gli obiettivi di servizio del qsn 2007 2013
Download
Skip this Video
Download Presentation
Gli obiettivi di servizio del QSN 2007-2013

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 53

Gli obiettivi di servizio del QSN 2007-2013 - PowerPoint PPT Presentation


  • 104 Views
  • Uploaded on

Giunta Regionale d’Abruzzo Servizio Programmazione e Sviluppo Ufficio Studi, Programmazione e Monitoraggio. Gli obiettivi di servizio del QSN 2007-2013. Michela CAMBISE. Gli obiettivi di servizio. Gli obiettivi di servizio definiti nel QSN 2007-2013 sono:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Gli obiettivi di servizio del QSN 2007-2013' - bryce


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
gli obiettivi di servizio del qsn 2007 2013

Giunta Regionale d’Abruzzo

Servizio Programmazione e Sviluppo

Ufficio Studi, Programmazione e Monitoraggio

Gli obiettivi di servizio del QSN 2007-2013

Michela CAMBISE

gli obiettivi di servizio
Gli obiettivi di servizio

Gli obiettivi di servizio definiti nel QSN 2007-2013

sono:

  • elevare le competenze degli studenti e la capacità di apprendimento della popolazione
  • aumentare i servizi di cura alla persona, alleggerendo i carichi familiari per innalzare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro
  • tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente, in relazione al servizio idrico integrato ed al sistema di gestione dei rifiuti urbani.
gli obiettivi di servizio3
Gli obiettivi di servizio

Partecipano al meccanismo di incentivazione collegato agli obiettivi di servizio le otto regioni del Mezzogiorno che concorrono al conseguimento dei target definiti per gli undici indicatori. Il Ministero della Pubblica Istruzione partecipa limitatamente ai tre indicatori dell’obiettivo istruzione.

gli obiettivi di servizio4
Gli obiettivi di servizio

Il processo di definizione degli obiettivi, degli indicatori di servizio e del meccanismo di incentivazione ad essi collegati è stato avviato all’inizio del 2006 attraverso un gruppo tecnico di lavoro che ha coinvolto gradualmente tutte le regioni del Mezzogiorno, il DPS, i Ministeri interessati per materia (Ministero dell’Ambiente; Ministero della Salute; Ministeri della Solidarietà Sociale e Dipartimento della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri), il Dipartimento della Funzione Pubblica e l’Istat.

gli obiettivi di servizio5
Gli obiettivi di servizio

Il primo prodotto del gruppo di lavoro è stato

il set di indicatori individuato nel QSN:

Istruzione:

  • Percentuale della popolazione in età 18-24 con al più la licenza media, che non ha concluso un corso di formazione professionale riconosciuto dalla regione di durata superiore ai 2 anni
  • Percentuale di 15-enni con al massimo il primo livello di competenza in lettura del test PISA effettuato dall’OCSE
  • Percentuale di 15-enni con il primo livello di competenza in matematica del test PISA effettuato dall’OCSE
gli obiettivi di servizio6
Gli obiettivi di servizio

Asili nido e assistenza domiciliare:

  • Diffusione dei servizi per l’infanzia (asili nido, micronidi, e/o altri servizi integrativi e innovatici per l’infanzia), misurato con la percentuale di Comuni che hanno attivato tali servizi (sul totale dei comuni della Regione).
  • Presa in carico degli utenti, misurato con la percentuale di bambini fino al compimento dei tre anni che hanno usufruito del servizio servizi per l’infanzia (asili nido, micronidi, e/o altri servizi integrativi e innovatici per l’infanzia), (sul totale della popolazione tra zero e fino al compimento dei 3 anni)
  • Numero di anziani assistiti in assistenza domiciliare integrata (ADI) rispetto al totale della popolazione anziana (superiore a 64 anni).
gli obiettivi di servizio7
Gli obiettivi di servizio

Rifiuti e servizio idrico:

  • Kg di rifiuti urbani smaltiti in discarica per abitante all’anno
  • Percentuale di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani raccolti.
  • Quota di frazione umida (frazione organica e verde) trattata in impianti di compostaggio sulla frazione di umido nel rifiuto urbano totale per la produzione di compost ex. D.lgs 217/06
  • Percentuale di acqua erogata sul totale dell’acqua immessa nelle reti di distribuzione comunale.
  • Abitanti equivalenti serviti effettivi da impianti di depurazione delle acque reflue, con trattamento secondario o terziario, in rapporto agli abitanti equivalenti totali per regione.
gli obiettivi di servizio8
Gli obiettivi di servizio

Il gruppo, nel corso del primo semestre 2007 ha avviato, inoltre, un’intesa fase di confronto per la definizione dei valori target, che ha portato all’elaborazione condivisa del documento “Regole di attuazione del meccanismo di incentivazione legato agli obiettivi di servizio del QSN 2007-2013”.

