Le malattie infettive del snc
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 17

Le malattie infettive del SNC PowerPoint PPT Presentation


  • 138 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Le malattie infettive del SNC. Classificazione per sede. Meningiti Infezione dello spazio subaracnoideo Encefaliti Infezioni “diffuse” del parenchima cerebrale Ascessi cerebrali Infezioni localizzate e capsulate del parenchima Altre sedi Empiema extradurale Empiema subdurale

Download Presentation

Le malattie infettive del SNC

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Le malattie infettive del snc

Le malattie infettive del SNC


Classificazione per sede

Classificazione per sede

  • Meningiti

    • Infezione dello spazio subaracnoideo

  • Encefaliti

    • Infezioni “diffuse” del parenchima cerebrale

  • Ascessi cerebrali

    • Infezioni localizzate e capsulate del parenchima

  • Altre sedi

    • Empiema extradurale

    • Empiema subdurale

    • Trombosi venosa seni durali


Malattie infettive snc agenti eziologici

Malattie infettive SNC: agenti eziologici

  • Batteri

    • Gram +, Gram-

    • Micobatteri

    • Spirochete: Treponema Pallidum, Borrelia

  • Virus

  • Miceti

    • soggetti immunodepressi

  • Protozoi

    • infezioni congenite (toxoplasmosi), soggetti immunodepressi, malattie tropicali

  • Prioni

    • particelle proteiche potenzialmente infettanti, su base genetica o “sporadica”


Malattie infettive snc vie d ingresso dei patogeni

Malattie infettive SNC: vie d’ingresso dei patogeni

  • per via ematogena (setticemia o emboli settici)

  • per contiguità da strutture craniche infette (orecchi, seni paranasali, focolai osteomielitici)

  • per continuità (ferite craniche penetranti)

  • disseminazione chirurgica


Meningite

Meningite

  • Infezione acuta dello spazio subaracnoideo cerebrospinale (pia madre, aracnoide e liquor)

  • Agenti eziologici più frequenti:

    • Batteri

      • Haemophilus influenzae (bambini< 2 aa.)

      • Streptococco tipo B (neonati per passaggio nel canale vaginale)

      • Pneumococco (neonati, anziani, etilisti)

      • Meningococco (bambini, adolescenti ed adulti in comunità, presenza di portatori sani)

      • Staffilococco, Klebsiella, Listeria (soggetti immunodepressi o dopo intervento NCH, specie derivazione ventricolare)

      • Micobatterio della tubercolosi

    • Virus

      • Enterovirus, adenovirus, parotite, EBV, CMV, HIV


Meningite quadro clinico

Meningite: quadro clinico

  • Febbre

  • Alterazione dello stato di coscienza

    • Rallentamento I/M, stato confusionale, sopore, coma

  • Cefaleacon fotofobia

  • Segni meningei

    • Rigidità nucale, segno di Lasègue, decubito laterale con gambe in flessione

  • Convulsioni generalizzate

  • Altri segni:

    • Petecchie (meningococco!)

    • Vomito, ipotonia, tensione fontanelle (neonati)


Meningite batterica acuta manifestazioni cliniche

Sintomi:

cefalea

rigidità o dolore nucale

coscienza alterata

nausea e vomito

fotofobia

sintomi respiratori

sotto i 2 anni:

irritabilità

pianto debole

Segni:

febbre

rigidità nucale

disturbo di coscienza

crisi epilettiche

deficit neurologici focali (nervi cranici)

rash cutaneo

nei bambini:

tensione delle fontanelle

Meningite batterica acuta:manifestazioni cliniche


Meningite diagnosi

Meningite: diagnosi

  • Puntura lombare (esame fondamentale, riscontro diverso a seconda di agente eziologico)

    • Batterica: liquor torbido, aumento proteine, aumento cellule (PMN), riduzione glucosio; aumento pressione liquorale

    • Virale: liquor smerigliato, aumento proteine, modesto aumento cellule (linfociti), glucosio normale

    • Tubercolare: riscontro simile alla forma virale ma con glucosio ridotto

  • Esame colturale su liquor

  • Esami virologici (PCR, dosaggio anticorpale) su liquor


Meningite prognosi e terapia

Meningite: prognosi e terapia

  • Batterica

    • prognosi severa, mortalità elevata

    • terapia antibiotica endovenosa ad alte dosi (prevalentemente con cefalosporine di III e IV generazione)

    • misure preventive:

      • Meningococco: rifampicina ai contatti

      • Vaccino contro Haemophilus

  • Virale

    • prognosi buona, terapia sintomatica

  • Tubercolare

    • prognosi severa, terapia antibiotica specifica per Micobatterio


Encefalite acuta

Encefalite acuta

  • Eziologia viralenella maggioranza dei casi

    • Herpes simplex

    • Herpes zoster, CMV, EBV

    • Enterovirus

    • Arbovirus (vettori: zecche, zanzare)

  • Batterica: su base microembolica da foci infettivi sistemici

  • Postinfettiva: su base autoimmune, demielinizzante

    • Morbillo (1: 1000, prognosi severa)

    • Varicella (cerebellite, prognosi benigna)


Encefalite sintomi

Encefalite: sintomi

  • febbre (ma non necessariamente presente)

  • alterazione coscienza (sopore, coma)

  • segni neurologici focali (afasia, emiparesi…)

  • crisi epilettiche parziali e generalizzate

  • incostante cefalea ed ipertensione endocranica


Encefalite diagnosi e terapia

Encefalite: diagnosi e terapia

  • Puntura lombare con esami immunologici e colturali

  • RM encefalo (aree focali di alterato segnale, presa di contrasto meningea)

  • EEG (segni irritativi focali, alterazione attività di fondo)

  • Forme batteriche: terapia antibiotica

  • Forma herpetica; acyclovir endovena 30 mg/Kg/die per 14 giorni


Altre patologie batteriche snc

Altre patologie batteriche SNC

  • Ascesso cerebrale:

    • Infezione su base embolica o per contiguità da otomastoiditi, sinusiti

    • Sintomi simili a tumore cerebrale: cefalea, sviluppo subacuto segni focali, crisi parziali, stato confusionale

    • Diagnosi:TC, RM, SPECT con leucociti marcati

    • Terapia: chirurgica + antibiotica

  • Empiema extradurale e subdurale:

    • Infezione per contiguità

    • Sintomi: cefalea + febbre + segni di lato

    • Diagnosi: TC e RMN encefalo

    • Terapia : chirurgia


Hiv e sistema nervoso

HIV e sistema nervoso

  • Virus HIV neurotropo, manifestazioni polimorfe, presenti in tutti i soggetti affetti

  • Sintomi in parte legati direttamente al virus, in parte legati ad infezione da immunodepressione

  • Patologie dirette da HIV:

    • Meningite asettica

    • Mielopatia vacuolare

    • Encefalite acuta

    • Encefalite cronica (AIDS/demenza complex)

    • Radicolopatia, mononeurite, polineuropatia

    • Miopatia, polimiosite


Encefaliti a lento decorso

Encefaliti a lento decorso

  • Panencefalite sclerosante subacuta (PESS):

    • Virus morbillo, specie se contratto prima dei 2 anni

    • esordio subdolo molti anni dopo l’infezione con riduzione rendimento scolastico, evoluzione verso demenza, atassia, tetraparesi, disfagia, crisi epilettiche e mioclono

    • diagnosi: EEG e puntura lombare + RM

  • Leucoencefalite multifocale progressiva

    • Virus JC in soggetti immunodepressi

    • evoluzione in 3-6 mesi con comparsa progressiva di segni focali, inizialmente in fossa posteriore

    • diagnosi: RM, ricerca su liquor virus JC

    • no terapia specifica


Malattie prioniche

Malattie prioniche

  • Incidenza: 1/milione/anno, forse in aumento negli ultimi anni

  • Forme genetico-familiari, forme sporadiche, forme infettive con lunghissima incubazione

    • Trasmissione con elettrodi intracerebrali, trapianto di cornea, ormoni “naturali”

    • Trasmissione alimentare dimostrata (“new variant”)

      Comprendono: malattia di Creutzfeldt-Jacob,

      malattia di Gerstmann-Sträussler, insonnia fatale familiare


Malattie prioniche1

Malattie prioniche

  • Sviluppo rapidamente progressivo (in mesi) di disturbi cognitivi e motori, mioclonie, segni extrapiramidali e cerebellari

  • Diagnosi:

    • EEG seriati

    • Esami liquorali specifici (proteina 14-3-3)

    • Indagini neuroradiologiche spesso poco significative

    • Autopsia

  • Obbligo di denuncia

  • Precauzione particolare nella gestione del paziente e del materiale utilizzato per indagini invasive


  • Login