Genova, 9 aprile 2011
Download
1 / 28

Genova, 9 aprile 2011 L’adolescenza e le sue criticità- AIDM - PowerPoint PPT Presentation


  • 150 Views
  • Uploaded on

Genova, 9 aprile 2011 L’adolescenza e le sue criticità- AIDM Una goccia nel mare: la prevenzione dei DCA in ambiente scolastico Antonella ARATA Centro Disturbi Alimentari ASL 3 Genovese. Fattori Predisponenti. INDIVIDUALI Sesso femminile Adolescenza Dieta Sovrappeso Perfezionismo

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Genova, 9 aprile 2011 L’adolescenza e le sue criticità- AIDM' - burke


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Genova, 9 aprile 2011

L’adolescenza e le sue criticità- AIDM

Una goccia nel mare: la prevenzione dei DCA in ambiente scolastico

Antonella ARATA Centro Disturbi Alimentari

ASL 3 Genovese


Fattori Predisponenti

INDIVIDUALI

  • Sesso femminile

  • Adolescenza

  • Dieta

  • Sovrappeso

  • Perfezionismo

  • Bassa autostima

CULTURALI

Mito della bellezza e del successo

Ideale estetico (magrezza)‏

Attese sociali

Ricerca dell’approvazione degli altri

Competitività

FAMILIARI

  • Scarsa definizione dei ruoli

  • Alte aspettative


Fattori Precipitanti

  • Separazioni

  • Perdite

  • Alterazione degli equilibri familiari

  • Nuove richieste ambientali

  • Esperienze sessuali

  • Minacce alla stima di sé

  • Malattia fisica acuta

  • Trauma accidentale


Fattori Iatrogeni

  • Diete drastiche

  • Preparati ormonali

  • Rialimentazioni forzate

Fattori Perpetuanti

  • Effetti del digiuno

  • Effetti della perdita di peso

  • Attenzione dei familiari

  • Evitamento di situazioni sociali angosciose


Progetto di prevenzione primaria

  • iniziato nel 2004/2005

  • realizzato dalla ASL 3 Genovese per collaborazione:

    • Centro Disturbi del Comportamento Alimentare

    • Unità Operativa Igiene degli Alimenti e della Nutrizione

    • Università degli Studi di Genova (a partire dal 2006)‏


IAntonella Arata1, Valeria Battini2, Carlo Chiorri3, Federica Pascali4

Indagine sulle abitudini alimentari e sui fattori di rischio personali

per l’esordio di Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) in un campione

di studenti genovesi: suggerimenti per la prevenzione primaria dei DCA

A survey on eating habits and personal risk factors for

Eating Disorders (ED) in middle and secondary school students in Genoa:

suggestions for the primary prevention of eating disorders

QUIP, vol XXVII, pag 83-93, sett 2008

Antonella Arata1, Valeria Battini2, Carlo Chiorri3

An exploratory survey on eating behaviour patterns in adolescent students

Eating and weight, vol. 15, e 200-207, dec 2010


OBIETTIVI

  • Indagare le ABITUDINI ALIMENTARI

    (ritmo alimentare, qualità e quantità dell’alimentazione);

  • EDUCAZIONE ALIMENTARE

  • (proporre abitudini alimentari corrette e motivarne l’adozione);

  • Registrare il ruolo dell’ IMMAGINE CORPOREA;

  • Aprire una riflessione sui MODELLI DI BELLEZZA prevalenti nel contesto occidentale;

  • cenni su DISTURBI del COMPORTAMENTO ALIMENTARE;

  • rilevare i FATTORI DI RISCHIO PER I DCA:

    l’impulso alla magrezza e l’insoddisfazione corporea, presenza di dieta dimagrante, elevati livelli di perfezionismo, bassa autostima, basso senso di auto-efficacia, praticare attività sportiva a rischio;

  • promuovere l’adozione di un NUOVO STILE DI VITA, in un’ottica di promozione del benessere bio-psico-sociale della persona.


PROCEDURE

  • 2 incontri di 2 ore ciascuno a distanza di 1 o 2 settimane;

  • tenuti da 2 figure professionali:

    - un esperto nell’ambito dell’alimentazione (medico nutrizionista o operatrice sanitaria)‏

  • un esperto degli aspetti psicologici connessi ai DCA (medico psichiatra o psicologa volontaria)‏

  • gli incontri si svolgevano nelle aule degli istituti;


STRUMENTI

  • Discussione interattiva

  • Opuscolo informativo

  • Esercizi interattivi

  • BATTERIA DI TEST somministrata nel I° costituito da:

  • “Dimmi come mangi...” questionario costruito ad hoc:

    • Dati anagrafici: genere età scuola peso altezza

    • Sezione sulle abitudini alimentari (15 domande);

    • Sezione su peso e immagine corporea (6 domande);

    • Sezione sull’attività fisica (4 domande);

    • Sezione sulle fonti di informazione circa l’alimentazione (8 domande);

  • Scala “Perfectionism” dell’OBQ (OCCWG, 1997) (16 Item);

  • Rosemberg Self-Esteem Scale (Rosemberg, 1965) (10 Item);

  • General Self-Efficacy Scale (Jerusalem & Schwarzer, 1979)(17 Item);

  • TEST ORTO-15 (L.M. Donini, D. Marsili, M.P. Graziani, M. Imbriale, & C. Cannella) (15 Item);

  • QUESTIONARIO DI GRADIMENTO (12 Item) somministrato al termine del II° incontro; volto a:

    • verificare l’acquisizione di conoscenze a seguito dell’intervento;

    • raccogliere un giudizio circa i metodi impiegati e le attività svolte;

    • registrare opinioni su Anoressia e Bulimia;


DESCRIZIONE DEL CAMPIONE

  • Numerosità: 1528 studenti

  • Genere:60% femmine e 40% maschi

  • Età: min.12, max 20, media 14.9, ds=1,34

  • 3 sottocampioni:

    • prima adolescenza (12-14 anni) N= 458, 30%;

    • seconda adolescenza (15-17 anni) N= 880, 57,6%

    • tarda adolescenza (18-20 anni) N= 49, 3,2%;

  • 9 istituti (4 licei, 4 istituti superiori e 1 scuola media)


Per avere successo nella vita quanto ritieni importante, secondo te, l’ASPETTO FISICO?

