generalit sui trapianti
Download
Skip this Video
Download Presentation
Generalità sui trapianti

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 34

Generalità sui trapianti - PowerPoint PPT Presentation


  • 119 Views
  • Uploaded on

Generalità sui trapianti. TRAPIANTO D’ORGANO E’ la sostituzione di un organo malato, non più funzionante (insufficienza d’organo) con uno Sano prelevato da un DONATORE. NOMENCLATURA DEI TRAPIANTI • Innesto: non prevede anastomosi vascolari

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Generalità sui trapianti' - constance-little


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

TRAPIANTO D’ORGANO

E’ la sostituzione di un organo

malato, non più funzionante

(insufficienza d’organo) con uno

Sano prelevato da un

DONATORE

slide3

NOMENCLATURA DEI TRAPIANTI

•Innesto: non prevede anastomosi vascolari

•Trapianto: intervento chirurgico con anastomosi vascolari arteriose e venose

•Espianto: rimozione chirurgica di un organo in precedenza trapiantato

slide4

DIAGNOSI DI MORTE CEREBRALE

    • I momenti diagnostici per la diagnosi di morte cerebrale vengono eseguiti da una Commissione composta da un anestesista-rianimatore, un neurologo, un medico legale.
      • VALUTAZIONECLINICA
  • STRUMENTALE
slide5

CAUSE DI MORTE CEREBRALE

Traumi cranioencefalici 40-60%

Accidenti cerebro-vascolari 30-45%

Anossia-cerebrale 8-10%

Tumore cerebrale primit. 2-4%

slide6

ORGANI PRELEVABILI DA DONATORE CADAVERE

•Cuore

•Polmoni

•Fegato

•Reni

•Pancreas

•Intestino

•Multiviscerale

slide7

TESSUTI PRELEVABILI DA DONATORE IN ARRESTO CARDIO RESPIRATORIO

  • •CORNEA
      • •VALVOLE CARDIACHE
      • •SEGMENTI VASCOLARI
  • •SEGMENTI OSSEI
slide8

Cenni Storici

  • •1950 1° trapianto di rene con sopravvivenza di sei mesi (Murrey)
    • •1960 scoperta Azatioprina(Calne)
    • •1963 1° trapianto di fegato (Starzl)
    • •1963 1° trapianto di polmone (Hardly)
    • •1966 1° trapianto di pancreas (Velly)
    • •1967 1° trapianto di cuore (Barnard)
    • •1978 scoperta della ciclosporina (Calne)
  • •1984 scoperta dell’FK 506 (Ibaraki)
slide9

SELEZIONE RICEVENTE

• Per il rene: ABO, compatibilità HLA, cross-match.

• Per il cuore: ABO, compatibilità HLA, cross-match, dimensioni corporee

• Per il fegato ed intestino: ABO, cross-match, dimensioni corporee, anzianità di iscrizione in lista.

slide10

TRAPIANTO DI FEGATO

  • INDICAZIONI
  • •Cirrosi post-epatite(B, C, D)
  • •Epatocarcinoma su fegato cirrotico(1 nodulodi5 cm, o 3 nodulidi1 cm)
  • •Cirrosi post alcolica
  • •Cirrosi criptogenetica
  • •Cirrosi biliare primitiva
  • •Colangite sclerosante primitiva
        • •Sindrome di Budd-Chiari
        • •Morbo di Wilson
        • •Atresia delle vie biliari
        • •Epatite fulminante (B, funghi, farmaci…)
  • •Deficit alfa1 antitripsina
  • •…
slide11

AUMENTO DEL POOL DI DONATORI

•Donatori viventi: fenomeno trascurabile in paesi con sufficiente numero di donatori (Spagna). Problemi: etici e rischio per il donatore.

•Non Heart Beating Donors: Problemi legali, risultati peggiori rispetto al HBD

•Xenotrapianti: fase sperimentale. Problemi: etici e possibilità di trasmissione di retrovirus.

