Sociologia del lavoro
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 142

Sociologia del Lavoro PowerPoint PPT Presentation


  • 175 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Sociologia del Lavoro. a. a. 2005/2006. Alle origini della Sociologia. La sociologia si propone di sviluppare la conoscenza della società Auguste Comte la sociologia come scienza, una “fisica sociale”, all’interno di un più ampio modello delle scienze naturali il positivismo Adam Smith

Download Presentation

Sociologia del Lavoro

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Sociologia del lavoro

Sociologia del Lavoro

a. a. 2005/2006


Alle origini della sociologia

Alle origini della Sociologia

La sociologia si propone di sviluppare la conoscenza della società

Auguste Comte

  • la sociologia come scienza, una “fisica sociale”, all’interno di un più ampio modello delle scienze naturali

  • il positivismo

    Adam Smith

  • la dimensione economica e sociale del lavoro umano

  • la teoria della divisione del lavoro, alla base dello sviluppo economico delle nazioni industriali


I classici del pensiero sociologico karl marx 1818 1883

I classici del pensiero sociologico Karl Marx (1818-1883)

  • Nella teoria di Marx i rapporti tra gli individui sono rapporti di produzione e determinano una struttura economica e sociale, divisa in classi.

  • Il capitalista è colui che detiene i mezzi di produzione.

  • L’operaio è colui che produce ricchezza attraverso il proprio lavoro.

  • Il lavoro acquista un valore trasformativo nel processo di produzione di nuova ricchezza.

  • L’espropriazione di tale ricchezza è possibile se i modi di produzione consentono la divisione tra il capitale ed il lavoro.

  • Secondo Marx il valore di scambio di una merce è determinato dalla quantità di lavoro umano necessario per produrla. Se nel valore di scambio di una merce non si calcola il lavoro umano, questa merce è solo un feticcio.


I classici del pensiero sociologico emile durkheim 1858 1917

I classici del pensiero sociologicoEmile Durkheim (1858-1917)

  • Durkheim è il primo sociologo ad utilizzare indagini sociali scientifiche aprendo la strada ad una ricerca sociologica di tipo moderno. L’oggetto di studio della sociologia è il fatto sociale.

  • Nella sua teoria la società si fonda sulla solidarietà organica.

    La solidarietà può essere:

  • Meccanica, nelle società semplici e primitive, dove c'è coesione sociale e grande omogeneità

  • Organica, nelle società complesse e moderne, dove c'è interdipendenza ed eterogeneità

    Grazie a una maggiore divisione sociale del lavoro, nelle società complesse prevale la coscienza collettiva su quella individuale.


I classici del pensiero sociologico max weber 1864 1920

I classici del pensiero sociologico Max Weber (1864-1920)

  • Weber cerca di definire un modello per l'interpretazione della realtà sociale: l'oggettività delle scienze sociali va ricercata nel metodo.

  • Il tipo ideale è un modello di riferimento che ne enfatizza alcuni caratteri per determinarne le caratteristiche.

    L'etica protestante e lo spirito del capitalismo

  • Weber individua nel Calvinismo le radici del capitalismo

  • la dottrina della predestinazione e l’etica protestante

    • solo alcuni predestinati vanno in paradiso

    • il successo negli affari rappresenta il segno della appartenenza al gruppo degli eletti.

    • gli esseri umani sono per vocazione destinati da Dio a lavorare

    • stile di vita umile e laborioso, collegato all’idea di un risparmio che deve essere reinvestito


Sociologia del lavoro1

Sociologia del lavoro

La sociologia del lavoro è sintesi tra:

  • teoria e prassi

  • micro e macro

  • approcci disciplinari ed interdisciplinari


Sociologia del lavoro2

Sociologia del lavoro

  • Industrial sociology anglosassone

    tesa a risolvere i problemi manageriali della grande industria americana.

  • Orientamento

  • Oggetto

  • Approccio

  • statunitense/anglossassone

  • azienda/micro

  • empirico disciplinare


Sociologia del lavoro3

Sociologia del lavoro

  • Sociologia lavorista europea

    tesa alla comprensione delle trasformazioni del lavoro e delle condizioni del mercato del lavoro.

  • europeo

  • lavoro/macro

  • Teorico interdisciplinare

  • Orientamento

  • Oggetto

  • Approccio


Scuole e teorie del 900

Scuole e teorie del ’900

  • Taylorismo (1900)

  • Relazioni Umane (1924 - 1932)

  • Tavistock Institute (1946)

  • Job design (1960)

  • Modello giapponese (1970 - 1980)


Il lavoro in passato

Il lavoro in passato

  • Scarsa mobilità sociale e professionale

  • Forte ruolo di orientamento della famiglia e dei contesti sociali

  • Analfabetismo e bassa scolarizzazione


Verso il taylorismo

Verso il Taylorismo

Alla fine dell’800 diversi fattori premono sull’economia americana e sul sistema mondiale della produzione di massa:

1. Disponibilità di nuove tecnologie produttive

2. Gigantismo industriale

3. Offerta di lavoro dequalificata e processi di immigrazione

4. Prospettiva di un mercato illimitato

Il modo di produrre delle industrie americane non corrisponde alle reali potenzialità produttive:

  • Organizzazione delle fabbriche in mano ai capi-reparto, che assumevano e licenziavano la manodopera ogni giorno

  • Gestione arbitraria del lavoro, dei tempi e della qualità del prodotto.


Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro

Frederick W. Taylor

propone un modello di organizzazione

scientifica del lavoro

  • L’OSL si basa sul principio della one best way:

    • Esistono diversi modi per svolgere un compito lavorativo, ma solo uno è il migliore

    • Il modo migliore si può individuare attraverso lo studio e la razionalizzazione dei processi lavorativi

  • L’OSL si propone di garantire:

    • Massima efficienza all’impresa

    • Massimi profitti per l’imprenditore

    • Massimo benessere per i lavoratori


Principi del taylorismo

Principi del taylorismo

  • One best way, ossia semplificazione del processo lavorativo

  • The right man at the right place, ossia l’uomo giusto al posto giusto, attraverso una selezione scientifica della manodopera

  • Organizzazione aziendale gerarchica e avversione contro il sindacato

  • Spontanea collaborazione tra lavoratori e dirigenti, per conseguire obiettivi comuni e maggiori profitti

  • OSL come scienza oggettiva

  • Visione negativa dell’uomo “economico e razionale”

  • Prospettiva futura di uno sviluppo economico senza crisi


Conseguenze del taylorismo

Conseguenze del taylorismo

  • Progressiva dequalificazione degli operai di mestiere

  • Parziale qualificazione della manovalanza semplice

  • Sistema di paghe differenziate e personalizzate

  • Divisione tra programmazione ed esecuzione del compito

  • Scarsa attenzione agli aspetti psicologici e sociali dei lavoratori


Il movimento delle relazioni umane

Il movimento delle Relazioni Umane

Premesse

  • Crisi economica degli anni ’20

  • New Deal americano: riforme economiche, politiche e sociali

    Elton Mayo e la sua équipe di ricerca.

