QUELLI DEL GRUPPO F
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 21

QUELLI DEL GRUPPO F PowerPoint PPT Presentation


  • 70 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

QUELLI DEL GRUPPO F. RICCARDO DE ANGELIS. GABRIELE MESSINA. GABRIELE cc CIRILLI. LA BELLE DAME SANS MERCI. Per i prati vagando una donna ho incontrato, bella oltre ogni linguaggio, figlia d’una fata: i capelli aveva lunghi, il passo leggero, l’occhio selvaggio.

Download Presentation

QUELLI DEL GRUPPO F

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Quelli del gruppo f

QUELLI DEL GRUPPO F

RICCARDO DE ANGELIS

GABRIELE MESSINA

GABRIELE cc CIRILLI


Quelli del gruppo f

LA BELLE DAME SANS MERCI


Belle dame sans merci 1 parte 1

Per i prati vagando una donna

ho incontrato, bella oltre ogni linguaggio,

figlia d’una fata: i capelli aveva lunghi,

il passo leggero, l’occhio selvaggio.

Una ghirlanda le preparai per la fronte,

poi dei braccialetti, e profumato un cinto:

lei mi guardò come se mi amasse,

e dolce emise un gemito indistinto.

Sul mio destriero al passo la posi,

e altro non vidi per quella giornata,

ché lei dondolandosi cantava

una dolce canzone incantata.

Belle dame sans merci 1parte 1

Perché soffri, o cavaliere in armi,

e pallido indugi e solo?

Sono avvizziti qui i giunchi in riva al lago,

e nessun uccello cantando prende il volo.

Perché soffri, o cavaliere in armi,

e disfatto sembri e desolato?

Colmo è il granaio dello scoiattolo,

e il raccolto è già ammucchiato.

Scorgo un giglio sulla tua fronte,

imperlata d’angoscia e dalla febbre inumidita;

e sulla tua guancia c’è come una rosa morente,

anch’essa troppo in fretta sfiorita.


Belle dame sans merci 1 parte 2

Cerei re vidi, e principi e guerrieri,

tutti eran pallidi di morte:

“La belle dame sans merci”, mi dicevano,

“ha ormai in pugno la tua sorte”.

Vidi le loro labbra consunte nella sera

aprirsi orribili in un grido disperato,

e freddo mi svegliai, ritrovandomi lì,

sul fianco del colle ghiacciato.

Ed ecco dunque perché qui dimoro,

e pallido indugio e solo,

anche se sono avvizziti i giunchi in riva al lago,

e nessun uccello canta prendendo il volo.

Belle dame sans merci 1parte 2

Mi trovò radici di dolce piacere,

e miele selvatico, e stille di manna;

sicuramente nella sua lingua strana

mi diceva “Sii certo il mio amore non t’inganna”.

E mi portò alla sua grotta fatata,

ove pianse tristemente sospirando;

poi i selvaggi suoi occhi selvaggi le chiusi,

entrambi doppiamente baciando.

Poi fu lei che cullandomi

m’addormentò - e, me sciagurato,

sognai l’ultimo sogno

sul fianco del colle ghiacciato.


Commento

Commento

Questo racconto è ambientato nel medioevoin una foresta dai caratteri autunnali e il protagonista viene descritto pallido e debole, mentre, la dama viene descritta come una ragazza bellissima , con i capelli lunghi e gli occhi “selvaggi” perche è una creatura del bosco, figlia di una fata.

Il cavaliere si innamora perdutamente di questa donna e cercando di conquistare il suo amore le regala ghirlande e braccialetti e ormai convinto di averla conquistata si lascia andare in un sonno durante il quale gli appare in sogno la terribile verità ovvero che la dama lo aveva appena ucciso.

Al suo risveglio il cavaliere si trova sul fianco del colle ghiacciato dove si abbandona alla morte.

Il cavaliere è sorpreso del “tradimento” della bella dama perché dopo aver ricevuto dei doni da lei era sicuro di averla conquistata ma evidentemente aveva frainteso i segnali della donna.

