici più interessanti sui grafici giornalieri

  • Obiettivo di queste configurazioni è:

    a)identificare il timing ottimale per l’entrata sul mercato;

    b) individuare gli asset (titoli, indici, valute) che si trovano all’interno di una fase accumulativa/distributiva;

    c) anticipare o indicare breakout rialzisti o ribassisti

MF Trading School


Il tipico comportamento dei prezzi
Il tipico comportamentodei prezzi

  • L’andamento dei prezzi segue regole standard:

    1)“small range/large range”: a periodi di bassa volatilità (in cui i prezzi rimangono all’interno di uno stretto trading range) seguono improvvisi strappi rialzisti o ribassisti. Utilizzando questa considerazione è possibile antipicare un veloce movimento del mercato prendendo posizione nelle sedute con un range ridotto (Narrow range);

    2) “trade the momentum”: il verificarsi di un forte strappo rialzista/ribassista (breakout) indica il trend seguito dal mercato;

    3)“up and down days”: le sedute decisamente positive aprono sui minimi e chiudono sui massimi (l’opposto per quelle negative).

    > Si tratta dell’Opening Price Principle unito al Wide Range Breakout.

MF Trading School


La legge di newton e il movimento dei prezzi
La legge di Newton e il movimento dei prezzi

L’andamento dei prezzi segue regole standard:

  • Legge 1 (inerzia):i prezzi a riposo rimangono a riposo (stazionari) finché una forza non agisce su di loro. Analogamente, i prezzi in moto tendono a rimanere in moto finché qualche altra forza non agisce su di loro.

  • Legge 2 (slancio): un prezzo in movimento accelererà in modo proporzionale alla forza che agisce su di esso (maggiore è la forza, maggiore è lo slancio e quindi il moto generato).

    > La forza è uguale alla massa (volumi) moltiplicata per l'accelerazione ossia f = m*(a).

  • Legge 3 (azione/reazione): a ogni azione corrisponde una reazione uguale e di segno opposto.

MF Trading School


La volatilit
La volatilità

Le caratteristiche particolari della volatilità sono tali da renderla estremamente interessante ai fini dell'attività di trading:

1) la volatilità è ciclica - tende a percorrere dei cicli, aumentando e diminuendo alternativamente. La volatilità è ritenuta più prevedibile del prezzo proprio in virtù della sua ciclicità ed è per questo che diversi trader hanno sviluppato modelli che capitalizzano questo fenomeno.

2) la volatilità è persistente - per persistenza si intende semplicemente l'abilità della volatilità a persistere di giorno in giorno sui suoi valori. Se ad esempio oggi il mercato è altamente volatile, lo sarà molto probabilmente anche domani. Per lo stesso concetto, se la volatilità aumenta oggi tenderà ad aumentare anche domani e viceversa. Il tutto fino alla conclusione del proprio ciclo temporale.

3) la volatilità tende a ritracciare verso la sua media - ciò significa che la volatilità ha la tendenza a tornare sui suoi valori medi o normali dopo aver raggiunto picchi estremamente positivi o negativi.

MF Trading School


La volatilit ii
La volatilità II

MF Trading School


Analisi della volatilit
Analisi della volatilità

MF Trading School


Analisi della struttura i
Analisi della struttura I

MF Trading School


Le tre fasi cicliche
Le tre fasi cicliche

  • ACCUMULAZIONE

  • TREND

  • DISTRIBUZIONE

    Occorre individuare, su ogni arco temporale analizzato (weekly, daily, 60 min) il posizionamento delle varie asset class (indici, bond, valute, materie prime) in una di queste tre fasi.

MF Trading School


A accumulazione
A) Accumulazione

  • E’ la fase di consolidamento che precede l’inizio di un impulso rialzista.

  • All’interno di questa fase gli investitori istituzionali accumulano posizioni.

  • E’ caratterizzata da:

  • Movimento laterale di congestione;

  • Riduzione/compressione della volatilità;

  • False rotture al ribasso (bear trap);

  • Market Swing Low (MSL).

MF Trading School


B distribuzione
B) Distribuzione

  • E’ la fase di consolidamento che precede l’inizio di un impulso ribassista.

  • All’interno di questa fase gli investitori istituzionali liquidano le loro posizioni.

  • E’ caratterizzata da:

  • Movimento laterale di congestione;

  • Riduzione/compressione della volatilità;

  • False rotture al rialzo (bull trap);

  • Market Swing High (MSH).

