Canti popolari
Download
1 / 14

Canti Popolari - PowerPoint PPT Presentation


  • 185 Views
  • Uploaded on

Canti Popolari. I canti popolari da sempre sono stati definiti come una raccolta di musiche e canti che in qualche modo cercavano di parlare e raccontare le abitudini locali, accompagnati da melodie create dal popolo.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Canti Popolari' - carver


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Canti popolari
Canti Popolari

I canti popolari da sempre sono stati definiti come una raccolta di musiche e canti che in qualche modo cercavano di parlare e raccontare le abitudini locali, accompagnati da melodie create dal popolo.

Tra questi, quelli più conosciuti e rappresentativi sono quelli dedicati al cibo, che raffigurano le usanze e i modi di vivere delle varie regioni.

Per questo facendo un “viaggio” tra i canti popolari si possono conoscereabitudini e usanze locali.............Da qui la definizione di “Canto Popolare”.



Polenta e baccala
POLENTA E BACCALA'

La mula de Parenzo lioilà gà messo su botega lioilà de tutto la vendeva, fora che 'baccalà. Perchè non m'ami più?   Tutti mi chiamano "bionda" lioilà ma bionda io non sono: lioilà porto i capelli neri, sinceri nell'amor. Perchè non m'ami più?   Sinceri ne l'amore, lioilà sinceri ne gli amanti: lioilà ne ho passati tanti e passerò anche te! Perchè non m'ami più?   La me morosa l'è vecia lioilà la tegno de riserva lioilà quando che spunta l'erba, la meno a pascolar! Perchè non m'ami più?   La mando a pascolare lioilà nel mese di Settembre lioilà e quando vien Novembre, la vado a ritirar. Perchè non m'ami più?


La mando a pascolare lioilà insieme alle caprette,  lioilà l'amor con le servette, non lo farò mai più!  Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse de tocio lioilà e i monti di polenta lioilà oh mamma che tociade, polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse di vino lioilà e i laghi de acquavita, lioilà 'briaghi per tutta la vita: polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?


Canzoni Toscane lioilà l'amor con le servette, non lo farò mai più!  Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse de tocio lioilà e i monti di polenta lioilà oh mamma che tociade, polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse di vino lioilà e i laghi de acquavita, lioilà 'briaghi per tutta la vita: polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?


Fagioli olle otenne
Fagioli 'Olle 'Otenne   lioilà l'amor con le servette, non lo farò mai più!  Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse de tocio lioilà e i monti di polenta lioilà oh mamma che tociade, polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse di vino lioilà e i laghi de acquavita, lioilà 'briaghi per tutta la vita: polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?

Fagioli 'olle 'otenne,galletti senza penne,minestra in sulle palle.Aringhe affumiàte,porpette di patate.Agnello in friassèa,Tre crògnole e una cèa,patate ner tegame 'olla verdèa,vorèi mangià.Città,c'era una trattoria fori di mano,che da Colline mi portò a Sarviano,chiesi ir menù:"Ehi lei", con voce grave,disse: "Sono spiacente,'e 'un ciò che fave.“


Ho pérso ir filobùsse, lioilà l'amor con le servette, non lo farò mai più!  Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse de tocio lioilà e i monti di polenta lioilà oh mamma che tociade, polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse di vino lioilà e i laghi de acquavita, lioilà 'briaghi per tutta la vita: polenta e baccalà. Perchè non m'ami più? mi s'è rotto ir calesse,la ciùa m'abbortisce.Ed io senza speranzame ne vo verso l'Ardenza.T'imbocco in una via,c'era una trattoria,avèo una famemi portava via...Vorèi mangià.Città,

ma com'è brutto fare la strada a piedi,specie se ciài una fame 'e nun ci vedi,e dar Cinghiale andai, dar Torricelli,vendeva la polenda, ma cogli uccelli.Città,andai ar Bar Sole e presi una brioscia,la riposai perché era troppo moscia,ne presi un'artra ed era ma troppo dura,dissi le mie ragioni,e mi mandònno a letto addirittura!


Canzoni Laziali lioilà l'amor con le servette, non lo farò mai più!  Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse de tocio lioilà e i monti di polenta lioilà oh mamma che tociade, polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse di vino lioilà e i laghi de acquavita, lioilà 'briaghi per tutta la vita: polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?


