Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 42

Consultazione a livello nazionale per aggiornamento DVR - Rischio SLC, CEM, ROA - PowerPoint PPT Presentation


  • 77 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Consultazione a livello nazionale per aggiornamento DVR - Rischio SLC, CEM, ROA -. Rischio da Stress Lavoro Correlato - Percorso metodologico -. Normativa. 3. Accordo europeo sullo stress nei luoghi di lavoro Siglato l’8 ottobre 2004 (Sindacato e Organizzazioni datoriali europee).

Download Presentation

Consultazione a livello nazionale per aggiornamento DVR - Rischio SLC, CEM, ROA -

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Consultazione a livello nazionaleper aggiornamento DVR- Rischio SLC, CEM, ROA -


Rischio da stress lavoro correlato percorso metodologico

Rischio da Stress Lavoro Correlato- Percorso metodologico -


Normativa

Normativa

3

Accordo europeo sullo stress nei luoghi di lavoro

Siglato l’8 ottobre 2004 (Sindacato e Organizzazioni datoriali europee)

Art. 1 - Lo stress può potenzialmente colpire qualsiasi posto di lavoro e qualunque lavoratore, […], tuttavia, non tutti i posti di lavoro e non tutti i lavoratori ne possono essere necessariamente colpiti. Affrontare il problema dello stress da lavoro può portare ad una maggiore efficienza e ad una migliore salute e sicurezza sul lavoro,

Art. 2 - Lo scopo [dell’]accordo è migliorare la consapevolezza e la comprensione dello stress da lavoro da parte dei datori di lavoro, dei lavoratori e dei loro rappresentanti, attirando la loro attenzione sui sintomi che possono indicare l’insorgenza di problemi di stress da lavoro. […] [L’]accordo non riguarda né la violenza sul lavoro, né la sopraffazione sul lavoro, né lo stress post-traumatico.

Art. 3 - Lo stress è una condizione accompagnata da sofferenze o disfunzioni fisiche, psichiche, psicologiche o sociali, che scaturisce dalla sensazione individuale di non essere in grado di rispondere alle richieste o di non essere all’altezza delle aspettative.


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Normativa

Art. 28 - Oggetto della valutazione dei rischi

Comma 1. La valutazione […] deve riguardare tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell’accordo europeo dell’8 ottobre del 2004.

Comma 1 bis. La valutazione dello stress lavoro-correlato […] è effettuata nel rispetto delle indicazioni di cui all’art.6, comma 8, lettera m-quater.

Art. 6- Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro

Comma 8. La Commissione […] ha il compito di:

m-quater) elaborare le indicazioni necessarie alla valutazione del rischio da stress lavoro-correlato.

4

D.Lgs. 81/08 art 28 e s.m.i.


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Normativa

5

Accordo interconfederale

Siglato il 9 giugno 2008 (CGIL,CISL,UIL e associazioni datoriali nazionali)

Con l’Accordo interconfederale le maggiori associazioni datoriali nazionali e i sindacati CGIL, CISL e UIL hanno concordato:

“il recepimento dell’Accordo quadro mediante la traduzione in lingua italiana del testo redatto in lingua inglese […].


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Normativa

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali il 18/11/2010 ha emanato le indicazioni della Commissione consultiva per la valutazione dello stress lavoro-correlato. Nelle stesse sono riportate indicazioni generali così riassumibili:

la valutazione dello SLC è parte integrante della valutazione dei rischi e viene effettuata dal datore di lavoro con il RSPP e il MC, previa consultazione del RLS;

la VR è rivolta a tutti i lavoratori, compresi preposti e dirigenti;

non riguarda i singoli ma gruppi omogenei di lavoratori individuati dal datore di lavoro.

È altresì illustrata la seguente metodologia che prevede due fasi:

una fase necessaria che produce una valutazione preliminare/oggettiva;

una fase eventuale o valutazione approfondita/soggettiva.

6

Lettera- circolare della Commissione consultiva


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Normativa

La lettera circolare della Commissione consultiva si conclude con una serie di disposizioni, tra le quali:

la data del 31/12/2010 deve intendersi come data di avvio della valutazione, consistente nella programmazione temporale delle attività;

la programmazione temporale (detta cronoprogramma1) deve essere riportato nel DVR.

L’azienda ha, altresì, istituito un Tavolo permanente sullo Stress Lavoro Correlato (TSLC) con il compito di condurre, avvalendosi della consulenza della Cattedra di Medicina del Lavoro dell’Università di Tor Vergata di Roma, tutte le attività inerenti alla valutazione del rischio da stress lavoro correlato.

1 Il cronoprogramma è stato predisposto dal Servizio di Prevenzione e Protezione ed è stato sottoscritto dalle parti nell’OPN del 22 dicembre 2010.