  • La ricerca alla Western Electric Company di Hawthorne per verificare

    l’incidenza delle condizioni ambientali sulla produttività dei lavoratori,

    nel rispetto della logica tayloristica

  • L’esperimento della test room (1927): incidenza dei fattori economici e psico-sociali

    • L’uomo ha una natura sociale e relazionale

    • L’uomo ha un forte bisogno di sicurezza

    • La motivazione è un fattore fondamentale nell’agire umano e quindi anche nel lavoro

    • L’azienda rappresenta un sistema sociale complesso ed articolato


Il movimento delle relazioni umane1

Il movimento delle Relazioni Umane

Prevale l’idea che:

  • Il fattore umano è decisivo

  • Elementi psicologici latenti e condizionamenti sociali influenzano in modo determinante il rendimento dei lavoratori

  • L’organizzazione aziendale deve tener conto delle dinamiche relazionali, che spesso sono informali


Tavistock institute di londra

Tavistock Institute di Londra

  • 1946 - Scuola Inglese – Secondo dopoguerra

  • Il modello Socio-tecnico

  • La riorganizzazione del lavoro deve tener conto del sistema tecnico e sociale della fabbrica

  • In particolare, l’evoluzione organizzativa si lega a:

    • Nuove tecnologie

    • Organizzazione in piccoli gruppi


Tavistock institute di londra1

Tavistock Institute di Londra

I nuovi principi dell’organizzazione proposti da Schumacher

  • L’unità di base dell’organizzazione è il piccolo gruppo

  • L’organizzazione deve garantire stesse condizioni e criteri retributivi

  • L’organizzazione deve promuovere accordi flessibili di lavoro per il gruppo

  • Ogni gruppo ha un leader formale

  • Ogni gruppo pianifica il proprio lavoro

  • Ogni gruppo valuta i propri risultati attraverso la definizione di standard condivisi

  • Ad ogni gruppo sono assegnati processi produttivi indipendenti


Il modello del job design

Il modello del Job design

JOB ROTATION (rotazione delle mansioni)

  • Consiste nella rotazione degli operai all’interno della stessa catena di montaggio, essi così si alternano nello svolgere una serie di compiti.

    JOBENLARGEMENT (allargamento dei compiti)

  • Consiste nel raggruppare le operazioni prima parcellizzate e attribuirle ad uno stesso lavoratore, il quale così realizza un numero maggiore di fasi.

    JOB ENRICHMENT (arricchimento dei posti)

  • Consiste in una modificazione dei compiti volta a migliorare la qualità ed il grado di impegno intellettuale del lavoratore. Aumenta così la responsabilità del lavoratore.

    Prospettiva comune:

    • aumento della soddisfazione

    • maggiore motivazione


Verso la qualit del lavoro

Verso la Qualità del lavoro

  • 1962 – In Giappone nascono i circoli di qualità

  • 1968 - In Francia ci sono le prime agitazioni sindacali ed extra-sindacali contro il modello organizzativo del lavoro

  • Anni ’70 – In America crescono i movimenti per la qualità della vita lavorativa


I circoli di qualit

I Circoli di qualità

  • Sono piccoli gruppi di lavoratori che svolgono volontariamente attività di controllo di qualità nel proprio settore o in altri settori dell’azienda.

    I circoli servono a:

  • migliorare la leadership e le capacità gestionali dei capi intermedi e dei supervisori;

  • innalzare il livello del morale dei dipendenti e creare un ambiente favorevole al miglioramento;

  • costituire un nucleo attivo per realizzare la qualità di tutta l’organizzazione.

  • Gli obiettivi dei circoli sono, oltre al miglioramento dell’azienda, il rispetto dell’uomo, e di un ambiente dove abbia un senso lavorare, e lo sviluppo delle capacità umane.

  • I circoli tendono a sviluppare la creatività dei partecipanti, ad ampliarne la visione oltre i limiti del proprio posto di lavoro, a potenziare la propria personalità in rapporto con gli altri. Per queste ragioni i circoli devono essere sostenuti dalla direzione, altrimenti diventano frustranti.


Il modello giapponese

Il modello giapponese

Il modello giapponese, tra cultura e organizzazione

  • Partecipazione/coinvolgimento dei lavoratori

  • Fabbrica “piatta” e miglioramento continuo dei processi di produzione “just in time”

    Modello Toyota

  • produzione “snella” di piccole quantità di prodotti e flessibile alle richieste del mercato

  • la qualità diventa fattore di competizione

  • produzione a basso costo/buon mercato

  • differenziazione e varietà del prodotto


Trasferibilit del modello giapponese

Trasferibilità del modello giapponese

  • In occidente ci sono state diverse imitazioni del modello, per fronteggiare l’aggressiva concorrenza dei prodotti asiatici

  • Non è stato possibile ricreare le complesse condizioni sociali e culturali specifiche del contesto giapponese

  • Sono invece riproducibili teoricamente molte innovazioni organizzative:

    • Just in time

    • Produzione snella

    • Organizzazione piatta

    • Il “collettivo virtuoso” e i Circoli di Qualità

    • Relazioni industriali e sindacali a livello aziendale

    • Miglioramento continuo nella logica della qualità totale


Toyotismo

“Toyotismo”

Pratica del “just in time”:

  • riduzione

    • di scarti

    • di tempi morti

    • di accumulo di scorte

      in un processo volto a sincronizzare il più possibile la produzione con la domanda proveniente dal mercato.


La qualit totale

La Qualità Totale

Total Quality Managementsignifica:

  • 1. qualità delle prestazioni dell’azienda

  • 2. qualità del prodotto

  • 3. qualità dell’organizzazione

  • 4. qualità dell’immagine sul mercato

  • 5. qualità del lavoro


La logica della qualit

La logica della qualità

Per le aziende significa:

  • ridurre al minimo l’insoddisfazione del cliente attraverso una procedura attenta e puntuale di controllo su tutto il ciclo produttivo e sull’erogazione dei servizi

  • garantire degli standard di qualità ai propri prodotti e servizi

  • coinvolgere in questo processo di miglioramento continuo tutti i propri dipendenti


La logica della qualit1

La logica della qualità

  • Ogni organizzazione si pone volontariamente sotto il controllo di professionisti della qualità chiamati a verificare e certificare che tutti i processi siano svolti secondo regole prestabilite.

  • Cambia anche la filosofia di gestione delle risorse umane:

    • tutti i dipendenti sono chiamati a un processo continuo di riqualificazione professionale

    • tutti sono responsabilidel processo e devono garantire nel tempo gli standard di qualità stabiliti


La logica della qualit alcuni esiti

La logica della qualità … alcuni esiti

  • Viene vista con favore la qualificazione e professionalizzazione del lavoro industriale;

  • si riducono le distanze tra lavoro direttivo ed esecutivo;

  • l’impresa si apre verso collaborazioni esterne, ad una più attiva partecipazione e a un maggiore coinvolgimento dei lavoratori.


