Principi fisici di conversione avanzata energetica l s
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 50

Principi fisici di conversione avanzata (Energetica L.S.) PowerPoint PPT Presentation


  • 114 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Principi fisici di conversione avanzata (Energetica L.S.). G.Mazzitelli ENEA Sesta Lezione. Sesta Lezione. Fissione Reattori a Fissione Reattori a Fusione. Fissione.

Download Presentation

Principi fisici di conversione avanzata (Energetica L.S.)

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Principi fisici di conversione avanzata energetica l s

Principi fisici di conversione avanzata (Energetica L.S.)

G.Mazzitelli

ENEA

Sesta Lezione


Sesta lezione

Sesta Lezione

  • Fissione

  • Reattori a Fissione

  • Reattori a Fusione


Fissione

Fissione

  • La fissione nucleare è il processo per cui un nucleo che cattura un neutrone diventa instabile e si scinde in due nuclei più leggeri

    Esempio

    Rb – Rubidio

    Cs - Cesio


Fissione1

Fissione

Nel nucleo si bilanciano due forze quella nucleare che lo tiene unito e la repulsione elettrostatica che tende a separare i protoni.


Fissione2

Fissione

  • Poiché i nuclei più leggeri hanno circa 1 MeV di energia di legame in più di quelli più pesanti in ogni reazione di fissione si ha una energia di conversione pari a 200 MeV.

  • Per la reazione di fissione (1) Q=181MeV


Fissione3

Fissione

  • I prodotti della fissione non sono determinati univocamente ma la loro distribuzione è simmetrica intorno al centro (A1= A2). Per ogni frammento pesante vi dovrà essere un corrispondente frammento leggero.

  • La probabilità che i frammenti di fissione siano quasi uguali o gli stessi è 600 volte inferiore al massimo che si ha per A1 ≈ 95 e A2≈ 140


Fissione4

Fissione


Fissione5

Fissione

  • I due neutroni prodotti nella reazione di fissione (1) sono emessi all’istante della reazione (10-16 s) e sono definiti veloci (prompt) ed hanno energie di pochi MeV

  • Il numero medio di neutroni emessi νè caratteristico del particolare processo di fissione; per la fissione indotta da neutroni termici sperimentalmente si ha:


Fissione6

Fissione


Fissione7

Fissione

  • Oltre ai neutroni veloci abbiamo quelli ritardati ovverosia quei neutroni (~1%) emessi in seguito a decadimenti beta dei frammenti della reazione di fissione.

  • I tempi di ritardo rispetto alle reazione di fissione sono abbastanza corti, tipicamente dell’ordine dei secondi


Fissione8

Fissione

I prodotti di fissione della reazione (1) sono instabili e decadono secondo la seguente sequenza:


Ripartizione dell energia di fissione

Ripartizione dell’energia di fissione


Energia dalla fissione

Energia dalla fissione

La fissione di un atomo di 235U produce:

200 MeV*1.6x10-13joule = 3.2 x 10-11 joule

Per produrre 1 Watt avremo bisogno

3.1x1010 fissioni al secondo

Un g di 235U contiene 6x1023/235=2.6x1021 atomi che completamente bruciato produce 8.3x1010 joule pari a 2.3x104 Kwh.

Quindi per avere una potenza continua di 1 MW al giorno bisogna consumare circa 1 g di 235U


Reazione a catena

Reazione a catena

  • La reazione di fissione si presta molto bene ad un funzionamento a catena: i neutroni prodotti in una fissione possono essere assorbiti da altri nuclidi fissili e provocare nuove fissioni e cosi via.

  • Una reazione si dice critica quando si autosostiene, cioè quando il numero di neutroni si mantiene costante nel tempo.


Reazione a catena1

Reazione a catena

In un sistema critico il numero di neutroni prodotti al secondo P deve essere uguale a quello per persi al secondo o perché assorbiti A o perche sfuggono al sistema F

P = A+ F

Se il rapporto P/(A+F) = Keff=1 il sistema si definisce critico o se maggiore di 1 (i neutroni aumentano nel tempo) è sovracritico, se minore di 1 ( i neutroni diminuiscono nel tempo ) è sottocritico.

Keff si chiama fattore di moltiplicazione effettiva


Reazione a catena2

Reazione a catena


Reazione a catena3

Reazione a catena

Se consideriamo un cm3 di sistema , il numero di neutroni assorbito nell’unità di tempo e per cm3 è:


Reazione a catena4

Reazione a catena

Mentre il numero di neutroni prodotti è

Pertanto , in un sistema omogeneo e almeno in prima approssimazione :


Reazione a catena5

Reazione a catena

Se per semplicità assumiamo che tutti i neutroni abbiano la stessa energia e se non vi sono nel sistema altri elementi che assorbano o producano neutroni, il rapporto tra produzione ed assorbimento è il numero di neutroni prodotti per neutrone assorbito nell’uranio, che si indica con η

ηnel nostro caso dipenderà dal contenuto relativo di Uranio - 235U 0.715% e 238U 99,280%


