S istema i nformativo re gionale sulle acque
Download
1 / 14

S istema I nformativo Re gionale sulle Acque - PowerPoint PPT Presentation


  • 125 Views
  • Uploaded on

S istema I nformativo Re gionale sulle Acque. IERI. OGGI. DOMANI. Numerosi sono i soggetti che hanno competenze sui vari aspetti del collettamento e depurazione delle acque reflue urbane:. Uffici d’Ambito. Province. ARPA (dipartimenti e sede centrale). Gestori.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' S istema I nformativo Re gionale sulle Acque' - briana


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
S istema i nformativo re gionale sulle acque

Sistema Informativo Regionale sulle Acque


IERI

OGGI

DOMANI


Numerosi sono i soggetti che hanno competenze sui vari aspetti del collettamento e depurazione delle acque reflue urbane:

  • Uffici d’Ambito

  • Province

  • ARPA (dipartimenti e sede centrale)

  • Gestori

  • Regione Lombardia

Alcuni di questi hanno instaurato collaborazioni già proficue.


Questo ha come conseguenze che:

I dati sono gestiti settorialmente con sistemi che non si parlano anche se sono complementari

E’ difficile recuperare le informazioni necessarie

Non esiste un riconoscimento univoco degli elementi

A volte i dati risultano discordanti perché c’è un po’ di “confusione” sulla corretta fonte e sulle competenze…

… per cui chi basa i propri programmi sui dati non sa quale strada scegliere

Si commettono errori (pianificazione, trasmissione a Enti superiori, …) che portano a situazioni gravi (procedure d’infrazione, mancato raggiungimento di obiettivi di qualità, investimenti sbagliati,…)

STRESS!


IERI

OGGI

DOMANI


GIA’ FATTO!

E’ partito alla fine del 2009 il censimento delle principali infrastrutture di collettamento e depurazione per aggiornare il livello di conoscenza sul territorio (Uffici d’ATO)

Nel 2010 abbiamo cominciato a condividere alcune conoscenze facendo interagire dati in modo da poter avere fonti uniche ed univoche (R.L. e ARPA sede centrale).

Sono state condivise codifiche e denominazioni regionali per gli elementi descritti (R.L., ARPA sede centrale, Uffici d’ATO e Province).

Province e Uffici d’ATO hanno concordato le potenzialità degli impianti di trattamento per le autorizzazioni allo scarico.


STIAMO FACENDO

ARPA sede centrale, dipartimenti e Gestori degli impianti di trattamento hanno appena concluso l’organizzazione del Piano Controlli 2012 in modo che tutti gli impianti siano monitorati adeguatamente.

Continua il censimento delle infrastrutture. In alcuni casi si sta effettuando il rilievo sul campo.

E’ in fase di sviluppo SIRE Acque (Sistema Informativo Regionale Acque). Tale sistema informativo sarà disponibile on-line e raccoglierà tutte le informazioni messe a sistema. Sarà dotato di una parte tabellare e di una cartografica. I rilasci saranno 3 e saranno conclusi entro il 2012.


2012: rilasci di SIRe Acque!

Riguarda la parte dei controlli e autocontrolli dei Gestori degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane. Ufficialmente sarà presentata il 4 aprile ai tutti i gestori operanti sulla depurazione lombarda.

Contestualmente sarà attiva la parte dei controlli di ARPA.

Entro l’estate entrerà in funzione la parte delle autorizzazioni degli scarichi in ambiente di competenza provinciale e degli scarichi industriali in fognatura pubblica di competenza degli Uffici d’Ambito.

La terza ed ultima parte riguarda tutto il sistema degli agglomerati e delle infrastrutture (collettamento e depurazione), sia dal punto di vista tecnico che pianificatorio.


IERI

OGGI

DOMANI


CONSAPEVOLEZZA E CONOSCENZA

Avrà a disposizione un dato univoco e condiviso in base al quale stabilire le tipologie di controlli effettuare sugli impianti.

Disporrà di tutti i controlli ed autocontrolli sugli impianti di trattamento normalizzati e potrà elaborare in tempi brevi i giudizi di conformità.

Potrà effettuare considerazioni sui dati analitici necessari al soddisfacimento delle richieste del Ministero dell’Ambiente e della CE nei tempi richiesti.

ARPA


I GESTORI DEGLI IMPIANTI

Avranno un formato univoco per inserire i dati sui controlli ed autocontrolli. Chi avrà bisogno dei dati li consulterà tramite il Sistema Informativo.

Potranno consultare in tempo reale i risultati validati dai dipartimenti ARPA per avere una situazione complessiva sull’andamento degli impianti di trattamento da loro gestiti avendo, se necessario, l’opportunità di prendere provvedimenti in modo tempestivo.

Avranno anche in un unico contenitore i dati sulle autorizzazioni allo scarico rilasciate dalle Provincie.


Potranno abbreviare i tempi di istruttoria per il rilascio delle autorizzazioni perché avranno quasi tutti gli elementi da valutare raccolti in un unico sistema informativo.

Avranno pure sotto controllo lo sviluppo degli agglomerati e le dimensioni per le quali gli impianti dovranno essere autorizzati, ove possibile, ai fini del superamento delle procedure d’infrazione comunitaria.

Le Province


GLI UFFICI D’AMBITO delle autorizzazioni perché avranno quasi tutti gli elementi da valutare raccolti in un unico sistema informativo.

Avranno il quadro della situazione sulle infrastrutture e le gestioni.

Disporranno delle informazioni necessarie alla stesura dei Piani D’Ambito e dei loro aggiornamenti conoscendo con maggior chiarezza riuscendo a prevedere le carenze che si andranno evidenziando.

Potranno concentrare le risorse in modo mirato sulle situazioni critiche fino ad allinearsi alla Direttiva comunitaria 91/271/CEE.


Regione Lombardia riuscirà a rispondere in modo certo e rapido alle richieste degli Enti sovraordinati e potrà studiare con più agilità gli scenari futuri dello stato di qualità dell’ambiente.

Avrà a disposizione anche gli strumenti necessari a rispondere alle esigenze di pianificazione a scala di bacini e a scala regionale.

REGIONE LOMBARDIA


ad