Le dimensioni della qualit del lavoro

Le dimensioni della qualità del lavoro

  • ergonomia: bisogni psicofisici degli individui

  • complessità: bisogni di impegno nelle difficoltà, di creatività, di formazione professionale, di accumulazione dell’esperienza lavorativa

  • autonomia: bisogno di autodeterminare le regole da seguire per svolgere le attività assegnate a un individuo

  • controllo: bisogno di controllare le caratteristiche e le condizioni generali del lavoro


Sociologia lavorista europea

Sociologia lavorista europea

Francia

  • Trattato di Sociologia (Friedmann e Naville)

  • Studi accademici

    Germania

  • Mitbestimmung = partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori nei Consigli di Amministrazione delle imprese

  • Scuola di Francoforte

    Italia

  • Studi industriali e sindacali

  • Le esperienze alla Olivetti di Ivrea


Le trasformazioni del lavoro

Le trasformazioni del lavoro

Il lavoro si modifica in termini

oggettivi

  • Organizzazione

  • Qualità

  • Tecnologie

  • Tempi

  • Quantità (livelli generali di occupazione)

    soggettivi

  • Ricerca di realizzazione personale nel lavoro

  • Nuova centralità del lavoro nella vita degli individui

  • Attribuzione di nuovi significati al lavoro


Le trasformazioni del lavoro1

Le trasformazioni del lavoro

Oggettive

  • Finanziarizzazione dell’economia

  • Globalizzazione dei mercati

  • Sviluppo del terziario avanzato

  • Nuove tecnologie

  • Nuovi lavori, nuove professionalità

  • Differenziazione produttiva e riduzione della vita dei prodotti

  • Riorganizzazione dell’organizzazione aziendale (azienda piatta, azienda rete)

  • Importanza dei processi comunicativi


Le trasformazioni del lavoro2

Le trasformazioni del lavoro

Rispetto agli atteggiamenti soggettivi

  • Ricerca di maggiore autonomia (con nuove forme di “dipendenza” per gli “atipici”)

  • Ricerca di maggiori livelli di creatività

  • Modifica del rapporto vita/lavoro con nuove forme di transizione

  • Ricerca di percorsi personali nel lavoro

  • Diversa gestione del tempo

  • Maggiori iniziative


Evoluzione dell etica del lavoro

Evoluzione dell’etica del lavoro


Lavoro e identit

Lavoro e identità

«Se vuoi trasformare un uomo in una

nullità, non devi far altro che ritenere

inutile il suo lavoro» (Dostoevkij)


La nozione di lavoro

La nozione di lavoro

  • Attività sociale complessa…

  • Rapporto sociale…

  • Occupazione…

    “Decidere cosa è lavoro e cosa non lo è dipende dalla definizione sociale, storicamente variabile, delle diverse attività umane”


La valutazione sociale del lavoro

La valutazione sociale del lavoro

  • Lavoro come fatica, dovere, sinonimo di subordinazione ed eteronomia.

    Labor et opera (Touraine, 1986)

  • Lavoro come “affermazione delle proprie capacità”  autorealizzazione, identità sociale, status, emancipazione…

  • Liberazione dal lavoro vs liberazione nel lavoro? (ergoterapia…)


Il lavoro come occupazione

Il lavoro come occupazione

  • Il lavoro inteso come occupazione è indipendente dal contenuto sostanziale dell’attività ed è definito dal quadro formale in cui si colloca:

    il luogo di lavoro, l’orario di lavoro, la specializzazione del lavoratore, il contratto.

    In questo senso, si parla di lavoro astratto, perché prescinde dall’utilità immediata e concreta dell’attività lavorativa rispetto ai bisogni del lavoratore; il lavoro è reso astratto dall’intermediazione del salarioche spezza il legame diretto di senso tra le attività in termini di rapporto tra mezzi e fini.


Il lavoro definizioni

Il lavoro - definizioni

  • Il lavoro indica un’attività dell'uomo in grado di produrre un certo utile per se stesso o per altri uomini. Il lavoro costituisce un bene economico in quanto esiste l'equivalente in denaro di ogni lavoro effettuato. Il lavoro soddisfa un bisogno di se stessi o di un'altra persona (tuttavia, vi sono alcune attività che comportano un guadagno ma che non vengono considerate lavoro, quali ad esempio: la locazione di un immobile, vincere al gioco, etc., a meno che le medesime attività non siano svolte da un professionista).


Il lavoro definizioni 2

Il lavoro – definizioni (2)

Quindi, il lavoro viene ad essere, nelle definizioni più ricorrenti, un’attività cosciente diretta a conseguire un bene economico.

Non è, dunque, sufficiente lo svolgimento di una qualsiasi attività per parlare di lavoro; occorre, invece, che l’attività sia produttiva di un utile, di un bene, che sia cioè economica (per bene economico bisogna intendere qualcosa idoneo a soddisfare un bisogno e che sia, d’altra parte, disponibile in quantità limitate).

Con il termine lavoro, si intende designare l’attività umana a tutti i livelli: il lavoro manuale e quello intellettuale, l’attività direttiva, quella commerciale, imprenditoriale, ecc.


Lavoro autonomo

Lavoro autonomo

  • Il lavoro si dice autonomo quando viene svolto personalmente dal lavoratore, non vi è obbligo di essere comandato da nessun'altra persona, cioè non vi è vincolo di subordinazione nei confronti di colui che paga il lavoro, cioè il committente del lavoro. In pratica il lavoro autonomo è il contrario di lavoro dipendente.

  • Nel lavoro autonomo si è liberi di scegliere i tempi e i mezzi del lavoro. Si è unicamente obbligati dal vincolo del risultato richiesto dal committente in cambio del corrispettivo in denaro.

  • Il lavoratore autonomo è sottoposto alle normative di legge, di cui è responsabile in proprio; è sottoposto alle norme tributarie; assume in proprio il rischio di impresa, cioè può rimettere del denaro e del lavoro qualora non raggiunga il risultato voluto dal committente.

  • Il lavoratore autonomo può avvalersi di dipendenti.


Lavoro dipendente

Lavoro dipendente

  • Il lavoro si dice subordinato quando viene svolto alle dipendenze di un'altra persona, detta imprenditore e si ottiene in cambio del denaro, cioè una retribuzione.

  • Lavoro dipendente o lavoro subordinato sono la stessa cosa, cioè sono sinonimi e li possiamo usare l'uno al posto dell'altro.

  • Nel lavoro dipendente la persona che compie il lavoro riceve gli ordini dal datore di lavoro.

  • Il datore di lavoro fissa i tempi in cui il dipendente deve lavorare, fornisce i mezzi, cioè macchinari, materie prime, luogo di lavoro, ecc.

  • Il datore di lavoro fissa il metodo di lavoro.

  • Il valore dello corrispettivo in denaro, chiamato stipendio, viene fissato dai contratti.

  • Il lavoratore dipendente non è sottoposto ad ulteriori norme di legge, non è sottoposto a particolari norme tributarie, non si assume il rischio di impresa, cioè guadagna sempre.


Il rapporto di lavoro

Il rapporto di lavoro

  • Il rapporto di lavoro si costituisce nel momento in cui un imprenditore decide di avvalersi della prestazione lavorativa di un'altra persona, cioè il dipendente, dando in cambio al dipendente stesso una somma in denaro o in natura, detta retribuzione.

  • Per la costituzione del rapporto non occorre la forma scritta ma è necessaria la volontà contemporanea delle due parti, cioè il datore di lavoro o imprenditore da una parte e il lavoratore dipendente o subordinato dall'altra.


