Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 80

Nelle piante l’embrione deriva solo da uno zigote fecondato? PowerPoint PPT Presentation


  • 71 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Nelle piante l’embrione deriva solo da uno zigote fecondato?. La capacità delle piante di produrre embrioni non è limitata solo allo sviluppo della cellula uovo fecondata.

Download Presentation

Nelle piante l’embrione deriva solo da uno zigote fecondato?

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Nelle piante l’embrione deriva solo da uno zigote fecondato?


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

La capacità delle piante di produrre embrioni non è limitata solo allo sviluppo della cellula uovo fecondata.

Cellule somatiche sono in grado di sviluppare una pianta completa passando attraverso stadi embrionali senza però passare attraverso la fusione dei gameti.

Questo processo è noto come

EMBRIOGENESI AVVENTIZIA O SOMATICA

L'embriogenesi somatica quindi è il processo per cui cellule somatiche, e non, sviluppano interi organismi attraverso una serie di stadi molto simili a quelli dello sviluppo dell'embrione zigotico (fase globulare, a cuore, torpedo, cotiledonare).

In natura avviene naturalmente solo in pochissime specie, ed i tessuti competenti sono sia tessuti implicati nella riproduzione, ad es. le cellule della nucella (entro l’ovulo), le microspore, ma anche cellule somatiche quali tessuti fogliari.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

In Crassula multicava cellule dell’epidermide fogliare, dopo che la foglia è stata staccata dalla pianta, riprendono a dividersi e formano embrioni avventizi che successivamente differenziano piante. (Esempio di induzione di embrioni somatici mediante stress meccanico).

Le cellule della foglia in condizioni naturali non differenzierebbero mai embrioni, però il distacco dalla pianta (meccanicamente) riattiva alcune cellule epidermiche alla divisione ed alla successiva organizzazione di embrioni.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Sebbene il controllo genico dello sviluppo degli embrioni zigotici e somatici sia simile, i meccanismi che portano alla fase di induzione embrionale è molto diversa nei due processi.

Le cellule somatiche acquisiscono competenza embriogenica in seguito a trattamenti chimici e/o stimoli meccanici.

L’organizzazione di embrioni somatici richiede una riprogrammazione dell’espressione genica con l’attivazione e/o spegnimento di una serie di geni per permettere ad alcune cellule il passaggio dalla condizione vegetativa alla condizione embrionale.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

L’embriogenesi somatica può essere indotta sia direttamente, in cellule appartenenti ad una struttura già differenziata (foglie, stelo, radici, cotiledoni ecc.) sia indirettamente in calli allevati su un mezzo agarizzato o in sospensioni cellulari.

L’embriogenesi somatica diretta avviene, in coltura in vitro, da tessuti o cellule già determinate a produrre embrioni, prima del prelievo dalla pianta madre. Questi espianti richiedono pochi regolatori di crescita (ormoni) o solo condizioni ambientali favorevoli alla ripresa delle divisioni cellulari e alla successiva espressione della loro competenza, cioè produrre embrioni.

Diversamente, l’embriogenesi somatica indiretta richiede che ai tessuti di partenza venga modificato il loro destino. Questo è possibile inducendoli a proliferare inizialmente in masse cellulari (callo) indifferenziate. Solo successivamente alcune cellule di callo vengono indotte a dare origine ai PEM (masse pro-embriogeniche), è a trasformarsi in embrioni somatici.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Esempi di tessuti che producono embrioni somatici direttamente: l’epidermide dell’ipocotile, e le cellule della nucella.

Nell’embriogenesi indiretta, una singola cellula del callo o, nella maggior parte dei casi, un aggregato di cellule detto complesso pro-embrionale può originare uno o più embrioni.

Ogni embrione che si sviluppa passa attraverso le stesse fasi di sviluppo dell’embrione zigotico.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Dal Libro di testo: Elementi di Biologia dello Sviluppo delle Piante, ed. EdiSES


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Differenze fra embriogenesi zigotica e somatica:

I due processi sono morfologicamente identici dallo stadio globulare in poi.