gli obiettivi di servizio9
Gli obiettivi di servizio

Il documento affronta le seguenti questioni:

  • Per ogni Indicatore i target per misurare gli obiettivi di servizio
  • Le procedure per la verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste
  • Le azioni e gli strumenti per il conseguimento degli obiettivi
azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi
Azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi

Per assicurare che ciascuna amministrazione abbia la possibilità di raggiungere gli obiettivi fissati, si reputa opportuno che ciascuna Regione e il Ministero della Pubblica Istruzione preparino un Piano d’azione.

azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi19
Azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi

Il piano di azione deve indicare:

  • le azioni da promuovere sul territorio;
  • le modalità organizzative per ciascuna azione, intese sia come risorse umane che finanziarie necessarie;
  • i tempi previsti per ciascuna attività;
  • gli strumenti che si intendono utilizzare per assicurare che tali azioni siano svolte;
  • i meccanismi di monitoraggio del Piano d’azione;
  • le modalità di pubblicità e comunicazione sui progressi.
azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi20
Azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi

Il piano di azione sarà elaborato dal Gruppo di lavoro

Verrà condiviso con i Direttori regionali competenti

Verrà discusso in apposite riunione con il partenariato regionale

Il Piano d’azione deve essere concluso entro cinque mesi dall’avvio formale del meccanismo di incentivazione.

Nel Piano d’azione la Regione individua e descrive la struttura dedicata al coordinamento dell\'attuazione, con capacità di promozione e sollecitazione degli altri centri decisionali, e la struttura che effettuerà il monitoraggio dell’attuazione del Piano e della congruità delle azioni previste e effettuate con il raggiungimento degli obiettivi di servizio lungo tutto il periodo di attuazione del meccanismo incentivante (2007-2013).

azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi21
Azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi

Le Amministrazioni per la fase di redazione dei Piani d’azione potranno contare sull’affiancamento e il supporto diretto offerto da competenze tecniche a ciò dedicate.

l organizzazione delle regioni per il conseguimento degli obiettivi di servizio
L’organizzazione delle Regioni per il conseguimento degli obiettivi di servizio

I suggerimenti del DPS :

  • La struttura che coordina l\'attuazione raccorda gli assessorati interessati agli obiettivi di servizio tramite persone dedicate esplicitamente e esclusivamente agli obiettivi di servizio. La struttura di coordinamento ha anche il compito di programmare e gestire eventuale assistenza tecnica, anche di provenienza delle amministrazioni centrali.
  • Al soggetto interno all’amministrazione che assume la responsabilità di monitoraggio va demandata anche la responsabilità di predisporre un rapporto annuale di esecuzione del Piano d’azione e di proporre eventuali modifiche al Piano d’azione dopo la verifica intermedia effettuata nel 2009.
  • I rapporti annuali di esecuzione devono essere comunicati sia agli organi politici e amministrativi sia al territorio.
azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi23
Azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi

Poiché il conseguimento degli obiettivi dipende anche dalle azioni di politica ordinaria in capo alle amministrazioni di settore sono previste azioni di sistema e di assistenza tecnica dei Ministeri competenti per materia.

azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi24
Azioni e strumenti per il conseguimento degli obiettivi

Le azioni di assistenza tecnica e azioni di sistema del Ministero dell’Ambiente (per i due obiettivi acqua e rifiuti), Ministero della Salute (per l’indicatore sull’assistenza domiciliare integrata), Ministeri della Solidarietà Sociale (indicatori su asili nido e assistenza domiciliare integrata) e Dipartimento della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri (per l’indicatore sugli asili nido) specificatamente indirizzate al sostegno degli obiettivi di servizio, formano un unico progetto a valere sulle risorse del FAS (“Progetto assistenza tecnica per obiettivi di servizio”).

attivit centrali di accompagnamento e di supporto
Attività centrali di accompagnamento e di supporto
  • E’ prevista la istituzione di un soggetto centrale supervisore, composto da rappresentanti del DPS e da un rappresentante dell’Istat, animatore e garante dell’imparzialità del meccanismo di incentivazione;
  • Gli enti produttori dei dati per gli obiettivi di servizio regoleranno il flusso informativo tramite una convenzione con il DPS;
  • Verrà implementato un sistema informativo, con utenza centrale presso il DPS, per la trasmissione degli indicatori e la diffusione degli aggiornamenti annuali sul sito del DPS e delle Amministrazioni partecipanti.
verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste

Il meccanismo premiale prevede l’accantonamento di una somma pari a circa 3 miliardi di euro, a valere sulle risorse finanziarie destinate dal Fondo Aree Sottoutilizzate alla politica regionale unitaria per il settennio 2007-2013.

Tali risorse saranno assegnate alle Amministrazioni solo al raggiungimento degli obiettivi di servizio.