MF Trading School


Analisi della struttura ii
Analisi della struttura II

MF Trading School


Accumulazione distribuzione
Accumulazione/Distribuzione

  • Le fasi di Accumulazione e di Distribuzione possono essere individuate tramite l’utilizzo di opportuni indicatori quantitativi. Il più interessante è l’Accumulation/Distribution. Quest’ultimo cerca di comprendere, attraverso l’analisi dei 3 prezzi più importanti (Massimo-Minimo-Chiusura), se il mercato si trova all’interno di una fase accumulativa o di una distributiva.

  • La formula è la seguente:

    AD = V* ((C-L)-(H-C))/(H-L) + AD(t,-1)

    dove V=volume, C=prezzo di chiusura, L=minimo; H=massimo.

  • In pratica, al denominatore c’è il range della seduta (max meno min) e al numeratore la differenza fra (chiusura meno min) e (max meno chiusura). Il tutto ponderato per gli scambi fatti segnare in giornata.

MF Trading School


Accumulazione distribuzione1
Accumulazione/Distribuzione

  • Nelle giornate di accumulazione i prezzi si posizionano nella parte alta del range ossia nei pressi del massimo (cosicché il numeratore avrà un valore positivo) e si registra un buon andamento dei volumi > l'A/D cresce.

  • Nelle giornate di distribuzione, viceversa, i prezzi hanno la tendenza a collocarsi presso i minimi. I volumi in questo caso daranno la misura - più o meno netta – della distribuzione in corso > l’A/D diminuisce

  • Per ottenere indicazioni operative si calcola poi una media mobile semplice a 5 periodi dell’indicatore (media veloce continua) e una media mobile esponenziale a 20 periodi dello stesso (media lenta tratteggiata).

  • L’incrocio delle due mobile fornirà segnali direzionali:

    - long quando la continua incrocia verso l’alto quella tratteggiata;

    - short quando la continua incrocia verso il basso quella tratteggiata.

MF Trading School


Un esempio di acc distr
Un esempio di Acc/Distr

MF Trading School


Bollinger bands i
Bollinger Bands I

  • L’intuizione di John Bollinger riguarda la Volatilità: comprende che le bande devono allargarsi e restringersi automaticamente in funzione del variare della volatilità

  • Quindi, non più bande statiche, ma linee dinamiche in grado di adattarsi all’evoluzione della volatilità del titolo.

  • Capacità di adattarsi automaticamente attorno alla tendenza centrale espressa da una media a 20 periodi

  • Per la misura della volatilità è stata utilizzata la deviazione standard, intesa come sommatoria degli scarti rispetto alla media, elevata poi al quadrato.

  • In tal modo le bande arrivano a contenere approssimativamente il 95% dei prezzi. (> curva gaussiana: 2 volte la dev. standard)

MF Trading School


Bollinger bands ii
Bollinger Bands II

  • I parametri:

    - Media mobile semplice a 20 giorni

    - Due deviazioni standard

    In tal modo si ottengono bande superiori e inferiori allineate alla media per quanto riguarda la tendenza ma di ampiezza variabile in funzione della volatilità

  • Le proprietà:

    - I prezzi manifestano una tendenza a muoversi velocemente dopo un periodo di bassa volatilità segnalata da un restringimento delle bande

    - Movimenti dei prezzi oltre la banda superiore o inferiore indicano rispettivamente notevole forza o debolezza

MF Trading School


Le bande i
Le Bande I

MF Trading School


Le bande ii
Le Bande II

MF Trading School


La struttura del mercato
La struttura del mercato

  • La ricerca dei punti di max-min ha portato all’individuazione dei punti di Swing: si parla di Market Swing High e di Market Swing Low.

  • Si parla di Market Swing High (MSH) quando il mercato:

    - si trova all’interno di un trend rialzista;

    - disegna una prima candela rialzista che ha registrare nuovi max;

    - una seconda candela fa registrare un max superiore al precedente;

    - una terza candela che fa registrare un max inferiore al precedente.

    - il minimo di questa terza candela è l’entry short.

  • Si parla di Market Swing Low (MSL) quando il mercato:

    - si trova all’interno di un trend ribassista;

    - disegna una prima candela rialzista che ha registrare nuovi min;

    - una seconda candela fa registrare un min inferiore al precedente;

    - una terza candela che fa registrare un min superiore al precedente.

    - il massimo di questa terza candela è l’entry long.

