Laboratorio di Chimica
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 43

Laboratorio di Chimica Testi Consigliati PowerPoint PPT Presentation


  • 125 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Laboratorio di Chimica Testi Consigliati. Laboratorio di Chimica , G.Ciani, A. Fusi, F. Nicotra e B. Rindone, Ed. SES. Elementi di Chimica Analitica , D. C. Harris, Ed. Zanichelli. Camice da Laboratorio Guanti di Lattice Occhiali di Protezione Spatola Forbici Rotolo carta casa

Download Presentation

Laboratorio di Chimica Testi Consigliati

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Laboratorio di chimica testi consigliati

Laboratorio di ChimicaTesti Consigliati

  • Laboratorio di Chimica, G.Ciani, A. Fusi, F. Nicotra e B. Rindone, Ed. SES.

  • Elementi di Chimica Analitica, D. C. Harris, Ed. Zanichelli


Laboratorio di chimica attrezzatura richiesta

Camice da Laboratorio

Guanti di Lattice

Occhiali di Protezione

Spatola

Forbici

Rotolo carta casa

Detersivo piatti

Quaderno

Calcolatrice

Tavola Periodica

Laboratorio di ChimicaAttrezzatura Richiesta


Il laboratorio chimico

Banconi

Lavandini

Cappe

Armadi di Sicurezza

Reagenti

Solventi

Acidi e Basi

Il Laboratorio Chimico

  • Prese di corrente

  • Rubinetti acqua (verde)

  • Rubinetti gas (gialli)


Il laboratorio chimico strumentazione e apparecchiature

Il Laboratorio ChimicoStrumentazione e apparecchiature

bagno a ultrasuoni

stufa

  • piastre riscaldanti

  • agitatori magnetici

macchina ghiaccio

essiccatore

bilance

evaporatore rotante

  • pH-metro


Il laboratorio chimico vetreria comune

Il Laboratorio ChimicoVetreria Comune

gooch

refrigerante

becher

imbuti e setti porosi

tettarelle

provette

beute

pipetta pasteur

vetrino da orologio

capsula

capsula di Petri

imbuto separatore


Il laboratorio chimico il metodo

Il Laboratorio ChimicoIl metodo

  • La pratica del laboratorio si esprime nell’esecuzione di esperienze

  • Acquisizione di manualità

  • conoscenza e scelta della vetreria

  • conoscenza dei principali metodi sintetici ed analitici

  • Acquisizione di tecniche sperimentali elementari

  • misure di massa e volume

  • filtrazione

  • Conferma pratica delle leggi

  • Interpretazione dei fenomeni su base molecolare


Il laboratorio chimico il metodo1

Il Laboratorio ChimicoIl metodo

Programmazione

1) Scopo dell’esperienza

2) Comprensione delle basi teoriche

3) Pianificazione del metodo

3) Individuazione della vetreria richiesta

4) Individuazione di reagenti e solventi

Realizzazione

5) Esecuzione

6) Quaderno di laboratorio

Relazione:

Titolo

Presentazione

Procedimento

Apparecchiatura e Materiali

Esecuzione

Conclusioni

Registrare accuratamente i dati

Eseguire i calcoli richiesti

Valutare i risultati e stabilire i limiti di errore


Il laboratorio chimico prevenzione degli incidenti

Cause

Distrazione

Incoscienza

Ignoranza

Fonti di pericolo

Sostanze chimiche (ustioni, lesioni oculari, intossicazioni…)

Apparecchi elettrici e di vetro (scosse elettriche, incendi, ferite…)

Il Laboratorio ChimicoPrevenzione degli incidenti


Uso di reagenti chimici leggere e capire un etichetta

Uso di reagenti chimiciLeggere e capire un’etichetta


Uso di reagenti chimici simboli di pericolo

Uso di reagenti chimiciSimboli di Pericolo

Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e in caso di malessere consultare il medico.Per evitare il contatto utilizzare i dispositivi di protezione adeguati: guanti, schermo, tuta, ecc.lavorare preferibilmente all'esterno o in un locale ben ventilato (sotto cappa).Osservare le norme igieniche: lavarsi le mani, non mangiare, non fumare durante il lavoro.Conservare fuori dalla portata dei minori

Sostanze molto pericolose per la salute, per inalazione, ingestione o contatto con la pelle, e che possono anche causare la morte. Possibilità di effetti irreversibili da esposizioni occasionali, ripetute o prolungate.