Possono esserci piccole differenze perché gli embrioni somatici presentano spesso il fenomeno della “fasciazione”, o un numero di cotiledoni diverso rispetto a quello tipico della specie.

Però le prime fasi di sviluppo possono essere differenti nei due processi, in particolare manca il sospensore nell’embrione avventizio.

Nell’embriogenesi somatica è frequente il fenomeno della formazione di embrioni a partire direttamente dall’epidermide di un altro embrione somatico.

Si chiamano embrioni secondari.

In genere la produzione di embrioni secondari è associata al fallimento dello sviluppo di quello primario


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Importante è la composizione del mezzo di coltura per indurre embriogenesi somatica.

In genere sono richiesti due tipi diversi di mezzi, uno per l’induzione delle cellule embriogeniche ed un secondo per il successivo sviluppo dell’embrione.

Il primo mezzo deve contenere auxina, il secondo ne deve essere privo o ne deve contenere una concentrazione notevolmente inferiore rispetto al primo


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Se non intervengono eventi che inducano variazione genetica nelle cellule che danno origine all’embrione somatico, le piante ottenute da embrioni somatici sono geneticamente identiche ai tessuti somatici di partenza.

però

Eventi di variazione somaclonale sono frequenti nelle colture in vitro (v.Lezione su Colture in vitro di cellule e tessuti per la definizione di variazione somaclonale).


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Il rimodellamento della cromatina è un prerequisito per lo stabilirsi della totipotenza nelle cellule staminali durante l’embriogenesi somatica

  • Negli animali il rimodellamento della cromatina è un importante strumento di conversione staminale.

  • Nelle piante la struttura della cromatina si rimodella continuamente durante lo sviluppo, ed il silenziamento genico dipendente dalla cromatina è coinvolto nel mantenimento dello stato differenziato.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • Le cellule staminali presentano uno stato della cromatina più dinamico delle cellule differenziate perchè proteine strutturali della cromatina, come gli istoni, sono scambiati più rapidamente nelle cellule staminali che nelle cellule differenziate e questo favorisce rapidi cambiamenti nei programmi di espressione genica.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

La ristrutturazione della cromatina svolge due ruoli principali nei primi stadi dell’embriogenesi somatica

  • Sia nell’embriogenesi diretta che nella indiretta, l’”unfolding” della cromatina è richiesto per lo sdifferenziamento delle cellule somatiche.Perchè?

  • E’ necessario per consentire l’espressione di geni che sono stati inattivati dalla eterocromatizzazione che ha luogo durante il processo del differenziamento.


Il rimodellamento della cromatina anche necessario alla fine del processo embriogenico

Il rimodellamento della cromatina è anche necessario alla fine del processo embriogenico

  • Perchè?

  • Per reprimere i geni specifici dell’embriogenesi, riattivando il differenziamento, almeno in specifici distretti cellulari dell’embrione somatico.


E quando questo non avviene ad es per ritardo alterazione del refolding della cromatina

E quando questo non avviene???(ad es. per ritardo/alterazione del “refolding” della cromatina)

  • La formazione di embrioni somatici non può essere arrestata (evento dell’embriogenesi secondaria).


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

I principali programmi epigenetici che regolano le decisioni del destino cellulare attraverso modifiche della cromatina sono comuni a piante ed animali

  • Quali sono?

  • Metilazione del DNA e degli istoni. Negli animali c’è una regolazione reciproca fra I due programmi, con un ruolo importante per l’interazione fisica delle proteine che modificano gli istoni e le DNA metiltransferasi.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Le proteine Polycomb mantengono inattivi I geni bersaglio stabilendo modificazioni repressive degli istoni, ad es. metilazione.

  • In Arabidopsis, varianti del Polycomb Repressive Complex 2 (PRC2) regolano vari processi, come lo sviluppo del seme e la transizione da embrione a plantula.