Questa lirica rappresenta l' altra faccia dell' amore perchè a volte le storie finiscono male e all' amore si sostituisce la solitudine qui rappresentata con il fianco gelido del monte.


Motivazione del commento

Motivazione del commento

Ciò che mi fa pensare che le parole della dama sono state fraintese è proprio il fatto che il cavaliere dice esplicitamente che non capisce la lingua della donna e le parole del lo testo esprimono così:

“Mi trovò radici di dolce piacere,

e miele selvatico, e stille di manna;

sicuramente nella sua lingua strana

mi diceva “Sii certo il mio amore non t’inganna””.

E probabilmente sono proprio queste parole a determinare il carattere ambiguo della lirica.

In oltre ci sono molte altre caratteristiche che fanno notare l' incertezza del cavaliere e sono espressioni del tipo : “mi guardò come se mi amasse o il “sicuramente” della strofa precedente che indica invece molta incertezza


La belle dame sans merci

Che mai ti cruccia o cavaliere armato

Solo e pallido errante?

Giace prostrato il giunco in riva al lago

Né uccello canta

 che mai ti cruccia o cavaliere armato

Cosi smunto e abbattuto

Lo scoiattolo ha colmo il suo granaio

E fu colto ogni frutto

Un giglio hai sulla fronte

Rugiadosa di febbre e di tormento

E sulla guancia una rosa appassita

Rapidamente muore

La belle dame sans merci


Quelli del gruppo f

Una dama incontrai

Bella nei prati

Figlia della fate

Lunghi i capelli e il passo suo leggero

E gli occhi folli

Composi una ghirlanda per suo capo

E braccialetti e un cinto fragrante

mi guardava innamorata con un dolce lamento.

Sul mio corsiero al passo la posai

Né altro vidi quel giorno

Che reclina da un lato ella cantava canzoni d’incantesimo


Quelli del gruppo f

Cercò per me dolci radici e miele e rugiada di manna

nel suo ignoto linguaggio ella mi disse

amo te solo

nella magica grotta mi condusse

là pianse disperatamente e sospirò

là io le chiusi i folli folli occhi con

quattro baci

mi cullò fino al sonno

là misero sognai l’ultimo sogno

da me sognato mai lungo il pendio

della fredda collina

vidi pallidi re, guerrieri e principi


Quelli del gruppo f

dal mortal pallore che gridavano “la belle dame sans merci

ti ha preso nella rete “ 

nel crepuscolo vidi le arse labbra

in orrida minaccia spalancate.

E quivi mi svegliai lungo il pendio della fredda collina.

Per questo io soggiorno solo,pallido errante

benché il giunco è prostrato in riva al lago

né uccello canta


Commento1

Commento:

La poesia è ambientata in una scenario autunnale, l’ aspetto smorto e triste dell' autunno viene ripreso anche nella descrizione del cavaliere. Diversa è la descrizione della dama, viene messa in evidenza la sua bellezza, i suoi capelli lunghi e gli occhi e il fatto che sia figlia di una fata e quindi il suo appartenere ad un mondo diverso da quello del cavaliere.

Il cavaliere si innamora perdutamente della dama, alla quale mostra il suo amore con gesti come prepararle una ghirlanda , dei bracciali e un profumato cinto, c’è da dire che anche la dama dimostra il suo amore verso il cavaliere con dei gesti , come gli sguardi che mandava al cavaliere, e dei doni come del dolce miele e rugiada di manna . Questi gesti d’ amore reciproco vanno avanti fino a che il cavaliere non si addormenta nella grotta dopo aver baciato la dama , a quel punto il cavaliere sogna dei pallidi re guerrieri e principi che gli dicevano che la dama lo stava ingannando e che ormai lo aveva in suo possesso. Al suo risveglio il cavaliere si ritrova solo su una collina.

