PRIMO CONGRESSO NAZIONALE
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 46

STUDIO PROSPETTICO SULL'EFFICACIA DELL'INNESTO DI CONDROCITI AUTOLOGHI CON TECNICA MACI: RISULTATI A 5 ANNI PowerPoint PPT Presentation


  • 187 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

PRIMO CONGRESSO NAZIONALE SIGASCOT Bologna Palazzo dei Congressi 4-6 ottobre 2006. STUDIO PROSPETTICO SULL'EFFICACIA DELL'INNESTO DI CONDROCITI AUTOLOGHI CON TECNICA MACI: RISULTATI A 5 ANNI. A.Ventura – E.Borgo – C.Terzaghi – M.Ometti

Download Presentation

STUDIO PROSPETTICO SULL'EFFICACIA DELL'INNESTO DI CONDROCITI AUTOLOGHI CON TECNICA MACI: RISULTATI A 5 ANNI

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


PRIMO CONGRESSO NAZIONALE

SIGASCOT

Bologna Palazzo dei Congressi

4-6 ottobre 2006

STUDIO PROSPETTICO SULL'EFFICACIA DELL'INNESTO DI CONDROCITI AUTOLOGHI CON TECNICA MACI:

RISULTATI A 5 ANNI

A.Ventura – E.Borgo – C.Terzaghi – M.Ometti

Clinica Ortopedica-Traumatologica – Centro di Traumatologia dello Sport

Istituto Ortopedico G. Pini Milano

Direttore: Prof. C. Verdoia


INTRODUZIONE

AUMENTO DELLE LESIONI CONDRALI


MECCANISMI LESIVI

- MECCANICI- BIOCHIMICI- AUTOIMMUNI- DISTURBI GENETICI- INVECCHIAMENTO


MECCANISMI RIPARATIVI

- RIPARAZIONE INTRINSECA CONDRALE- RIPARAZIONE INTRINSECA OSTEOCONDRALE


TRATTAMENTO RIPARATIVO DELLA CARTILAGINE ARTICOLARE


SCOPO DEL TRATTAMENTO

  • FACILE DA ESEGUIRE, SEMPLICE, ARTROSCOPICO, SINGOLO STADIO

  • COSTO CONTENUTO, RIMBORSABILE

  • MORBILITA’ RIDOTTA


SCOPO DEL TRATTAMENTO

  • RIDOTTA RIABILITAZIONE E RICOVERO

  • POSSIBILITA’ DI VALUTARE I RISULTATI A DISTANZA OGGETTIVAMENTE E SOGGETTIVAMENTE

  • VANTAGGIOSO SIA A BREVE CHE A LUNGO TERMINE


ACI

IL METODO TIPICO PER LA COLTIVAZIONE DEI CONDROCITI E’ STATO DESCRITTO DA BRITTBERG

Treatment of Deep Cartilage Defects in the Knee with Autologous Chondrocyte Transplantation

Mats Brittberg, Anders Lindahl, Anders Nilsson, Claes Ohlsson, Olle Isaksson, and Lars Peterson

Volume 331: 889-895; October 6, 1994

Number 14


ACI


Le tecniche ACI di IIa generazione: MACI


PERCHE’ LA TECNICA MACI:

I CONDROCITI AUTOLOGHI GIUNGONO GIÀ FISSATI ALLA MEMBRANA COLLAGENICA; CIÒ CONSENTE DI GUADAGNARE UN TEMPO RISPETTO AD ALTRE TECNICHE.


MACI

GLP

NON SONO “OPTIONAL”,

BENSÌ REQUISITI DI LEGGE

GMP

SI TRADUCONO IN SICUREZZA PER IL PAZIENTE E GARANZIA PER IL CHIRURGO


LA NOSTRA SCELTA

DAL NOVEMBRE 2000 ABBIAMO SOTTOPOSTO AD INNESTO DI CONDROCITI AUTOLOGHI UTILIZZANDO LA TECNICA MACI31 PAZIENTI, PREFERENDOLA ALLA TECNICA ACI.


LA NOSTRA SCELTA

DAL NOVEMBRE 2000 31 INNESTI

INDICAZIONI MOLTO SELETTIVE!


