i fondamenti dell identita americana puritani e schiumatori ovvero la fortezza e la frontiera
Download
Skip this Video
Download Presentation
I fondamenti dell’identita’ americana Puritani e “schiumatori” ovvero la fortezza e la frontiera

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 38

I fondamenti dell’identita’ americana Puritani e “schiumatori” ovvero la fortezza e la frontiera - PowerPoint PPT Presentation


  • 79 Views
  • Uploaded on

I fondamenti dell’identita’ americana Puritani e “schiumatori” ovvero la fortezza e la frontiera. Gli “schiumatori del mare”: il vuoto come opportunità. Balenieri olandesi, pirati e corsari. “Schiumatori del mare”: Dio non esiste / Dio si ritrae. Dio. Identità. LA RIFORMA e i puritani.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' I fondamenti dell’identita’ americana Puritani e “schiumatori” ovvero la fortezza e la frontiera' - conan-sparks


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
i fondamenti dell identita americana puritani e schiumatori ovvero la fortezza e la frontiera

I fondamenti dell’identita’ americanaPuritani e “schiumatori” ovvero la fortezza e la frontiera

la riforma e i puritani

LA RIFORMA e i puritani

Martin Lutero 1483-1546

Thomas Cartwright

(ca. 1535-1603)

Johannes Calvinus 1509-1564

immaginario americano
Immaginario americano

1840

1890

PEARL HARBOR 1941

anni ’50

VIETNAM

MAYFLOWER1620

Anni ‘90

Spazio chiuso

Spazio aperto

Spazio chiuso

Spazio aperto

Spazio chiuso

wilderness

frontiera

Immaginazione della frontiera

gli scrittori puritani inglesi
John Milton

John Bunyan

Gli scrittori puritani inglesi
  • Daniel DeFoe

1608-1674

1628-1688

1660-1731

1667: Paradise Lost

1678: Pilgrim’s progress

1719: Robinson Crusoe

organizzazione puritana dello spazio paradiso e pandemonium
Organizzazione puritana dello spazio: paradiso e pandemonium

Eden

Inferno

Vuoto assoluto

Paradiso

Pandemonium

slide11

L’organizzazione cattolica dello spazioL’invenzione del Purgatorio(1150-1300)

Paradiso

Mondo

Purgatorio

Inferno

i fondamenti puritani il buio fuori 1620 1776 2 razionalizzazione del movimento

I FONDAMENTI PURITANIIl buio fuori (1620-1776)2. Razionalizzazione del movimento

slide15
John Bunyan, Pilgrim’s Progress (1678-1684)Il percorso del predestinato(da “Cristiano” al presidente Bush)
il progress del pellegrino
Il progress del pellegrino

Colle del lucro

Terreno incantato

Bocca dell’inferno

Strada maestra

Città della distruzione

Palude dello sconforto

Casa dell’interprete

Valle della disperazione

Valle dell’ombra della morte

Fiume

Porta stretta

Valle dell’umiliazione

Città di vanità

spazializzazione americana espulsione e arca
Spazializzazione americana:espulsione e arca

Nuovo Mondo

Inghilterra

Arca

Oceano

il passage dell uomo perduto
Il passage dell’uomo “perduto”

Paradiso

Purgatorio

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura che la diritta via era smarrita

Inferno

dallo schiumatore al puritano
Dallo schiumatore al puritano

Desiderio di partenza

…nulla era di mio gradimento se non la vita del mare … parve esservi qualche cosa di fatale nella propensione naturale che mi portò senza deviazioni alla vita di sofferenze che m’era destinata.

Opposizione paterna

Mi disse che soltanto uomini in condizioni disperate, o uomini di condizione elevata e ambiziosi, i quali andassero oltremare in cerca d’avventure, potevano toccare alte mete grazie alla loro intraprendenza e diventare famosi compiendo gesta fuori dal comune; che tutte queste cose erano o troppo al disopra o troppo al di sotto di me; che io appartenevo al ceto medio …

l eden il lavoro e il controllo dello spazio e del tempo
L’Eden, il lavoro e il controllo dello spazio e del tempo

… Dio ha fissato // il lavoro e il riposo in successione col giorno e la notte, // e la rugiada del sonno che ora discende opportuna ci inclina // con il suo peso lieve e indolente le palpebre; // Altre creature vagano tutto il giorno oziose e senza impegni, // e perciò con minore bisogno di riposo; ma all\'uomo // fu affidato un lavoro quotidiano del corpo o della mente, // cosa che testimonia la sua dignità, e il riguardo che il Cielo // gli manifesta; mentre gli altri animali non hanno alcuno scopo, // e Dio non tiene conto delle loro azioni (Paradise Lost,IV, vv. 610-619)

