Testi forme materiali usi l evoluzione del testo in ambiente digitale il fumetto
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 29

Testi, forme, materiali, usi: l’evoluzione del testo in ambiente digitale. Il fumetto PowerPoint PPT Presentation


  • 87 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Economia delle imprese editoriali Mercoledì 14 marzo 2012. Testi, forme, materiali, usi: l’evoluzione del testo in ambiente digitale. Il fumetto. Marta Inversini . LA SCORSA LEZIONE – L’editore e internet. Canale di vendita Libri fisici Mera prenotazione Libri digitali

Download Presentation

Testi, forme, materiali, usi: l’evoluzione del testo in ambiente digitale. Il fumetto

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Economiadelleimpreseeditoriali

Mercoledì 14 marzo 2012

Testi, forme, materiali, usi: l’evoluzione del testo in ambiente digitale. Il fumetto

Marta Inversini


LA SCORSA LEZIONE – L’editore e internet

  • Canale di vendita

  • Libri fisici

  • Mera prenotazione

  • Libri digitali

  • Supporto per la lettura (Google Books)

  • Canale promozionale e di marketing secondo le modalità discusse insieme

  • Comunità, discussione, passaparola

  • Anteprima

  • Moltiplicazione dei punti d’accesso al titolo

  • Intercettare bisogni, necessità del pubblico

  • Raggiungimento della nicchia (caso limite = singolo lettore)

  • Facilità reperimento libri e informazioni su di essi

  • Cataloghi, biblioteche

Mea culpa!

  • Crowdfunding

  • Scouting e selezione

  • Autore/i che ha costruito un seguito  pubblicazione (Nonsolomamma, GialloZafferano) Ribaltamento rispetto al passato

  • Prodotti totalmente nuovi: (Anobii, il tarlo della lettura: 600 recensioni scritte da 333 autori)

  • Nuove attività, riorganizzazione di quelle tradizionalmente svolte, legittimazione


LA SCORSA LEZIONE – I lettori

«Appartengo a quella parte dell’umanità – una minoranza su scala planetaria ma credo una maggioranza tra il mio pubblico – che passa gran parte delle sue ore di veglia in un mondo speciale, un mondo fatto di righe orizzontali dove le parole si susseguono una per volta, dove ogni frase e ogni capoverso occupano il loro posto stabilito: un mondo che può essere molto ricco, magari ancor più ricco di quello non scritto, ma che comunque richiede un aggiustamento speciale per situarsi al suo interno. Quando mi stacco dal mondo scritto per ritrovare il mio posto nell’altro, in quello che usiamo chiamare il mondo, fatto di tre dimensioni, cinque sensi, popolato da miliardi di nostri simili, questo equivale per me ogni volta a ripetere il trauma della nascita, a dar forma di realtà intellegibile a un insieme di sensazioni confuse, a scegliere una strategia per affrontare l’inaspettato senza essere distrutto»

Italo Calvino, Altri discorsi di letteratura e società, Milano, Mondadori, p. 1865

«Un bambino, o una bambina, che abbia preso l’abitudine di leggere comincerà a farlo sotto le coperte, alla luce di una torcia, – mi disse. – Se i genitori sono intelligenti glielo proibiranno, e così lo inciteranno a continuare. Altrimenti troverà un sodale con la stessa abitudine, e quello diventerà il loro segreto. Talvolta l’incontro con il sodale non avviene prima del college. Alle superiori, soprattutto, il fatto di essere un lettore comporta una penalizzazione sociale. Molti ragazzi che sono stati lettori solitari arrivano al college e d’improvviso scoprono: “Oh mio Dio, qui c’è altra gente che legge!”»

Jonathan Franzen, Come stare soli. Lo scrittore, il lettore e la cultura di massa,

Torino, Einaudi, 2003, p. 76


LA SCORSA LEZIONE – I lettori

  • Riconoscibilità

  • Senso di appartenenza gruppo/gruppi

  • Consumi fortemente identitari

  • Nicchie


IL FUMETTO

La filieradell’editoria di fumetto

Il fumetto come testo: cosa cambia in ambientedigitale?


L’EDITORIA DI FUMETTO

L’industria del fumetto è un comparto

del piùampiosettoreeconomico

dell’industriaeditoriale

Piccolo

Eterogeneo

Governato da regolespecifiche


L’EDITORIA DI FUMETTO

La catena di valoretradizionale: l’editoria


L’EDITORIA DI FUMETTO

La catena di valoretradizionale: l’editoria

autore

agente

editore

stampatore

grossista

distributore

lettore

L’editoria di fumetto

Autori: produzionecollettiva

Attivitàvarie e complessecondotte da molte figure professionali

  • soggetto

  • sceneggiatura

  • disegno

  • inchiostratura

  • copertina

  • lettering

  • colorazione

Produzione non standardizzata, creatività

Segmentazione, differenziazione di prodotto


L’EDITORIA DI FUMETTO

La parte autoriale

In editoria

Nell’editoria di fumetto


L’EDITORIA DI FUMETTO

La catena di valoretradizionale: l’editoria

autore

agente

editore

stampatore

grossista

distributore

lettore

L’editoria di fumetto

Distribuzione: canalispecifici

Distribuzionediretta e “personale”

  • Raggiungimentodellanicchia

  • Disseminazione

  • Collezionismo e arretrati

  • Relazionisociali

Moltiplicazionedeicanali

Disponibilità


L’EDITORIA DI FUMETTO

La distribuzione

In editoria

Nell’editoria di fumetto


IL CHARACTER DI RIFERIMENTO

Personaggio vivo nell’immaginario collettivo.