•Domino: per cuore e fegato, riceventi cuore-polmone per fibrosi cistica sono donatori di cuore; riceventi di fegato per iperossaluria o amiloidosi sono donatori di fegato

slide12

AUMENTO DEL POOL DI DONATORI CADAVERE

•Diagnosi di morte cerebrale come routine in pazienti deceduti in terapia intensiva

•Aumento dell’età dei donatori e differenziazione dei protocolli trapiantologici

•Donatori sieropositivi HCV o HBV su riceventi HCV o HBV +

•Divisione di organi rigenerabili (split liver)

slide13

ALTERNATIVE ALL’USO DI FEGATO INTERO PER TRAPIANTO

    • •Trapianto ridotto
    • •Divisione del fegato (split liver): 2 riceventi
  • •Trapianto da vivente: fegato dx(V, VI, VII, VIII segm. per ricevente adulto), sn(II, III segm. per ricevente pediatrico).
slide14

Farmaci Imunosoppressori

•Ciclosporina (Neoral)

•Tacrolimus (Prografo FK-506)

•Rapamicina (Sirolimus)

•Micofenolato Mofetil (Cell-Cept)

•Metilprednisolone

•Azatioprina

•Ab monoclonali anti CD-25 (Basiliximab,Simulect, Daclizumab)

•Ab monoclonali antiCD-3 (OKT3)

slide15

Farmaci Imunosoppressori

Ciclosporina A (Neoral): metabolita fungino che inibisce l’attivazione dei linfociti T bloccando la produzione e il rilascio della IL 2. IL-

Tacrolimus (FK 506): Antibiotico macrolide che inibisce la funzione dei linfociti T bloccando una proteina di legame per la sintesi di IL 2 ed altre IL. IL-

Micofenolato (Mofetil CellCept ): antimetabolita che inibisce la proliferazione dei linfociti T e B, bloccando la sintesi de novo delle purine (CellCept):

Rapamicina (Sirolimus ): antibiotico che down regola la risposta immune delle cellule T modulandone la risposta alla IL 2. (Sirolimus): down-IL-purine.

slide16

Effetti Collaterali della Terapia Immunosoppressiva

  • •Maggiori:
    • a breve termine:
    • Infezioni
  • Nefrotossicità
  • Neurotossicità
    • a lungo termine :
    • Malattie mielo-linfoproliferative
  • Altre neoplasie de novo
slide17

Effetti Collaterali della Terapia Immunosoppressiva

  • •Minori:
    • a breve termine
  • Ipertensione
  • Diabete
    • a lungo termine
  • Obesità
  • Osteoporosi
  • Recidiva epatite
slide18

LA TOLLERANZA IMMUNOLOGICA

Non responsivitàall’antigene specifico indotta dalla esposizione dell’antigene stesso

slide19

INDUZIONE DELLA TOLLERANZA

CENTRAL APPROACHES:

Chimerismo ematopoietico

PERIPHERAL APPROACHES:

•Uso di farmaci che bloccano gli antigeni delle T-cell deputati alla risposta immunitaria(Ab monoclonali)

•Compatibilità HLA A/B donatore-ricevente

slide20

Classificazione del rigetto

iperacuto :minuti-ore; Ac anti donatore preformati (trasfusioni, gravidanze, pregressi Tx)

accelerato: giorni; riattivazione di linfociti T sensibilizzati

acuto : giorni-settimane; attivazione primaria dei linfociti T

cronico: mesi-anni; Ac?, immuno-complessi?

classificazione
Autotrapianto

Omotrapianto

Allotrapianto

Xenotrapianto

Ortotopico

Eterotopico

Ausiliare

Da donatore vivente

Da cadavere

Classificazione
slide23
Cute Rigetto

Donatore Ricevente

Cute 2° prelievoRigetto

accelerato

2° donatore Cute

leggi di medawar
Leggi di Medawar
  • Il rigetto è donatore specifico
  • Il rigetto possiede una memoria ed è accelerato la 2° volta ( stesso donatore. Stesso ricevente)
  • Il primo rigetto è cellulo-mediato
  • Il secondo rigetto è anticorpo mediato
rigetto
Rigetto
  • Iperacuto: anticorpo mediato pressochè istantaneo.( IG anti-HLA, anti- vascular endotelial cell oppure isoemoagglutinine dirette contro gli antigeni AB del sangue del donatore).
  • Acuto: cellulo-mediato, 5-14 gg → 3 mesi

(azione dei polimorfonucleati e del complemento).

  • Cronico: anticorpo + cellulo-mediato, dopo i 3 mesi.
immunologia dei trapianti
Immunologia dei Trapianti
  • Gli antigeni della superfice cellulare che evocano la risposta immunitaria alla base del processo di rigetto appartengono al complesso HLA (human leucocite antigen).
  • Il complesso HLA definisce la regione cromosomica (cromosoma 6) del complesso mggiore di istocompatibilità (MHC) umano.
  • A, B, C, D, DR, DQ e DP definiscono il locus genetico.
  • I numeri (p.es HLA-A1, A2 ecc…) definiscono gli alleli

Il complesso HLA è estremamente polimorfo

slide27
HLA Classe I → A, B, C → Linfociti T citotossici

A e B Sono espressi su tutte le cellule nucleate in tutti i tessuti.