Quanto ritieni importante

l’ASPETTO FISICO nel giudicare gli altri?

Quanto ritieni che l’ASPETTO FISICO influenzi il giudizio che gli altri hanno di te?

Molto

274

19,9%

Molto

129

9,4%

Molto

349

25,5%

Abbastanza

868

63,1%

Abbastanza

548

40,0%

Abbastanza

707

51,6%

Poco

201

14,6%

Poco

547

39,9%

Poco

274

20,0%

Per niente

33

2,4%

Per niente

147

10,7%

Per niente

41

3,0%

Totale

1376

100%

Totale

1371

100%

Totale

1371

100%

Tabella riassuntiva su Immagine Corporea


Considerazioni su ASPETTO FISICO come criterio di valutazione dell’altro

Gli studenti che attribuiscono “molta o abbastanza importanza” all’aspetto fisico come criterio di giudizio dell’altro e che ipotizziamo impieghino tale criterio per valutare l’altro sono il 49,4%;

Gli studenti che ritengono che i loro coetanei attribuiscano “molta o abbastanza importanza all’aspetto fisico” come criterio di giudizio dell’altro sono invece il 77,1%;

  • Il 27,7% degli studenti si trova in situazione di “discrepanza di giudizio”:

  • non attribuiscono rilevanza all’aspetto fisico, ma pensano che per i coetanei sia molto importante;

  • Conseguenze “possibili” : timore del giudizio degli altri, sentimenti di inadeguatezza, insoddisfazione corporea, bassa autostima;

  • Maggiore rischio di sviluppare DCA o problematiche psicologiche di altro tipo!


Come definisci valutazione dell’altroil tuo peso?

Rispetto al tuo peso, attualmente tu..

Molto al di sotto della norma

18

1,3%

Non stai cercando di fare nulla

346

25,0%

Un pò al di sotto della norma

160

11,6%

Stai cercando di mantenere il peso attuale

426

30,8%

Nella norma

797

57,5%

Stai cercando di perdere peso

506

36,5%

Un pò al di sopra della norma

383

27,7%

Stai cercando di mettere su peso

107

7,7%

Molto al di sopra della norma

27

1,9%

Totale

1385

100%

Totale

1385

100%

Tabella riassuntiva su Peso Corporeo


Considerazioni su IMMAGINE CORPOREA e PESO valutazione dell’altro

  • Il 27,7% degli studenti è in condizione di maggiore rischio di sviluppare DCA o problematiche psicologiche di altro tipo (per la “discrepanza di giudizio”)‏

  • Il 44, 2% sta cercando di modificare il proprio peso (diminuire o incrementare), ciò li pone in una condizione di rischio maggiore di sviluppare DCA;


Alimentazione valutazione dell’altro: il messaggio che si vuol dare è l’importanza del “sentirsi bene con il proprio corpo” e di

aderire ad uno stile di vita basato su una sana alimentazione e regolare attività fisica

Film Hairspray di Adam Shankman

Esperto dott.ssa Antonella Arata (Centro Disturbi Alimentari Asl 3), dott.ssa Federica Pascali (dietologa,

U.O. Igiene degli Alimenti ASL 3)‏

Materiale distribuibile “Una breve guida nella prevenzione scolastica di obesità e disturbi del

comportamento alimentare” (a cura del Centro Disturbi Alimentari dell’Asl3 genovese), “Le ricette salva

cuore” (a cura dell’Asl 2 savonese in collaborazione con Regione Liguria)‏

Target di riferimento prime due classi scuole secondarie superiori


MEDIA EDUCATION: valutazione dell’altro

Utilizzare i Media che usano i ragazzi ed il loro linguaggio per riflettere in modo critico sui messaggi evidenti o subliminari che vengono passati ai ragazzi.

Favorire lo sviluppo di stili di vita salutari!


ANNO 2011/12 valutazione dell’altroPROGETTO SPECCHI DEFORMANTI

  • 3 incontri per classe di un’ora e mezza nelle prime 2 classi dell’Istituto alberghiero Marco Polo

  • Materiale sul sito di STEADYCAM

  • (steadycam.com- percorsi)‏


ANNO 2011/12 valutazione dell’altroPROGETTO SPECCHI DEFORMANTI

  • BELLEZZE:

  • montaggio di spot ( D&G ,H Boss, Gucci),TG3 punto donna, film Thirteen, Simpson

  • Divisione in piccoli gruppi: 3 parole chiave del montaggio visto

  • cartellone


ANNO 2011/12 valutazione dell’altroPROGETTO SPECCHI DEFORMANTI

  • Moda, immagine, corpi: la pubblicità vende un prodotto o uno stile di vita?

  • E' possibile assomigliare a un modello virtuale?

  • Il consumismo si basa sulla nostra ricerca di un modello impossibile di bellezza e di successo?

  • Consumo dunque sono‏!


I nostri recapiti … valutazione dell’altro

Centro Disturbi Alimentari

Via G. Maggio, n.6

Tel. 010 3446564- 3446686

e-mail: [email protected]

www.asl3.liguria.it

… è possibile partecipare al nostro FORUM di discussione (con accesso dal sito)


ad