Tossico (T) Molto Tossico (T+)

Nocivo per inalazione, ingestione o contatto con la pelle. Possibilità di effetti irreversibili da esposizioni occasionali, ripetute o prolungate.

Nocivo (Xn)


Uso di reagenti chimici simboli di pericolo1

Uso di reagenti chimiciSimboli di Pericolo

(F) I prodotti facilmente infiammabili si innescano in presenza di una fiamma o fonte di calore. Reagiscono violentemente con l’ acqua sviluppando gas infiammabili.

(F+) Prodotti in grado di infiammarsi a temperature inferiori ai 0°C. Sostanze che si infiammano spontanea-mente all’aria.

Mai utilizzarli vicino ad una fonte di calore, ad una superficie calda, in prossimità di scintille o di fiamma non protetta.Conservare i prodotti in un locale ben ventilato.Evitare la formazione di miscele di aria-gas infiammabili.Conservare i prodotti infiammabili (F o F+) lontano dai prodotti comburenti (O).Evitare il contatto dei prodotti idrosensibili con umidità o acqua.Vietato fumare.Non indossare indumenti in nylon e tenere sempre a portata di mano un estintore

Facilmente infiammabile (F) Estremamente infiammabile (F+)

(O) Sostanze ossidanti che possono infiammare materiale combustibile o alimentare incendi già in atto, rendendo più difficili le operazioni di spegnimento

Comburente (O)


Uso di reagenti chimici simboli di pericolo2

Uso di reagenti chimiciSimboli di Pericolo

Evitare il surriscaldamento, urti, attriti, scintille, calore.Non conservarlo mai vicino a fonti di calore.Divieto assoluto di fumare

Prodotti che possono esplodere in determinate condizioni: temperatura, urti, attriti, etc.

Esplosivo (E)

Sostanze nocive per l'ambiente acquatico (organismi acquatici, acque) e per l'ambiente terrestre (fauna, flora, atmosfera), o che a lungo termine hanno effetto dannoso

Non disperdere nell'ambiente.Eliminare il prodotto o i residui analogamente ai rifiuti pericolosi.Evitare la contaminazione dell'ambiente attraverso uno stoccaggio adeguato.

Pericoloso per l’ambiente (N)


Laboratorio di chimica testi consigliati

Uso di reagenti chimiciSimboli di Pericolo

Non respirare i vapori ed evitare il contatto con pelle, occhi ed indumenti.Conservare fuori dalla portata dei minori

Prodotti chimici che per contatto distruggono sia tessuti viventi che attrezzature.

Corrosivo (C)


Agenti cancerogeni e mutageni simboli di pericolo

Agenti cancerogeni e mutageniSimboli di Pericolo

Sostanze classificate nelle categorie 1 e 2

Sostanze classificate nella categoria 3

T

Xn

R45

“Può provocare il cancro”

R40

“Possibilità di effetti irreversibili”

Se il rischio è solo per inalazione (fumi, polveri, vapori) e altre esposizioni (ingestione, contatto) non presentano rischi:

R49 “Può provocare il cancro per inalazione”


Prevenzione e sicurezza alcuni agenti cancerogeni e mutageni

Prevenzione e sicurezzaAlcuni agenti cancerogeni e mutageni

SostanzaCategoria

SostanzaCategoria

Acido Arsenico 1

Acrilonitrile 2

Antracene 2

Benzene 1

Berillio 2

1,3-Butadiene 2

Cadmio cloruro 2

Sali di Cromo (III) 2

Diazometano 2

1,2-Dicloroetano 2

Diossido di Ni 1

Idrazina 2

Idrazobenzene 2

2-Naftilammina 1

o-Nitroanisolo 2

2-Nitropropano 2

Bromato di Potassio 2

Solfuro di Nichel 1

Tioacetammide 2

Cloruro di Vinile 1


Prevenzione e sicurezza norme elementari

Prevenzione e SicurezzaNorme elementari

  • Non prelevare liquidi con la bocca (usare dosatori, propipette, o altro)