Empatia con il pubblico di riferimento, fedeltà, affetto.

Marchio,

sfruttamento d’immagine,

concessioni in licensing.

Consumo fortemente identitario.


IL CHARACTER DI RIFERIMENTO


IL CHARACTER DI RIFERIMENTO


TEX WILLER

1948

Gianluigi Bonelli e Aurelio Galeppini

Formato a striscia: 16,5x8 cm

36 pagine in bianco e nero e copertina a colori.

1952: Formato Bonellide. 16x21 cm, brossurato in banco e nero.


DIABOLIK

1962

Astorina

Angela e Luciana Giussani

Formato tascabile: 12x17 cm

128 pagine in bianco e nero e copertina a colori.


TOPOLINO

1928, SteamboatWillie

Walter Elias Disney e UbIwerks

In Italia dal 1932,

Editore Nerbini, settimanale in formato giornale

(25x35 cm, 8 pagine)

Dal 1935 Mondadori

Dal 1949 in formato libretto.


IL FUMETTO COME TESTO

COSA DEFINIAMO «TESTO»?

«dati verbali, orali, visivi, numerici,

sotto forma di carte geografiche,

stampe e musica,

di archivi di suoni registrati,

di film, di video,

di informazioni memorizzate nei computer;

tutto, insomma,

dall’epigrafia fino alle più moderne forme

di discografia»

Donald McKenzie, Bibliography and the sociology of texts,

London, British library, 1986

Trad. It.: Bibliografia e sociologiadeitesti,

Milano, Sylvestre Bonnard, 1998


IL FUMETTO COME TESTO

Testo particolare, amalgama di prosa narrativa e arte grafica.

«Forse per la prima volta nella storia della comunicazione i fumetti ci offrono il connubio stabile di immagine e parola»

P. Fresnault-Deruelle, I fumetti: libri a strisce, Palermo, Sellerio, 1990

Linguaggio che intrattiene stretti rapporti con i linguaggi di altri media, secondo la partizione suggerita da Daniele Barbieri è possibile individuare nessi di inclusione, generazione, convergenza e adeguamento.

D. Barbieri, I linguaggi del fumetto, Milano, Bompiani, 1991


E CON IL DIGITALE?

Dall’iniziodeglianni ‘90 le tecnologiedigitalisonoprogressivamente penetrate in tutte le fasi del processoproduttivodeifumetti

Nuovi strumenti per disegnare e produrre fumetti

Nuovi supporti materiali su cui leggere

Nuovi prodotti

Nuovi attori nella filiera produttiva

Nuovi canali distributivi


E CON IL DIGITALE?

Nuovi strumenti per il disegno e la produzione di fumetti

Primo grande cambiamento in ordine di tempo: inizio anni ‘90

Tavolette grafiche, penne, monitor e altri strumenti

Software per la colorazione e il lettering

Auspicio: realizzazione ad hoc di prodotti nuovi


E CON IL DIGITALE?

[La nostra definizione di fumetto] non parla affatto di super-eroi o animali antropomorfi. Né di fantasy o fantascienza, né dell’età del lettore. Nella definizione non è incluso nessun genere, nessun tipo di soggetto, nessuno stile di prosa o poesia. Non parla affatto di carta ed inchiostro. Né di alcun processo di stampa, non è specificata neanche la stessa stampa! Non si parla di tecnigrafi, di cartoncini Bristol, di pennelli numero due serie 7 di finissimo pelo di martora della Winsor & Newton! Dalla nostra definizione non è escluso alcun materiale. Non è vietato nessuno strumento.

S. McCloud, Capire il fumetto. L’arte invisibile , Torino, Pavesio Editore, 1996


E CON IL DIGITALE?

Nuovi supporti materiali su cui leggere

  • Anni 90: pc

  • Anni 90: cd-rom

  • 2001: iPod

  • 2007: iPod touch and iPhone

  • 2010: iPad


E CON IL DIGITALE?

Nuovi supporti materiali su cui leggere

S. McCloud, Reinventare il fumetto, Torino, Pavesio Editore, 2001


E CON IL DIGITALE?

Nuovi prodotti

Carta

Tecnologie digitali

Fumetto tradizionale

Fumetto digitale

Digital comic

Web comic

Vignetta

Comic strip

Albo periodico

Motion comic

Graphic novel

Film d’animazione

Tavola d’arte

Videogame

Arte

Animazione


E CON IL DIGITALE?

Nuovi prodotti

Nuove forme narrative

  • Riproposizione di contenuto statico

  • in forma pedissequa

  • in forma rielaborata

  • svariate sperimentazioni riconducibili

  • sotto l’etichetta di fumetto digitale

  • Prodotti ibridi, che racchiudono caratteristiche proprie del fumetto e altre specifiche dell’animazione


E CON IL DIGITALE?

Nuovi prodotti e forme narrative: alcuni esempi

  • Marvel Digital Comics Unlimited

  • Diabolik.it

  • Topolino.it

  • Scott McCloud

  • Makkox e Canemucca

  • Disney Digicomics e Disney Epic Mickey

  • Watchmen, the motion comic


E CON IL DIGITALE?

Nuovi attori nella filiera produttiva


E CON IL DIGITALE?

Nuovi canali distributivi


  • Login