Il contratto di lavoro

Il contratto di lavoro

Tuttavia, la forma scritta del contratto di lavoro è richiesta nei seguenti casi:

  • quando si vuole stabilire un periodo di prova, cioè un periodo di esperimento dell'attività lavorativa, durante il quale le due parti possono cambiare idea, cioè recedere dal contratto;

  • quando le parti vogliono stipulare un contratto per un periodo di tempo fissato in precedenza, cioè a tempo determinato; finito il tempo pattuito, il contratto si scioglie;

  • quando le parti vogliono stipulare un contratto di formazione e lavoro, che ovviamente è un contratto a tempo determinato;

  • quando le parti vogliono stabilire un contratto di lavoro a tempo parziale; cioè un tipo di contratto in cui il lavoratore lavora un ridotto numero di ore per ogni giornata lavorativa e quindi si tratta di tempo parziale orizzontale in quanto si riducono le ore di tutte le giornate lavorative; oppure il lavoratore lavora per un ridotto numero di giorni e quindi si tratta di tempo parziale verticale; in ambedue i casi la retribuzione è ridotta in proporzione;


Il contratto di lavoro segue

Il contratto di lavoro (segue)

  • quando il datore di lavoro intende assumere un dirigente;

  • quando il datore di lavoro assume un piazzista o un viaggiatore, in quanto occorre prefissare i limiti della zona affidatagli e i limiti dell'incarico ricevuto;

  • quando il datore di lavoro vuole inserire nel contratto un patto con cui si garantisce che alla fine del contratto il dipendente non inizi a fare concorrenza allo stesso datore di lavoro, cioè il patto di non concorrenza. 


La lettera di assunzione

La lettera di assunzione

Sebbene la forma scritta non è necessaria per la stipula di un contratto di lavoro, tuttavia si consiglia di assumere un dipendente o di farsi assumere sempre sotto forma scritta; si evitano in tal modo contrasti e fraintendimenti fra le parti. La forma scritta con cui viene stipulato il contratto tra datore di lavoro e dipendente si chiama lettera di assunzione.


La lettera di assunzione segue 1

La lettera di assunzione (segue 1)

Nella lettera di assunzione occorre precisare:

  • l’identità delle due parti;

  • la decorrenza del lavoro, cioè il giorno dal quale inizia il rapporto di lavoro;

  • la durata del rapporto di lavoro, cioè, se si tratta di lavoro a tempo determinato la data di fine del contratto o se non vi è termine si specifica che è a tempo indeterminato;

  • la sede di lavoro, cioè il luogo preciso dove il lavoratore dovrà prestare la sua opera, con l'indicazione anche di variazioni della sede di lavoro, sia temporanee (cioè, le trasferte o le missioni), sia definitive (i trasferimenti);

  • la qualifica, la categoria, le mansioni del lavoratore, con descrizione sommaria del lavoro da fare;


La lettera di assunzione segue 2

La lettera di assunzione (segue 2)

  • l'orario di lavoro, cioè giorno, ora e minuti di inizio del lavoro e giorno, ora e minuti della fine della prestazione, per ogni giorno lavorativo, con previsione di turni particolari o di lavoro non previsto (detto: “lavoro straordinario”); ferie, cioè giorni non lavorativi in aggiunta ai festivi retribuiti dal datore di lavoro;

  • il trattamento economico, cioè il corrispettivo in denaro previsto dal contratto collettivo di lavoro (accordo tra sindacati dei lavoratori e sindacati dei datori di lavoro che fissano un minimo di stipendio per ogni tipo di lavoro);

  • la durata del periodo di prova, se previsto;

  • i termini del preavviso di recesso, cioè quanti giorni prima una parte deve avvisare l'altra qualora intenda annullare il contratto, cioè recedere dal contratto.


Il concetto di lavoro

ILCONCETTODI LAVORO

SOSTANZIALE ASTRATTO

MERCIFICAZIONE

SPECIALIZZAZIONE


Lavoro astratto e modernit

Lavoro astratto e modernità

  • Il concetto di lavoro astratto è un prodotto della modernità e del capitalismo, ed in particolare di due processi, quali la mercificazione e la specializzazione del lavoro


Mercificazione

MERCIFICAZIONE

  • Per mercificazione si intende la riduzione di ogni aspetto della realtà del lavoro alla fisionomia propria delle merci, in particolare il lavoratore non ha il controllo e l’uso diretto del prodotto, immesso sul mercato come merce e non consumato direttamente dal produttore/lavoratore.


La specializzazione

LA SPECIALIZZAZIONE

  • La specializzazione consiste nel processo attraverso cui i lavoratori acquisiscono l’abilità di compiere operazioni parziali con macchine sempre più precise e tecnologicamente avanzate.

    Artigiano  Operaio  Operaio specializzato


La sociologia del lavoro ambito disciplinare

La sociologia del lavoro – ambito disciplinare

La sociologia del lavoro e delle organizzazioni è lo studio delle dinamiche comportamentali delle persone nel contestolavorativo e nello svolgimento della loro attività professionale in rapporto alle relazioni interpersonali, ai compiti da svolgere, alle regole e al funzionamento dell’organizzazione.


La sociologia del lavoro e delle organizzazioni

La sociologia del lavoro e delle organizzazioni

LAVORO

UOMO

ORGANIZZAZIONE


La sociologia

LA SOCIOLOGIA

Esistono diverse visioni della società:

  • Organismo – cresce, si sviluppa, conosce stati di salute e di malattia, declina (la struttura è presente nella sua totalità in ogni singolo aspetto) – Marx, Durkheim

  • Meccanismo – società come insieme di atomi individuali (vanno indagati gli interessi, le motivazioni dei singoli individui) – Boudon, Lazarsfeld

  • Processo – un susseguirsi di eventi e significati generato da quel che precede e che influenzano ciò che segue (sono gli attori sociali che costruiscono la realtà. Indagine sulla cultura) Weber, Goffman

  • Sistema – che trasforma le risorse materiali e simboliche (sottosistemi specializzati in particolari azioni. Funzionalismo) Merton, Parsons


Modello determinista

MODELLO DETERMINISTA

S  R


La variabile umana

LA VARIABILE UMANA

S  O R


Paradigmi delle teorie organizzative

Paradigmi delle teorie organizzative

Le teorie classiche, quelle delle relazioni umane e delle neo-relazioni umane si sono avvalse di una concezione deterministica, quasi comportamentista, del fattore umano: l’uomo è considerato sottomesso passivamente alle pressioni dell’organizzazione. Ognuna di queste teorie auspica un tipo di stimolo - finanziario, relazionale o motivazionale - per scatenare i comportamenti desiderati in vista del raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione. Diversa è la posizione delle teorie ad orientamento diagnostico: per l’analisi strategica gli individui, e per estensione i gruppi, sono considerati come dei protagonisti, dei soggetti capaci di comportarsi nell’organizzazione con libertà e razionalità, protesi a raggiungere i propri fini. Nell’organizzazione ogni attore persegue così una propria strategia.


Lavoro un problema di definizione

LAVORO: UN PROBLEMA DI DEFINIZIONE

  • Il lavoro è considerato come un insieme di attività praticate all’interno di contesti organizzati socialmente e culturalmente. Nella nostra società molto spesso la domanda chi sei si traduce in che lavoro fai, in questo modo il lavoro diviene un forte indicatore per rendere la persona «socialmente riconoscibile» nell’interazione (Depolo - Sarchielli, 1987). Pertanto, l’avere o il non avere un’attività lavorativa diviene un mezzo per categorizzare le persone, per assegnare loro un posto (e un significato) nel nostro ambiente psico-sociale.


Lottery question

Lottery Question

«Immagina di aver vinto alla lotteria o di aver ereditato una cospicua somma di denaro che ti permetterà di vivere confortevolmente per il resto della tua vita senza lavorare. Pensi che continuerai a lavorare lo stesso oppure no?»