7

Ulteriori disposizioni


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Fasi della valutazione

La valutazione preliminare/oggettiva consiste nell’individuazione di indicatori oggettivi e verificabili appartenenti a tre distinte famiglie:

Eventi sentinella, elementi che si prestano ad una valutazione numerica e quantificabile e che vanno intesi come eventuali sintomi organizzativi di disagio

Fattori di contenuto del lavoro: ambiente e attrezzature di lavoro, pianificazione delle attività, ...

Fattori di contesto del lavoro: funzione e cultura organizzativa, ruolo nell’ambito dell’organizzazione, evoluzione della carriera, …

Se non emergono elementi di rischio, la valutazione si conclude con l’aggiornamento del DVR e l’attivazione del monitoraggio. Viceversa, il datore di lavoro adotta opportune azioni correttive (interventi organizzativi, tecnici, procedurali, comunicativi, formativi).

8

Valutazione preliminare/oggettiva


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Fasi della valutazione

La valutazione approfondita/soggettiva si rende necessaria quando le azioni correttive non hanno avuto l’efficacia sperata.

In questa fase vengono utilizzati strumenti di indagine quali questionari, focus group o interviste semi-strutturate, con lo scopo di misurare la percezione soggettiva dei lavoratori in relazione ai medesimi indicatori della valutazione preliminare.

Le indagini, per aziende di grandi dimensioni come Poste Italiane, possono essere effettuate su un campione rappresentativo di lavoratori.

Riassumendo, la normativa prevede per il datore di lavoro l’obbligo della sola valutazione preliminare/oggettiva, necessaria e sufficiente ad identificare i possibili fattori stressogeni, mentre la valutazione approfondita/soggettiva è richiesta solo nel caso di inefficacia delle azioni correttive.

9

Valutazione approfondita/soggettiva


Vr stress lavoro correlato

VR Stress Lavoro Correlato

Individuazione dei Gruppi Omogenei

Partendo dall’elenco generale delle figure professionali attive, l’aggregazione dei lavoratori è stata effettuata per l’azienda Poste sulla base della funzione aziendale di appartenenza (SP, MP, Corporate), dei rischi professionali e delle peculiarità del lavoro svolto.

Tale aggregazione garantisce che i medesimi gruppi siano rispondenti agli indirizzi del legislatore nonché idonei ai fini della valutazione del rischio, poiché, da un lato, la distinzione per appartenenza ad organizzazioni aziendali diverse consente al datore di lavoro di scegliere autonomamente le eventuali azioni correttive, dall’altro, la distinzione per rischi e specificità lavorative assicurano la corretta applicazione degli strumenti di analisi.


Vr stress lavoro correlato1

VR Stress Lavoro Correlato

In definitiva, sono stati aggregati i lavoratori che, nell’ambito della stessa Unità Produttiva, svolgono attività con peculiarità similari e fonti di rischio assimilabili.

Mercato Privati

  • Resp. Strutture/Funzioni

  • Personale di Staff

  • Direttori UP/UPI

  • Operatori di Sportello

  • SCCR

  • Personale del Contact Center

  • Personale del TSC

  • Venditori

Servizi Postali

  • Resp. Strutture/Funzioni

  • Staff

  • Customer Service

  • Ingegneria dei Trasporti

  • Recapito

  • Caposquadra Recapito

  • Coordinamento Recapito

  • Trasporti

  • Coordinamento Operations

  • Accettazione Grandi Clienti

  • Lavorazioni Interne

  • Smistamento

  • Videocodifica

  • Supporto alla Produzione


Vr stress lavoro correlato2

VR Stress Lavoro Correlato

I Gruppi Omogenei della struttura Corporate sono:


Vr stress lavoro correlato3

VR Stress Lavoro Correlato

Scelta degli strumenti per la valutazione del rischio

Per la valutazione preliminare/oggettiva l’Azienda ha adottato quale strumento di indagine la check list INAIL, predisposta dal Network Nazionale per la prevenzione del disagio psicosociale nei luoghi di lavoro.

La check list è suddivisa in 3 Aree (Indicatori aziendali, Fattori di contenuto del lavoro, Fattori di contesto del lavoro) composte da indicatori di analisi. Ad ogni indicatore è associato un punteggio che concorre al punteggio complessivo dell’Area. La somma dei punteggi delle 3 Aree consente di determinare il livello di rischio a cui sono esposti i lavoratori: “basso/non rilevante”, “medio”, “alto”.

Matrice di valutazione


Vr stress lavoro correlato4

VR Stress Lavoro Correlato

Definizione degli indicatori aziendali (Area A)

Tra gli indicatori aziendali, detti anche eventi sentinella, presenti nella check list INAIL, sono stati selezionati quelli gestiti dai sistemi informatici aziendali. Ciò al fine di garantire l’effettiva oggettività e verificabilità del dato, la sua affidabilità e la possibilità di evidenziarne il trend nell’arco temporale di un triennio.