  • Evitare il contatto di qualunquesostanza chimica con la pelle, con gli occhi, con le mucose

  • Utilizzare salvo diversa disposizione le quantità minimedi sostanze e preparati

  • Evitare di mescolare casualmentesostanze diverse se non si è certi della loro compatibilità


Prevenzione e sicurezza norme elementari1

Prevenzione e SicurezzaNorme elementari

  • Durante l’impiego di sostanze pericolose operare sotto cappa, utilizzando i necessari DPI

  • Tenere lontane le fiamme libere dai contenitori di sostanze infiammabili

  • Durante il riscaldamento, non orientare l’apertura delle provette verso la persona vicina

  • L’uso di sostanze potenzialmente esplosivedeve avvenire solo in luoghi dotati di protezione adeguata (schermi)

  • Bonificare immediatamente le superfici (banchi o pavimenti) su cui siano state versate sostanze chimiche. In particolare:

    • gli acidi con NaHCO3;

    • le basi con HCl 5%;

    • utilizzare se possibile specifiche polveri assorbenti.


Prevenzione e sicurezza norme elementari2

Prevenzione e SicurezzaNorme elementari

  • Sostanze infiammabili

  • Nel caso di versamento di liquidi infiammabili, spegnere immediatamente le fiamme liberee staccare la corrente

  • Non versare materiali infiammabili nei cestini porta-rifiuti

  • Impiegare con cautela la vetreria

  • Non scaldare alla fiamma recipienti graduatiotarati

  • Non scaldare vetreria con pareti spesse(es. beute codate)

  • Maneggiare con cura la vetreria caldaimpiegando i DPI opportuni


Prevenzione e sicurezza apparecchiature ed attrezzature

Prevenzione e SicurezzaApparecchiature ed attrezzature

  • Non cercare di mettere in funzione apparecchiature che non si conoscono.

  • Non toccare apparecchi sotto tensione con lemani bagnate.

  • In caso di versamenti di liquidi,isolare l’alimentazione elettricadella regione del laboratorio coinvolta.

  • Segnalare immediatamente eventualimalfunzionamenti.

  • Non abbandonare il posto di lavoro lasciando in funzione apparecchiature elettriche, apparecchiature riscaldate con fiamme a gas, e apparecchiature che utilizzino acqua per il raffreddamento.


Prevenzione e sicurezza apparecchiature in vetro

Prevenzione e SicurezzaApparecchiature in vetro

  • Non scaldare vetreria tarata o a parete spessa.

  • Usare con attenzione la vetreria calda.

  • Non appoggiare alcun recipiente vicino al bordo del bancone.

  • Non tenere in tasca oggetti di vetro o taglienti.

  • Quando si deve infilare un tubo di vetro in un tubo di gomma o in un tappo, proteggersi le mani con guanti adatti resistenti a perforazioni e tagli.

  • Apparecchiature in vetro complesse devono essere smontate prima di essere trasportate.

  • Non forzare con le mani l’apertura di giunti smerigliati bloccati.


Prevenzione e sicurezza uso delle cappe chimiche di aspirazione

Prevenzione e SicurezzaUso delle cappe chimiche di aspirazione

  • Effettuare sotto cappa tutte quelle operazioni che possono comportarel’emissione in atmosfera di sostanzeanchemoderatamentetossiche.

  • Avviarelaventilazioneforzata prima di procedere.

  • Tenere il saliscendi e gli sportelli benchiusidurante l’utilizzo.

  • Per effettuare operazioni all’interno della cappa, sollevare al massimo il saliscendi, e riabbassarlo appena terminato.

  • Non impiegare fiamme libere in cappe provviste di alimentazione di gas combustibile.

  • Non impiegareacidopercloricoo derivati in cappe non destinate a questo utilizzo.