Il 69% delle donne e il 65% degli uomini (su un campione rappresentativo di lavoratori inglesi) risponde che avrebbe continuato a lavorare anche se fosse stato loro garantito il denaro per vivere.


I benefici del lavoro

I benefici del lavoro

Warr (1982) ha individuato i benefici che derivano alle persone dall’avere un lavoro: denaro, attività, varietà, organizzazione del proprio tempo, contatti sociali, posizione sociale ed identità nella società.

Il lavoro permette alle persone di mettere in pratica le proprie conoscenze, di sviluppare capacità ed abilità; rappresenta una fonte di varietà e svolge un ruolo importante nell’organizzazione del tempo.

Fino a 50-60 anni fa il lavoro occupava il 25-30% della vita di una persona, attualmente poco più del 10%, in quanto la scuola si protrae per un periodo più lungo, l’orario di lavoro è più corto, vi sono più giorni di ferie.


Il valore del lavoro nella costruzione dell identit

Il valore del lavoro nella costruzione dell’identità

La rappresentazione di sé tende a costruirsi progressivamente in quanto il lavoro mette in contatto l’individuo con altre persone, e le valutazioni che provengono dagli altri sono una fonte importante di informazione su se stessi. Inoltre, il lavoro permette a ognuno di auto-valutarsi direttamente sulla base dei risultati conseguiti e degli obiettivi raggiunti.


L identit

L’identità

  • L'identità, in senso largo, è innanzitutto un insieme di caratteristiche che permettono di definire espressamente un soggetto.


L identit 2

L’identità (2)

Dall'esterno, l'identità è una delle definizioni possibili di un soggetto sociale. Questa definizione si riferisce a un certo numero di criteri (riferimenti identitari). Raramente è possibile enunciare tutti i criteri utilizzabili.

A seconda della natura dei criteri scelti per la definizione, si parla di identitàdifferenti:

  • Identità obiettiva

  • Identità culturale

  • Identità di gruppo

  • Identità sociale

  • Identità professionale


L identit 3

L’identità (3)

Si parla di:

  • identità obiettiva quando si scelgono dei riferimenti identitari d'ordine obiettivo: nome, sesso, età, territorio, ambiente o altri conosciuti e verificabili;

  • identità culturale quando si prendono essenzialmente dei riferimenti di ordine culturale: lingua. religione, codici culturali, ideologia...;

  • identità di gruppo quando si prendono riferimenti concernenti gruppi di appartenenza;

  • identità sociale in riferimento alla posizione sociale;

  • identità professionale in riferimento al curriculum vitae e alle attività professionali.


Identit sociale

IDENTITÀ SOCIALE

Sartre poneva nella sua globalità il problema dell'identità sociale collocando l'individuo in uno spazio umano esteso a tutti gli uomini: "Io mi situo, diceva, come Europeo in rapporto agli asiatici e ai Neri, come vecchio in rapporto ai giovani, come magistrato in rapporto ai delinquenti, come borghese in rapporto agli operai".


Identit sociale segue

IDENTITÀ SOCIALE (segue)

  • L'identità sociale è la somma di tutte queste relazioni di inclusione o di esclusione in rapporto a tutti i gruppi costitutivi di una società.

  • Essendo le società generalmente gerarchizzate in strati, in ceti, in classi sociali, una identità sociale classifica automaticamente l'individuo o il gruppo nella gerarchia sociale. A ciascuna posizione sociale, legata all'identità sociale, corrisponde un insieme di diritti, di doveri, di risorse e di prescrizionidi comportamenti.


Sentimento dell identit

SENTIMENTO DELL'IDENTITÀ

Per Allport, il senso di sé o dell'identità è composto da sette elementi essenziali collocati così nel loro ordine di apparizione genetica:

  • il sentimento corporale;

  • il sentimento dell'identità dell'Io nel tempo;

  • il sentimento delle opposizioni sociali del nostro valore;

  • il sentimento del possesso;

  • la stima di sé;

  • il sentimento di poter ragionare;

  • l'intenzionalità dell'essere.


Sentimento dell identit segue

SENTIMENTO DELL'IDENTITÀ (segue)

Questi aspetti fondamentali del sentimento di identità personale sarebbero legati a necessità fondamentali o bisogni della natura umana:

bisogno di sensazioni, bisogno di punti di riferimento, bisogno di considerazione, bisogno di possesso, bisogno di conoscenza e bisogno di avere degli obiettivi.


La funzione del lavoro

LA FUNZIONE DEL LAVORO

  • Luogo d’apprendimento della vita sociale

  • Luogo della socializzazione

  • Luogo della costruzione delle identità

  • Luogo d’interazione e scambio

  • Legame sociale

  • Costruzione del sistema degli status e dei ruoli all’interno di un dato assetto sociale


Il valore del lavoro

IL VALORE DEL LAVORO

  • Senso di utilità sociale

  • Strumento di autorealizzazione

  • Identità sociale e personalità

  • Sentimento di appartenenza alla società

  • Etica del lavoro


Status ruolo statico dinamico

posizione sociale cui sono connesse norme comportamentali

il grado di prestigio, l’onore, il rispetto, la deferenza, attribuito ad una posizione sociale o a chi la occupa

l’aspetto allocativo di una posizione sociale

norme e aspettative che convergono su un individuo in quanto occupa una determinata posizione in un sistema sociale.

STATUS RUOLOstaticodinamico


Attese altri ruoli attese organizzative aspettative personali

Attese altri ruoli Attese organizzativeAspettative personali

ruolo

Comportamento effettivo


Metafore organizzative

METAFORE ORGANIZZATIVE

  • Macchina

  • Organismo

  • Strumento di esercizio del potere

  • Cervello


Individuo libert

INDIVIDUO = LIBERTÀ

ORGANIZZAZIONE = RAZIONALITÀ


Il fordismo

IL FORDISMO

Catena di montaggio

Grande impresa

Integrazione verticale

Produzione di massa

Organizzazione scientifica del lavoro

Contratto a tempo pieno e indeterminato


Il taylorismo

IL TAYLORISMO

  • Parcellizzazione del lavoro

  • Separazione progettazione ed esecuzione dei prodotti

  • Organizzazione burocratica e controllo gerarchico

  • Sistema di economie di tempo e di materiali


Human relations anni 50

HUMAN RELATIONS (ANNI ’50)

  • Elton Mayo: 1932/33 ricerca Western Electric di Hawthorne

  • Il fattore umano

  • La motivazione al lavoro


Correzioni al taylorismo anni 60

CORREZIONI AL TAYLORISMO (anni ’60)

  • job rotation

  • job enlargement

  • job enrichment


Il postfordismo dagli anni 70

IL POSTFORDISMO (dagli anni ’70)

  • Globalizzazione

  • Flessibilità

  • Downsizing

  • Deverticalizzazione: esternalizzazione/terziarizzazione

  • Delocalizzazione

  • Delayering

  • Espansione del terziario


Principi della societ postindustriale

Principi della società postindustriale

  • il passaggio dalla produzione di beni alla produzione di servizi;

  • l’importanza crescente della classe dei professionisti e tecnici rispetto alla classe operaia;

  • la centralità del sapere teorico;

  • il problema della gestione dello sviluppo tecnico;

  • la creazione di una nuova tecnologia intellettuale e cioè costituita da macchine intelligenti in grado di sostituire l’uomo.