  • Le varianti delle piante di PRC2 catalizzano la trimetilazione della lisina 27 all’istone H3 (H3K27me3)

  • H3K27me3 è un marcatore repressivo della dinamica dell’espressione genica agendo come principale protagonista del meccanismo di silencing.


Quindi per avere embriogenesi h3k27me3 deve essere represso

Quindi per avere embriogenesi H3K27me3 deve essere represso

  • Infatti, in Arabidopsis, i mutanti PRC2 con livelli ridotti di H3K27me3 hanno i tratti embriogenici de-repressi


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Il fattore di rimodellamento della cromatina PICKLE deve essere represso per avere embriogenesi somatica

  • PICKLE (PKL) appartine ad una famiglia genica che può o reprimere o attivare l’espressione genica dipendendo dai fattori a cui si associa.

  • In Arabidopsis, PKL promuove la trimetilazione dell’istone H3 lysine 27 facilitando la repressione di specifici geni. Il fenotipo del mutantepickle (pkl) è caratterizzato dall’espressione post-embrionale di geni marcatori specifici dell’embrione, come LEAFY COTYLEDON (LEC) e dalla spontanea rigenerazione di embrioni somatici sulle radici.


Quindi se pkl viene silenziato

Quindi, se PKL viene silenziato...

  • La sua perdita genera una finestra di opportunità, attraverso cui il programma trascrizionale dell’embrione ha il potenziale di poter essere ristabilito


Altri meccanismi epigenetici

Altri meccanismi epigenetici

  • L’ipermetilazione del DNA, per esempio causato dall’auxina esogena (l’ormone induttore), causa la formazione di cellule somatiche embriogeniche


Chi la media

Chi la media???

  • La metilazione del DNA è mediata da almeno tre classi di metiltransferasi. La METHYLTRANSFERASE1 (MET1) è una delle tre. Embrioni met1 (somatici e zigotici) si sviluppano in modo improprio.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Sembra che un’azione concertata di metilazione del DNA e demetilazione degli istoni sia essenziale all’induzione di embrioni somatici

  • Durante lo sviluppo del seme, Arabidopsis MET1 interagisce con MEDEA,uno dei componenti del complesso FERTILIZATION INDEPENDENT SEED (FIS) -PRC2, dimostrando che un’azione concertata dei programmi epigenetici di metilazione del DNA e metilazione degli istoni regola le variazioni dei cambiamenti di sviluppo


Altre modificazioni

Altre modificazioni...

  • Le modificazioni della cromatina includono l’acetilazione delle code istoniche per il rilassamento del “packing” del DNA, al fine di facilitarne l’accesso da parte di molte proteine regolatrici

  • L’iperacetilazione degli istoni si associa ad attiva espressione genica, mentre l’ipoacetilazione si correla a repressione genica.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

L’attività di numerosi fattori di trascrizione è coinvolta nella riprogrammazione della totipotenza necessaria all’embriogenesi somatica

  • E questo è in accordo con quanto ha luogo nelle cellule somatiche umane ove una specifica combinazione di FT ri-programma le cellule differenziate in cellule staminali.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • La lista dei FT che influenzano l’induzione dell’embriogenesi somatica include WUSCHEL (WUS), geni WUSCHEL- related homeobox (WOX), AGAMOUS-LIKE15 (AGL15), LEAFY COTYLEDON (LEC), e geni MYB come EMBRYOMAKER .


Agl15

AGL15

  • In Arabidopsis e riso, le proteine a dominio MADS, come AGL15, svolgono ruoli importanti in vari eventi dello sviluppo, come tempo di fioritura, organogenesi del fiore e del frutto e sviluppo del seme.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • AGL15 accentua l’embriogenesi somatica riducendo i livelli dell’acido gibberellico (GA) attraverso l’induzione di una GA2-ossidasi che inattiva GA, inoltre è un componente del complesso SOMATIC EMBRYOGENESIS RECEPTOR-LIKE KINASE 1 (SERK1)


Wuschel

WUSCHEL

  • Durante l’embriogenesi zigotica in ArabidopsisWUS si esprime prima dello stabilirsi della nicchia staminale nell’apice caulinare.