  • Verificare periodicamente l’efficienza delle cappe.


Prevenzione e sicurezza comportamento in laboratorio

Prevenzione e SicurezzaComportamento in laboratorio

MMantenere pulito ed in ordine il laboratorio; non introdurre sostanze ed oggetti estranei alle attività di lavoro.

NNel laboratorio è vietato fumare, conservare ed assumere cibi e bevande.

RRispettare le elementari norme igieniche, per es. lavarsi le mani alla fine del lavoro.

NNon portare oggetti alla bocca; è vietato l'uso di pipette a bocca, utilizzare le propipette.

IIndossare sempre il camice e, ove previsto, i dispositivi di protezione individuali (DPI): guanti, occhiali, maschere ecc.


Prevenzione e sicurezza comportamento in laboratorio1

In laboratorio utilizzare un abbigliamento personale adeguato (evitare tacchi alti, scarpe aperte e sandali) e tenere i capelli lunghi raccolti.

Utilizzare sempre le cappe chimiche per le reazioni chimiche giudicate a rischio e per il travaso o prelievo di solventi, specie se volatili.

Evitare di utilizzare i laboratori al di fuori dei normali orari di lavoro. Non lavorare mai soli quando si utilizzano apparecchiature o reagenti pericolosi. Nel caso ci siano difficoltà nella valutazione della pericolosità si deve contattare il responsabile del laboratorio.

Non lasciare mai senza controllo reazioni in corso o apparecchi in funzione e nel caso munirli di opportuni sistemi di sicurezza.

Prevenzione e SicurezzaComportamento in laboratorio


Laboratorio di chimica testi consigliati

I pavimenti e i passaggi fra i banconi devono essere sempre liberi.

Non sedersi mai sui banchi di laboratorio. Sedie e sgabelli devono essere tenuti lontani dai banconi durante gli esperimenti.

Raccogliere, separare ed eliminare in modo corretto i rifiuti chimici, biologici e radioattivi, solidi e liquidi prodotti nei laboratori; è vietato scaricarli in fogna e nei cassonetti.

Prima di lasciare il laboratorio accertarsi che il proprio posto di lavoro sia pulito ed in ordine e che tutti gli apparecchi, eccetto quelli necessari, siano spenti. Togliere il camice e i dispositivi individuali di protezione all'uscita dei laboratori.

Prevenzione e SicurezzaComportamento in laboratorio


Prevenzione e sicurezza informazioni di sicurezza per chi porta lenti a contatto

Prevenzione e SicurezzaInformazioni di sicurezza per chi porta lenti a contatto

  • Possono assorbire vapori chimici.

  • Possono facilitare un lungo e diretto contatto tra sostanze tossiche e gli occhi.

  • Possono catturare sostanze e particelle nello spazio tra la lente e l'occhio.

  • Possono essere difficili da rimuovere in una situazione di emergenza a causa degli spasmi muscolari dell'occhio.

  • Anche sciacquando l'occhio con notevoli quantità di acqua potrebbe non servire a lavarlo dagli agenti contaminanti se le lenti sono rimaste al loro posto.


Prevenzione e sicurezza norme di sicurezza per chi porta lenti a contatto

Prevenzione e SicurezzaNorme di sicurezza per chi porta lenti a contatto

  • Gli operatori che lavorano in situazioni in cui vi sia rischio di ferite agli occhi o ustioni (per contatti con particelle volatili, sostanze pericolose o raggi dannosi) devono indossare adeguate protezioni per il viso e gli occhi.

  • Al termine di attività in cui vengono usati materiali chimici pericolosi, lavare sempre accuratamente le mani con acqua e sapone e sciacquare prima di maneggiare le lenti. Applicare questa procedura anche se si sono indossati i guanti.

  • NON lasciare mai le lenti in stanze in cui vi

  • sia la presenza di agenti chimici volatili.