Nuove professioni

NUOVE PROFESSIONI

  • Diffusione ed uso degli strumenti informatici

  • Richiesta di nuove competenze cognitive, comunicative, sociali/relazionali: life skills

  • Processo di professionalizzazione.


Competenze

COMPETENZE

  • Competenze cognitive: saper trovare soluzioni e prendere decisioni;

  • Competenze relazionali: saper interagire con gli altri;

  • Competenze affettive: gestire le proprie emozioni ed avere una consapevole autostima.


La flessibilit del lavoro

LA FLESSIBILITÀ DEL LAVORO

Il capitalismo flessibile

Regime dell’incertezza

Biografia funambolica


Il rischio

IL RISCHIO

  • La società20:80working poors

  • Brasilianizzazione

  • La staticità come scelta obsoleta

  • Dinamici, elastici, veloci!

  • “La corrosione del carattere”


La flessibilit nel mercato del lavoro

LA FLESSIBILITÀ NEL MERCATO DEL LAVORO

Deregolamentazione

Flessibilità

Quantitativa Qualitativa


Flessibilit quantitativa numerica o esterna

FLESSIBILITÀ QUANTITATIVA (numerica o esterna)

  • Possibilità da parte di un impresa di adeguare il volume e le caratteristiche professionali degli occupati al suo interno all’andamento del ciclo produttivo o ai mutamenti tecnologici

  • Flessibilità in entrata o/e in uscita


Flessibilit qualitativa funzionale o interna

FLESSIBILITÀ QUALITATIVA (funzionale o interna)

La possibilità da parte dell’azienda:

  • di spostare i lavoratori da un luogo ad un altro

  • di modificare liberamente il contenuto della prestazione e degli orari di lavoro secondo l’articolazione del ciclo produttivo

  • di attivare modificazioni salariali in adeguamento all’andamento dell’impresa e del sistema economico nazionale


Conseguenze sociali della flessibilit

CONSEGUENZE SOCIALI DELLA FLESSIBILITÀ

  • Sfera della progettualità

  • Costruzione della carriera professionale

  • Cambia la funzione sociale del lavoro?

  • Una flessibilità per vivere o per morire?


Il modello dei distretti industriali un esempio di flessibilit sostenibile e contestualizzata

IL MODELLO DEI DISTRETTI INDUSTRIALI: un esempio di flessibilità sostenibile e contestualizzata

  • rete di piccole e medie imprese integrate, diffuse sul territorio in aree distrettuali specializzate settorialmente

  • produzione di beni di qualità

  • fattori istituzionali

  • capitale sociale


I giovani la discriminazione per et

I GIOVANI: la discriminazione per età

  • Disoccupazione da inserimento

  • Socialmente e cognitivamente accettabile

  • Il ruolo della famiglia → solidarietà intergenerazionale

  • Aspettative lavorative ed istruzione

  • Job shopping

  • Flessibilità e precarietà


Mercato della vita mercato del lavoro

capacità lavorativa

personalità

competenze

affidabilità

luogo virtuale di incontro tra domanda e offerta di lavoro

concetto astratto:

il lavoro come merce anonima

relazione di scambio simmetrica

prezzo/salario con funzione di riequilibrio fra domanda e offerta

azione razionale

Mercato della vita Mercato del lavoro


Sociologia del lavoro

MERCATO DEL LAVORO COME ISTITUZIONE SOCIALE

  • Il lavoro non è propriamente una merce → forza lavoro e alienazione

  • Relazione asimmetrica tra lavoratore e datore di lavoro → intervento dello Stato

  • Salario condizionato da fattori sociali e istituzionali → equità

  • Azione influenzata da fattori sociali, istituzionali, cognitivi → no modello utilitaristico


Le trasformazioni del lavoro3

Le trasformazioni del lavoro

  • Contenuto del lavoro e relazione d’impiego (contratto, volontario, occasionale)

  • Stabilità lavorativa vs flessibilità… (compiti, organizzazione, posto di lavoro, luogo)

  • Lavoro autonomo/lavoro dipendente…

  • Qual è la “forma tipica” di lavoro? Il lavoro è storicamente determinato?


Mercato e lavoro

Mercato e Lavoro

  • IL LAVORO È UNA MERCE?

  • INDUSTRIA E INDUSTRIALIZZAZIONE

    • Come nasce il mercato del lavoro?

  • I MODELLI DI REGOLAZIONE DEL LAVORO

  • FORME “TIPICHE” DI LAVORO E IMPRESA


Il lavoro una merce anomala

IL LAVORO: UNA MERCE “ANOMALA”

  • Domanda di lavoro  richiesta di competenze differenziate (liv. istruzione, esperienza, capacità tecniche);

  • Offerta di lavoro  si differenzia in base alle caratteristiche individuali (età, genere, istruzione, …);


L industrializzazione

L’industrializzazione

  • Alcuni fattori rilevanti da considerare nell’analisi del processo di industrializzazione in Europa…

    • La divisione del lavoro (A. Smith) e l’organizzazione;

    • L’applicazione della tecnologia (Landes) e il trasferimento tecnologico (e di conoscenza) tra settori produttivi (es. innovazione in campo energetico);

    • La formazione del mercato del lavoro (Polanyi) e del credito (Simmel);

    • L’urbanizzazione e la modificazione delle scelte riproduttive (sviluppo demografico);

    • La presenza di un’elite/classe dirigente nazionale


I modelli di regolazione del lavoro i

I modelli di regolazione del lavoro I

  • Esiste solo il mercato? – alcune caratteristiche del Mdl modificano il funzionamento di questo mercato secondo logiche diverse dalla razionalità economica in senso stretto;

  • Inoltre, il lavoro produce identità sociale e quindi la logica di scelta dell’attore non sempre segue la razionalità economica…


I modelli di regolazione del lavoro ii

I modelli di regolazione del lavoro II

  • Il mercato del lavoro possiede caratteristiche specifiche:

    • Il rapporto tra domanda ed offerta è personalizzato, esistono legami fiduciari, la “merce” lavoro non è omogenea;

    • Le transazioni non sono paritarie e le dimensioni di controllo e potere insite nel rapporto favoriscono la presenza di gerarchie;

    • La remunerazione non è solo monetaria ma anche simbolica;


I modelli di regolazione del lavoro iii

I modelli di regolazione del lavoro III

  • Il lavoro è regolato quindi anche da meccanismi istituzionali

    una chiave di lettura è data dai tre modelli di integrazione sociale (Polanyi)

    RECIPROCITÀ – identità soc. riconosciuta

    SCAMBIO – transazione libera

    REDISTRIBUZIONE – autorità legittimata


I modelli di regolazione del lavoro iv

I modelli di regolazione del lavoro IV

Il mercato del lavoro è sempre stato “regolato” dalle istituzioni per tre ordini di ragioni;

  • vi sono aspetti del lavoro che il mercato non può regolare (organizzazione produttiva, distribuzione del potere e gerarchia nelle imprese);

  • Il mercato può essere meno efficiente (meno vantaggioso dal punto di vista economico) che non il ricorso ad una forma di allocazione diversa (es. mercati del lavoro interni vs esterni);

  • Lo scambio sul mercato del lavoro è disuguale (necessità di tutela sociale) e di sovente dallo scambio atomistico/individuale si passa alla contrattazione collettiva, allo scambio politico, …