  • Nella stessa pianta la sovraespressione di WUS causa aumento dell’embriogenesi somatica senza alcun fitormone esterno, suggerendo che questo FT sia coinvolto nel processo di embriogenesi somatica promuovendo la transizione vegetativo-embriogenica. Inoltre, l’induzione di WUS ha luogo prima di quella di CLV3, marcando i gruppetti cellulari iniziali dell’embriogenesi.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

WOX

  • I geni WOX svolgono ruoli importanti nel coordinare la trascrizione nelle prime fasi dell’embriogenesi somatica in Vitis vinifera.VvWOX2 e VvWOX9 sono quelli più espressi, vengono definiti geni di identità embrionale.

  • Nell’embriogenesi somatica di ArabidopsisWOX5 and WUS si esprimono prima dei geni di identità embrionale, ad es. diWOX2


Lec e lec like

LEC e LEC-like

  • LEC1 codifica una proteina simile ad una subunità di Heme-Activated Proteins 3 (HAP3). LEC1-LIKE (LIL) è anche richiesto per lo sviluppo dell’embrione somatico in numerose piante, es.cacao. I geni LEC-like sembrano importanti per coordinare eventi primari che portano alla competenza embriogenica. LEC2 and FUS3 presentano un motivo di legame al DNA (B3) unico degli FT delle piante.

  • La formazione di embrioni somaticida parte dell’auxina richiede la funzione dei geni LEC


L auxina livelli trasporto e biosintesi

L’auxina:livelli, trasporto e biosintesi

  • Gradienti di auxina attivano nel callo embriogenico il trasportatore polare di auxina PIN1, e la soppressione di WUS e PIN1 mostra che entrambi i geni sono necessari all’induzione dell’embriogenesi somatica.

  • …e LEC???


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • I carrier di efflusso dell’auxina PIN1 e PIN2, i geni della biosintesi dell’auxina YUCCA2 (YUC2) e YUCCA4 (YUC4) ed I fattori di risposta all’auxina ARF5, ARF8, ed ARF10, e SERK1 sono controllati da LEC2


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • L’auxina endogena promuove la rottura di alcune proteine auxin/IAA (AUX/IAA) (repressori), che, quando attivi, bloccano i Fattori di Risposta all’Auxina (ARF) formando dimeri inattivi. L’inattivazione delle AUX/IAA consente agli ARF di legare gli elementi di risposta all’auxina presenti sui geni di risposta all’ormone, provocandone l’attivazione.

  • Tuttavia gli stessi AUX/IAA sono rapidamente indotti dall’ auxina, che così restaura la repressione degli ARF, perchè?

    Per ridare equilibrio al sistema


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

MONOPTEROS

  • MP (ARF5) è un gene chiave dell’embriogenesi zigotica ove influenza il trasporto polare dell’auxina attraverso l’attivazione di PIN1.

  • Gli embrioni somatici non si formano quando il trasporto auxinico è inibito e MP represso.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • Il 2,4-D può agire direttamente come auxina, oppure può modificare il metabolismo intracellulare dell’IAA e/o agire come induttore di stress attivando geni di risposta allo stress (es. ROS).


Etilene

Etilene????

  • I ruoli dell’etilene nell’induzione dell’embriogenesi somatica non sono ben conosciuti, perchè sono stati ottenuti sia risultati di promozione che di inibizione in specie diverse e diversi sistemi di coltura in vitro.


Acido gibberellico

Acido gibberellico

  • In Arabidopsis, i livelli endogeni di GA si correlano negativamente con il potenziale embriogenico.

  • In supporto del ruolo inibitorio, geni importanti per la regolazione negativa delle risposte-GA sono sovraespressi, come i geni DELLA


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

ABA

  • Nella carota l’applicazione di ABA alle plantule induce embriogenesi somatica ed anche causa embriogenesi secondaria.

