12.00
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 28

12.00 PowerPoint PPT Presentation


  • 81 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

12.00. Non anteporre nulla a Gesù. Papa Francesco h a introdotto la preghiera mariana dell’ Angelus i n Piazza San Pietro n ella XXIII Domenica del Tempo Ordinario /c 8 settembre 2013. Cari fratelli e sorelle, buongiorno !.

Download Presentation

12.00

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


12 00

12.00


12 00

Non anteporre

nulla a Gesù


12 00

Papa Francesco

ha introdotto la preghiera mariana dell’ Angelus

in Piazza San Pietro

nella XXIII Domenica del Tempo Ordinario /c

8 settembre 2013


12 00

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!


12 00

Nel Vangelo di oggi Gesù insiste sulle condizioni per essere suoi discepoli: non anteporre nulla all’amore per Lui, portare la propria croce e seguirlo.

Molta gente infatti si avvicinava a Gesù, voleva entrare tra i suoi seguaci; e questo accadeva specialmente dopo qualche segno prodigioso, che lo accreditava come il Messia, il Re d’Israele.


12 00

Ma Gesù non vuole illudere nessuno.

Lui sa bene che cosa lo attende a Gerusalemme, qual è la via che il Padre gli chiede di percorrere:

è la via della croce, del sacrificio di se stesso per il perdono dei nostri peccati.


12 00

Seguire Gesù non significa partecipare a un corteo trionfale! Significa condividere il suo amore misericordioso, entrare nella sua grande opera di misericordia per ogni uomo e per tutti gli uomini.

L’opera di Gesù è proprio un’opera di misericordia, di perdono, di amore! E’ tanto misericordioso Gesù!


12 00

E questo perdono universale, questa misericordia, passa attraverso la croce.

Gesù non vuole compiere questa opera da solo: vuole coinvolgere anche noi nella missione che il Padre gli ha affidato.


12 00

Dopo la risurrezione dirà ai suoi discepoli: «Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi … A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati» (Gv 20,21.22).

Il discepolo di Gesù rinuncia a tutti i beni perché ha trovato in Lui il Bene più grande, nel quale ogni altro bene riceve il suo pieno valore e significato: i legami familiari, le altre relazioni, il lavoro, i beni culturali ed economici e così via…


12 00

Il cristiano si distacca da tutto e ritrova tutto nella logica del Vangelo, la logica dell’amore e del servizio.


12 00

Per spiegare questa esigenza, Gesù usa due parabole: quella della torre da costruire e quella del re che va alla guerra.

Questa seconda parabola dice così: «Quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere la pace» (Lc 14,31-32).


12 00

Qui Gesù non vuole affrontare il tema della guerra, è solo una parabola. Però, in questo momento in cui stiamo fortemente pregando per la pace, questa Parola del Signore ci tocca sul vivo, e in sostanza ci dice: c’è una guerra più profonda che dobbiamo combattere, tutti!


12 00

E’ la decisione forte e coraggiosa di rinunciare al male e alle sue seduzioni e di scegliere il bene,

pronti a pagare di persona: ecco il seguire Cristo, ecco il prendere la propria croce!


12 00

Questa guerra profonda contro il male! A che serve fare guerre, tante guerre, se tu non sei capace di fare questa guerra profonda contro il male? Non serve a niente! Non va…

Questo comporta, tra l’altro, questa guerra contro il male comporta dire no all’odio fratricida e alle menzogne di cui si serve; dire no alla violenza in tutte le sue forme; dire no alla proliferazione delle armi e al loro commercio illegale.


12 00

Ce n’è tanto! Ce n’è tanto! E sempre rimane il dubbio: questa guerra di là, quest’altra di là - perché dappertutto ci sono guerre - è davvero una guerra per problemi o è una guerra commerciale per vendere queste armi nel commercio illegale?

Questi sono i nemici da combattere, uniti e con coerenza, non seguendo altri interessi se non quelli della pace e del bene comune.


12 00

Cari fratelli, oggi ricordiamo anche la Natività della Vergine Maria,

festa particolarmente cara alle Chiese Orientali.


12 00

E tutti noi, adesso, possiamo inviare un bel saluto a tutti i fratelli, sorelle, vescovi, monaci, monache delle Chiese Orientali, Ortodosse e Cattoliche: un bel saluto!

Gesù è il sole, Maria è l’aurora che preannuncia il suo sorgere. Ieri sera abbiamo vegliato affidando alla sua intercessione la nostra preghiera per la pace nel mondo, specialmente in Siria e in tutto il Medio Oriente.


12 00

La invochiamo ora come Regina della Pace.

Regina della Pace prega per noi! Regina della Pace prega per noi!


12 00

Ave maris stella, Dei Mater alma

Ave, stella del mare, madre gloriosa di Dio,

Atquesemper virgo felixcaeli porta

vergine sempre, Maria, porta felice del cielo.

Sumensillud ave Gabrielis ore

L'«Ave» del messo celeste reca l'annunzio di Dio,

Funda nos in pace mutansEvaenomen

muta la sorte di Eva, dona al mondo la pace.


12 00

Solve vinclareisprofer lumen caecis.

Spezza i legami agli oppressi, rendi la luce ai ciechi.

Mala nostra pelle bona cunctaposce.

scaccia da noi ogni male, chiedi per noi ogni bene.

Monstra te esse matremsumat per te preces

MóstratiMadre per tutti, offri la nostra preghiera,

Qui pro nobisnatustulit esse tuus.

Cristo l'accolga benigno, lui che si è fatto tuo Figlio.


12 00

Virgo singularis inter omnesmitis

Vergine santa fra tutte, dolce regina del cielo,

Nosculpissolutos mites fac et castos

rendi innocenti i tuoi figli, umili e puri di cuore.

Vitampraestapuram iter para tutum

Dónacigiorni di pace, veglia sul nostro cammino,

UtvidentesJesum semper collaetemur.

fa' che vediamo il tuo Figlio, pieni di gioia nel cielo.


12 00

Sit lausDeoPatrisummo Christo decus

Lode all'altissimo Padre, gloria al Cristo Signore,

Spirituisanctotribus honor unus. Amen.

salga allo Spirito Santo, l'inno di fede e di amore. Amen.


  • Login