Prevenzione e sicurezza colori di sicurezza

DIVIETOAtteggiamenti pericolosi

PERICOLO O ALLARMEStop, dispositivi d’emergenza

ANTINCENDIOIdentificazione ed ubicazione

Attenzione

AVVERTIMENTOCautela

Verifica

Comportamento o azione

PRESCRIZIONEObbligo di portare un mezzo di sicurezza personale

SEGNALE DI SALVATAGGIOPorte, uscite, materiali, locali

SITUAZIONE DI SICUREZZARistabilimento condizioni normali

Prevenzione e SicurezzaColori di Sicurezza


Prevenzione e sicurezza segnaletica di sicurezza

Prevenzione e SicurezzaSegnaletica di Sicurezza

forma rotondapittogramma nero su fondo bianco, bordo e banda rossi (verso il basso da sinistra a destra, lungo il simbolo con un'inclinazione di 45° rispetto all'orizzontale) (35% rosso)

forma rotondapittogramma bianco su fondo azzurro ( 50%azzurro)

forma triangolarepittogramma nero su fondo giallo, bordo nero (50% giallo)

forma quadrata o rettangolarepittogramma bianco su fondo verde

(50% verde)

forma quadrata o rettangolarepittogramma bianco su fondo rosso

(50% rosso)


Prevenzione e sicurezza normativa antincendio

Prevenzione e SicurezzaNormativa Antincendio

Segnaletica antincendio


Prevenzione e sicurezza normativa antincendio1

Prevenzione e SicurezzaNormativa Antincendio

Classificazione degli incendi*

Incendi di materiali solidi combustibili che facciano brace ed il cui spegnimento presenta difficoltà (legname, carta, tessuti, pelli, gomma)

CLASSE

A

Incendi di liquidi infiammabili per i quali è necessario un effetto di copertura (alcoli, solventi, oli minerali, eteri ecc.)

B

Incendi di gas infiammabili (idrogeno, metano, propilene, acetilene)

C

D

Incendi di metalli come polveri, trucioli, scarti metallici

Incendi di apparecchiature elettriche, trasformatori, alternatori, quadri ecc. sotto tensione per il cui spegnimento occorrono agenti non conduttori

E

* Comitato Europeo di Normalizzazione ed Ente di Unificazione Italiano


Prevenzione e sicurezza normativa antincendio2

A

B

C

D

E

Prevenzione e SicurezzaNormativa Antincendio

CLASSE

Acqua

Schiuma

Polvere

CO2

Idrocarburi alogenati

SI

NO

NO

NO

NO

SI(1)

SI

NO

NO

NO

NO(2)

SI

SI

NO(3)

SI

SI(1)

SI

SI(1)

NO

SI

SI(1)

SI

NO

NO

NO

  • Efficacia limitata

  • Se per uso polivalente

  • Se idoneo per incendi da metalli


Prevenzione e sicurezza comportamento in caso di emergenza

Prevenzione e SicurezzaComportamento in caso di EMERGENZA

  • Mantenere la calma, perché di solito il panico può creare più danno; attenersi alle disposizioni impartite dagli addetti ed alle eventuali norme previste per la specifica situazione.

  • Dirigersi in modo ordinato all'esterno dell'edificio e nel luogo sicuro più vicino, seguendo la via più breve indicata dalla apposita segnaletica, chiudendo le porte tagliafuoco; in caso di incendio non usare gli ascensori.

  • Se i corridoi e le scale sono completamente invase dal fumo, rimanere nella stanza (porte ben chiuse e fessure ben tappate possono proteggere per molto tempo); segnalare la propria presenza con ogni mezzo.

  • Aiutare i colleghi in difficoltà e, qualora la situazione lo permetta, prima di allontanarsi e comunque nel più breve tempo possibile, riporre in luogo sicuro eventuali sostanze pericolose, al fine di minimizzare le conseguenze dell'incidente; non effettuare alcuna altra manovra per la quale l'operatore, in particolare lo studente, non abbia ricevuto adeguate istruzioni.