MF Trading School


Market swing low
MARKET SWING LOW

MF Trading School


Market swing high
MARKET SWING HIGH

MF Trading School


Msh msl
MSH - MSL

MF Trading School


C la fase di trend
C) La fase di Trend

  • Inizia con un breakout (rialzista o ribassista)

  • Va seguita con l’utilizzo di indicatori quantitativi di tipo trend-following:

  • Media mobile a 20 periodi esponenziale;

  • Macd – Adx - Parabolic Sar – Cci;

  • Occorre sfruttare eventuali correzioni (ad esempio una flag) per entrare in direzione del trend

MF Trading School


C1 il breakout
C1) Il Breakout

Questo pattern deve individuare:

A) i titoli che si trovano sui massimi delle ultime due settimane (10 sedute);

B) che hanno avuto un range (calcolato come differenza tra il massimo e il minimo odierno) maggiore di quello degli ultimi 5 giorni.

  • Filtri (anche visivi): volumi in aumento (rispetto alla media delle ultime 5 giornate) e prezzo di chiusura nella parte alta del range giornaliero (si parla di Wide Range o Trend day).

MF Trading School


Un tipico breakout
Un tipico breakout

MF Trading School


Un secondo breakout
Un secondo breakout

MF Trading School


C2 il pullback
C2) Il Pullback

  • Individua quei titoli che si trovano in un forte trend rialzista e stanno effettuando una breve pausa (pullback).

    Per un’entrata long l’indicatore richiede:

    a) che l’indicatore di direzione (l’Adx) sia maggiore di 20/25 punti e che la direzionalità rialzista sia maggiore di quella ribassista.

    b) che il mercato disegni una flag (in particolare che il massimo di ciascuna delle ultime tre sedute sia inferiore al massimo della seduta precedente).

    c) che i prezzi ritraccino verso la Mme esponenziale a 20 periodi

MF Trading School


Utilizzare l adx per sfruttare breakout e pullback
Utilizzare l’Adx per sfruttarebreakout e pullback

  • L’Adx è un indicatore che misura la forza del trend e mostra la direzione primaria seguita dai prezzi

  • L’Adx mostra contemporaneamente sia la forza dei rialzisti (bulls) sia quella dei ribassi (bear)

  • E’ un indicatore che può essere utilizzato su più time frames

MF Trading School


Bull bear flags
Bull&Bear Flags

  • Sono tipiche figure di continuazione e rappresentano delle semplici pause di consolidamento che si sviluppano dopo un forte movimento direzionale.

  • Le bull flag si verificano dopo un forte strappo rialzista dei prezzi e sono caratterizzate, oltre che da una diminuzione dei volumi, da una sequenza di massimi e minimi decrescenti che permettono di contenere i prezzi all’interno di un canale negativamente inclinato.

  • Le bear flag si verificano invece un forte strappo ribassista dei prezzi e sono caratterizzate da una diminuzione dei volumi e da una sequenza di massimi e minimi crescenti che permettono di contenere i prezzi all’interno di un canale positivamente inclinato.

    Una volta che le figure vengono perfezionate i prezzi proseguono nella direzione precedente, accompagnate da un deciso incremento dei volumi.

MF Trading School


Le flags
Le flags

MF Trading School


Un pullback pattern i
Un pullback pattern I

MF Trading School


Strategie operative con il cci commodity channel index
Strategie operative con il CCI (Commodity Channel Index)

  • Il Commodity Channel Index (CCI) misura di quanto il prezzo (in questo caso il prezzo medio della seduta, considerando chiusura, minimo e massimo) si discosti dalla sua media in un periodo di tempo prestabilito (di solito 14 periodi)

  • L'indicatore fluttua intorno alla linea dello zero, con la maggior parte dei valori compresi tra -100 e +100. Valori dell'indicatore superiori a +100 o inferiori a -100 indicano che il prezzo corrente ha valori più alti (o più bassi) rispetto al prezzo mediano misurato nel periodo di riferimento.

  • Il CCI era nato originariamente nell'ambito delle commodities con l’intento principale di misurarne l’andamento ciclico ma è stato poi adottato dagli operatori dei mercati azionari.

  • È stato concepito inizialmente come indicatore di breakout, infatti un valore superiore a +100 o inferiore a -100 indica una forza evidente al rialzo o al ribasso, con possibilità di continuazione del movimento in quella direzione.

  • In seguito il CCI è stato impiegato sempre più frequentemente come oscillatore tradizionale in grado di avvertire il trader delle situazioni di ipercomprato (valori maggiori di +200) o ipervenduto (valori minori di -200) del mercato.

