la cognizione sociale
Download
Skip this Video
Download Presentation
LA COGNIZIONE SOCIALE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 34

LA COGNIZIONE SOCIALE - PowerPoint PPT Presentation


  • 188 Views
  • Uploaded on

LA COGNIZIONE SOCIALE. Le fonti della “rivoluzione cognitiva”:. l’intelligenza artificiale. le neuroscienze. La Cognizione Sociale.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' LA COGNIZIONE SOCIALE' - dale


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Le fonti della “rivoluzione cognitiva”:

  • l’intelligenza artificiale
  • le neuroscienze
slide3

La Cognizione Sociale

si occupa dello studio scientifico dei processi attraverso cui le persone acquisiscono informazioni dall’ambiente, le interpretano, le immagazzinano in memoria e le recuperano da essa, al fine di comprendere sia il proprio mondo sociale, sia loro stesse ed organizzare di conseguenza i propri comportamenti

modello di essere umano
MODELLO DI ESSERE UMANO:

Ricercatore di coerenza (anni ’50 - ’60)

Scienziato ingenuo (anni ’70)

Economizzatore di risorse (anni ’80)

Tattico motivato (anni ’90)

slide5

Assunti dell’approccio cognitivo:

  • ATTIVITÀ MENTALE: fenomeno altamente strutturato, organizzato, gerarchizzato;

- HUMAN PROCESSING: attenzione alla sequenza di fasi che caratterizza i processi cognitivi

nascita del cognitivismo
NASCITA DEL COGNITIVISMO

STATI UNITI ’60 studia i PROCESSI COGNITIVI (pensiero, percezione, memoria, linguaggio, ecc.)

Pone al centro dell’indagine ciò che il comportamentismo aveva tagliato fuori dai confini della psicologia definendola come la scatola nera:

LA MENTE

definizione di cognitivo neisser 1967
DEFINIZIONE DI COGNITIVO (NEISSER, 1967)

IL TERMINE “COGNITIVO” SI RIFERISCE A TUTTI I PROCESSI DI MANIPOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI: ELABORAZIONE, RIDUZIONE, IMMAGAZZINAMENTO, RECUPERO E COMBINAZIONE.

Cognitivismo classico

HIP (HUMAN INFORMATION PROCESSING) si caratterizza per l’intenzione di recuperare come oggetto di analisi della psicologia proprio la mente e i suoi processi

cognitivismo
COGNITIVISMO
  • L’INDIVIDUO COSTRUISCE ATTIVAMENTE LA PROPRIA CONOSCENZA
  • VI E’ UN’INTERAZIONE BIDIREZIONALE TRA
  • INDIVIDUO E AMBIENTE GRAZIE ALLA QUALE GIUNGONO A COORDINARSI
  • IL PENSIERO INFANTILE E’ QUALITATIVAMENTE
  • DIVERSO DAL PENSIERO ADULTO
  • LO SVILUPPO COGNITIVO PREVEDE UNA SERIE DI TRASFORMAZIONI, CIASCUNA DELLE QUALI RIFLETTE UN MIGLIORE EQUILIBRIO TRA INDIVDUO E AMBIENTE
cognitivismo1
COGNITIVISMO

LE TEORIE COGNITIVISTE TENTONO A CONSIDERARE

L’INTELLIGENZA UMANA SIMILE A QUELLA

DIUN COMPUTER, POICHE’ ELABORA INFORMAZIONI

IN OGNI SITUAZIONE PER LA RISOLUZIONE DI PROBLEMI

=

L’oggetto di studio della psicologia cognitiva è, quindi, la mente come sistema complesso di regole, indipendentemente dai fattori biologici, sociali, culturali, emozionali, etc.

human information processing
HUMAN INFORMATION PROCESSING

LA MENTE E’ UN PROGRAMMA CHE ELABORA STIMOLI

E’ POSSIBILE STUDIARE LA MENTE INDIPENDENTEMENTE DALLE CARATTERISTICHE FISICHE IN CUI E’ INCORPORATA

SONO IMPORTANTI LE CARATTERICTICHE GENERALI DELLA MENTE COME SISTEMA

l elaborazione delle informazione
L’ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONE

L’elaborazione dell’informazione può essere così schematizzata:

movimento, discorso, decisione, ecc.

INPUT

OUTPUT

ES.

brano scritto, parola, musica, evento, ecc.

Ogni livello evolutivo è caratterizzato da una particolare relazione tra imput ed output.

I bambini di età diverse, o livelli cognitivi diversi mostrano differenze nel modo in cui prestano attenzione, si rappresentano,immagazzinano o combinano informazioni.

SISTEMA DI ELABORAZIONE DI INFORMAZIONI

crisi del cognitivismo classico
CRISI DEL COGNITIVISMO CLASSICO

IL COGNITIVISMO (CHE CRITICAVA IL COMPORTAMENTISMO PER LA SUA INCAPACITÀ DI SPIEGARE IL COMPORTAMENTO DELL\'UOMO AL DI FUORI DELL\'AMBIENTE ASETTICO DEL LABORATORIO), HA FINITO SPESSO PER ALLONTANARSI DALLA VITA REALE, SPEZZETTANDOSI NELLA COSTRUZIONE DI MODELLI SEMPRE PIÙ SOFISTICATI, MA SEMPRE PIÙ LONTANI DA CIÒ CHE L\'UOMO È E FA NEL SUO AGIRE QUOTIDIANO. 