La societ dei magnaccioni
La società dei Magnaccioni lioilà l'amor con le servette, non lo farò mai più!  Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse de tocio lioilà e i monti di polenta lioilà oh mamma che tociade, polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?   Se il mare fosse di vino lioilà e i laghi de acquavita, lioilà 'briaghi per tutta la vita: polenta e baccalà. Perchè non m'ami più?

Fatece largo che passamo noi, li giovanotti de sta Roma bella, semo ragazzi fatti cor pennello, e le ragazze famo innamorà. e le ragazze famo innamorà. Ma che ce frega, ma che ce importa, se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua, e noi je dimo, e noi je famo, c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però, noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro, è mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società. Ce piacciono li polli, l'abbacchi e le galline, perchè so senza spine, nun so come er baccalà. La società de li magnaccioni, la società de la gioventù, a noi ce piace de magna' e beve, e nun ce piace de lavora'. Osteee!! Portace n'artro litro, che noi se lo bevemo, e poi ja risponnemo embe', embe', che c'è? E quando er vino, embe', ciariva ar gozzo, embe', ar gargarozzo, embe', ce fa n’ficozzo, embe


Pe falla corta, per falla breve, mio caro oste portace da beve, da beve, da beve, zan zan. Ma si per caso la socera more se famo du spaghetti amatriciana, se famo un par de litri a mille gradi, s'ambriacamo e n’ce pensamo più s'ambriacamo e n’ce pensamo più. Che ciarifrega, che ciarimporta, se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua, e noi je dimo, e noi je famo, c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però, noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro, è mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società. È mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società parapappappa’.


CanzoniCampane beve, da beve, da beve, zan zan. Ma si per caso la socera more se famo du spaghetti amatriciana, se famo un par de litri a mille gradi, s'ambriacamo e n’ce pensamo più s'ambriacamo e n’ce pensamo più. Che ciarifrega, che ciarimporta, se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua, e noi je dimo, e noi je famo, c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però, noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro, è mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società. È mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società parapappappa’.


A tazza e cafe
'A Tazza 'E Cafe' beve, da beve, da beve, zan zan. Ma si per caso la socera more se famo du spaghetti amatriciana, se famo un par de litri a mille gradi, s'ambriacamo e n’ce pensamo più s'ambriacamo e n’ce pensamo più. Che ciarifrega, che ciarimporta, se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua, e noi je dimo, e noi je famo, c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però, noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro, è mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società. È mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società parapappappa’.

Vurría sapé pecché si mme vedite,facite sempe 'a faccia amariggiata...Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite,cchiù bella, a ll'uocchie mieje, v'appresentate...I' mo nun saccio si ve n'accurgite!Ma cu sti mode, oje Bríggeta,tazza 'e café parite:sotto tenite 'o zzuccaro,e 'ncoppa, amara site...Ma i' tanto ch'aggi''a vutá,e tanto ch'aggi''a girá...ca 'o ddoce 'e sott''a tazza,fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá!...Cchiù tiempo passa e cchiù v'arrefreddate,'mméce 'e ve riscaldá..."Caffè squisito!..."'o bbello è ca, si pure ve gelate,site 'a delizia d''o ccafé granito...Facenno cuncurrenza â limunata...Ma cu sti mode, oje Bríggeta,


Vuje site 'a mamma d''e rrepassatore?... beve, da beve, da beve, zan zan. Ma si per caso la socera more se famo du spaghetti amatriciana, se famo un par de litri a mille gradi, s'ambriacamo e n’ce pensamo più s'ambriacamo e n’ce pensamo più. Che ciarifrega, che ciarimporta, se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua, e noi je dimo, e noi je famo, c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però, noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro, è mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società. È mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società parapappappa’. E i', bellezza mia, figlio 'e cartaro!...Si vuje ve divertite a cagná core,i' faccio 'e ccarte pe' senza denare...Bella pareglia fóssemo a fá 'ammore!Ma cu sti mode, oje Bríggeta,

Campania


Bibliografia sitografia
Bibliografia & Sitografia beve, da beve, da beve, zan zan. Ma si per caso la socera more se famo du spaghetti amatriciana, se famo un par de litri a mille gradi, s'ambriacamo e n’ce pensamo più s'ambriacamo e n’ce pensamo più. Che ciarifrega, che ciarimporta, se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua, e noi je dimo, e noi je famo, c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però, noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro, è mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società. È mejo er vino de li Castelli che de sta zozza società parapappappa’.

  • http://www.musicacantipopolari.org/

  • http://www.italia-rsi.org/cantiitalia/cantitnordecentro.htm