Al di fuori di una stabile professione le prestazioni lavorative di un uomo sono solo lavoro occasionale, precario ed egli passa più tempo oziando che lavorando… ed egli (il lavoratore professionale) compirà il suo lavoro con ordine, mentre un altro è vittima di una eterna confusione, e le sue occupazioni non conoscono luogo né tempo (Weber 220)

slide26

Soluzioni americane: riconsacrazioni rituali

= squadra in difesa

= squadra in attacco

slide27
Captivity talesSoluzioni americane: riconsacrazioni in stato d’eccezioneRapimenti, prigionie, ritorni a casa e spedizioni punitive

1682

slide30

1. L’Eden su questa terra non esiste, ma dovrebbe esserci: la messa in scena dello spazio indifeso

2 il vero ideale puritano lo spazio fortificato
2. Il vero ideale puritano: lo spazio fortificato
  • 10L\'angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scendeva dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. 11Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino. 12La città è cinta da un grande e alto muro con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d\'Israele. 13A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e ad occidente tre porte. 14Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell\'Agnello (Apocalisse)
  • Ma ecco apparire finalmente la sacra influenza // della luce, e dalle mura del cielo quella luce scaglia // un’alba scintillante nell’offuscato grembo della Notte; // qui la Natura comincia a rivelare il più lontano // dei suoi confini, ed il Caos si ritrae come nemico vinto // dalle sue estreme difese … (II, vv. 1034-1039)
  • …l’ampia circonferenza del cielo empireo, indefinitamente // quadro o rotondo, con torri d’opale e bastioni adornati // di zaffiro vivente, e che era stato il suo luogo natale… (II, vv. 1048-1050)
  • E quella era una rupe // d’alabastro innalzata fino a toccare le nuvole, una mole // ardua, lontana, e solo raggiungibile dal piano // attraverso un sentiero serpeggiante ed un ingressi in alto. // Tutt’attorno nient’altro che scabri precipizi // sempre più aspri via via che si procede, impossibili // da risalire. Fra quei rocciosi pilastri sedeva Gabriele, il capo // delle angeliche guardie, e attendeva la notte. // Accanto a lui, disarmata, la gioventù del cielo // si stava esercitando in giochi eroici, ma attorno // erano appese alte le armi celesti, gli scudi, le lance // e gli elmi, che sfolgoravano tutte di diamanti e d’oro. // (IV, vv. 545-554).
slide34
Il fortino sulle ruote. La diligenza e lo spazio assediato Terza funzione: l’attesa e l’arrivo dei “Nostri”
quarta funzione la casa fortificata come canale di comunicazione con dio
Quarta funzione: la casa fortificata come canale di comunicazione con Dio
  • Prima di rizzare la tenda tracciai davanti alla cavità un semicerchio di circa dieci metri di raggio dalla roccia e di venti metri di diametro tra un estremo e l’altro. Lungo questo semicerchio piantai due file di pali molto robusti che conficcai nel terreno finché furono saldi come pilastri: l’estremità più grossa lasciai sporgere per circa due metri e aguzzai la cima. Le due file non distavano più di una dozzina di centimetri l’una dall’altra. Presi poi i pezzi di cavo che avevo tagliato a bordo della nave, e li disposi uno sopra l’altro, entro il cerchio tra le due file di pali, sino in cima, puntellando l’opera dalla parte interna con altri pali, conficcati di sghembo, all’altezza di circa un metro, come speroni a sostegno d’una muraglia… Quanto al mio modo di entrare nel fortilizio, feci non una porta, ma una piccola scala a mano, la quale mi permettesse di scavalcare la cinta. Questa scala, una volta dentro, mi tiravo dietro. Così ero ben difeso e fortificato, pensavo, contro il mondo intero (Robinson Crusoe, p. 101)
dislocazioni spaziali la ricostituzione dell eden e la citt sulla collina
Dislocazioni spaziali: la ricostituzione dell’Eden e la città sulla collina.

Villaggi indiani-pandemoni

Avamposti

Oceano

Wilderness

Colonia

selvaggi e demoni la minaccia sempre esterna
Selvaggi e demoni:la minaccia è sempre esterna

Attacco indiano a Jamestown da parte degli indiani Pamunky (Virginia, 1622)

John White: ritratto del capo Opechancanough

Giudizio Universale: dannati e Minosse (1536-1541)

la fondazione del mito la caccia alle streghe di salem giugno settembre 1692
La fondazione del mitoLA CACCIA ALLE STREGHE DI SALEM (giugno-settembre 1692)

3. Come gestire la minaccia internaQuando lo spazio si contamina: la caccia alle streghe ovvero la risposta americana a Milton (da Salem a Sacco e Vanzetti)

Cotton Mather (1663-1723)

Memorable Providences (1689)

Wonders of the invisible world(1692)

ad