  • L’ABA è indotto dallo stress ed induce i geni Late-Embryogenesis Abundant (LEA) nell’embriogenesi zigotica.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • In Arabidopsis, AtECP31 e AtECP63 sono gli omologhi dei geni LEA della carota, e sono indotti dall’ ABA durante l’embriogenesi somatica, ed egualmente l’espressione del gene ABI3 è coinvolta

    AGL15 ha ruoli multipli, controlla anche ABI3, è anche capace di reprimere la sua stessa espressione e di attivare LEC2.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • Le somatic-receptor-kinases sono coinvolte nel network di regolazione per l’induzione di cellule staminali e per il loro mantenimento nell’embriogenesi somatica

I geni SOMATIC EMBRYOGENESIS RECEPTOR-LIKE KINASE (SERK) sono infatti coinvolti nell’embriogenesi somatica in numerose monocotiledoni (es. Dactylis glomerata, riso, Triticum aestivum, noce di cocco, banana, mais) e dicotiledoni (es. A.thaliana, Medicago truncatula, Ocotea catharinensis, Citrus unshiu, Vitis vinifera, patata).


I geni serk sono regolati dall auxina in alcune specie e dall auxina e dalla citochinina in altre

I geni SERK sono regolati dall’ auxina in alcune specie, e dall’ auxina e dalla citochinina in altre


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Cyclamen persicum Mill. è una delle più importanti specie ornamentali invernali (in Europa la produzione annuale si aggira intorno ai 140 milioni di piante).

Il solo modo commerciale di propagare il ciclamino è attraverso semi ibridi.

L’embriogenesi somatica in Cyclamen persicum è un efficiente metodo per ottenere linee con eccellenti caratteri.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Il ruolo dei geni SERK nell’embriogenesi somatica del ciclamino è stata descritta, consulta il lavoro citato nella diapositiva successiva


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Two SERK genes are markers of pluripotency in Cyclamen persicum Mill.Savona M, Mattioli R, Nigro S, Falasca G, Della Rovere F, Costantino P, De Vries S, Ruffoni B, Trovato M, Altamura MM.

J Exp Bot. 2012;63(1):471-88. 


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

PEA, aggregato pre-embriogenico

Sequenza istologica della formazione di embrioni somatici (A-I) sulmezzo induttivo

Sviluppo degli embrioni sul mezzo diespressione (K-M)

J Exp Bot. 2012;63(1):471-88.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

CpSERK1

CpSERK2

CpSERK2

CpSERK1

CpSERK2

CpSERK1

CpSERK2

CpSERK2

Analisi dei profili di espressione dei geni CpSERK1 e CpSERK2 mediante “RNA in situ hybridization” durante l’embriogenesi somatica in C.persicum

“RNA in situ hybridizations” usando sonde senso di CpSERK1 e CpSERK2 (controlli)

J Exp Bot. 2012;63(1):471-88.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Risultati in pianta

CpSERK1

CpSERK2

CpSERK1

CpSERK2

CpSERK2

CpSERK1 e CpSERK2 si esprimono nel ricettacolo, negli ovuli, nella nucella,nell’embriosacco, e, dopo la fecondazione, nell’embrione zigoticofino allo stadio di torpedine. L’espressione rimane nel procambio e nei poli radicale e caulinare dell’embrione allo stadio cotiledonare

“RNA in situ hybridizations” con sonde senso di CpSERK1 e CpSERK2 (controlli)

J Exp Bot. 2012;63(1):471-88.


L embriogenesi somatica come risposta allo stress

L’embriogenesi somatica come risposta allo stress

  • L’embriogenesi somatica può essere considerata una risposta adattativa allo stress, perchè vari stress la inducono. Per esempio, in carota è stimolata dall’applicazione di sali di metalli pesanti (Cd 2+ , Ni 2+, Cu 2+ , Co 2+), alta pressione osmotica, alte temperature, tutto in assenza di fitormoni esogeni.