L’entità delle risorse per la Regione Abruzzo ammontano all’incirca a 139 milioni di euro.

verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste27
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste
  • Il meccanismo prevede la verifica del raggiungimento degli obiettivi di servizio a novembre 2013 e una verifica intermedia fissata a novembre 2009. La scadenza intermedia attiva parte del premio finanziario, con una quota che non supera un terzo del valore. Nel caso di target non soddisfatti le risorse premiali restano appostate alla Amministrazione che potrà riceverle al raggiungimento del target previsto al 2013.
  • A entrambe le scadenze viene valutato il raggiungimento dei valori target di ciascun indicatore sulla base dell\'ultima informazione statistica disponibile
  • Sulla base degli ultimi valori pubblici ufficiali degli indicatori selezionati disponibili rispettivamente al 31 ottobre 2009 e 2013, l’Istat certifica il raggiungimento dei target e trasmette la valutazione al gruppo tecnico di accompagnamento
  • La verifica intermedia relativa ai due indicatori sulle competenze degli studenti di fonte PISA-OCSE è spostata in avanti alla diffusione dei risultati dell’indagine del 2009 (intorno a giugno 2010).
verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste28
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste

Collegare il meccanismo premiale di incentivazione allo “sforzo” delle regioni

“Premio” finanziario

al 2013

al 2009

Pari alla distanza colmata tra il valore attuale ed il target al 2013

Legato al conseguimento del target uguale per tutte le regioni, ma con clausola di flessibilità per tre indicatori

verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste34
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste

Nel documento si prevede una clausola di flessibilità, ovvero qualora alla verifica finale del 2013 una regione non raggiunga il target ma abbia colmato almeno il 70% della distanza tra il valore di partenza (baseline) e il valore target, il meccanismo di verifica si considera soddisfatto e la regione ha diritto alle risorse premiali allocate per tale indicatore. La clausola di flessibilità è applicabile al massimo a tre indicatori e non può valere per tutti gli indicatori di uno specifico ambito.

verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste41
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste

Qualora, nonostante la clausola di flessibilità, alcune regioni non raggiungono i target e quindi non beneficiano del premio, le risorse non assegnate potranno essere in parte attribuite alle Amministrazioni con le migliori performance.

Di conseguenza una Amministrazione può ottenere, alla scadenza finale del 2013, risorse finanziarie più elevate della propria quota accantonata a inizio periodo.

verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste42
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste

Considerato che per alcuni indicatori è rilevante il ruolo degli Enti Locali (Comuni, Province, Autorità di Ambito Ottimali) nell’erogazione e qualità dei servizi resi e pertanto il loro diretto coinvolgimento, risulta condizione necessaria per il conseguimento dei target, le regioni possono attivare un sistema formale di premialità nei confronti degli enti erogatori o responsabili del servizio.

Gli esiti positivi di tali meccanismi premiali regionali saranno sostenuti con l’attribuzione di risorse fino a un massimo del 50% delle risorse premiali destinabili alla regione per ciascun indicatore coinvolto nel sistema premiale.

verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste43
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste

Sulla base dell’istruttoria preparata dal gruppo tecnico di accompagnamento e dei valori degli indicatori statistici certificati dall’Istat le riunioni annuali del Comitato nazionale del QSN dedicate alla discussione dei progressi relativamente agli obiettivi di servizio, per gli anni 2009 e 2013,discuteranno i risultati delle amministrazioni relativamente ai target fissati.

verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste44
Verifica del raggiungimento dei target alle scadenze previste

Successivamente alla discussione, il Ministro dello Sviluppo Economico, recependo dal gruppo tecnico di accompagnamento gli esiti delle riunioni del Comitato nazionale del QSN li trasmette alla Segreteria del CIPE, insieme alla proposta di assegnazione delle risorse premiali sulla base dei risultati conseguiti da ciascuna Amministrazione e delle regole di ripartizione del premio finanziario.

La proposta di assegnazione delle risorse premiali alle due scadenze del 2009 e 2013 sarà approvata dal Cipe.

slide45
La delibera CIPE 82/2007 dice che il premio viene attribuito secondo la seguente formula: le risorse premiali sono calcolate moltiplicando per 1,5 la distanza percentuale colmata quando questa è inferiore o uguale al 25% dell’intera distanza da coprire; per riduzioni superiori al 25% e fino al limite del 50%, per ogni punto percentuale di riduzione è attribuito un ulteriore ammontare di risorse premiali pari allo 0,5% del totale. (Ad esempio se la distanza colmata al 2009 è pari al 20% la Regione riceverà una quota delle risorse premiali allocate per l’indicatore pari al 30%; se invece la distanza colmata è pari al 40%, la Regione riceverà il 45% delle risorse).
ad