MF Trading School


Cci commodity channel index ii
CCI (Commodity Channel Index) II

La formula per il calcolo del CCI è la seguente:

CCI = [typical price – (media mobile del typical price)] / (0.015 x scarto medio)

dove:

• Typical price o Prezzo mediano = (massimo + minimo + chiusura ) / 3 ;

• Scarto medio = Sommatoria dei valori assoluti delle differenze tra il prezzo medio e la sua media mobile diviso per il periodo;

• 0.015 = garantisce che il 70-80% dei valori ricadranno nel range + 100 e -100.

MF Trading School


Cci pullback
CCI Pullback

  • Un trader australiano (Woodie) ha individuato alcuni Set-up: ossia ha stabilito quali sono le configurazioni ideali per l’entrata (e l’uscita) sul mercato. L’indicatore CCI, per come viene costruito, analizza la dinamica dei prezzi nel corso di un determinato periodo di tempo. E’ un indicatore anticipatore. Woodie utilizza due indicatori CCI:

  • il primo è il CCI calcolato 14 a periodi (di solito colorato di nero) e chiamato CCI. In realtà si usa un CCI a 14 periodi per i grafici fino a 60 minuti, e un CCI a 20 periodi dai 60 minuti in su;

  • l'altro è il CCI calcolato a 6 periodi (di solito colorato di rosso), e chiamato Turbo CCI o TCCI. La formula è quella base: ossia (H + L + C) / 3 come calcolo del tipical price e viene utilizzato un moltiplicatore pari a 0,015.

MF Trading School


Cci pullback ii
CCI Pullback II

Per Woodie si instaura una tendenza quando: • Se il CCI rimane al di sopra della zero-linea (ZL) per almeno 6 barre allora il trend è rialzista;

• Se il CCI rimane al di sotto della linea zero (ZL) per almeno 6 barre allora il trend è ribassista. La linea dello zero (chiamata CCI zero-line (ZL)) è una parte molto importante del sistema utilizzato da Woodies.

La zero-line rappresenta il supporto e/o la resistenza più importante dell’arco temporale analizzato. I valori +/-100 di CCI rappresentano la resistenza e il supporto minore. Possono essere utilizzati per determinare la forza del trend.

Il valori +/-200 di CCI individuano invece situazioni di ipercomprato (+200 e superiore) e ipervenduto (-200 e inferiore)

MF Trading School


Cci pullback1
CCI Pullback

  • Si ha un TREND quando il CCI è stato al di sopra o al di sotto della sua linea di equilibrio per almeno 6 barre.

    > Una volta che la tendenza si è instaurata si possono sfruttare i pullback.

  • Durante queste correzioni (in un trend rialzista) o questi rimbalzi (in un trend ribassista) la linea del Cci torna verso la zero-line (può anche scenderci sotto/tornare sopra ma per non più di 3 barre).

    > Questi movimenti forniscono delle opportunità di entrata in direzione del trend principale! (si parla di Woodies CCI Trend Continuation Patterns)

MF Trading School


Cci pull back ii e signal
CCI Pull-back II(E-Signal)

  • Il CCI stabilisce un trend rialzista (la sua area viene colorata di blu) e si porta al di sopra dei 100 punti o individua un trend ribassista (la sua area viene colorata di rosso) e si porta al di sotto di -100;

  • Il CCI inverte la sua direzione (scende sotto i 100 punti/risale al di sopra di -100) e si dirige verso la zero line (può anche attraversarla ma per non più di 3 sedute)

  • Dopo questa correzione/rimbalzo il Cci riprende la direzione del trend primario: si può disegnare una trendline di riferimento il cui superamento fa scattare il segnale operativo. Se si utilizzano congiuntamente il CCI a 14 e il CCI a 6 periodi quest’ultimo, più reattivo, anticipa solitamente la ripresa del trend (può disegnare delle divergenze).

MF Trading School


Un primo esempio
Un primo esempio

MF Trading School


Un secondo esempio
Un secondo esempio

MF Trading School


Riassunto delle strategie
Riassunto delle strategie

MF Trading School


Banca pop milano
BANCA POP. MILANO

MF Trading School


Eur yen e cci
EUR-YEN e CCI

MF Trading School


Il rialzo del bund
Il rialzo del Bund…

MF Trading School


E la discesa del ftse mib
…e la discesa del Ftse-Mib

MF Trading School


ad