Anche il 2 4 d pu funzionare come agente di stress per l espianto

Anche il 2,4-D può funzionare come agente di stress per l’espianto

  • Durante l’embriogenesi della patata indotta da 2,4-D si osserva sovra-regolazione di geni dello stress ossidativo e della difesa.


Quindi

Quindi

  • L’embriogenesi somatica è accentuata da livelli aumentati di ROS, ad esempio nel grano, e l’applicazione di antiossidanti al mezzo induttivo riduce l’embriogenesi somatica in Eucalyptus globulus


I ros sono in relazione con l aba e con il boro

I ROS sono in relazione con l’ABA e con il Boro

  • L’ABA incrementa i livelli di ROS negli embrioni di mais

  • Anche il micronutriente Boro mette in moto i pathway mediati dallo stress durante l’embriogenesi somatica con un diretto impatto sui livelli di ABA, che aumentano, come osservato nell’embriogenesi somatica di carota.

    Lo stress ed i ROS stimolano l’induzione di embriogenesi somatica, ma poi devono essere detossificati, ad es. dalle proteine DELLA


L ossido nitrico

L’ossido nitrico

  • L’ossido nitrico è un fattore critico per lo sviluppo e le risposte allo stress nelle piante, ed è uno “stressor” per l’induzione dell’embriogenesi somatica, forse influenzando la disponibilità di ioni Ca 2+ entro le cellule attraverso l’attività di proteine-chinasi.

  • In alternativa, potrebbe incrementarla

    aumentando la produzione di auxina attraverso la repressione del gene MYC2, che è un repressore di biosintesi dell’auxina, come dimostrato nell’embriogenesi somatica di Arabidopsis.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • La morte cellulare programmata è essenziale all’embriogenesi somatica


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • Le cellule del sospensore (quando c’è) muoiono per PCD come nell’embriogenesi zigotica.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • Abies alba dimostra che la PCD deve però avvenire anche prima, e quest’ondata di PCD è specifica dell’embriogenesi somatica ed essenziale per il suo successo. Dove avviene?

  • Nei PEM

    Perchè?


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • Dal PEM non possono partire troppi embrioni, perchè se no nessuno arriverà a compimento!

  • Esperimenti con linee cellulari composte di PEM deficienti nel programma di PCD lo dimostrano, infatti queste linee sono incapaci di formare embrioni, indipendentemente dal trattamento.


Lo zinco

Lo zinco

  • Lo Zinco è un potente regolatore di PCD negli animali, ed è cruciale per la formazione regolare dell’embrione somatico, come dimostrato nelle conifere.

  • ..ma attenzione ai suoi ruoli:

  • L’esposizione dei giovani embrioni ad agenti chelanti lo zinco conduce alla morte dell’embrione, e l’aggiunta di zinco esogeno sopprime il differenziamento terminale del sospensore e la sua eliminazione, causando l’inibizione della maturazione dell’embrione.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Le emoglobine funzionano come agenti anti-stress ed anti-PCD nell’embriogenesi somatica, e la loro repressione è necessarianellafase induttiva


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

La relazione fra NO, emoglobine e PCD è nota nei mammiferi,ma è stata di recente trovata anche nell’embriogenesi somatica delle piante (cicoria ed Arabidopsis).

Il ruolo principale delle emoglobine è ridurre i livelli di NO per proteggere il sistema dall’eccesso dei suoi effetti, questo porta ad una riduzione della tossicità di NO ed alla sopravvivenza cellulare.


Attenzione

Attenzione!!!

  • Composti che causano la detossificazione ddell’NO e che agiscono come anti-PCD possono avere un ruolo negativo se agiscono al momento sbagliato del processo embriogenico.

  • Infatti, la soppressione delle emoglobine di tipo 2 identificate in Arabidopsis (GLB2) accentua l’induzione di embriogenesi somatica in questa specie incrementando i livelli di NO nelle cellule. Questo incremento reprime il repressore della biosintesi di auxina MYC2 facendo elevare i livelli dell’ormone, evento essenziale all’embriogenesi.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Quindi:all’inizio l’auxina e l’NO devono agire e le emoglobine devono essere soppresse e la PCD funzionare nei PEM.