Questa poesia vuole far capire che l’ amore può ingannare, poiché la dama mostra al cavaliere il suo amore con gesti e parole, ma questi, spesso possono essere falsi. Inoltre ci vuole trasmette il senso di tristezza che l’ amore lascia quando prima lo si ha e poi si rimane senza


Motivazioni commento

Motivazioni commento:

La dama ha ingannato il cavaliere perché gli ha fatto intendere che lo amava . Lo capiamo dai versi :

“mi guardava innamorata con un dolce lamento”

“Cercò per me dolci radici e miele e rugiada di manna”

Il cavaliere fin dall' inizio è convinto che la dama ricambi il suo amore, infatti i suoi gesti sembrerebbero confermare questa convinzione


Le differenze nel testo

Le differenze nel testo

Oltre le piccole differenze nel tipo di linguaggio ci sono anche differenze più significative grazie al quale c' è un vero e proprio cambiamento dell ' interpretazione tra cui:

  • “nel suo ignoto linguaggio ella mi disse amo te solo” e “sicuramente nella sua lingua strana mi diceva : sii certo mio amore non t' inganna”

  • “mi guardava innamorata con un dolce lamento” e “mi guardò come se mi amasse e dolce emise un gemito indistinto”


Le differenze di interpretazione

Le differenze di interpretazione

Le differenze precedentemente elencate evidenziano come possa cambiare l' interpretazione solo cambiando poche parole:

nella prima traduzione il cavaliere dichiara con sicurezza che il suo amore è ricambiato non lasciando così spazio a fraintendimenti, mentre la seconda versione mette in evidenza il dubbio nelle parole del cavaliere.

Quindi mentre nella prima versione la dama sembra cattiva e traditrice nella seconda sembra che sia il cavaliere ad aver frainteso tutto.


La belle dame sans merci1

'I see a lily on thy brow vedo un giglio sulla sua fronteWith anguish moist and fever dew; angosciata e imperlata di febbre And on thy cheeks a fading rose e sulle tue guance un rosa che sta svanendoFast withereth too.' e che sta marcendo velocemente

La Belle Dame Sans Merci


La belle dame sans merci2

'I met a lady in the meads, conobbi una donna nel pratoFull beautiful ,a faery's child, piena di bellezza,figlia di fataHer hair was long, her foot was light i suoi capelli erano lunghi,i suoi piedI

erano leggeriAnd her eyes were wild. E i suoi occhi erano selvaggi

La Belle Dame Sans Merci


La belle dame sans merci3

'I made a garland for her head, Feci una ghirlanda per la sua testa ,

And bracelets too, and fragrant zone; anche dei braccialetti e una cintura Fragrant.

She look'd at me as she did love, Mi guardava come se mi stesse amando

And made sweet moan. e gemeva dolcemente

La Belle Dame Sans Merci


La belle dame sans merci4

'I set her on my pacing steed la misi a sedere sul mio stimolante destriero

And nothing else saw all day long, e quel giorno non vidi nient'altro

For sideways would she lean, and sing pochè lei si piegava e cantava

A faery's song. canzoni fatate

La Belle Dame Sans Merci


La belle dame sans merci5

'She found me roots of relish sweet, trovò per me dolci radici

And honey wild and manna dew, e miele selvaggio,e rugiada di manna

And sure in language strange she said, e sicuramente in un linguaggio sconosciuto mi disse

"I love thee true!" ti amo veramente

La Belle Dame Sans Merci


La belle dame sans merci6

'She took me to her elfin grot, mi ha portato alla sua grotta fatata And there she wept and sigh'd fill sore; e li sospirò di tristezzaAnd there I shut her wild, wild eyes e li le chiusi i suoi selvaggi,selvaggi occhiWith kisses four. Con quattro baci

La Belle Dame Sans Merci


La belle dame sans merci7

La Belle Dame Sans Merci

Questa poesia ha avuto molte traduzioni, quella che avete appena visto è letterale, senza nessun bisogno di rispettare rime e musicalità.

È molto più vicina alla traduzione di Roberta Zuppet,


  • Login