Prevenzione e sicurezza comportamento in caso di infortunio

Prevenzione e SicurezzaComportamento in caso di infortunio

La vita dell’infortunato spesso dipende dalla rapidità dell’intervento

  • Mantenere la calma

  • Prodigare le prime cure

  • Avvertire il medico

  • Organizzare il trasporto in ospedale

  • Consegnare al medico l’etichetta


Prevenzione e sicurezza regole del soccorritore

Prevenzione e SicurezzaRegole del soccorritore

In presenza di liquidi biologici (sangue, ecc. ) indossare i guanti monouso

  • 1. Valutare lo stato di coscienza dell’infortunato

  • Chiamare l’infortunato e scuotere gentilmente la sua spalla:

  • Se NON è cosciente e non si muove chiamare immediatamente il 118.

  • Se cosciente confortarlo e rassicuralo, contattare il 118, descrivere le condizioni dell'infortunato e attendere istruzioni.

2. Verificare se le vie aeree (bocca, naso) dell'infortunato sono libere da corpi estranei

Liberare le vie aeree se ostruite da vomito, lingua ripiegata, corpi estranei. Se l'infortunato non ha subito traumi iperestendere il capo.


Prevenzione e sicurezza regole del soccorritore1

Prevenzione e SicurezzaRegole del soccorritore

  • 3. Verificare la presenza del respiro

  • Avvicinare l’orecchio alla bocca dell’infortunato per sentire l’aria che esce e osservare il movimento del torace che si espande, per almeno 5-7 secondi.

  • Se NON respira e si è in grado effettuare due ventilazioni.

  • Se respira e non traumatizzato mettere in posizione laterale di sicurezza.

  • 4. Verificare se il cuore batte (presenza del polso)

  • Posizionare i polpastrelli sul collo, lateralmente alla trachea, sull'arteria carotide per un tempo di almeno 7-10 sec.

  • Se NON si sente polso e si è in grado eseguire il massaggio cardiaco.


Prevenzione e sicurezza pronto soccorso

Prevenzione e SicurezzaPronto Soccorso

In caso di ingestione, inalazione, contatto o ogni altra esposizione di

SOSTANZE CHIMICHE

consultare la Scheda Dati di Sicurezza della sostanza chimica

  • Contaminazione o lesioni della pelle

  • Rimuovere tutti gliindumenticontaminati

  • Lavarela parte interessata con acqua corrente

  • Tenere l’infortunatodistesoedalcaldo

  • Praticarelarespirazioneconossigeno

  • Ricorrere all’assistenza medica


Prevenzione e sicurezza pronto soccorso1

Prevenzione e SicurezzaPronto Soccorso

  • Contaminazione o lesioni dell’apparato respiratorio

  • Attenzione a non inalare il gas tossico

  • Aprire porte e finestre per migliorare la ventilazione

  • Portare l’infortunato in un luogo sicuro

  • Tenere l’infortunatodistesoedalcaldo

  • Praticare la respirazione conossigeno

  • Ricorrere all’assistenza medica


Prevenzione e sicurezza pronto soccorso2

Prevenzione e SicurezzaPronto Soccorso

  • Ferite da taglio e lacero-contuse

  • Lavarsi bene le mani con acqua e sapone prima di toccare qualunque ferita o il materiale di medicazione; in caso di mancanza di acqua, pulirsi con un batuffolo di cotone idrofilo imbevuto di alcool.

  • Lavare la ferita con acqua pura e sapone, servendosi della garza per allontanare il terriccio, la polvere, le schegge, ecc.; in mancanza di acqua, lavare la pelle intorno alla ferita con un batuffolo di cotone idrofilo imbevuto di alcool.

  • Lasciare uscire dalla ferita alcune gocce di sangue ed asciugare con la garza.

  • Applicare alla ferita un poco di alcool iodato; coprire con garza; appoggiare sopra la garza uno strato di cotone idrofilo; fasciare con una benda di garza, da fissare alla fine con una spilla o con un cerotto. Se si tratta di piccola ferita, in luogo della fasciatura, fissare la medicazione mediante striscioline di cerotto.

  • Se dalla ferita esce molto sangue comprimerla con garza e cotone idrofilo, in attesa che l'infortunato riceva le cure del medico. Se la perdita di sangue non si arresta e la ferita si trova in un arto, in attesa del medico legare l'arto, secondo i casi a monte (arteriosa) o a valle (venosa) della ferita o in ambedue le sedi, mediante una fascia di garza, una cinghia, una striscia di tela, ecc., sino a conseguire l'arresto dell'emorragia.


