La postura e il dolore
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 26

La postura e il dolore PowerPoint PPT Presentation


  • 97 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

La postura e il dolore. farina maurillo fisioterapista. La postura. È la posizione che il corpo assume nello spazio. ogni individuo utilizza una propria modalità. La postura. non esiste una posizione ideale uguale per tutti. La postura.

Download Presentation

La postura e il dolore

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La postura e il dolore

La postura e il dolore

farina maurillo fisioterapista


La postura

La postura

È la posizione che il corpo assume nello spazio

ogni individuo utilizza una propria

modalità


La postura1

La postura

non esiste una posizione

ideale

uguale per tutti


La postura2

La postura

Siamo in grado, quasi sempre, di scegliere una postura:

adeguata alla

situazione


La postura3

La postura

comoda


La postura4

confortevole

La postura


La postura5

La postura

possiamo modificarla

la sensazione di fastidio o il dolore

ci guidano

nella scelta della posizione ideale

in ogni momento


Ma non

Ma non…

nel paziente a bassa resposività

postura fissa

È qualcun altro, o qualcos’altro,

che decide la postura

e questa posizione rimane fissa fino a quando

l’altro

(o un colpo di tosse o lo schema patologico)

non interviene nuovamente per cambiare tale posizione


La postura ideale

La postura ideale

deve:

  • essere comoda e confortevole

  • evitare le posizioni viziate che potrebbero causare blocchi articolari, retrazioni muscolo tendinee e/o capsulo legamentose e, quindi, DOLORE

  • prevenire le lesioni da decubito

  • ridurre al minimo i rischi di inalazione


La postura ideale1

La postura ideale

deve:

  • tenere conto delle caratteristiche neuro-motorie, e cognitive delle diverse persone

  • tenere presente la morfologia e la fisiologia osteo-articolare e muscolare

  • favorire le manovre assistenziali


La postura ideale2

La postura ideale

deve:

  • stabilizzare il tronco e lasciare libera la testa di muoversi per esplorare lo spazio visivo

  • fare emergere le potenzialità residue per sviluppare comportamenti adattivi


Postura supina

Postura supina

  • cuscino che sostiene il capo e la parte superiore delle spalle

  • arti superiori sostenuti da piccoli cuscini, pronati e con le mani aperte

  • traversa arrotolata a livello trocanterico per evitare l’extrarotazione

  • arti inferiori leggermente divaricati, anche estese, leggera flessione delle ginocchia

  • sostegno sotto la caviglia per scaricare il calcagno

  • piedi in dorsi-flessione con appoggio morbido


Postura sul fianco

Postura sul fianco

  • l’ angolazione può variare dai 30° a oltre i 90°

  • da evitare la posizione a 90° per l’alto rischio di lesione nella zona trocanterica

  • portare la scapola e la spalla, a contatto con il letto, in avanti

  • si può controllare la rotazione con un cuscino piegato posto dietro la schiena

  • posizionare le braccia semiflesse e sostenere quello superiore con un cuscino

  • la gamba a contatto con il letto leggermente piegata all’indietro, ginocchio flesso, piede ad angolo retto

  • l’altra gamba, che rimane sopra, va sostenuta con un cuscino, flessa all’anca e al ginocchio, piede ad angolo retto.


Postura prona raramente utilizzata

Postura prona… raramente utilizzata

  • assicura un completo scarico della zona sacrale e dei calcagni

  • contrasta la rigidità in flessione delle anche e delle ginocchia

  • migliora l’ossigenazione e il drenaggio delle secrezioni

  • capo ruotato da un lato

  • arti superiori allineati entrambi lungo i fianchi, oppure uno dei due può essere flesso verso l’alto

  • sotto il paziente posizionare dei cuscini per scaricare il peso dai genitali, dal seno e dalle rotule

  • posizionare i piedi a 90° gradi oltre il bordo del letto


Postura e ricerca del contatto

Postura e…ricerca del contatto

è un’attività che mi permette di osservare il comportamento del paziente,

e di cercare di dare un significato alle modifiche che, eventualmente,

avvengono nel tempo

osservazione costante


Postura e ricerca del contatto1

Postura e…ricerca del contatto

ricreare la percezione dello schema corporeo dando una serie di informazioni:

verbali:

descrivo, in ogni momento, quello che faccio

tattili:

faccio delle leggere pressioni con la mano aperta sul braccio


Postura e ricerca del contatto2

Postura e…ricerca del contatto

propriocettive e cinestesiche:

muovo l’arto in flesso-estensione

spaziali:

ti porto la gamba fuori dal letto, il braccio

destro sopra il cuscino

temporali:

prima ti piego il braccio destro poi sposto

la testa ed infine sistemo la gamba


Postura e ricerca del contatto3

Postura e…ricerca del contatto

anticipo

attento, io ti piego il braccio e ti aumenterà la tensione muscolare, potrebbe farti male…

sia quello che sto per fare

sia cosa potrebbe percepire il paziente in risposta al mio movimento


Postura e ricerca del contatto4

Postura e…ricerca del contatto

osservo

informo e anticipo

utilizzo una postura

“non finita”

e aspetto che il paziente la modifichi


Postura in orstatismo

Postura in… orstatismo

contesto

mantenere

la posizione in piedi


Postura in orstatismo1

Postura in… orstatismo

contesto

“mantenere la posizione in piedi“

  • lo facilito a cercare un appoggio ( sono io con la mia mano che sposto quella del paziente)

  • aspetto che sia la “necessità imposta dal contesto” a determinare un movimento volontario

  • utilizzo l’ordine verbale semplice “ appoggia la mano sul letto o potresti cadere verso destra”


Il dolore

Il dolore…

è un importante elemento interferente

rende

difficile o impossibile

la relazione terapeutica e la ricerca del contatto


Il dolore1

Il dolore…

può dipendere da un…

“male fisico”

  • come ricononoscerlo?

  • come localizzarlo?


Il dolore2

Il dolore…

  • manifestazioni neurovegetative

  • aumento della rigidità

  • aumento di schemi e riflessi patologici

  • espressione del viso


Il dolore3

Il dolore…

per esclusione

  • anamnesiaccurata

  • situazione clinica e …”fisiologica”

  • è posturato in modo comodo e confortevole?


Il dolore4

Il dolore…

può dipendere da una…

“nostra manovra”

  • inevitabile igiene, medicazione, mobilizzazione…

    ma mantenendo sempre

    un atteggiamento empatico

  • evitabile? utilizzo di docce rigide… per ridurre le retrazioni…


  • Login