  • Poi, l’attività delle emoglobine deve diventare essenziale per “tamponare” gli effetti di NO.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

  • Possibili utilizzi dell’embriogenesi somatica:

    • trasformazione genetica, per ottenere piante con geni desiderati (particolarmente utili per le trasformazioni con Agrobatterio)

  • propagazione massiccia e piuttosto veloce di piante il cui ciclo biologico naturale è molto lungo.

  • Applicazione biotecnologica : SEMI SINTETICI

  • Conservazione della biodiversità (banche del seme)


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Gli embrioni somatici allo stadio di torpedo possono essere conservati per moltissimi anni.Necessitano però di trattamenti particolari.

Gli embrioni, a questo stadio, vengono inglobati in sostanze sintetiche, ad es. l’alginato di sodio. Questo serve per nutrire l’embrione e contemporaneamente a proteggerlo dalla disidratazione e dai danneggiamenti fisici e meccanici.

Embrioni così incapsulati sono detti

SEMI ARTIFICIALI O SINTETICI

All’alginato spesso vengono aggiunti altri composti (olio di silicone ed altri) in grado di assorbire ossigeno.

L’incapsulamento, quindi deve fornire una protezione fisica e può contenere delle sostanze nutritive, dei regolatori di crescita, degli antibiotici e dei fungicidi, tutti in grado di portare alla formazione della pianticella in campo. Non si è ancora verificato un utilizzo diffuso dei semi sintetici.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Il rivestimento, “endosperma artificiale”, di un seme sintetico deve essere preparato in relazione alle caratteristiche della specie e delle potenzialità di germinazione.

L’unità di propagazione formata dall’embrione somatico più l’involucro, seme sintetico, può anche essere “criopreservato” per lunghi periodi in azoto liquido o conservato in condizioni di sviluppo rallentato a temperature comprese tra 7 °C e 10 °C. Questa potenzialità rappresenta una strategia per la conservazione del germoplasma in programmi di protezione della biodiversità.

La produzione di semi sintetici è un obiettivo biotecnologico per una specie di rilevanza dal punto di vista economico come potrebbero essere le piante agronomicamente importanti o quelle ornamentali.


E possibile un applicazione biotecnologica dei geni cpserk

E’ possibile un’applicazione biotecnologica dei geni CpSERK?

  • Possono essere idonei per un rapido screening di calli potenzialmente embriogenici per ridurre i costi della produzione di semi utilizzando la tecnologia di produzione di semi artificiali


Un altra via per l embriogenesi

Un’altra via per l’embriogenesi


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Le Angiosperme producono una grande quantità di granuli pollinici all’interno delle antere. Il granulo di polline è composto da un massimo di 3 cellule.

Ogni granulo pollinico, essendo un prodotto della meiosi ha cellule apliodi. Ha origine dalla microspora, mononucleata (v. Lezione sul Fiore).


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

La meiosi può essere sfruttata per aumentare la biodiversità.

Come?

Le microspore ed i granuli pollinici immaturi possono essere spinti a dividersi in colture in vitro per formare embrioni.

Questi embrioni sono APLOIDI e possono dare origine a piante APLOIDI.

Questi embrioni sono detti EMBRIONI ANDROGENICI.

Come conseguenza della meiosi, ogni microspora è unica dal punto di vista genetico, quindi ogni embrione androgenico (prodotto da una sola microspora o granulo pollinico) è diverso da tutti gli altri. Si pensi alla enorme variabilità che si può ottenere con gli embrioni androgenici.

Gli embrioni androgenici sono aploidi ed hanno solo il set cromosomico paterno.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

L’androgenesi può essere diretta o indiretta. L’indiretta prevede la formazione di callo prima di iniziare il differenziamento dell’embrione. Es. di androgenesi indiretta si ha nelle colture di antere dei cereali.