Il mercato del lavoro italiano

IL MERCATO DEL LAVORO ITALIANO

  • mercato dualistico

  • forte discriminazione di genere e scarsa partecipazione femminile

  • disoccupazione da primo inserimento

  • alta protezione sociale dai rischi della disoccupazione per i breadwinner

  • disoccupazione di lunga durata

  • scarsa mobilità occupazionale ascendente

  • domanda di lavoro prevalentemente poco qualificata


La ricerca del lavoro

LA RICERCA DEL LAVORO


Modalit di ricerca del lavoro

MODALITÀ DI RICERCA DEL LAVORO

  • metodi formali e istituzionali: servizi per l’impiego, partecipazione a concorsi pubblici, l’invio spontaneo di curriculum e lettera di assunzione;

  • uso dei giornali: pubblicazione di e risposta ad inserzioni

  • canali informali e personalistici: le relazioni personali e le segnalazioni →il capitale sociale


Modelli di disoccupazione in europa

MODELLI DI DISOCCUPAZIONE IN EUROPA

  • disoccupazione da inserimento: → Portogallo, Grecia, Spagna, Italia

  • disoccupazione industriale → Gran Bretagna, ed in parte l’Irlanda

  • disoccupazione equidistribuita→ Germania, Danimarca, Svezia, Austria

  • disoccupazione femminile → Francia, Belgio, Olanda


Occupazione

OCCUPAZIONE

  • acquisizione di un reddito monetario in seguito allo svolgimento di un’attività lavorativa

  • riconoscimento sociale e personale


Disoccupazione

DISOCCUPAZIONE

  • una condizione economica: non avere un’occupazione

  • un’attività: essere alla ricerca di un’occupazione

  • un’attitudine: essere disponibile ad accettare un lavoro alle condizioni esistenti

  • uno stato di necessità: avere un più o meno elevato bisogno di procurarsi un reddito


Occupati

OCCUPATI

  • persone con attività lavorativa

  • altre persone con attività lavorativa che pur essendosi dichiarati studenti, casalinghe o pensionati, hanno effettuato almeno un’ora di lavoro nella settimana precedente


Persone in cerca di occupazione

PERSONE IN CERCA DI OCCUPAZIONE

  • disoccupati in senso stretto, che per un qualunque motivo hanno perso un precedente lavoro dipendente

  • in cerca di prima occupazione, che non hanno mai avuto un precedente lavoro

  • altre persone in cerca di lavoro, che pur essendosi autodefiniti studenti, casalinghe o pensionati, hanno successivamente dichiarato di cercare lavoro


Non forze di lavoro o popolazione non attiva

Non forze di lavoro o popolazione non attiva

  • popolazione in età non attiva: la soglia inferiore è posta a 15 anni, in corrispondenza con il divieto di lavorare, e quella superiore a 64/74

  • popolazione non attiva, benché in età attiva (studenti, casalinghe, ritirati dal lavoro e inabili dai 15 ai 64/74 anni).


Evoluzione dei modelli di organizzazione

EVOLUZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE

  • Modello taylorista-fordista: comando, controllo, lavoratori come manodopera

  • Modello produzione di massa: gerarchia e rappresentanza dei lavoratori

  • Modello Grande-Famiglia: gerarchia e attività sociali

  • Modello gestione risorse umane: strutture piatte, ampliamento mansioni, meritocrazia

  • Modello partecipativo: strutture flessibili, valorizzazione capitale umano


Sociologia del lavoro

processo attraverso il quale l’individuo canalizza dell’energia verso il raggiungimento di una meta-incentivo per il soddisfacimento di determinati bisogni, posto che il bisogno è una carenza che genera una tensione, per la riduzione della quale l’individuo pone in essere il comportamento che ritiene più adatto. (Franco Fontana 1994)

LA MOTIVAZIONE


Sociologia del lavoro

l’insieme dei fattori o motivi che stanno alla base del comportamento, lo sollecitano e l’orientano in determinate direzioni; in genere tutti i comportamenti sono motivati, cioè presuppongono un motivo-bisogno che spinge all’azione, e perseguono un piano per la soddisfazione del bisogno. (Enrico Auteri 1998)

LA MOTIVAZIONE


Sociologia del lavoro

Motivazione specifica

Contratto psicologico

Fidelizzazione

Marketing interno

LA MOTIVAZIONE


La divisione del lavoro

La divisione del lavoro

Smith e “La fabbrica di spilli”

Saper Fare e Saper Essere


A smith

A. Smith

“È evidente che il lavoro non assistito di un individuo solitario è del tutto incapace di provvederlo di cibo, di vestiario e di alloggio come non solo richiede il lusso di un grande, ma si suppone richiedano, in una società civilizzata, gli appetiti naturali del contadino più modesto.”

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


A smith1

A. Smith

Divisione del lavoro:

“Solo la divisione del lavoro, in base alla quale ogni individuo confina se stesso in un particolare ramo di attività, può spiegare la superiore prosperità che si verifica nelle società civilizzate e che, nonostante le ineguaglianze della proprietà, si estende fino al più infimo membro della comunità.”

esempio: la fabbrica di spilli

La ricchezza delle nazioni. Abbozzo 1763

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Ddl e ricchezza delle nazioni

Ddl e ricchezza delle nazioni

“È l’immensa moltiplicazione delle produzioni di tutte le differenti attività, conseguenza della divisione del lavoro che, nonostante le grandi diseguaglianze della proprietà, dà luogo, in tutte le società civilizzate, a questa universale prosperità che si estende fino ai più bassi strati della popolazione”.

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Ddl e progresso tecnologico

Ddl e progresso tecnologico

  • Il prezzo del prodotto del lavoro diminuisce e il salario del lavoratore aumenta;

  • “È così che in una società opulenta e commerciale il lavoro diventa più caro e il prodotto più a buon mercato”;

  • una piccola quantità di lavoro (“appropriatamente e giudiziosamente impiegato”) procura grande abbondanza di beni necessari e utili per vivere.

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Ddl e benessere nazionale

Ddl e benessere nazionale

  • Lavoro applicato con grande abilità e giudizio, sostenuto dall’accordo e dalle forze unite di una società superiore, assistito da innumerevoli macchine: maggiore quantità di prodotto rispetto alla sua maggiore ricompensa;

  • “Più opulenta sarà la società, più il lavoro sarà caro e meno costoso il prodotto”.

  • La concorrenza dei paesi poveri (minori profitti, minori salari) avrà effetto solo in presenza di “alcuni rilevanti errori nella propria politica economica”

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Perch la ddl aumenta la produzione

Perché la ddl aumenta la produzione

  • Maggiore abilità di ogni lavoratore;

  • Risparmio di tempo per passare da un tipo di lavoro a un altro;

  • Macchine che aiutano il lavoratore a svolgere l’attività di molti.

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Specializzazione e divisione del lavoro

SPECIALIZZAZIONE E DIVISIONE DEL LAVORO

I fattori determinanti il forte aumento della produttività industriale a partire dalla rivoluzione industriale:

  • la sostituzione di energia meccanica a quella muscolare;

  • l’introduzione di metodi per l'esecuzione di operazioni ripetitive: procedure, utensili, macchinari;

  • l’impiego di materiali e dispositivi specifici per la gestione più efficiente dei materiali;

  • l’introduzione di dispositivi e formule organizzative che consentono il trasporto e il collegamento di numerose operazioni elementari.