cos e l apprendimento
COS’E L’APPRENDIMENTO?
  • QUALCOSA CHE RESTA: PROCESSO CHE SI HA QUANDO QUALCOSA CHE SI E’ ASCOLTATO, LETTO, FATTO, DETTO SCRITTO, RESTA NELLA MEMORIA PER POTER ESSERE RECUPERATO IN UN MOMENTO SUCCESSIVO.
  • QUALCOSA CHE SI AUTOMATIZZA: COME SCRIVERE AL PC, GUIDARE L’AUTOMOBILE, ESERCITARE ATTIVITA’ DI TIPO FISICO-MOTORIO (NUOTARE, SCIARE)
cos e l apprendimento1
COS’E L’APPRENDIMENTO?
  • QUALCOSA CHE SI COSTRUISCE: ATTRAVERSO PROCESSI DI COMPRENSIONE
  • QUALCOSA CHE SI INTERIORIZZA: A PARTIRE DALL’INTERAZIONE SOCIALE CON QUALCUNO PIU’ COMPETENTE.
la memoria per l elaborazione delle informazioni
LA MEMORIA PER L’ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

MEMORIA A BREVE TERMINE

MEMORIA A LUNGO TERMINE

memoria a breve termine
MEMORIA A BREVE TERMINE

HA UNA CAPIENZA LIMITATA

SVOLGE UN DUPLICE RUOLO:

1) SERVE DA TRANSITO (LE INFORMAZIONI PROVENIENTI DALL’AMBIENTE, PRIMA DI APPRODARE NELLA MEMORIA A LUNGO TERMINE SOSTANO IN QESTA;

2) SERVE DA MEMORIA DI SERVIZIO CONTIENE LE INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLA MEMORIA A LUNGO TERMINE CHE INTERAGISCONO CON LE INFORMAZIONI PROVENIENTI DALL’AMBIENTE

memoria a lungo termine
MEMORIA A LUNGO TERMINE

ARCHIVIO DALLA CAPACITA’ POTENZIALMENTE ILLIMITATA DOVE VENGONO DEPOSITATE LE CONOSCENZE CHE ACQUISIAMO

sintesi
SINTESI

Sviluppo della tecnologia

Sviluppo delle scienze

Apprendimento=

Processo

Attivo – elaborazione di informazioni

COGNITIVISMO

Studi su

Memeoria

Attenzione

Problemsolving

Intelligenza

MENTE = COMPUTER

slide19

L’accumulazione della conoscenza sulla realtà sociale deriva da due fonti di informazione:

  • la realtà oggettivamente data, che sta fuori di noi
  • Il nostro modo di percepirla, ciò che la mente attivamente costruisce e organizza

(Rosenhan, 1973 ricerca sulla diagnosi psichiatrica )

slide20

Le conoscenze sociali in memoria sono organizzate in diversi tipi di strutture:

    • Categorie
    • Prototipi
    • Schemi
categoria
Categoria

Struttura elementare di conoscenze, classificazione di cose o persone basata:

  • sul riconoscimento della somiglianza tra gli elementi che la compongono
  • sulla diversità degli elementi esclusi
slide22

Prototipo

Un prototipo è l’esempio più rappresentativo e il punto di riferimento per definire la categoria:

  • massimo di attributi in comune con gli altri membri della stessa categoria;
  • minimo di attributi in comune con membri di altre categorie
slide23

Schema

Gli schemi sono conoscenze immagazzinate in memoria grazie all’esperienza;

sono strutture cognitive inerenti a oggetti, persone, situazioni, inclusi i loro attributi.

slide24

Gli schemi

-semplificano la comprensione della realtà;

-guidano la costruzione di nuove conoscenze

slide25

Gli schemi sono strutture piramidali:

informazioni astratte e generiche

esempi o casi specifici

slide26

I concetti di categoria e schema presentano delle sovrapposizioni; tuttavia:

-categoria: momento iniziale di organizzazione degli stimoli sociali;

-schema: modo in cui si utilizza la conoscenza accumulata nella comprensione delle nuove informazioni

slide27

Gli schemi di persona

Sono strutture di conoscenza che contengono le informazioni che ci aiutano a descrivere le persone in base ai loro tratti di personalità e i loro scopi.

slide28

Gli schemi di sé

Il soggetto, pensando a se stesso, costruisce schemi grazie ai quali struttura la propria autocoscienza.

slide29

Gli schemi di ruoli

I ruoli sociali definiscono i comportamenti previsti in relazione alle posizioni che le persone occupano in una data realtà sociale.

Esistono ruoli acquisiti e ruoli ascritti

slide30

Gli schemi di eventi

Conoscenze relative al modo in cui ci si comporta nelle diverse situazioni sociali, comprese le aspettative che abbiamo sul modo in cui si comporteranno gli altri (scripts o copione).

slide31

IL PERCORSO COGNITIVO:

Memoria, conoscenza organizzata

Evento

stimolo

Ulteriori inferenze, decisioni/giudizi

Percezione

Codifica iniziale

Categorizzazione

Risposta

comportamentale

slide32

Le persone utilizzano due tipi di processi di conoscenza, a seconda degli scopi che perseguono:

Processi top-down (o schema-driven):

si basano sull’esistenza di concetti, conoscenze e teorie presenti in memoria, che permettono di trattare stimoli nuovi facendo riferimento a informazioni già possedute. Accorciano il lavoro cognitivo, ma possono indurre in errori e distorsioni

slide33

Processibottom-up (o data-driven):

si basano sui dati della situazione in atto raccolti tramite la percezione. Sono più accurati, ma dispendiosi sul piano temporale in quanto si centrano su ogni singolo elemento di informazione

slide34

La scelta di utilizzare processi schema-drivenodata-drivendipende:

  • motivazione dell’elaborazione
  • capacità di elaborazione
ad