Tali indicatori sono:

  • indici infortunistici;

  • assenza per malattia (non maternità, allattamento, congedo matrimoniale);

  • ferie non godute;

  • procedimenti disciplinari attivati;

  • istanze giudiziarie/ricorsi intrapresi dai dipendenti (esclusi gli ex CTD).


Vr stress lavoro correlato5

VR Stress Lavoro Correlato

Definizione dei fattori di contesto e contenuto del lavoro (Aree B e C)

In ordine a questa tipologia di indicatori, l’azienda si è attenuta alle indicazioni INAIL, avvalendosi di tutti i fattori di analisi presenti nella check list validata dall’Istituto.

Peraltro, al fine di integrare la check list con altri fattori oggettivi, verificabili ed applicabili alla realtà aziendale, è stato avviato un processo di coinvolgimento dei RRLLS.


Vr stress lavoro correlato6

VR Stress Lavoro Correlato

Processo di coinvolgimento dei RRLLS

Riunioni RU/RI-RRLLS

Approfondimenti tecnici circa il processo di valutazione del rischio SLC e consegna del questionario sui fattori di contesto e contenuto del lavoro con relative modalità di compilazione

Invio questionario

Invio del questionario tramite posta ai RRLLS non presenti alle riunioni

5 gg

5 gg

Restituzione questionario

Restituzione della check list

compilata a RUR

OPN

Informativa con l’evidenza dei contributi accolti

OOPPR

Individuazione di ulteriori fattori di contesto e contenuto del lavoro in aggiunta a quelli dei RRLLS

RU/RI

Sintesi dei contributi

in collaborazione con ATTA/SSL

Tavolo permanente

Analisi e valutazione dei contributi.

Redazione definitiva della check list


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

VR Stress Lavoro Correlato

La partecipazione attiva dei RRLLS e degli OOPPRR si è concretizzata nella produzione di circa 1.500 proposte di integrazione.

RRLLS

OOPPRR

17

Il contributo dei RRLLS - Esito


Vr stress lavoro correlato7

VR Stress Lavoro Correlato

Il contributo dei RRLLS - Analisi delle proposte

  • 142 proposte sono state eliminate perché non attinenti al tema stress lavoro correlato e/o riferibili a situazioni troppo specifiche;

  • la maggior parte delle proposte sono state lette e interpretate sulla base dei contenuti delle check list INAIL al fine di inserirle all’interno dell’area del contenuto o del contesto lavorativo;

  • le restanti voci (33) sono state attribuite a 2 nuove dimensioni non presenti nelle check list (distacco, gestione clientela).


Vr stress lavoro correlato8

VR Stress Lavoro Correlato


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

VR Stress Lavoro Correlato

In conclusione, a valle dell’analisi dei contributi pervenuti dai RRLLS, la check list INAIL non è stata integrata con nuovi fattori di analisi.

Tuttavia, proprio in rifermento alla particolare attenzione che i lavoratori hanno manifestato rispetto alle dimensioni «Gestione clientela» e «Distacco», il datore di lavoro dovrà individuare quelle azioni correttive che mirino a mitigare anche i fattori stressogeni riconducibili a tali ambiti.

20

Il contributo dei RRLLS - Esiti


Vr stress lavoro correlato9

VR Stress Lavoro Correlato

Costituzione dei sottogruppi per la compilazione della check list

La compilazione della check list è stata assegnata al SPP per l’Area A e a sottogruppi tecnici appositamente istituiti per le Aree B e C.

Per la scelta dei componenti dei sottogruppi si sono adottati i seguenti criteri:

  • appartenenza alla medesima organizzazione datoriale dei GO;

  • specifiche competenze e conoscenze circa le attività e i rischi dei GO;

  • rappresentanza centrale e territoriale, comunque relativa alle tre macro-aree geografiche (nord, centro e sud);

  • presenza di superiori gerarchici dei lavoratori dei GO fino al livello dei capi intermedi (es.: nell’ambito del CPD fino al direttore e in quello del CMP fino al capo reparto);

  • partecipazione del Servizio Prevenzione.


Vr stress lavoro correlato10

VR Stress Lavoro Correlato

Compilazione della check list

Assegnando la compilazione delle check list per le Aree B e C ai sottogruppi tecnici si garantisce la necessaria omogeneità di valutazione. Peraltro, non si può prescindere da quei fattori ambientali, tipicamente legati al territorio, che possono caratterizzare ogni GO e ai quali va dato il giusto rilievo. La valutazione viene in tal senso «personalizzata» per ogni datore di lavoro, valorizzando gli indicatori aziendali (Area A) con i dati riferiti esclusivamente agli eventi registrati in una determinata area geografica.