C Ha una espressione variabile.

HLA Classe II → DR, DQ, DP → Linfociti T Helper

Sono espressi sui linfociti B, sulle cellule presentanti l’ antigene (APCs: macrofagi, monociti, linfo B e cellule dendritiche ) e sull’endotelio vascolare. L’espressione subisce una Up-regulation mediante la produzione di Citochine, INF e TNF.

rigetto iperacuto
Rigetto Iperacuto
  • Il rene ed il cuore sono gli organi più suscettibili al rigetto iperacuto, mentre il fegato è, al contrario, l’organo meno suscettibile.
  • Si realizza in un tempo variabile da minuti a poche ore dopo la rivascolarizzazione dell’organo trapiantato per mezzo di Ig dirette contro le cellule endoteliali o isoemoagglutinine dirette contro gli Ag AB delle cellule ematiche del donatore → La compatibilità ABO e la negatività del test di Cross-reattività dei linfociti B sono prerequisiti imprerogabili al trapianto.
rigetto acuto
Rigetto Acuto
  • RENE: nell’era pre-CsA il rigetto acuto si manifestava con febbre, oliguria, ipertensione ed aumento della creatininemia. Attualmente è spesso asintomatico e diagnosticato mediante una biopsia percutanea effettuata in seguito ad un aumento della creatininemia. Può essere classificato in rigetto acuto vascolare o interstiziale in base alle strutture anatomiche coinvolte.
  • FEGATO: il rigetto acuto è estremamente comune, verificandosi in una percentuale di casi variabile tra il 40% e l’80%. La diagnosi clinica non quasi mai possibile vista la scarsa correlazione fra una alterazione degli indici di funzionalità epatica ed il verificarsi del rigetto. E’ pertato in uso un protocollo che prevede l’esecuzione di biopsie epatiche settimanali nel primo mese dal trapianto, poi biopsie a tre mesi, sei mesi ed un anno.

Il processo si caratterizza per la presenza di un infiltrato portale mononucleato, danno ed infiltrazione linfocitaria dei dotti biliari ed endotelite della vena centrolobulare.

slide30
PANCREAS: nei trapianti combinati pancreas-rene in genere la manifestazione del rigetto renale è precedente a quella pancreatica, per cui monitorizzando la funzione renale e trattando l’eventuale rigetto renale i problemi relativi al rigetto pancreatico si sono ridotti notevolmente.

Nei pazienti sottoposti al solo trapianto di pancreas il monitoraggio è usualmente effettuato mediante la valutazione dell’ amilasi urinaria e biopsie citoscopiche o percutanee. L’insorgenza di iperglicemia è di scarsa utilità in quanto si verifica quando il danno pancreatico e già irreversibile.

  • CUORE: i segni clinici comprendono aritmie, ipotensione, affaticamento, malessere. L’ ECG non è diagnostico, per cui la diagnosi si effettua mediante biopsia endomiocardiale. Il rigetto puo essre lieve moderato o severo, in base all’aspetto istologico.
  • POLMONE: la diagnosi è stata standardizzata mediante l’esecuzione di biopsie multiple, e il rigetto è classificato in minimo, lieve, moderato o severo in base a specifici criteri istologici.
rigetto cronico
Rigetto Cronico
  • RENE: il rigetto cronico può essere la conseguenza di un rigetto acuto o più comunemente è l’espressione di un progressivo insulto immunologico protratto per mesi ed anni. Clinicamente si manifesta con un lento decadimento della funzione renale caratterizzato da aumento dei livelli di creatinina, ipertensione e proteinuria.
  • FEGATO: si manifesta per una endoarterite fibroobliterativa associata a fibrosi portale e riduzione del numero di dotti biliari. La manifestazione clinica più frequente è un aumento dei livelli di bilirubina (VBDS).
slide32
CUORE: il rigetto cronico si realizza per una reazione vascolare cronica che coinvolge le coronarie, per cui non è diagnosticabile mediante la biopsia bensì con una angiografia delle coronarie.
  • POLMONE: il rigetto cronico si manifesta con un declino della funzionalità polmonare misurata con i test di funzionalità standard e con ipossiemia, in relazione allo sviluppo di una bronchiolite obliterante totale o sub-totale.
  • PANCREAS: si caratterizza per una estesa fibrosi fell’organo con riduzione delle cellule insulari e si manifesta con iperglicemia e riduzione dell’escrezione urinaria di amilasi.
ad