Divisione del lavoro e divisione della conoscenza

Divisione del lavoro e divisione della conoscenza

  • I fattori determinanti la divisione del lavoro sono in ultima analisi riconducibili alla possibilità di riutilizzare la conoscenza:

    • Vantaggi nello sviluppo di conoscenze specialistiche: problem solving distribuito

    • Le conoscenze acquisite diventano un vantaggio sociale se sono riutilizzabili perché vengono incorporate in artefatti (metodi, tecnologie, prodotti) o sono trasmesse


Ddl e invenzioni

Ddl e invenzioni

“Fu la divisione del lavoro che probabilmente causò l’invenzione della maggior parte di quelle macchine per mezzo delle quali il lavoro è così facilitato e ridotto. Quando l’intera forza della mente è rivolta a un solo particolare oggetto, come deve essere in conseguenza della divisione del lavoro, la mente è più adatta per scoprire i metodi per raggiungere tale obiettivo rispetto a quando la sua attenzione è dispersa tra una grande varietà di cose” (es. aratro; seminatrice; mulino a mano, ecc.).

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Ddl e conoscenza scientifica

Ddl e conoscenza scientifica

  • Saper fare e saper essere: “Persone il cui mestiere non è il fare qualcosa, ma osservare ogni cosa, e che per tale ragione sono capaci di combinare assieme i poteri dei più opposti e distanti oggetti” (81). Da artigiano artista a “filosofo”.

  • “Solo un vero filosofo poteva inventare il motore a vapore e la prima forma dell’idea di produrre un così grande effetto da una energia della natura cui prima non si era mai pensato”;

  • La filosofia o speculazione, col progredire della società, diventa, come ogni altro mestiere, l’unica occupazione di una particolare classe di cittadini.

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Le cause della ddl

Le cause della ddl

Effetto della particolare inclinazione della natura umana:

la tendenza “a barattare, permutare e scambiare una cosa con un’altra”

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Bisogno umano di cooperazione

Bisogno umano di cooperazione

L’individuo ottiene aiuto dagli altri se riuscirà a volgere a proprio favore la cura che quelli hanno del proprio interesse e a dimostrare che torna a loro vantaggio fare per lui ciò che richiede loro:

“dammi quello che voglio e tu avrai quello che vuoi”.

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Cooperazione interessata

Cooperazione interessata

“Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio e del fornaio che ci aspettiamo il pranzo, ma dalla considerazione che essi fanno del proprio interesse. Noi ci volgiamo non alla loro umanità, ma al loro interesse e non parliamo mai loro delle nostre necessità, ma dei loro vantaggi”.

corso di sociologia del lavoro - La divisione del lavoro "A. Smith"


Divisione del lavoro e complessit

DIVISIONE DEL LAVORO ECOMPLESSITÀ

Le interdipendenze derivanti dalla divisione del lavoro determinano complessità: si richiede infatti a unità specializzate di rispondere a condizioni incerte realizzando il coordinamento di un numero crescente di unità le cui decisioni di controllo sono connesse e caratterizzate da un certo grado di irreversibilità.


Come coordinare unit di produzione specializzate

Come coordinare unità di produzione specializzate

  • meccanismi decentrati di coordinamento

  • sviluppo di meccanismi accentrati di coordinamento: verso la fabbrica fordista.


Per capire meglio i meccanismi di coordinamento adottati sono opportune alcune distinzioni

PER CAPIRE MEGLIO I MECCANISMI DI COORDINAMENTO ADOTTATI, SONO OPPORTUNEALCUNE DISTINZIONI


Alcune distinzioni

ALCUNE DISTINZIONI

  • Divisione orizzontale e verticale

  • Divisione del lavoro interna ed esterna


Divisione orizzontale del lavoro

DIVISIONE ORIZZONTALE DELLAVORO

Con l’allargamento del mercato, è possibile che le aziende si specializzino in determinati prodotti:

  • Falegname  produzione di mobili da cucina, camere da letto, ecc.

  • Calzolaio  produzione di scarpe da uomo, da donna, sportive, da montagna.

    La specializzazione permette di usare macchine ad hoc, conoscere

    il mercato, sviluppare nuove tecnologie, ecc., ma si può realizzare solo se la domanda è abbastanza ampia.

    Nel caso di divisione orizzontale del lavoro il principale problema di coordinamento è l’uso di risorse specializzate indivisibili: se il mercato è ampio, il problema è risolto dal mercato stesso.


Divisione verticale del lavoro

DIVISIONE VERTICALE DEL LAVORO

Se la domanda è sufficientemente ampia, si possono specializzare singole fasi di un processo produttivo, che vengono assunte da unità produttive dotate di risorse (di macchinario e di lavoro) specifiche:

  • falegname  prime lavorazioni del legno; processi di assemblaggio; distribuzione

  • calzolaio  operazioni di taglio; di orlatura; fabbricazione di accessori; distribuzione


Divisione verticale del lavoro segue

DIVISIONE VERTICALE DEL LAVORO (segue)

Nel caso della divisione verticale del lavoro le attività delle unità specializzate nelle singole fasi devono essere collegate in modo coordinato; in caso contrario si sostengono costi (ad esempio una fase a valle è costretta a restare inoccupata per mancanza di materiale)


Divisione verticale del lavoro la produzione artigianale

DIVISIONE VERTICALE DEL LAVORO: LA PRODUZIONE ARTIGIANALE

Lettere: unità

Numeri: fasi


Divisione verticale del lavoro la produzione industriale a

DIVISIONE VERTICALE DEL LAVORO: LA PRODUZIONE INDUSTRIALE (A)


Economie della ddl

Economie della DDL

La possibilità di realizzare le economie della divisione del lavoro dipende dalla capacità di coordinare le singole attività, nel senso che:

  • per ottenere un flusso stabile di produzione si richiede che i tempi di lavorazione siano controllati;

  • ogni fase è un input per la successiva: i singoli lavoratori svolgono operazioni complementari e il risultato di una fase influisce sul lavoro di quella successiva: controllo della qualità, standardizzazione, informazione;


Divisione verticale del lavoro la produzione industriale b

DIVISIONE VERTICALE DEL LAVORO: LA PRODUZIONE INDUSTRIALE (B)


Divisione del lavoro interna ed esterna

DIVISIONE DEL LAVORO INTERNA ED ESTERNA

COME SI REALIZZA LA COMPATIBILITÀ DEI PIANI

  • Scambio di informazioni (flussi informativi)

  • Spostamento della disponibilità dei beni nel tempo o nello spazio


Divisione del lavoro esterna

DIVISIONE DEL LAVORO ESTERNA

  • Specializzazione tra diverse imprese che partecipano a una stessa filiera produttiva

  • Le relazioni sono governate da scambi informativi (negoziazioni, ordini, prezzi) talora molto semplici (acquisto di commodities), talora più complesse (es. forniture specializzate o su disegno)

  • Le imprese hanno autonomia decisionale e negoziale e si adattano reciprocamente in modo indipendente sulla base dei segnali che ricevono

  • La gestione delle relazioni con le imprese della filiera è detta supply chain management


Divisione del lavoro interna

DIVISIONE DEL LAVORO INTERNA

  • La specializzazione del lavoro tra le singole unità entro un’impresa è definita centralmente

  • Le relazioni tra le unità produttive sono governate, oltre che da scambi diretti di informazioni, da una gerarchia di piani e di programmi che limitano progressivamente la libertà decisionale delle unità inferiori, ma agevolano la convergenza dei comportamenti


  • Login