LA PALESTINA
Download
1 / 14

LA PALESTINA DI GESU ’ - PowerPoint PPT Presentation


  • 296 Views
  • Uploaded on

LA PALESTINA DI GESU ’. Ambiente geografico. Ambiente storico e culturale. La società ebraica. Ambiente Geografico.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' LA PALESTINA DI GESU ’' - bridie


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

LA PALESTINA DI GESU’

Ambiente geografico

Ambiente storico e culturale

La società ebraica


Ambiente Geografico

La Palestina si affaccia sul Mar Mediterraneo. Alle spalle della zona costiera vi è unaZONA MONTUOSA, poi la valle delGIORDANO, un fiume a carattere torrentizio. A nord questo fiume forma il LAGO DI TIBERIADE, chiamato anche mare di Galilea o mare di Cafarnao, dal nome della regione e della città che vi si affacciano. Il Giordano termina il suo corso nel mar Morto; oltre il Giordano vi è una valle di ALTIPIANI.


Ambiente

storico e

culturale

LE REGIONI IN CUI SI SVOLSE LA PREDICAZIONE DI GESU’ FURONO LA GALILEA E LA GIUDEA.

  • BETLEMME

  • GERICO - BETANIA

  • GERUSALEMME


La Palestina, al tempo di Gesù, era sotto il dominio romano da più di ½ sec.

ed il popolo di Israele aspettava la liberazione da questo dominio.


La società ebraica da più di ½ sec.

ai tempi

di Gesù

La società ebraica

ai tempi

di Gesù


POVERI: da più di ½ sec. in Samaria e Giudea, contadini e pastori erano al servizio dei latifondisti e vivevano in condizioni di maggio povertà e umiliazione rispetto alla Galilea.

Vari erano i gruppi di persone presenti nella società del popolo di Israele:


FARISEI: da più di ½ sec.(=i separati)

Osservanza meticolosa della Legge; credevano nella vita dopo la morte; netta opposizione a romani e sadducei.


SADDUCEI: da più di ½ sec.

gruppo più

potente; ricchi

latifondisti di

famiglia sacerdotale. Vi apparte-neva il Sommo Sacerdote (capo del Sinedrio e quindi massima autorità); non credevano nell’aldilà e collaboravano con i romani.


DONNE: da più di ½ sec. in pubblico dovevano essere velate;

in casa erano soggette ai mariti, ma nelle faccende domestiche avevano l’iniziativa.


SCRIBI: da più di ½ sec.lavoravano per assicurarsi da vivere, ma il resto del tempo lo dedicavano allo studio e all’insegnamento della Bibbia (“rabbì” o “dottori della Legge”).Avevano una grande influenza sul popolo.


STRANIERI: da più di ½ sec.erano guardaticon sospetto perchéfonte di pericolo per la purezza della cultura e della religione.

Erano di 3 tipi:

NOKRI: viaggiatori, turisti e commercianti; ospitati e protetti, ma non ammessi nel Tempio né alla cena pasquale.


PUBBLICANI: da più di ½ sec.riscuotevano tributi per conto dei romani.

Erano ritualmente impuri (perché a contatto coi pagani) e odiati dagli ebrei (perché collaboratori dei romani, e ladri).


GER: da più di ½ sec. lavoratori immi-

grati con le famiglie;

Potevano assimilarsi

alla gente del posto e goderne il rispetto.

ZAR: straniero residente,

ma ostile.


ARTIGIANI e MERCANTI: da più di ½ sec.erano i lavori fonte di guadagno, al contrario del lavoro intellettuale.


ad