Prevenzione e sicurezza pronto soccorso3

Prevenzione e SicurezzaPronto Soccorso

  • Contaminazione e lesioni dell’apparato digerente

  • Sciacquare laboccacon acqua corrente, quindi conbicarbonato di sodio o conacido citrico o limone in caso di contaminazione conacidiebasi rispettivamente.

  • Far bere abbondante acqua.

  • Se la sostanza non è corrosiva, provocare il vomito con unemetico(es. sciroppo di ipecacuana).

  • Somministrare l’antidoto.Qualora si ignori l’antidoto o la natura della sostanza tossica, somministrarecarbone. Non somministrare latte.

  • Tenere l’infortunatodistesoed alcaldo.

  • Praticare la respirazione conossigeno.

  • Ricorrere all’assistenza medica.


Prevenzione e sicurezza pronto soccorso4

Prevenzione e SicurezzaPronto Soccorso

  • Ferite agli occhi

  • Nel caso di ferita agli occhi, lavare la lesione soltanto con acqua, coprirla con garza sterile e cotone idrofilo e fissare la medicazione con una benda ovvero con striscioline di cerotto.

  • In caso di ferite dovute a corpi estranei (es. schegge)non tentare assolutamente di estrarre il corpo estraneo.

  • Ricorrere all’assistenza medica.

  • Ustioni

  • In caso di scottature, applicare con delicatezza sulla lesione un po' del preparato anti-ustione, coprire con la garza e fasciare non strettamente.

  • Coprirel’infortunato e ricorrere al più presto all’assistenza medica.


Prevenzione e sicurezza pronto soccorso5

Prevenzione e SicurezzaPronto Soccorso

  • Trauma

  • Se non assolutamente indispensabile,non muovereil ferito.

  • Tenere l’infortunatodistesoedalcaldo.

  • Non somministrare liquidi.

  • Chiamare un’autoambulanza per trasportare l’infortunato all’ospedale.


Prevenzione e sicurezza pronto soccorso6

Prevenzione e SicurezzaPronto Soccorso

  • Folgorazione

  • Interromperel’alimentazione elettrica.

  • Se questo non fosse possibile,isolarsida terra prima di toccare l’infortunato.

  • Se l’infortunato può bere, somministrareliquidi.

  • Se necessario, praticare la respirazione artificiale.

  • Se si nota sangue alla bocca od al naso, spostare il ferito su unfiancoed astenersi da qualunque altro intervento.

  • Chiamare un medico e/o un’autoambulanza.

  • Tenere l’infortunatodistesoed alcaldo.


Prevenzione e sicurezza schema chiamata soccorso esterno 118

Prevenzione e SicurezzaSchema chiamata soccorso esterno118

È possibile chiamare il 118 da un qualsiasi telefono

non occorrono tessere, monete o gettoni

 Le richieste di soccorso devono essere precise, ordinate e sintetiche per evitare perdita di tempo prezioso per la salvaguardia della vita umana.

  • Informazioni da fornire (con calma, senza interrompere la comunicazione) 

    • struttura di appartenenza (Dipartimento, Istituto, Centro), proprio nome e cognome e numero telefonico;

    • numero degli infortunati;

    • informazioni sulle condizioni dell’infortunato (coscienza, respiro, polso, ferite, malore, ustione);

    • indicazioni precise per il raggiungimento del luogo dell’infortunio (nome della struttura, indirizzo via, N° civico, piano dell’edificio, denominazione della stanza, laboratorio, percorso interno alla struttura, ecc.);

    • concordare il percorso con la centrale operativa 118. Se il luogo è difficile da raggiungere fare in modo che qualcuno accolga l’ambulanza all'ingresso sulla via principale. Far aprire i cancelli, le sbarre, i portoni di accesso;

    • rispondere alle domande e non riagganciare sino a che sono state impartite disposizioni.


  • Login