Ad esempio, al GO «x» della struttura MP viene assegnato lo stesso punteggio per le Aree B e C per tutti i datori di lavoro, mentre un punteggio distinto per l’Area A per ogni ATMP. In tal modo, il livello di rischio del GO «x» dell’ATMP «y» potrebbe essere diverso da quello dello stesso GO «x» dell’ATMP «z».


Vr stress lavoro correlato11

VR Stress Lavoro Correlato

Approfondimento di valutazione

A seguito di una richiesta avanzata dall’OPN del 27/6/12, si è proceduto ad effettuare un approfondimento di valutazione per i GO Direttori UP/UPI e SCCR di MP. A tal fine, la check list è stata nuovamente compilata dai sottogruppi tecnici integrati dai lavoratori. La composizione dei sottogruppi, oltre al SPP e ad alcune figure apicali della struttura centrale di MP, è stata la seguente:


Vr stress lavoro correlato report

VR Stress Lavoro Correlato - Report

Servizi Postali

Report

(relativo ai GO con esposizione a rischio medio)


Servizi postali report

Servizi Postali - Report

ALT Nord Ovest

ALT Lombardia

ALT Nord Est


Servizi postali report1

Servizi Postali - Report

ALT Centro Nord

ALT Centro 1

ALT Centro


Servizi postali report2

Servizi Postali - Report

ALT Sud

ALT Sud 1

ALT Sud 2


Vr stress lavoro correlato report1

VR Stress Lavoro Correlato - Report

Mercato Privati

Report

(relativo ai GO con esposizione a rischio medio)


Mercato privati report

Mercato Privati - Report

ATMP Nord Ovest

ATMP Nord Est

ATMP Lombardia


Mercato privati report1

Mercato Privati - Report

ATMP Centro Nord

ATMP Centro 1

ATMP Centro

ATMP Sud 1


Aggiornamento dvr

Aggiornamento DVR

Proposta di aggiornamento del DVR

A valle dell’OPN del 21 novembre u.s. è stato avviato il processo di consultazione dei RRLLS e degli OOPPRR in merito alla proposta di aggiornamento del DVR per nuovi rischi.

Concluso il processo, che avrà corso nei tempi e con le modalità stabilite dalla Procedura di partecipazione dei RRLLS del 2004, il DVR sarà aggiornato con l’inserimento dei criteri di valutazione e delle «stringhe» indicanti i livelli di esposizione al rischio, comprendenti le relative misure di tutela.


Rischio da stress lavoro correlato

Rischioda Stress Lavoro Correlato


Vr stress lavoro correlato stringa

VR Stress Lavoro Correlato - Stringa


Vr stress lavoro correlato stringa1

VR Stress Lavoro Correlato - Stringa


Rischio campi elettromagnetici

Rischio Campi Elettromagnetici


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Campi Elettromagnetici

I Campi Elettromagnetici appartengono al fenomeno fisico delle radiazioni non ionizzanti, poiché non possiedono sufficiente energia per ionizzare atomi o molecole.

Tuttavia, in funzione della frequenza del campo (alta o bassa), sono possibili alcuni effetti biologici che, come tali, devono essere controllati.

Poste Italiane, adottando il principio della massima cautela, ha preso come riferimento comparativo i valori di azione e/o i livelli di riferimento previsti per i soggetti non professionalmente esposti, desumibili dalle seguenti norme:

raccomandazione europea 1999/519/CE;

norma EN 50499;

DPCM 8 luglio 2003

36

Introduzione


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Campi Elettromagnetici - Stringa

37


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Campi Elettromagnetici - Stringa

38


Rischio radiazioni ottiche artificiali

Rischio Radiazioni OtticheArtificiali


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Radiazioni Ottiche Artificiali

Le ROA sono radiazioni elettromagnetiche che hanno la caratteristica di avere una lunghezza d’onda molto piccola ed appartengono al fenomeno fisico della radiazioni non ionizzanti. Tali radiazioni di dividono in coerenti (laser) e non coerenti (lampade, LED, ecc.)

Al fine di valutare i lavoratori a rischio e la loro effettiva esposizione, è importante acquisire i tempi, le distanze e le modalità di esposizione per le sorgenti non coerenti, mentre bisogna anche verificare eventuali riflessioni per quelle Laser.

I valori limite di esposizione alle radiazioni ottiche sono riportati nell’allegato XXXVII del D.Lgs. 81/08.

40

Introduzione


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Radiazioni Ottiche Artificiali - Stringa

41


Consultazione a livello nazionale per aggiornamento dvr rischio slc cem roa

Radiazioni Ottiche Artificiali - Stringa

42


  • Login