Reazione a catena6

Reazione a catena


Reazione a catena7

Reazione a catena

Abbiamo:

  • Esaminiamo due casi:

  • neutroni termici

  • neutroni veloci da 1 MeV


Reazione a catena8

Reazione a catena


Reazione a catena9

Reazione a catena


Reazione a catena10

Reazione a catena


Reazione a catena11

Reazione a catena

  • Per i reattori che funzionano con neutroni termici è sufficiente un arricchimento dell’uranio tra il 3 e il 6%

  • Per i reattori veloci si hanno arricchimenti sempre superiori al 20-25% mentre per le bombe si arriva al 90%


Reattore a fissione

Reattore a fissione

Parecchi problemi tecnologici devono essere risolti prima che un reattore nucleare diventi un utile generatore di elettricità:

- Arricchimento

- Moderatore

- Perdita dei neutroni


Reattore a fissione arricchimento

Reattore a fissione- Arricchimento

Poiché 235U e 238U sono chimicamente identici, il solo mezzo per arricchire l’uranio naturale è di sfruttare la piccola differenza di massa. Questa è una operazione generalmente complessa che richiede grandi quantità di uranio. Un esempio è la diffusione gassosa attraverso materiali porosi che è più agevole per 235U che è meno massivo.

Oltre a 235U un altro materiale facilmente fissile è il 239Pu che non esiste in natura ma che può prodotto dalla cattura di un neutrone da parte del non fissionabile 238U nel modo seguente:


Reattore a fissione moderatore

Reattore a fissione- Moderatore

I neutroni prodotti da una reazione di fissione hanno energie di pochi MeV che hanno poche possibilita di indurre un’altra reazione di fissione perché la sezione d’urto decresce rapidamente al crescere dell’energia del neutrone. E’ necessario quindi rallentarli (moderarli). Quindi il materiale fissionabile è circondato da un moderatore e i neutroni perdono energia nelle collisioni con gli atomi del moderatore. Il migliore moderatore è quel atomo che la stessa massa del neutrone ovverosia l’idrogeno o meglio ancora l’acqua pesante D2O che non ha virtualmente sezione d’urto di assorbimento neutronico.Anche il carbone è un materiale molto adatto come moderatore perché è solido,stabile, abbondante ed ha una relativamente piccola sezione d’urta di cattura neutronica. Fu il materiale usato da Enrico Fermi per costruire nel 1942 la prima pila atomica.


Reattore a fissione perdita di neutroni

Reattore a fissione- Perdita di Neutroni

I neutroni possono essere persi e quindi non permettere al sistema di essere critico. Vi sono vari canali di perdita:

- Fuga attraverso la superfice

- Assorbimento nel moderatore

- Assorbimento da 238U


Reattore a fissione schema di principio

Reattore a fissione Schema di Principio


Reattore a fissione1

Reattore a fissione

Il funzionamento di un reattore a fissione in modo controllato è possibile per la presenza dei neutroni ritardati. Il controllo del sistema è effettuato mediante l’inserimento tra gli elementi di combustibile di barre (per es. di Cadmio) che hanno una elevata sezione d’urto di cattura neutronica. Se le barre sono completamente inserite il sistema è sottocritico. Muovendo le barre si aumenta il numero di neutroni e il sistema raggiunge la criticità. Aggiustando la posizione delle barre si può mantenere costante il numero di reazioni di fissione al secondo e il livello di potenza. Poiché le barre si muovono meccanicamente i loro tempi di risposta sono dello stesso ordine di grandezza dei neutroni ritardati. Pertanto un reattore è progettato in modo tale da risultare sottocritico per i neutroni veloci e critico per neutroni veloci più ritardati


Reattore a fissione2

Reattore a fissione

Vi sono altri tecnologici problemi associati con un reattore a fissione tra cui il più importante è quello delle scorie radioattive. Queste scorie attualmente devono essere immagazzinate in opportuni siti che ne garantiscono la conservazione e l’isolamente rispetto all’ambiente circostante.

Inoltre, dopo l’incidente di Chernobyl, molti dubbi nella popolazione sono sorti sull’effettiva sicurezza delle centrali nucleari a fissione


Centrale ad acqua in pressione

Centrale ad acqua in pressione


Centrale ad acqua bollente

Centrale ad acqua bollente

Lo svantaggio di questo sistema è che l’acqua può diventare radioattiva ed una rottura del circuito vicini alla turbina sarebbe molto pericolosa perché si avrebbe la perdita di materiale radioattivo


Centrale candu ad acqua pesante

Centrale CANDU ad acqua pesante


Principi fisici di conversione avanzata energetica l s

Sicurezza Reattore

Concetto di difesa in profondità


Principi fisici di conversione avanzata energetica l s

Top 10 Nuclear Generating Countries 2007, Billion kWh

Source: International Atomic Energy Agency, U.S. is from Energy Information Administration

Updated: 9/08


Principi fisici di conversione avanzata energetica l s

Evoluzione dei reattori nucleari


Principi fisici di conversione avanzata energetica l s

EPR in costruzione


  • Login