LA CHIAVE DEL SUCCESSO TERAPEUTICO È RAPPRESENTATA DALLA CORRETTA SELEZIONE DEL PAZIENTE ELEGGIBILE


I NOSTRI PAZIENTI

Età media (± DS): 37,6 ± 10,0


I NOSTRI PAZIENTI


MATERIALI

E METODI

STUDIO PROSPETTICO

  • VALUTAZIONE CLINICA E RILIEVI OBIETTIVI A

    T0, 1 MESE, 3, 6, 12, 24, 60

  • RMN A 6 MESI, 12, 24, 60


MATERIALI

E METODI

RILIEVI SOGGETTIVI

  • VAS

  • tipo e livello di attività sportiva

  • stato funzionale

  • sintomi


MATERIALI

E METODI

RILIEVI OBIETTIVI

  • segni clinici

  • articolarità

  • tests meniscali

  • tests funzionali


MATERIALI

E METODI

  • Tegner and Lysholm Knee Scoring Scale

  • Artroscopia 2nd look (5 pzs)

  • Biopsia osteo-cartilaginea (2 pzs)


I NOSTRI PAZIENTI

  • Dal 2000 al 2002:

  • 17 pazienti (14 m, 3 f)

  • età media: 36,9±10,1

  • follow up medio (mm): 59,0±6,7

  • sportivi 13; sedentari 4


I NOSTRI PAZIENTI

  • localizzazione:

    • 14 CFM

    • 2 CFL

    • 1 PT+R

  • ricostruzione LCA:5 pzs

  • meniscectomia (M/L):4

  • riallinamento fem-rot:1

  • esiti OD:2


  • RISULTATI

    Tutti i pazienti riferiscono un miglioramento della sintomatologia dolorosa e funzionale precedente l’intervento


    RISULTATI

    L’esame obiettivo ed i test funzionali risultano sempre migliori rispetto a prima dell’impianto


    RISULTATI

    Questi risultati si mantengono pressochè inalterati anche dopo 5 anni dall’innesto di condrociti


    RISULTATI

    L’esame RMN rileva nella maggior parte dei casi la progressiva riduzione del focolaio di lesione, anche se permane nel tempo una linea di demarcazione con il tessuto sano


    Z.A. m,1967

    CFM + LCA

    T 0

    Associata ricostruzione LCA.

    12 MESI


    Z.A. m,1967

    CFM + LCA

    60 MESI


    RISULTATI

    In una minoranza notiamo la persistenza della lesione con un miglioramento della sintomatologia

    60 MESI


    H.S. f,1967

    T 0


    H.S. f,1967

    Rotula: faccia LATERALE


    H.S. f,1967

    Controllo a 24 mesi


    RISULTATI

    L’esame artroscopico conferma una guarigione del difetto osteo-cartilagineo


    Z.L. f,1972

    OD CFM

    48 MESI


    C.G. m,1965

    CFL

    6

    MESI

    12 MESI


    C.G. m,1965

    CFL

    60 MESI

    TRAUMA DISTORSIVO:

    MENISCECTOMIA SEL.LAT.


    RISULTATI

    L’esame istologico evidenzia la formazione di collagene di tipo 2


    CONCLUSIONI

    L’INNESTO DI CONDROCITI AUTOLOGHI APPARE ATTUALMENTE LA METODICA PIU’ ADATTA ALLA RIPARAZIONE DELLE AMPIE LESIONI OSTEOCONDRALI DI 3°-4° GRADO


    CONCLUSIONI

    E’ POSSIBILE APPLICARE LA TECNICA MACI ANCHE PER VIA ARTROSCOPIA IN CASI LIMITATI, PERALTRO CON OTTIMI RISULTATI


    CONCLUSIONI

    I RISCHI DOVUTI ALLE DIFFICOLTÀ INSITE NELLA METODICA ENDOSCOPICA E LA MANCANZA DI SICUREZZE SULLA PERFETTA RIUSCITA DEL TRATTAMENTO NE SCONSIGLIANO PERÒ L’UTILIZZO ROUTINARIO


    CONCLUSIONI

    LA TECNICA IN MINI-ARTROTOMIA OFFRE MAGGIORI SICUREZZE AD UN INTERVENTO CHIRURGICO CHE A CAUSA DEI COSTI E DELLA LOCALIZZAZIONE DELLA LESIONE NON PERMETTE UNA SECONDA POSSIBILITÀ DI IMPIANTO


    CONCLUSIONI

    ESISTONO DELLE CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE AL TRATTAMENTO CHE NE LIMITANO L’APPLICAZIONE


    CONCLUSIONI

    LA RIABILITAZIONE DELL’ARTO OPERATO DEVE TENERE CONTO DEI TEMPI BIOLOGICI DELL’INNESTO CARTILAGINEO PER NON COMPROMETTERE IL SUCCESSO TERAPEUTICO


    Clinica Ortopedica-Traumatologica

    Centro di Traumatologia dello Sport

    Istituto Ortopedico G.Pini Milano

    Direttore: Prof. C. Verdoia

    GRAZIE

    http://www.gpini.it/divisioni/divisione1/

    ventura gpini.it


  • Login