Gli embrioni androgenici vengono rilasciati dall’esina (parete del granulo pollinico) allo stadio globulare.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Nell’androgenesi lo stadio di microspora uninucleata rappresenta un punto di partenza ideale per la produzione degli embrioni androgenici.

La microspora viene deviata dalla via gametofitica verso quella “sporofitica”.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Come è possibile che durante una coltura di microspore o granuli pollinici immaturi avvenga una deviazione dal normale sviluppo gametofitico per cui le microspore sono destinate?

In pianta la prima mitosi della microspora è asimmetrica e porta alla formazione di una grossa cellula vegetativa con un nucleo diffuso ed una piccola cellula con un nucleo denso, che si divide successivamente per formare i due nuclei spermatici.

Durante l’androgenesi la prima mitosi è simmetrica e dà origine a due nuclei piccoli e simili. Da questi prenderà origine l’embrione androgenico.

Così una divisione mitotica simmetrica, al posto di una asimmetrica è alla base del cambiamento del destino della microspora.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Il fenotipo delle piante aploidi è dato dall’espressione dell’unica copia di geni che contengono.

Le piante aploidi sono particolarmente indicate per i programmi di selezione di specie aventi caratteri desiderati.

Nell’individuo aploide, essendo presente un solo allele per carattere, ogni mutazione indotta diviene manifesta.

La generazione di piante aploidi è stata realizzata per un gran numero di specie vegetali (oltre il centinaio tra cui, tabacco, orzo, vite, banano, patata, riso, granturco, frumento).


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Dal Libro di testo: Elementi di Biologia dello Sviluppo delle Piante, ed. EdiSES

Androgenesi in antera di tabacco


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Limite delle piante Aploidi:

Sono Sterili.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Tuttavia è possibile renderle fertili raddoppiando il loro contenuto cromosomico.

Si ottengono così piante diploidi fertili (piante DH, individui diploidi omozigoti).

COME SI FA?

Somministrando colchicina che induce un raddoppiamento cromosomico o direttamente alla pianta aploide o all’embrione androgenico; oppure coltivando gli espianti della pianta aploide in vitro (endoreduplicazine spontanea, fusione nucleare).

Al momento le linee DH (double haploids) sono i più avanzati sistemi per selezionare linee resistenti a virus o batteri.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Gli embrioni androgenici aumentano la biodiversità.

Gli embrioni androgenici possono essere facilmente trasformati.

Anche le microspore di partenza si trasformano facilmente.

L’importate conseguenza che le piante ottenute da microspore transgeniche sono omozigoti per il transgene, anche dopo il raddoppiamento cromosomico, ha fatto di questi individui un ottimo modello da utilizzare per manipolazioni genetiche.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Oltre all’androgenesi esiste anche la ginogenesi. In quest’ultimo caso gli embrioni avventizi si sviluppano da tessuti del gametofito femminile (Apomissia)

Tuttavia, l’androgenesi sperimentale è un sistema più efficiente della ginogenesi, in contrasto a ciò che avviene in natura. Infatti in diverse specie frequentemente si osservano casi di formazione di embrioni a partire da tessuti del macrogametofito, mentre sono molto scarsi i casi di androgenesi naturale.


Nelle piante l embrione deriva solo da uno zigote fecondato

Possibili origini di embrioni nelle piante

Granulo di polline

(n)

Androgenesi

DH

Embrione zigotico

M

F

Embrio sacco

(n)

Ginogenesi

DH

Sporofito

(2n)

Embrio sacco

Apomissia materna

Embriogenesi

somatica


Domande

Domande:

  • Cos’è l’embriogenesi somatica?

  • A cosa serve?

  • Quali sono i principali geni implicati?

  • Lo stress ha un ruolo? E la PCD?

  • Cos’è l’androgenesi?

  • A cosa serve?

  • Qual è il motivo per cui l’embriogenesi somatica avviene?

  • Che tipo di divisione cellulare è alla base dell’androgenesi?

  • Cosa sono i semi sintetici?


  • Login